Notifiche
Cancella tutti

Sanders vince in New Hampshire. Sarà lui il game changer verso il socialismo?


Giambo
Estimable Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 165
Topic starter  

Vince Sanders, questa volta senza trucchi nel conteggio.
Secondo Pete Buttigieg, finanziato da molti miliardari e per alcuni sostenuto dal deep state proprio in funzione anti Sanders cioè anti socialista.

Da un lato sembra impossibile che un socialista - per di più non amicissimo di Israele - possa arrivare alla Casa Bianca e viene il sospetto che ci starà tranquillo e al sicuro come un gatto in tangenziale...ma di certo si inizia a sdoganare la parola “socialismo” anche in America...(sempre tenendo conto che ora Sanders vince ma con un margine un po' risicato e nel 2016 fu sconfitto quando perse negli stati del sud, quindi tutto da verificare quando giocherà fuori casa...)

Poteva riuscirci Corbyn in UK ma si è trovato a combattere contro i nemici blairiani all'interno del suo stesso partito, che gli hanno imposto una linea di fatto anti Brexit, cosa che è stata percepita dagli elettori popolari come una minaccia allo spirito di appartenenza patriottico.

Perché una regola elettorale sta affermandosi in questi anni: se non sei in grado di rappresentare “La Patria” nell'immaginario collettivo non vinci.

E questo nell'era della globalizzazione, dell'imposizione forzata della negazione della sovranità nazionale...la gente, anche se ridotta a pura massa apparentemente abbrutita, esiste solo in quanto unita da un “senso di appartenenza”.
Il vecchio “Stato nazionale” ne forniva uno discutibile, funzionale solo alla classe dominante, ma fortissimo e pieno di “sostanza”.
La globalizzazione per sua costruzione ne offre uno in stile tardo capitalista, per dirla con Marx, “smaterializzato” ossia fondato su principi “oggettivi”, intrinsecamente slegati da qualsiasi “luogo” o “storia particolare”.
Non può funzionare.

Sanders sta facendo qualcosa di diverso, sta proponendo un socialismo connotato come americano con in più, essendo ebreo, la protezione contro le infondate accuse di anti semitismo che avevano mezzo azzoppato Corbyn, strumentali ogni volta che si presenta un candidato che potrebbe davvero mettere in discussione l'egemonia dell'establishment.

Per concludere: sta succedendo una cosa interessante e cioè nella guerra intra élite si prefigura la possibilità che una delle due fazioni in conflitto si renda conto che per vincere o quantomeno per non perdere le sarà necessario rivolgersi al popolo dei lavoratori/disoccupati offrendo un nuovo patto sociale che superi il paradigma tardo capitalista del dominio/sfruttamento.

Un 2020 che è iniziato in maniera decisamente scoppiettante su tutti i fronti...


Quota
Sirius
Reputable Member
Registrato: 5 anni fa
Post: 287
 

Non so se mi fa più ridere uno che vota Sanders in Usa, gli italiani che fanno il tifo qui, il socialismo in generale oppure chi crede che votare serva a qualcosa :#


RispondiQuota
Condividi:

I commenti sono chiusi.