Notifiche
Cancella tutti

Bannon vuole ‘shock troops’ repubblicane per il 2024


Primadellesabbie
Famed Member
Registrato: 10 anni fa
Post: 4741
Topic starter  

Trovo su RT questa notizia relativa ai consigli* di Bannon per rintuzzare l'offensiva democratica apparsa evidente nel corso delle ultime elezioni presidenziali.

* Non posso fare a meno di ricordare cosa pensava delle elezioni il più grande statista del XX secolo: "Nelle elezioni non è importante chi vota ma chi conta i voti" (Stalin).

(Traduzione quasi automatica)

 

3 ott 2021 17:45

"Fuoco e zolfo": i liberali allarmati mentre Steve Bannon chiede "truppe d'assalto" dal GOP [Grand Old Party, nota mia] per una vittoria "ampia" nel 2024

L'ex consigliere di Donald Trump Steve Bannon ha fatto arrabbiare i suoi critici promettendo grandi vittorie del "MAGA" [Make America Great Again, nota mia] per il Partito Repubblicano e dicendo che le "truppe d'assalto" dovevano essere pronte a prendere il controllo e alla "decostruzione" dello stato.

Secondo quanto riferito, Bannon ha incontrato i rappresentanti politici di Trump questa settimana e ha discusso del futuro del presidente e del partito, insistendo che sarebbero necessarie "truppe d'assalto" per assicurarsi vittorie conservatrici.

"Se hai intenzione di assumere il controllo dello stato amministrativo e decostruirlo, allora devi avere truppe d'assalto pronte a prenderlo immediatamente", ha detto lo stratega politico e podcaster alla NBC in un'intervista sabato, dopo il suo incontro. "Ho dato loro fuoco e zolfo".

Nella sua intervista, Bannon ha respinto le "politiche repubblicane standard" e ha promesso vittorie "MAGA" più produttive nelle imminenti elezioni di medio termine e presidenziali, poiché i candidati sarebbero ora preparati con squadre per assumere posizioni federali. L'ex funzionario della Casa Bianca ha affermato che non aver riempito di sostenitori le circa 4.000 posizioni aperte nel governo federale era in parte ciò che aveva impedito a Trump di fare di più durante i suoi quattro anni come presidente.

Bannon è stato uno dei sostenitori più vicini e controversi di Trump durante la sua campagna per le elezioni presidenziali del 2016 e in precedenza ha lavorato sia nel cinema conservatore che nel campo dei media. Le ultime parole infuocate dello stratega politico sono apparse domenica su Twitter, con i critici che si sono accaniti e hanno denunciato il suo commento sulle "truppe d'assalto" come atroce e alcuni hanno persino affermato che il suo recente incontro repubblicano era "sedizionista".

"Non ha dimenticato il 6 gennaio", ha twittato per reazione l'esperto politico David Corn.

Bannon, che è stato graziato da Trump all'inizio di quest'anno, ha parlato con circa 200 membri della neonata Association of Republican Presidential Appointees (ARPA) al Capitol Hill Club. L'ARPA è stata costituita per creare una risorsa per i futuri funzionari del GOP indicati da un presidente repubblicano per ricoprire un lavoro federale.

Bannon era uno dei tanti soci di Trump ad essere citato in giudizio all'inizio di questa settimana per comparire davanti a un comitato della Camera che indagava sulla rivolta del Campidoglio del 6 gennaio. La citazione indica la sua presunta insistenza sul fatto che i membri del Congresso non avrebbero dovuto certificare i risultati delle elezioni presidenziali del 2020.

Da qui:

https://www.rt.com/usa/536478-steve-bannon-shock-troops-trump/


Citazione
Condividi:

I commenti sono chiusi.