Notifiche
Cancella tutti

Afghanistan, menzogne, ipocrisie e ..stranezze.

Pagina 2 / 2 Precedente

oriundo2006
Noble Member
Registrato: 12 anni fa
Post: 2497
 

Grazie a tutti voi, cari amici ! Si, ricoverato perche' non riuscivo piu' a respirare. Adesso va un po' meglio...la variante delta e' davvero un virus maledettamente pericoloso. In rianimazione c'era chi tirava allegramente, per modo di dire, le cuoia. 

Mi sono fatto l'idea che sia un virus bicomponente, nel senso che occorra un elemento 'X' per l' innesco. Quale sia e come possa agire ebbene ogni ipotesi a mio avviso va vagliata seriamente.

Per quanto riguarda quel povero Paese dell' Afghanistan, questi e' solo il primo ad entrare nella dottrina Cerebrowsky con connessa disarticolazione confessionale e destabilizzazione sociopolitica. Prima stavo riflettendo su di una cosa, importante, anzi due.

Primo. Non si sta a Doha per otto anni in un compound CIA se non si e' in predicato di essere Manchurian candidate. L'attuale emiro non e' credibile come uomo autonomo dalle consuete logiche di potere anglosioniste. Fara' dunque quello che gli diranno di fare, avendo presumibilmente stretto accordi personali sul destino del Paese, di cui si presenta come mandatario... Altro e' naturalmente se gli altri 'talebani' l'accettano. Un buon colpo di spada al momento giusto puo' rimettere le cose al loro posto e l'emiro non mi pare dotato di grandi qualita' umane, quelle che fanno sempre la differenza.

Secondo. Hanno i talebani, o chi per essi, le capacita' organizzative, intellettuali, di azione necessarie a gestire un Paese intero che se e' arretrato comunque ha mangiato la foglia del benessere occidentale: dunque con attese e richieste importanti non tanto sul piano dei diritti 'civili' quanto sul mettere insieme un passabile pranzo insieme ad una passabile cena...?

Ci riusciranno i 'manchurian' teleguidati da Doha/Sion a tenere insieme le cose senza farle precipitare in un abisso di malgoverno, corruzione, incapacita' politica complessiva, assenza di organizzazione...come i loro predecessori ?

Qui si parra' la loro nobilitate: ed e' tutto da vedere.

Ah, un' ultima cosa. Come vi ho detto sono stato in quei luoghi, li' vicino quantomeno, e ho parlato un poco nel mio inglese stentatissimo sul come in quelle altissime montagne si possa sopravvivere. Ebbene, senza aiuti e' quasi impossibile, data l'esplosione demografica e la natura terribile. Praticamente non c'e' niente se non nelle anse che in fiume Indo svolge a 4 mila e piu' metri, consentendo una limitatissima agricoltura stagionale di sopravvivvenza. A fine settembre, primi di ottobre, se non gia' prima, iniziano le piogge gelate e la temperatura precipita assestandosi a -20/25 per rimanerci stabilmente sino ad aprile. Non nevica molto, in proporzione ovviamente, e questo rende il terreno gelato duro come una pietra ma la cosa che da molto 'fastidio' e' il vento terribile che scende dalle montagne brulle senza incontrare ostacoli ma portando molta polvere e conseguenti accessi bronchiali: se uniamo questo al virus la catastrofe umanitaria e' gia' qui dietro.

Povero Afghanistan. Speriamo.


Hospiton hanno apprezzato
RispondiQuota
Hospiton
Trusted Member
Registrato: 2 anni fa
Post: 87
 

@oriundo2006

Ti auguro pronta guarigione Oriundo, ho provato in passato la sensazione della "fame d'aria" (non a causa di un virus ma per altri motivi), esperienza davvero poco simpatica. In quanto alla Delta non so che pensare, variante "natural" o stanno giocando al "Piccolo virologo" e diffondendo a piacimento? E se la seconda ipotesi è quella corretta quando si fermeranno? Staremo a vedere...

In quanto all'affaire Afghanistan tanto per cambiare abbiamo davanti un quadro fosco, che si inserisce in un contesto internazionale già maledettamente complicato per tutte le ragioni che sappiamo. Sarà un caso che questo "ritiro" precipitoso si sia verificato proprio ora? O era già previsto nella scaletta dello spettacolo? Come al solito difficile dirlo, nelle letture a posteriori il tempismo di ogni avvenimento può dar adito a sospetti, certo che questa escalation non fa che seminare ulteriore caos in un sistema già prossimo al collasso (in Polonia stanno allestendo muri anti-migranti al confine con la Bielorussia)

Speriamo che i poveri afghani riescano a riorganizzarsi in breve tempo, anche se ne dubito fortemente. Da qualche parte leggevo che non si sa neppure a quanto ammonti la popolazione del Paese, si stimano tra i 30 e i 40 milioni di abitanti, un'approssimazione che rende l'idea delle difficoltà che si presentano nella gestione di quell'impervio territorio.

 


RispondiQuota
Pagina 2 / 2 Precedente
Condividi:

I commenti sono chiusi.