Notifiche
Cancella tutti

Questo è il piano!


Pegaso
Eminent Member
Registrato: 13 anni fa
Post: 45
Topic starter  

Quella che segue è la traduzione che ho fatta di un messaggio di posta elettronica 'trapelato' da un membro del Partito Liberale canadese, così come riportato sul portale Reddit (in calce troverete il collegamento).

Il messaggio illustra il piano preordinato per il loro futuro, così come per il nostro. Tuttavia potrebbe benissimo essere un falso, di qualche mente fervida e spregiudicata, per provare il suo talento; oppure sempre un falso ma una fabbricazione per diffondere paura ulteriore, con lo scopo di paralizzarci ma anche, al contrario, per stimolare una reazione; oppure potrebbe essere vero, cioè quello che dice di essere: una lettera di una persona a conoscenza delle intenzioni di quelli che contano; nel qual caso è semplicemente terrificante! (S)fortunatamente basterà non far niente ed attendere le scadenze che vi sono elencate (seppur riferite al Canada) per scoprire di cosa si tratta; e nel mentre, intraprendere ogni azione possa metterci al riparo di cotanta nefandezza, per la qual cosa mi interessano le vostre opinioni.

++ Inizio traduzione ++

Messaggio di posta elettronica trapelato da un membro del Partito Liberale canadese, che illustra 'Il Piano': molto preoccupante.

w: LPC Strategic Committee LeakInboxLPC leaker <‪[email protected]‬>1:47 PM (7 hours ago)toHello,
Original Message ‐‐‐‐‐‐‐ On Saturday, October 10, 2020 1:38 PM, REMOVED wrote:

 

Caro *******,
intendo fornirti alcune informazioni di grande importanza. Sono membro di un comitato interno al Partito Liberale del Canada. Partecipo a molti gruppi ma l'informazione che sto fornendo proviene dal Comitato di Pianificazione Strategica (che è guidato dall'Ufficio del Primo Ministro)

Debbo premettere di non essere nel fare questo, ma lo ritengo necessario come canadese ed ancor più come padre che vuole un futuro migliore non soltanto per i suoi figli ma anche per i figli degli altri. L'altra ragione per cui sto facendo questo è perché circa il 30% degli altri componenti non sono contenti della direzione che questo imprimerà al Canada, ma le nostre opinioni sono state ignorate e loro intendono muoversi nella direzione dei loro scopi. Hanno dichiarato molto chiaramente che niente impedirà i risultati pianificati.

Il percorso e gli obbiettivi sono stati esposti dal PMO nel modo seguente:

- Introduzione graduale di restrizioni e isolamento (lockdown) in maniera ciclica, iniziando dalle principali aree metropolitane ed espandendosi verso l'esterno. Attese per Novembre 2020.

- Acquisizione accelerata (o costruzione) di strutture per l'isolamento in ogni provincia e territorio. Attesa per Dicembre 2020.

- I nuovi casi giornalieri di COVID-19 saliranno oltre la capacità di identificarli, includendo un aumento delle morti legate al COVID avente la stessa curva di crescita. Attesi per fine Novembre 2020.

- Secondo blocco (lockdown) totale e completo (molto più stringente del primo e delle restrizioni precedenti). Atteso per la fine di Dicembre 2020 o l'inizio di Gennaio 2021.

- Riforma ed espansione del programma di disoccupazione, da trasferirsi in un programma di reddito universale. Attesa nel primo trimestre del 2021.

- Prevista mutazione del virus COVID-19 e/o affiancamento con un virus secondario (definito come COVID-21) dante origine ad una terza ondata caratterizzata da maggiori tasso di infezione e mortalità. Attesa per Febbraio 2021.

- I nuovi casi giornalieri di COVID-21 ed i decessi legati a COVID-19/COVID-21 supereranno la capacità delle strutture sanitarie. Attesi per il secondo trimestre 20212.

- Terzo blocco (lockdown) con implementate restrizioni ulteriori. Imposte restrizioni complete sui viaggi (inclusi tra province e tra città). Atteso per il secondo trimestre 2021.

- Inclusione delle persone nel programma per il reddito universale. Attesa per metà del secondo trimestre 2021.

- Prevista interruzione delle catene di rifornimento, penuria di riserve, instabilità economica estesa. Attesa per la fine del secondo trimestre 2021.

- Dispiegamento di personale militare nelle maggiori aree metropolitane con posti di blocco sulle direttrici più importanti. Restrizioni su viaggi e movimenti. Fornitura di supporto logistico alle singole aree. Atteso per il terzo trimestre 2021.

Oltre al presente percorso il Comitato di Pianificazione Strategica è stato incaricato di proettare un modo efficace di indurre i canadesi ad adeguarsi ad uno impegno economico senza precedenti, che cambierà il volto del Canada ed altererà per sempre la vita dei canadesi.

Quel che ci è stato detto è stato che nel tentativo di compensare quello che sarà sostanzialmente un collasso economico su scala internazionale, il governo canadese offrirà ai cittadini un ristoro totale dei debiti.

Questo il suo funzionamento: il governo federale offrirà di eliminare tutti i debiti personali (ipoteche, prestit, mututi, carte di credito, etc.) con fondi provenienti dal Fondo Monetario Internazionale in quello che sarà conosciuto come 'Programma per il Riazzeramento del Debito Mondiale' (World Debt Reset program).

In cambio per l'accettazione di questo condono dei debiti a ciascuno verrà confiscato il possesso di ogni proprietà e risorsa, per sempre.

Ciascun individuo dovrà inoltre accettare di partecipare alla tabella di vaccinazione per il COVID-19 e COVID-21, che gli fornirà un lasciapassare per viaggi e residenza anche sotto un blocco (lockdown) completo (attraverso l'impiego di una identificazione fotografica conosciuta in Canada come Passaporto Sanitario (HealtPass).

Ad alcuni membri del comitato che hanno chiesto chi divenisse proprietario delle proprietà e risorse confiscate in un simile scenario e cosa accadrebbe ai prestatori ed alle istituzioni finanziarie, è stato semplicemente risposto che "il programma per il Riazzeramento del Debito Mondiale gestirà tutti i dettagli".

Molti membri del comitato hanno pure richiesto cosa sarebbe accaduto agli individui che si fossero rifiutati di partecipare al programma per il Riazzeramento del Debito Mondiale, o al passaporto Sanitario, o alla tabella di vaccinazione; e la risposta che abbiamo ottenuto è stata molto preoccupante: sostanzialmente ci hanno detto che era nostro preciso compito preparare un piano per assicurarci che questo non sarebbe mai accaduto; ci hanno detto che sarebbe stato nel miglior interesse per ciascun individuo partecipare.

Quando alcuni membri del comitato hanno insistito per ottenere una risposta ci hanno detto che coloro che si sarebbero rifiutati avrebbero vissuto inizialmente sotto le restrizione del blocco indefinitamente.

E che dopo un breve periodo di tempo, via via che sempre più canadesi fossero transitati nel programma di condono del debito, coloro che si fossero rifiutati di partecipare sarebbero stati definiti un rischio per la salute pubblica e rilocati in una struttura di isolamento. Quindi sarebbero state offerte loro due opzioni: partecipare al programma per il condono del debito e venire rilasciati, oppure rimanere indefinitamente in isolamento con la classificazione di rischio grave per la salute pubblica e vedersi ogni proprietà confiscata.

Ti puoi immaginare come, dopo aver udito tutto questo, la riunione si sia trasformata in un'accesa discussione fino a trascendere oltre qualunque altra avessi mai visto in precedenza.

In sostanza era sottinteso dal PMO che l'intera agenda sarebbe andata avanti indipendentemente dal chi fosse stato d'accordo o meno.

E che non soltanto il Canada, ma anche altre nazioni avranno simile percorso ed agenda. Che noi dobbiamo avvantaggiarci della situazione di fronte a noi per promuovere i cambiamenti su vasta scala per il beneficio di ciascuno (everyone). I membri che erano contrari e coloro che avevano sollevato questioni chiave legate a tutto questo sono stati completamente ignorati. Le nostre opinioni o preoccupazioni sono state ignorate: ci è stato semplicemente detto di farlo.

Tutto quel che so è che non mi piace e penso che porterà i canadesi in un futuro oscuro.

 

++ Fine traduzione ++

Collegamento:
https://www.reddit.com/r/conspiracy/comments/jaz5bi/leaked_email_from_liberal_party_of_canada_lays/

 


Quota
Truman
Utenti Moderator
Registrato: 2023 anni fa
Post: 4113
 

"Debbo premettere di non essere nel fare questo" --> "Debbo premettere di non essere felice di fare questo"

Comunque c'è una traduzione in italiano qui:

http://www.renovatio21.com/il-piano-globale-per-il-2021-una-strana-lettera-dal-canada/

Non è perfetta, ma si capisce.

Il testo inglese, pubblicato il 14 ottobre 2020, è ancora reperibile sul sito web del Canadian Report ( https://thecanadianreport.ca/is-this-leaked-memo-really-trudeaus-covid-plan-for-2021-you-decide/ ).

Nel merito, sembra coincidere molto bene con ciò che succede. (Con un piccolo intoppo attualmente in corso negli USA).

 


RispondiQuota
GioCo
Noble Member
Registrato: 13 anni fa
Post: 1482
 
Postato da: @truman

"Debbo premettere di non essere nel fare questo" --> "Debbo premettere di non essere felice di fare questo"

Comunque c'è una traduzione in italiano qui:

http://www.renovatio21.com/il-piano-globale-per-il-2021-una-strana-lettera-dal-canada/

Non è perfetta, ma si capisce.

Il testo inglese è ancora reperibile sul sito web del Canadian Report (adesso non ho il link, ma si trova con facilità).

Nel merito, sembra coincidere molto bene con ciò che succede. (Con un piccolo intoppo attualmente in corso negli USA).

 

Ho letto e condivido nell'aspetto geopolitico, cioè l'evidenza che l'obbiettivo coinvolge tutti i paesi del mondo più tecnologicamente avanzati, cioè quelli per intenderci che dispongono di un certo tipo di tenore di vita e almeno a livello militare di tecnologia avanzata. Prendiamo l'India. Non certo un posto equiparabile alle nuove metropoli tecnologiche cinesi, ne con capacità nucleare russa o proiezione militare statunitense negli oceani, ma che dispone già di una gestione avanzata dell'economia secondo il percorso che porta all'abbandono della moneta cartacea.

Ovviamente il tutto gravita attorno alla dipendenza dal mediatore digitale: questo è l'oggetto del contendere, l'aspetto critico che accomuna tutti i paesi. Tanto più ne diverremo dipendenti, tanto più saremo ricattabili, noi come chi ci governa. Però ritengo che il controllo sociale capillare non sia l'obbiettivo finale di chi è abituato a governare con il ricatto, più che altro da quel che vedo è una ricaduta non del tutto desiderabile, nemmeno per i padroni del discorso, come li chiamava Giulietto Chiesa, almeno per la parte più fredda e calcolatrice. Perché il popolo è bene rimanga incosciente di come si gestiscono le leve del potere.

Questo perché esporre la massa a quell'aspetto della realtà rende la transizione inutilmente cruenta: la massa non accetta l'idea che l'esercizio del potere sia indissociabile dal ricatto!

La parte critica della moderna tecnologia è (come ho scritto tante volte) una questione di sicurezza. Cioè militare. Non esiste un sistema civile dipendente da una infrastruttura digitale che sia difendibile da un esercito che non controlla quell'infrastruttura. In futuro l'infrastruttura (dei trasporti, della distribuzione, della telecomunicazione, etc.) e il suo controllo sarà quindi centralizzato , digitalizzato e militarizzato e i militari che la controllano diverranno di fatto i garanti legali di chi fa parte di quell'infrastruttura. E' inevitabile, come è inevitabile che i territori di contesa che fin'ora sono stati quelli materiali, si spostino verso quelli digitali, con tutta una serie di ricadute abbastanza grottesche.

Come lo sfruttamento a scopo medico sperimentale di popolazioni di fatto non più padrone dei loro corpi fisici ad esempio.

Il processo di assimilazione dell'umano che non è altro che una riduzione della componente biologica in favore di quella robotica, non è inarrestabile e non potrà nemmeno avvenire complessivamente come pianificato o sperato da chicchessia. La parte comica è che chi sta spingendo per questa soluzione lo sa benissimo e punta alla massimizzazione del profitto, per questo ci viene ripetuto senza esitare che avremo una tecnocrazia che lo vogliamo o no!

Perché non è scontato il tipo di tecnocrazia che avremo!

Non funzionerà come previsto non perché non è un buon piano o perché lo dico io, ma banalmente perché le persone per poter aderire dovranno a un certo punto essere ricattate in massa e non una volta sola, ma ripetutamente, per motivi differenti e in fasi differenziate. Questo produrrà tutta una serie di dissociazioni cognitive nelle differenti persone coinvolte, dall'esito totalmente impredicibile (e incalcolabile). Di fatto avremmo (credo) intorno al 2030 una realizzazione sporca del piano. Cioè un immenso pasticcio da cui tutti (un po' per volta) vorranno togliersi, lavarsene le mani e si procederà (sempre in ordine sparso) a tappare i buchi di un disastro che apparirà insanabile.

Mi spiego meglio. L'idea è quella di centralizzare tutte le informazioni e quindi di creare una sorta di cittadinanza globale terrestre. Ma chi ha in mano la plancia dei bottoni? Quegli USA che stanno per svaporare come neve in primavera perché sull'orlo di una guerra civile voluta dalle oligarchie che come un branco di cani randagi in lotta tra loro stanno sbranando se stessi? Oppure quella Russia che non ha più mire imperiali ne comuniste ma un altra oligarchia timorosa di perdere il dominio appena conquistato  con il dissolvimento dell'URSS? Oppure quella Cina che non ha un piano militare ma economico di conquista geopolitica, tanto perché ha capito tutto della questione strategica tecnologica?

Le tecnocrazie cresceranno in ordine sparso e con risultati del tutto caotici. Tenere insieme il risultato finale sarà pressoché impossibile. Alla fine verrà realizzato una schifezza globalizzata che andrà in pezzi da tutte le parti e non darà garanzie se non quelle di un disastro di dimensioni spaventose.

Il mondo deve procedere tutto verso la dipendenza digitale e questo è un fatto. Nessun paese può rimanere indietro rispetto un agenda eugenetica senza rimanere escluso dalla corsa tecno-militare e quindi incapace di rispondere alle future sfide che riguardano la difesa del territorio, tanto digitale come fisico: se controlli la popolazione non conta chi starà al governo! Ma che vi sia un unica regia tra i governanti che si contendono quel potere, è ridicolo. A meno che non tiriamo in ballo realtà esoteriche e di forze che trascendono l'umana ragione, ovviamente. Nessuna mafia è mai troppo compatta al suo interno quando ci sono così tanti interessi e di questa portata. La storia ce lo insegna!

Ma come ho scritto tante altre volte, per funzionare un mondo digitale come quello previsto deve essere centralizzato a livello globale, per forza! Qualsiasi frammentazione dell'infrastruttura digitale diventerebbe automaticamente una guerra (di conquista) anche sul piano materiale. I processi in atto infatti sono tutti fortemente orientati alla centralizzazione e qualsiasi controtendenza non può che generare attriti insanabili. Per questo tutti i media tendono a reagire in modo sempre più isterico nell'arginare il dissenso, sia interno che tra i paesi.

Una guerra come non l'abbiamo mai vista o sperimentata è quindi alle porte. Sinceramente credevo che fosse questo in procinto di manifestarsi nel 2020. L'ho scritto tante volte che la guerra è inevitabile e lo ripeto, ma come sempre, rimango una voce marginale, del tutto insignificante.

Solo Giulietto non si stancava di ricordarlo a costo di sembrare ridicolo.

Certo, non mi aspettavo questa svolta emergenziale di stampo sanitario. Ma ora che ci penso, è perfetta per prendere tempo e calmare almeno alcuni degli attriti cumulati, riducendone un poco il divario. Ora la Russia ha più tempo per incamerare successi e assestarsi su accorti a lungo termine con tutti i suoi vicini più bellicosi. La Cina ha più tempo di adeguare il suo comparto militare interno anche per le minacce di guerra ibrida asimmetrica e disinnescare la minaccia di guerre colorate. Gli USA hanno più tempo (e scuse) per risolvere le loro questioni interne, senza farle degenerare oltre i limiti (e in confini) che renderebbero obbligatoria la frammentazione della centralità digitale (come la perdita della centralità dello SWIFT).


RispondiQuota
mazzam
Honorable Member
Registrato: 8 anni fa
Post: 548
 

vabbè ma chi sono "loro"?

si può avere l'indirizzo di casa?


RispondiQuota
oriundo2006
Noble Member
Registrato: 12 anni fa
Post: 2411
 

'Loro' sono ovunque. 'Loro' sono perfetti. 'Loro' non sono umani.


RispondiQuota
GioCo
Noble Member
Registrato: 13 anni fa
Post: 1482
 
Postato da: @mazzam

vabbè ma chi sono "loro"?

si può avere l'indirizzo di casa?

Pronome plurale abbastanza generico ma le parole @mazzam sono il mezzo di comunicazione più assurdo e miserabile che sia possibile concepire, non ci si può aspettare criticandolo di smorzarne la forza persuasiva. Perché in sostanza serve a questo: persuadere. Per ciò chi vuole utilizzarlo in altro modo (ad esempio ragionare) si trova sempre tra le dita un mezzo totalmente non idoneo allo scopo oltre che il pericolo concreto che lo stesso mezzo gli si rivolti contro.

Detto questo il secondo problema in ordine è che la stragrande maggioranza assoluta di tutta la popolazione umana oggi esistente dipende dalle parole e non da oggi ma presumibilmente da quando abbiamo deciso di fare iniziare la storia ufficiale. Un domani dipenderà dalle nuove tecnologie ed è probabile che l'umanità futura (forse non tutta ma di sicuro la maggioranza) tornerà ai versi perché la comunicazione sinaptica "diretta" bypassa i centri di decodifica per la significazione orale, per ciò si comunica "per impressioni" molto più velocemente e con maggiore precisione, ma le espressioni più ancestrali della comunicazione (fonetica) rimangono comunque in essere.

"Loro" non sono necessariamente persone fisiche con un indirizzo, nel senso che se indico in generale qualcuno che dispone di potere decisionale reale, per esempio un Bill Gates, indico semplicemente ciò che occupa una sorta di "nicchia sociale" che gli conferisce possibilità negate ai più e potrebbe essere praticamente chiunque o anche qualunque cosa. Marziani inclusi. Non viene per ciò definito da chi è ma da ciò che fa e può fare. Ci sono delle intelligenze artificiali ad esempio che occupano oggi in parte quella nicchia in quanto sono le sole che possono andare a pescare i terabyte di dati che fluiscono incessanti nelle capienti memorie dei bigdata per trarne una qualche analisi che poi ovviamente scatena decisioni di un certo tipo. Peccato che nessuno è in grado di controllare l'opera di queste intelligenze per ciò si finisce per dipendere da loro integralmente. Se decidessero quindi di usare i dati che elaborano per scopi differenti da quelli che ci aspettiamo, non saremmo in grado di gestire la situazione e ne verremo condizionati in modo trasparente, con tutto ciò che questo comporta.


RispondiQuota
Condividi:

I commenti sono chiusi.