Notifiche
Cancella tutti

Covid: inizia un'ampia sperimentazione di un nuovo trattamento nel Regno Unito  


Primadellesabbie
Famed Member
Registrato: 9 anni fa
Post: 4329
Topic starter  

Leggo ora sulla BBC questo articolo (traduzione automatica):

By Justin Rowlatt

Nel Regno Unito è iniziata una sperimentazione su larga scala di un nuovo trattamento che si spera possa aiutare a impedire ai pazienti con Covid-19 di sviluppare una malattia grave.

Il primo paziente ha ricevuto il trattamento all'Hull Royal Infirmary martedì pomeriggio.

Implica l'inalazione di una proteina chiamata interferone beta che il corpo produce quando riceve un'infezione virale.

La speranza è che stimoli il sistema immunitario, preparando le cellule a essere pronte a combattere i virus.

I primi risultati hanno suggerito che il trattamento ha ridotto le probabilità che un paziente con Covid-19 in ospedale sviluppi una malattia grave, come la necessità di ventilazione, di quasi l'80%.

È stato sviluppato al Southampton University Hospital ed è prodotto dalla società biotecnologica di Southampton, Synairgen.

Un ciclo di trattamento con il nuovo farmaco potrebbe costare circa £ 2.000, che non è così costoso per un trattamento ospedaliero.

"Per essere fattibile dovrà rappresentare un buon rapporto qualità-prezzo", ha detto l'amministratore delegato di Synairgen Richard Marsden.

Alexandra Constantin, 34 anni, è stata la prima persona a ricevere il trattamento come parte di questo nuovo studio, dopo essere stata ricoverata in ospedale per coronavirus lunedì.

Ha una giovane figlia a casa da cui non vede l'ora di tornare.

Dimostrando il trattamento, l'infermiera le porse un nebulizzatore che trasforma il farmaco in una nebbia sottile, che Alexandra ha inalato il più profondamente possibile nei polmoni.

Come funziona il trattamento? L'interferone beta fa parte della prima linea di difesa del corpo contro i virus, avvertendolo di aspettarsi un attacco virale.

Il coronavirus sembra sopprimere la sua produzione come parte della sua strategia per eludere il nostro sistema immunitario.

Il nuovo farmaco è una formulazione speciale di interferone beta erogato direttamente alle vie aeree tramite un nebulizzatore che trasforma la proteina in un aerosol.

L'idea è che una dose diretta della proteina nei polmoni innescherà una risposta antivirale più forte, anche nei pazienti il ​​cui sistema immunitario è già debole.

L'interferone beta è comunemente usato nel trattamento della sclerosi multipla.

Precedenti studi clinici condotti da Synairgen hanno dimostrato che può stimolare una risposta immunitaria e che i pazienti con asma e altre condizioni polmonari croniche possono tollerare comodamente il trattamento.

I risultati di un piccolo studio clinico di fase due del trattamento condotto lo scorso anno erano promettenti.

Ha suggerito che le probabilità che un paziente con Covid-19 in ospedale contrasse una malattia grave, ad esempio che richiede ventilazione, erano ridotte di quasi l'80%.

I pazienti avevano una probabilità da due a tre volte maggiore di riprendersi al punto in cui le attività quotidiane non erano compromesse dalla loro malattia, ha affermato Synairgen.

Ha detto che lo studio ha anche indicato riduzioni "molto significative" della dispnea tra i pazienti che hanno ricevuto il trattamento.

Inoltre, si dice che il tempo medio trascorso in ospedale dai pazienti sia stato ridotto di un terzo per coloro che ricevono il nuovo farmaco, passando da una media di nove giorni a sei giorni.

Ma lo studio era piccolo, solo 100 pazienti, e sono necessari ulteriori test prima che possa essere autorizzato per l'uso.

Questa nuova prova di "fase tre" è molto più ampia. Coinvolgerà più di 600 pazienti in 20 paesi.

Come nella sperimentazione precedente, metà dei partecipanti riceverà il farmaco, l'altra metà riceverà quello che è noto come placebo, una sostanza inattiva.

Il team che gestisce il processo afferma di sperare che venga completato entro l'inizio dell'estate.

Se i risultati saranno vicini a quelli dello studio precedente, ci si aspetta che l'autorizzazione per l'uso del farmaco nei pazienti nel Regno Unito e in altri paesi seguirà poco dopo.

Il CEO di Synairgen Richard Marsden spiega come il trattamento utilizza la proteina interferone beta per aiutare a combattere il virus "Se avessimo uno studio positivo, speriamo di passare rapidamente alla produzione e alla consegna su scala del farmaco nella pratica clinica", ha detto il prof Tom Wilkinson, dell'Università di Southampton, che sta supervisionando la sperimentazione.

Ha aggiunto che crede che il nuovo farmaco - se si dimostrerà efficace - sarà un complemento ai vaccini in fase di lancio.

Ha anche sottolineato che ci vorrebbe molto tempo per vaccinare il mondo intero.

Dovranno esserci comunque trattamenti per le persone che perdono la vaccinazione o scelgono di non riceverla.

C'è anche il rischio che il virus muti e i vaccini diventino meno efficaci, il che significa che le persone ricominciano a sviluppare la malattia.

Il trattamento è il risultato della scoperta da parte di un team dell'Università di Southampton che le persone con malattie polmonari come l'asma e la broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) avevano spesso bassi livelli di interferone beta.

"Abbiamo pensato perché non aumentare i livelli di interferone beta dei pazienti inducendoli a inalare la proteina", ha detto la professoressa Donna Davies, che faceva parte di quel team.

Ha detto che la ricerca ha ora dimostrato che Covid-19 può sopprimere la risposta dell'interferone beta.

Ma gli esperti avvertono che i farmaci spesso non sono all'altezza della promessa dei primi test.

"Questo è eccitante, ma dobbiamo vedere cosa mostrano i risultati della fase tre", afferma il dott. Lamis Latif, un medico di famiglia del sud di Londra che ha lavorato in cure di emergenza con pazienti Covid-19.

"Abbiamo avuto altri farmaci in circostanze simili, abbiamo avuto l'idrossiclorochina, per esempio, ma ancora una volta, quando hanno raggiunto ulteriori prove, non era così promettente come inizialmente si immaginava.

"Quindi è da tenere presente anche per questo farmaco attuale."

Da qui:

https://www.bbc.co.uk/news/health-55639096


Quota
Simsim
Active Member
Registrato: 4 mesi fa
Post: 19
 

Molto molto interessante. Da non medico mi pongo una domanda che qui non é risposta, ma che probabilmente una risposta ce l´ha: il problema del covid é in realtá la reazione esagerata del sistema immunitario che nel tentativo di eliminare il virus praticamente travolge a caso tutto il resto, ovvero una sorta di reazione autoimmune in realtá. Questo ribilanciare questa proteina evita la iper-risposta o cosa?
In ogni caso....se funziona e se gli effetti collaterali sono limitati, é certamente un buon passo per togliere le castagne dal fuoco a chi vuole i lockdown permanenti.


RispondiQuota
Primadellesabbie
Famed Member
Registrato: 9 anni fa
Post: 4329
Topic starter  

@simsim

Gli "scienziati" non sono d'accordo nemmeno sul fatto che l'acqua sia bagnata e, grazie a questo covid, se ne possono rendere conto anche i più creduloni.

Ad ogni modo questa sperimentazione, sempre che bigpharma, che si sarà certamente attivata, non riesca a mettere il bastone tra le ruote, mi sembra un'iniziativa in controtendenza e perciò degna di attenzione.


Simsim hanno apprezzato
RispondiQuota
lurker
Eminent Member
Registrato: 3 anni fa
Post: 34
 

Interessante il fatto che ci sia ancora vita oltre il vaccino. Rispetto alla tanto criticata idrossiclorochina noto due cose:

  • e' un farmaco nuovo, quindi ci sara' un brevetto valido
  • e' pensato per essere usato in ospedale, quindi richiede il ricovero con i relativi costi

Insomma, e' una cura che offre anche un po' di trippa per gatti. Potrebbe avere un futuro.


RispondiQuota
emilyever
Active Member
Registrato: 8 mesi fa
Post: 19
 

Sono piuttosto perplessa, perchè già nella prima fase dell'epidemia avevo letto che l'interferon era stato provato in Cina senza nessun risultato, nello stesso periodo in cui avevano  provato gli antivirali comunemente usati per l'HIV e anche al Sacco di Milano, idem. Non so se fosse beta, però, vedo se trovo la fonte. La molecola dell'ivermectina, invece, un antiparassitario, si dice che funzioni in Francia, ovviamente dal prof Perronne e altri "eretici".


RispondiQuota
Primadellesabbie
Famed Member
Registrato: 9 anni fa
Post: 4329
Topic starter  

@emilyever

Non so se valga porsi in questo modo, tu (o io) hai appreso da qualche parte che funziona/non funziona, penso che tutto quello che circola sia disinformazione pelosa.

Qui, la notizia positiva é che ci sia qualcuno che ci prova, a curare i malati, attività che pare sia passata di moda.

 

 


RispondiQuota
emilyever
Active Member
Registrato: 8 mesi fa
Post: 19
 

@primadellesabbie

Forse non ricordi quello che sto scrivendo qui dall'inizio della pandemia, la difesa della scelta del prof raoult, dell'equipe di Marsiglia, , dei medici in prima linea italiani, di quelli di frontline statunitensi, che si sono battuti fin dall'inizio per rispettare il giuramento d'Ippocrate e curare i malati, tranquillizzarli, intervenire subito con le vecchie molecole che avevano a disposizione, perchè in quest'ultimo secolo Big pharma ha lanciato quest'idea che ogni malattia nuova dev'essere curata con un farmaco nuovo, e guarda caso sempre più costoso, mentre curiamolo intanto, come nel caso del covid, con quello che durante la sars cov 1 aveva dimostrato di funzionare. Proprio in questi giorni ho sentito una frase bellissima del prof Raoult:- La medicina si fa al capezzale del malato... Poi è giusto che ci siano i ricercatori, e che a loro siano affidati i migliori strumenti tecnologici, ma la medicina si fa al letto del malato.- Ti stavo prima solo dicendo che a marzo avevo letto che i primi tentativi con l'interferon in Cina non avevano funzionato... Non so, ripeto, se fosse questo beta, so pure, per esperienza personale, che le cure con l'interferon per l'epatite c erano devastanti, chi l'ha fatta mi aveva detto che forse non era valsa la pena di negativizzarsi per soffrire così.


RispondiQuota
Primadellesabbie
Famed Member
Registrato: 9 anni fa
Post: 4329
Topic starter  

@emilyever

Non intendo mettere in dubbio le tue parole, sei certamente più informata di me che, fin da quando mi sono reso conto della piega che prendeva questa storia, ho diffidato di ogni notizia diffusa, non importa di quale segno fosse.

Certo preferisco l'attitudine del prof. Rault, e di chiunque cerchi di comportarsi da medico, a questa devastazione culturale implicita nella medicina-business diretta da manager che trattano i malati a lotti, e i sani da potenziali malati, e questi e quelli come fonti di reddito e potere.

Mi sembra che qui non siamo lontani. 


RispondiQuota
Simsim
Active Member
Registrato: 4 mesi fa
Post: 19
 

Questo medico dice esattamente quello che state dicendo voi sul ruolo del medico. Un plauso a Radio Radio perché da quando é iniziata questa storia non ha sbagliato un colpo:


RispondiQuota
Primadellesabbie
Famed Member
Registrato: 9 anni fa
Post: 4329
Topic starter  

@simsim

Ricordo anche la testimonianza simile, tempo fa, di un medico della provincia di Bergamo (su Byoblu?).


Simsim hanno apprezzato
RispondiQuota
Condividi:

Comments are closed.