Notifiche
Cancella tutti

Ultime sardinate


Davide
Utenti
Registrato: 2023 anni fa
Post: 2583
Topic starter  

A una settimana dal voto in Emilia Romagna, le sardine alzano il tiro della loro polemica contro Matteo Salvini e nello stesso tempo prendono di mira la comunicazione politica sul Web. I due nemici si identificano e il leader, Mattia Santori, ora parla addirittura di «populismo digitale». Nella narrazione di questi improvvisati agenti emiliani della «buon costume», il principale artefice della «violenza digitale» sarebbe ovviamente il leader della Lega. La soluzione? L’ espulsione dal Web, transitoria o definitiva, con un procedimento simile a quello applicato negli stadi per gli ultrà. Santori propone infatti un daspo, unito alla «vigilanza di un organo di polizia che garantisca che c’ è un livello di sostenibilità democratica all’ interno dei social network».

Quello di controllare, vigilare, reprimere, ovviamente a fin di bene, è un’ idea fissa che accompagna il movimento delle sardine fin dalla loro prima apparizione in pubblico. Si ricordi la roboante proposta lanciata sulla piazza romana di obbligare i ministri a comunicare solo «attraverso i canali istituzionali»: una prescrizione assurda nell’ epoca dell’ informazione 2.0, che, se applicata con rigore, impedirebbe anche al Papa di fare un tweet.

CONTINUA QUI https://infosannio.wordpress.com/2020/01/18/ultime-sardinate/


Quota
Condividi:

I commenti sono chiusi.