Notifiche
Cancella tutti

Berlino: Demo 1.8.2021, scene brutali


Pfefferminz
Estimable Member
Registrato: 6 mesi fa
Post: 246
Topic starter  

https://rumble.com/vkma4p-brutale-szenen-wie-berliner-polizei-bei-der-verbotenen-corona-demo-zugriff.html

Video del giornalista indipendente Boris Reitschuster che durante tutta la giornata del primo agosto 2021 era in giro per Berlino al fine di documentare le manifestazioni degli oppositori alle misure restrittive. 

Le manifestazioni di Querdenken a Berlino erano state vietate sabato pomeriggio. Nonostante il divieto, migliaia di manifestanti hanno formato diversi cortei in diverse parti della città, cercando di riunirsi e di dirigersi verso la Strada del 17 giugno. Non ci sono stati palchi né discorsi, ma solo una marea di gente decisa a riprendersi i propri diritti. Quando gli agenti di polizia cercavano di sbarrare loro il cammino, i manifestanti prendevano delle scorciatoie, facendo bene attenzione a non venire intrappolati. I canali Telegram trasmettevano informazioni sulle posizioni dei diversi cortei e sui percorsi da seguire. I 2.200 poliziotti in servizio non sono riusciti a bloccare i manifestanti, i quali in alcuni casi hanno cercato di difendere chi veniva prelevato a caso, gettato a terra e trattato brutalmente. Un 46enne, aggredito dalla polizia, ha avuto un malore ed  è stato portato all'ospedale dove purtroppo è deceduto. Sono in corso gli accertamenti. 

I giornali mainstream mettono in primo piano i  presunti attacchi dei manifestanti contro le forze dell'ordine. I video e le fotografie mostrano un'altra realtà. Mai come nella giornata di ieri si era vista tanta brutalità nei confronti di manifestanti pacifici. Il giornalista Reitschuster, che è stato per diversi anni corrispondente da Mosca, ha detto di aver visto scene brutali come quelle di ieri solo in regimi totalitari. Lui stesso ieri è stato spintonato dai poliziotti che cercavano di impedirgli di fare il suo lavoro. 

Tutti i giornali mainstream, fa notare Reitschuster, hanno cambiato il framing riguardo i pensatori laterali: non una riga sugli "estremisti di destra", come i Querdenker venivano definiti fino a ieri. Ora i Querdenker sono coloro che attaccano la polizia.  La realtà capovolta, basta guardare il video. 

 


Quota
Etichette discussione
LuxIgnis
Estimable Member
Registrato: 7 mesi fa
Post: 130

RispondiQuota
mazzam
Honorable Member
Registrato: 9 anni fa
Post: 601
 

video tanto interessante.

si noti come la Germania sono i tedeschi a difenderla, sono i Francesi a difendere la Francia, sono gli italiani per l' Italia in queste prime piazze. 

negri e arabi non pervenuti. 

 


RispondiQuota
emilyever
Trusted Member
Registrato: 1 anno fa
Post: 90
 
Postato da: @mazzam

 

negri e arabi non pervenuti. 

 

Forse perchè i problemi dei pass sanitari, dei vaccini, e prima ancora delle migliaia di morti ce li abbiami noi, succubi di governi autoritari a loro volta succubi di big pharma e di miliardari paranoici, mentre in Africa e nei Paesi arabi hanno curato da subito con la medicina del territorio, antimalarici ecc, che addirittura in Irak se li sono presi come profilassi? se adesso i loro governanti si lasceranno corrompere e imporranno i vaccini vedremo crescere i contagi anche da loro, se ci cascano


RispondiQuota
Pfefferminz
Estimable Member
Registrato: 6 mesi fa
Post: 246
Topic starter  

https://reitschuster.de/post/die-basis-unserer-vorsitzender-wurde-opfer-von-polizeigewalt/

"Associazione distrettuale "Die Basis": "Il nostro presidente è stato vittima della violenza della polizia"

"Esclusivo: come le autorità di Berlino descrivono l'operazione di polizia, che ha provocato la morte" 

Nel corso della manifestazione del primo agosto 2021 a Berlino, un quarantanovenne aveva avuto un malore dopo essere stato fermato dalla polizia e, portato all'ospedale, era deceduto. Ora si è venuto a sapere che l'uomo era il presidente di un'associazione distrettuale del nuovo partito "Die Basis". È stato incaricato un avvocato e si chiede che venga fatta luce su quanto accaduto. Da parte delle forze dell'ordine si afferma che il manifestante sarebbe saltato addosso ad un agente di polizia e che entrambi sarebbero caduti a terra. Gli sarebbe stato annunciato l'arresto e questi avrebbe cercato di fuggire. Un altro poliziotto lo avrebbe bloccato. Portato nei pressi del furgone per gli accertamenti, l'uomo avrebbe accusato un malore, ma rifiutato che venisse chiamata l'ambulanza. Grande è il cordoglio dei suoi amici che hanno perso chi lottava con loro da oltre un anno e aveva dato il suo generoso apporto nella costruzione del nuovo partito "Die Basis". Continueranno la lotta in suo nome. R. I. P. 

 

 


RispondiQuota
Deheb
Estimable Member
Registrato: 9 anni fa
Post: 144
 

Mettici anche questa testimonianza:

 

 


RispondiQuota
Pfefferminz
Estimable Member
Registrato: 6 mesi fa
Post: 246
Topic starter  

@sganzo

Considerazioni sul video di Arnaldo Vitangeli.

- Nel video si parla di  "militari". In realtà si tratta di agenti di polizia alle dipendenze dell'"Innensenator" di Berlino, ex funzionario della  DDR. La responsabilità è quindi delle autorità locali. 

-  Le violenze della polizia berlinese erano iniziate un anno fa, nella notte fra il 29 e il 30 agosto 2020. In seguito, in un'intervista, il capo del sindacato di polizia disse che quelli erano reparti speciali, addestrati per fronteggiare manifestanti violenti e che non avrebbero dovuto essere inviati contro persone del tutto pacifiche.

- Importante l'accenno dell'intervistata al Christopher Street Day. Una settimana prima, circa 60.000 persone avevano manifestato a Berlino senza mascherina e senza osservare il distanziamento. Il motivo per cui la manifestazione di Querdenken è stata vietata era che i partecipanti non avrebbero rispettato le regole anti-Covid. Perché questa disparità di trattamento? (domanda retorica). Anche la BILD-Zeitung si è posta la domanda, in prima pagina e a caratteri cubitali.

- La polizia tedesca non è un monolite. Il giornalista Reitschuster riferisce che molti agenti di polizia cominciano a stancarsi di essere utilizzati in quel modo dalla politica. L'avvocato Markus Haintz testimonia di poliziotti che lo supplicano di continuare a lottare.

- I poliziotti erano concentrati nella Strada del 17 giugno, il luogo in cui avrebbe dovuto svolgersi la grande manifestazione. Chi cercava di metterci piede, rischiava grosso, come mostrano i video. In altre parti della città invece migliaia di manifestanti potevano sfilare in corteo, giocando a gatto e topo con la polizia, cambiando itinerario quando era necessario e a volte spintonando i poliziotti che cercavano  di bloccarli. Reitschuster testimonia che c'è stato l'uso della violenza anche da parte di alcuni manifestanti. In certi video si vedono manifestanti che corrono in aiuto di persone gettate a terra dalla polizia, mentre un anno fa stavano tutti intorno con i telefonini, senza intervenire.

- La mia impressione è che la maggioranza dei tedeschi creda alla versione ufficiale, che siano stati solo i manifestanti di Querdenken a usare violenza, come riportato da tutta la stampa mainstream. Unica eccezione è la BILD-Zeitung, non si capisce bene come mai, ma attualmente sembra il portavoce di Querdenken. Meglio così. 


Hospiton e Deheb hanno apprezzato
RispondiQuota
Condividi:

I commenti sono chiusi.