Notifiche
Cancella tutti

L’ AROMA DI VAGINA


mystes
Honorable Member
Registrato: 12 anni fa
Post: 602
Topic starter  

Francamente non mi interessa un fico secco sapere com’è l’aroma della vagina della Gwyneth Paltrow di cui si è interessata in forma alquanto pruriginosa la stampa di casa nostra la quale certamente fa eco a quella mondiale. Ma si sa, questa gente non eccelle in buon gusto.

Sul comportamento di queste donne le quali, pur di aver certezza che si parli di loro e delle loro invenzioni pubblicitarie si farebbero scopare anche dal diavolo, non mi interessa un arci-fico secco.

E se le donne, o almeno alcune di loro, continuano ad esporsi alla mercificazione del proprio corpo e della propria immagine è un problema vecchio quanto il mondo e francamente non mi interessa, così come non mi interessava cosa faceva quella megera di Poppea quando leggevo la vita di Nerone o quella bagascia di Paolina quando leggevo la vita di Napoleone Bonaparte.

Ma mentre Nerone e Napoleone sono passati alla storia, di Poppea o Paolina continuano a interessarsi solo il cinema e la storiografia scandalistiche.

Ma quel che è grave tornando all’ “aroma della vagina” è che ci siano ancora giornalisti o bloggeri o youtuberi o googlisti o come diavolo si chiamano i presunti giornalisti che compilano i notiziari di google che danno importanza a comportamenti di questo tipo e, peggio ancora, facendo eco a campagne pubblicitarie basate sullo scandalo e sullo schifo di questi prodotti. I quali anziché essere comprati e usati andrebbero buttati nel cesso e subito dopo tirare doverosamente la catena.


Quota
Roberto Rey
Active Member
Registrato: 10 mesi fa
Post: 12
 

Boh, questa fa candele con che puzzano di pesce andato a male e c'è chi gliele compra.

Non c'è limite al peggio. 


RispondiQuota
GioCo
Noble Member
Registrato: 13 anni fa
Post: 1369
 

Questa è davvero divertente. Lo so dovrei esimermi, ma non ci riesco  😍

Allora, diciamo che la tipa di certo puzza bene e ci fa soldi. D'altronde se hai un potere lo usi e non facciamo finta di non saperlo che se ci mettiamo addosso una divisa in due secondi ci sentiamo Rambo che spacca il mondo, anche se il compito è badare a una portineria di una S.p.A.

Non è la mia preferita. Quando avevo vent'anni era Jennifer Connelly che avevo adorato in Labyrinth e ancora prima in Phenomena di Dario Argento quasi mia coscritta. Ma alla mia epoca il massimo che si poteva pretendere era ritrovarla sulle pagine patinate di PlayBoy a mostrare i seni. Non ce l'ho mai trovata, quindi mi contentavo delle foto sui giornali di moda. Ma oggi con il digitale scopriamo il suo lato nascosto porno-vent'enne. Non parlo poi dell'altra icona che di sicuro ha avuto una vita sentimentale "leggermente" più movimentata: la giovane tennista Anna Kurnikova.

Insomma, se di pruriti vogliamo parlare, parliamo di quelli che la tecnologia ha liberato. In fondo la puzza di figa è ancora qualcosa di fisico e umano. Il prurito oggi sta nel consumo virtuale e nella promessa di un sesso certamente molto libero ma anche molto confuso. Un sesso ibrido, policromatico, radicalmente maschile. Ok, questa la spiego perché se no potrei ricevere il plauso insieme alle ingiurie degli orientamenti "diversamente" normali. La radice maschile traduce il sesso (immaginato) in un atto olimpico. Cioè misurato con durata, lunghezza, piacere (dato), potenza, fascino, forma, etc. etc.

Generalmente descritto poi da una attenzione dell'atto focalizzata verso il tempo (futuro e passato). Tipo "guarda come so' fico" oppure "le punisco tutte io". Quindi la Paltrow  magari riderebbe meno se sapesse che simbolicamente sta facendo a pezzi decenni di lotte per i diritti femminili. Ma questo è un vecchio mantra, lo sappiamo come sappiamo che il denaro corrompe.

L'atto al femminle traduce il sesso (immaginato) in una effusione romantica. Tipo "che cosa vuole da me?" oppure "mi bacia o no?". Tendenzialmente interrogativa almeno finché l'uomo (maldestro) non scopre le carte (magre) del suo estro olimpico, molto poco romantico. Del tipo: "guarda come ce l'ho lungo" (messo che se ne disponga ovviamente, non tutti sono Jhon Holms). L'età poi tende a rendere più saggi e le donne smettono di cercare negli uomini l'estro romantico che difficilmente otterranno (a meno di venire imbrogliate) come gli uomini poi tendono a smettere di pensare alle donne in termini di buco e iniziano a misurarle in termini monetari. La Paltrow di certo non fa eccezione.

Ora, dato che il marketing sa meglio del nostro privato strizzacervelli cosa ci frulla tra le gambe, anche perché oggi dispone dell'accesso a info che nessuno psic in anni di sedute si sognerebbe nemmeno lontanamente di gestire, fornite da noi spontaneamente (foto intime incluse) o meno (tipo quanti preservativi comperiamo al mese) gente che ha i mezzi per accedere (come gli agenti della Paltrow) sanno perfettamente come ricavare soldi da operazioni di "soft-love" legali e pubbliche. Rimane da chiarire la reazione di un bambino messo "educativamente" davanti a cotanta saggezza al femminile. Ma oggi in pochi se ne preoccupano. Per ciò dubito che la puzza di fica sia un idea della attrice che tra l'altro potrebbe appartenere a qualsiasi altra vacca (non per offesa, intendo proprio l'animale). Ovviamente se l'accesso alla fica (candele comprese) fosse davvero libero dai lacciuoli, non solo della vecchia morale eclesiastica ma anche da quella nuova mercantile che ci vuole tutti "diversi" e colorati, se necessario con la forzatura (opaca) di "nuove" tecnologie sterilizzatrici, allora non solo avremmo risolto il problema della sovappopolazione e della mercificazione infantile, ma anche quella in fondo marginale di riuscire a fare soldi in modi così ributtanti. Tra l'altro guadagnandoci tutti in sanità fisica e mentale.


RispondiQuota
cedric
Noble Member
Registrato: 5 anni fa
Post: 1253
 

No c'è  niente di nuovo visto che da 3-400.000 anni l'umanità si e' riprodotta usando l'odore dello stato in estro della femmina della specie per cercare  con chi accoppiarsi e  fare figli. Per fortuna gli umani sono fra le poche specie animali che vanno in estro ogni mese altrimenti ci saremmo estinti in fretta.

Non e' solo il maschio ad essere attratto dall'odore della femmina, le femmine adorano il profumo di bue muschiato, che come noto è estratto dalle ghiandole vicine ai testicoli del cervo muschiato, quindi ..profumo di palle a gogo'!

Gente, da quando l'uomo ha iniziato a vivere in capanne e soprattutto a lavarsi (quasi) tutti i giorni, gli odori dei genitali di maschi e femmine si sono sempre più  diradati, quindi ora stanno semplimente tornando!

 


RispondiQuota
Condividi:

I commenti sono chiusi.