Notifiche
Cancella tutti

Covidia Nervosa: descrizione di un disturbo mentale recentemente identificato


Papaconscio
Active Member
Registrato: 9 anni fa
Post: 15
Topic starter  

Disambiguazione: il disturbo mentale qui descritto non deve essere confuso con il Covid-19, una malattia dell'epitelio relativamente rara e facilmente curabile causata dal virus SARS-CoV-2 creato dall'uomo.

Introduzione
Quello che segue è un tentativo di descrivere un nuovo disturbo mentale che ha colpito centinaia di milioni di persone in tutto il mondo. A causa della sorprendente diffusione di questa malattia debilitante, si spera che l'American Psychiatric Association la includa nel suo Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (DSM). Una capillare diffusione della descrizione e della classificazione di questa malattia contribuiranno allo sviluppo di un adeguato trattamento.

Segni e sintomi
Come suggerisce il nome, la Covidia Nervosa, o CN, è principalmente una malattia mentale. Tuttavia, come per molti altri disturbi mentali, la progressione della malattia verso stadi più gravi può comportare una significativa morbilità fisica.
Il segno principale della CN è facilmente osservabile: il malato indosserà una maschera sul viso, coprendo sia la bocca che il naso. Nelle fasi iniziali della malattia, il malato indosserà la mascherina solo negli spazi pubblici chiusi (ristoranti, negozi e mezzi pubblici). Tuttavia, con il progredire della malattia, questo comportamento diventerà più pronunciato e il soggetto indosserà una maschera anche all'aperto e in spazi privati ​​come l'abitacolo della propria auto. Man mano che la malattia avanza verso la sua fase terminale, il malato indosserà la maschera a casa e persino nelle piscine e nelle saune.
Chi soffre di CN mostra evidenti menomazioni nel comportamento sociale, simili a quelle osservate nelle fobie, nei traumi e disturbi dello spettro autistico. Il più significativo di questi segni è una riduzione drastica e autoimposta dei contatti sociali. Il malato eliminerà tutti i contatti con genitori, amici, colleghi di lavoro e, nei casi più estremi, con professionisti a contatto col pubblico, compresi medici e operatori sanitari. A questo proposito, la Covidia Nervosa assomiglia alla depressione clinica e ai vari disturbi d'ansia.
Molti comportamenti del paziente con CN rispecchiano quelli del disturbo ossessivo-compulsivo (DOC) grave. Il lavaggio e l'igienizzazione ripetitivi delle mani, comprese le manifestazioni pubbliche di tali comportamenti, sono quasi universali in CN. Questi comportamenti sono spesso estesi agli oggetti con cui il malato entra in contatto, come pacchi, panche, posate e maniglie delle porte. In casi estremi, è stato osservato che i pazienti "mettono in quarantena" e bruciano persino oggetti come pacchi, borse e contenitori di fast food. Altri comportamenti simili al disturbo ossessivo compulsivo includono l'insistenza a camminare nei negozi in una sola direzione o il rifiuto di stare a una certa distanza dagli altri.
La Covida Nervosa può a volte essere confusa con la sindrome di Tourette a causa della tendenza dei malati a pronunciarsi in vocalizzazioni ripetitive e tic verbali. Questi includono l'esortazione a 'stare al sicuro!' e l'affermazione che 'Siamo tutti nella stessa barca!' (spesso dichiarato a porte chiuse o tramite connessioni Internet). Con il progredire della malattia, il malato passerà da tali vocalizzazioni apparentemente benigne a vocalizzazioni antagoniste e aggressive rivolte a individui non affetti dalla malattia. 'Indossa la maschera!' e 'Tirala sul naso!' sono due esempi comuni. Sembra che la percezione dell'altrui benessere agisca da innesco per il paziente con CN.
C'è una dimensione sociopatica nella Covidia Nervosa che va oltre la semplice molestia verbale nei confronti del prossimo. Molti malati mostrano una forte tendenza a infliggere dolore e sofferenza agli altri, in particolare ai bambini. Alcuni osservatori hanno descritto questo come "pedofobia sadica". Sembra che il paziente trovi intollerabile limitare la sofferenza che può imporre a sé stesso, quindi cerca una vittima da tormentare. I bambini, essendo fisicamente e mentalmente incapaci di difendersi, rappresentano vittime perfette per questi malati. In primo luogo, il paziente insisterà affinché i bambini indossino una maschera, e man mano che la malattia progredisce, il paziente insisterà affinché i bambini ricevano iniezioni pericolose e non testate (la natura dolorosa e penetrante dell'ago è particolarmente significativa). Questa progressione dalla pedofobia sadica al pedicidio per procura è uno dei tratti distintivi della Covida Nervosa avanzata.

Dati demografici
La CN è quasi interamente una malattia delle nazioni WEIRD (Western, Educated, Industrialized, Rich Democratic nations, cioè le nazioni Occidentali, Istruite, Industrializzate, Ricche e Democratiche). Nell'ambito di queste nazioni, la malattia è prevalente nell'Anglosfera (Regno Unito, Canada, Australia, Nuova Zelanda e Stati Uniti). Si verifica più spesso tra i lavoratori con istruzione universitaria in posizioni di segreteria, gestione e amministrazione. È particolarmente comune tra coloro che lavorano in contesti istituzionali e c'è una correlazione diretta tra posizione gerarchica istituzionale e frequenza di occorrenza. Data questa relazione, sembra che ci sia un elemento di contagio sociale.
La CN è più diffusa tra le donne rispetto agli uomini. Alcuni hanno ipotizzato che ciò sia dovuto ad una maggiore sensibilità agli stimoli sociali da parte delle donne, o alla loro maggiore rappresentanza nei ruoli di lavoro istituzionali e amministrativi.
Come notato sopra, la prevalenza di CN è fortemente correlata con alcune professioni. Il lavoro al computer risulta essere un forte predittore dello sviluppo del disturbo, mentre il lavoro manuale e quello svolto all'aperto risultano essere fortemente protettivi contro di esso. Alcuni ricercatori hanno ipotizzato che l'impegno fisico regolare con la realtà non digitale sia protettivo contro lo sviluppo degli stati deliranti che caratterizzano la CN.

Cause
Originariamente si pensava che la Covidia Nervosa fosse causata dall'esposizione al sistema educativo a causa della forte correlazione positiva tra anni di istruzione e prevalenza della malattia. Tuttavia, l'esistenza di una significativa sottopopolazione di persone altamente istruite che mostrano resistenza alla malattia ha falsificato questa teoria. Un esame più attento ha rivelato che l'agente causale sono i media, in particolare i mezzi di informazione e i social media, con questi ultimi che agiscono per amplificare i primi.
Tuttavia, non tutti i media sono fattori di rischio per lo sviluppo di CN. In effetti, solo una piccola frazione dei media sono in realtà agenti causali della condizione. Possono essere utilizzati tre criteri per determinare quali media causano la Covidia Nervosa:
1) Quelli che sostengono il partito politico al potere;
2) Quelli la cui linea editoriale è in accordo con le autorità sanitarie della nazione in cui operano;
3) Quelli che godono di uno status privilegiato tra i "Big Tech". Approfondendo, si vedrà che questi tre criteri formano una sorta di mappa di influenza con una radice comune: gli interessi finanziari dell'industria farmaceutica (Big Pharma). Quindi, si può dire che i Media che Inducono la Covidia Nervosa (CNIM, Covidia Nervosa-Inducing Media) agiscano come causa prossima della CN, mentre la causa ultima è l'industria farmaceutica o, per essere precisi, i suoi interessi economici.
La connessione tra il consumo di CNIM e lo sviluppo di covidia nervosa è così forte che le propensioni al consumo di Media possono essere facilmente utilizzate come strumento di monitoraggio. Se un soggetto consuma regolarmente CNIM, il medico può presumere che il soggetto soffra di CN senza ulteriori esami clinici. In effetti, il legame è molto più stretto di quello tra zucchero e diabete di tipo II, o fumo di sigaretta e cancro ai polmoni.
Infine, è stato riscontrato che alcuni tipi di personalità sono altamente resistenti alla CN. I soggetti che ottengono un punteggio basso nell'Asch Conformity Experiment, che misura la volontà di un soggetto di ignorare la testimonianza dei propri sensi per conformarsi a una credenza di gruppo, sviluppano molto raramente CN. Allo stesso modo, i soggetti che si rifiutano di completare l'esperimento Milgram Shock, che misura la volontà di un soggetto di sottomettersi ad autorità arbitrarie, raramente sviluppano CN. Il soggetto che mostra tratti di personalità con bassi punteggi Asch e/o Milgram gode di una protezione completa contro la Covidia Nervosa.

Elemento religioso
Nelle fasi iniziali, il malato di CN concentrerà i propri comportamenti e pensieri nevrotici sul "virus" (un costrutto mentale vagamente basato sui meme del virus Sars-CoV-2 promulgato dal CNIM). Tuttavia, con il progredire della malattia, i pensieri sul virus sono quasi interamente sostituiti dal desiderio di appartenenza al gruppo, nonché dal desiderio di individuare ed evitare il gruppo antagonista designato come capro espiatorio. Indossare la mascherina, quindi, non ha quasi nulla a che vedere con un'ipotetica riduzione della trasmissione virale e molto di più con il bisogno di accettazione da parte del gruppo, e la segnalazione della propria disponibilità a conformarsi ai dettami dell'autorità.
Chi è esperto di psicologia della religione riconoscerà in questi comportamenti tutti i segni distintivi della fede religiosa: una ricerca rituale della purezza, la necessità di una santa crociata, il desiderio di seguire i dettami di una classe sacerdotale e la fede nella guarigione o nei poteri protettivi di talismani e pozioni. La profonda somiglianza tra Covidia Nervosa e credo religioso ha portato alcuni ricercatori a descriverla come una religione per chi non ha religione.
Non sorprende, quindi, che il credo religioso preesistente sia in gran parte protettivo contro lo sviluppo della CN. Tuttavia, non tutte le religioni sono ugualmente protettive a questo riguardo: le fedi tradizionali che sottolineano il sacramento, il rito e il mistero, come il cattolicesimo di massa latino e l'ortodossia orientale, hanno effetti altamente protettivi, mentre le fedi che hanno evitato queste cose nel tentativo di "modernizzarsi", come la chiesa anglicana e quella episcopale, non hanno alcun effetto protettivo e anzi agiscono come fattori di rischio.

Trattamento
Data la nostra chiara comprensione dei fattori di rischio e delle cause della CN, si potrebbe concludere che la malattia è facilmente curabile. In effetti, poiché è causata dall'esposizione al CNIM, sembrerebbe che basti allontanare il soggetto dal CNIM e aumentare l'esposizione del soggetto a fonti di informazione alternative. Tuttavia, è qui che quasi tutti i tentativi di trattamento falliscono. Questo perché la Covidia Nervosa risponde al trattamento allo stesso modo della Vandellia cirrhosa. Questo pesce parassita entra nell'uretra della vittima e reagisce ai tentativi di rimozione allargando le sue spine, causando così un grande dolore e rendendo impossibile l'estrazione.
Per usare un'altra analogia, Covidia Nervosa può essere vista come una sorta di malware diffuso dal CNIM. Il malware è progettato in modo tale che quando rileva un tentativo di rimuoverlo, spegne il sistema operativo per interferire con il processo di rimozione. Dal punto di vista clinico, questo sarà osservabile come un'estrema dissonanza cognitiva nel soggetto, che rende inefficace ogni trattamento.
Nella ricerca di un trattamento per la CN, il clinico affronta lo stesso dilemma che affronta quando cerca di curare la schizofrenia paranoide: se fingere che i deliri del malato siano reali nella speranza di curarli, o semplicemente negare la loro stessa esistenza nella speranza di ridurre il loro potere sopra la vittima. In pratica, nessuno dei due approcci produce benefici. Questo perché i costrutti mentali del paziente CN sono secondari rispetto ai bisogni psicologici che li hanno originati in primo luogo. È essenziale capire che qui si tratta di funzioni infantili e della parte inferiore del cervello: bisogni fondamentali di appartenenza, approvazione e riconoscimento. Parlare alla vittima con toni calmi e rassicuranti e modellare un comportamento sano si è rivelato essere il miglior trattamento fino ad oggi.

Prognosi
Poiché la Covidia Nervosa contiene un proprio "sistema immunitario" che la protegge dall'intervento terapeutico, quasi tutti i casi della malattia possono essere classificati come "covidia nervosa resistente al trattamento". In effetti, quel termine è considerato ridondante dalla maggior parte dei ricercatori. Nella maggior parte dei casi, la malattia progredisce inesorabilmente da stadi lievi (mascherine nei supermercati), a stadi intermedi (mascherine in auto), a stadi avanzati e terminali (sottomissione volontaria a terapie genetiche sperimentali).
Fortunatamente, questa inesorabile progressione porta spesso alla remissione spontanea della condizione. Ciò è dovuto al fatto che queste terapie geniche sperimentali portano spesso a reazioni avverse (emicrania, miocardite, eventi trombotici) o esiti inattesi (effettiva infezione da Sars-CoV-2). In una certa percentuale di casi, questa improvvisa discrepanza tra le informazioni presentate dal CNIM e l'esperienza fisica del soggetto porta alla risoluzione completa e totale di tutti i sintomi della CN. Purtroppo, in molti casi, il soggetto persiste nei suoi deliri e si impegna in una serie di comportamenti terminali (evitare incontri sociali, rimanere in casa e sottoporsi a una serie continua di iniezioni dannose), che culminano nella completa perdita della salute e, infine, con la morte.

 

Traduzione da The conservative woman - Covidia Nervosa: Description of a recently identified mental disorder
By Elephant City July 24, 2021

Fonte: https://www.conservativewoman.co.uk/covidia-nervosa-description-of-a-recently-identified-mental-disorder/


Quota
MarioG
Famed Member
Registrato: 7 anni fa
Post: 3044
 

Bellissimo


RispondiQuota
Condividi:

I commenti sono chiusi.