Notifiche
Cancella tutti

Scienziato israeliano afferma che COVID-19 potrebbe essere curato per meno di $ 1 al giorno

   RSS

0
Topic starter

Scienziato israeliano afferma che COVID-19 potrebbe essere curato per meno di $ 1 al giorno

Uno studio in doppio cieco mostra che l'ivermectina riduce la durata della malattia e l'infettività • altri studi mostrano i suoi poteri profilattici

L'ivermectina, un farmaco usato per combattere i parassiti nei paesi del terzo mondo, potrebbe aiutare a ridurre la durata dell'infezione per le persone che contraggono il coronavirus per meno di 1 dollaro al giorno, secondo una recente ricerca dello  Sheba Medical Center  di Tel Hashomer.
 
Il Prof. Eli Schwartz, fondatore del Center for Travel Medicine and Tropical Disease at Sheba, ha condotto uno studio randomizzato, controllato, in doppio cieco dal 15 maggio 2020 fino alla fine di gennaio 2021 per valutare l'efficacia dell'ivermectina nel ridurre la diffusione virale tra i pazienti non ospedalizzati con COVID-19 da lieve a moderato.
 
L'ivermectina è stata approvata dalla Food and Drug Administration degli Stati Uniti dal 1987. Gli scopritori del farmaco hanno ricevuto il Premio Nobel 2015 per la medicina per il trattamento dell'oncocercosi, una malattia causata dall'infezione da un verme parassita.
 
Nel corso degli anni è stato utilizzato per altre indicazioni, tra cui scabbia e pidocchi.Inoltre, nell'ultimo decennio, diversi studi clinici hanno iniziato a dimostrare la sua attività antivirale contro virus che vanno dall'HIV e l'influenza a Zika e West Nile.
 
Il farmaco è anche estremamente economico.Uno studio pubblicato sull'American Journal of Therapeutics sottoposto a revisione paritaria ha mostrato che il costo dell'ivermectina per altri trattamenti in Bangladesh è di circa $ 0,60-1,80 per un corso di cinque giorni.Costa fino a $ 10 al giorno in Israele, ha detto Schwartz.
 
Nello studio di Schwartz, circa 89 volontari idonei di età superiore ai 18 anni a cui è stato diagnosticato il coronavirus e che soggiornano in hotel COVID-19 gestiti dallo stato sono stati divisi in due gruppi: il 50% ha ricevuto ivermectina e il 50% ha ricevuto un placebo, in base al loro peso .Hanno ricevuto le pillole per tre giorni di fila, un'ora prima di un pasto.
 
I volontari sono stati testati utilizzando un test PCR standard con tampone nasofaringeo con l'obiettivo di valutare se vi fosse una riduzione della carica virale entro il sesto giorno – il terzo giorno dopo la fine del trattamento.Sono stati tamponati ogni due giorni.
 
Quasi il 72% dei volontari trattati con ivermectina è risultato negativo al virus entro il sesto giorno.Al contrario, solo il 50% di coloro che hanno ricevuto il placebo è risultato negativo.
 
INOLTRE, lo studio ha esaminato la vitalità della coltura, il che significa quanto fossero infettivi i pazienti, e ha scoperto che solo il 13% dei pazienti con ivermectina era infettivo dopo sei giorni, rispetto al 50% del gruppo placebo, quasi quattro volte di più.
 
"Il nostro studio mostra innanzitutto che l'ivermectina ha attività antivirale", ha detto Schwartz.“Dimostra anche che c'è quasi il 100% di possibilità che una persona non sia infettiva in quattro-sei giorni, il che potrebbe portare ad accorciare il tempo di isolamento per queste persone.Questo potrebbe avere un enorme impatto economico e sociale”.
 
Lo studio è apparso sul sito di condivisione della ricerca sanitaria MedRxiv.
 
Schwartz ha affermato che altri studi simili, sebbene non tutti condotti secondo gli stessi standard in doppio cieco e placebo del suo, hanno mostrato un impatto favorevole del trattamento con ivermectina.
 
Il suo studio non ha dimostrato che l'ivermectina fosse efficace come profilassi, il che significa che potrebbe prevenire la malattia, ha avvertito, né ha dimostrato che riduce le possibilità di ricovero in ospedale.Tuttavia, altri studi hanno mostrato tali prove, ha aggiunto.
 
Ad esempio, lo studio pubblicato all'inizio di quest'anno sull'American Journal of Therapeutics ha evidenziato che "una revisione della Front Line COVID-19 Critical Care Alliance ha riassunto i risultati di 27 studi sugli effetti dell'ivermectina per la prevenzione e il trattamento dell'infezione da COVID-19. , concludendo che l'ivermectina "dimostra un forte segnale di efficacia terapeutica" contro il COVID-19".
 
"Un'altra recente revisione ha rilevato che l'ivermectina ha ridotto i decessi del 75%", afferma il rapporto.
 
MA L'IVERMECTIN non è esente da controversie e quindi, nonostante gli alti livelli di coronavirus in tutto il mondo, né la FDA né l'Organizzazione mondiale della sanità sono state disposte ad approvarlo per l'uso nella lotta contro il virus.
 
Il prof. Ya'acov Nahmias, un ricercatore dell'Università Ebraica di Gerusalemme, ha messo in dubbio la sicurezza del farmaco.
 
"L'ivermectina è un agente chimico terapeutico e presenta rischi significativi ad esso associati", ha affermato in una precedente intervista."Dovremmo essere molto cauti nell'usare questo tipo di farmaci per curare una malattia virale da cui la stragrande maggioranza del pubblico si riprenderà anche senza questo trattamento".
 
Durante lo studio di Schwartz, non c'era alcun segnale di effetti collaterali significativi tra gli utenti di ivermectina.
 
Solo cinque pazienti sono stati indirizzati agli ospedali, di cui quattro nel braccio placebo.Un paziente di ivermectina è andato in ospedale lamentando mancanza di respiro il giorno del reclutamento.Ha continuato con il trattamento con ivermectina ed è stato rimandato in albergo il giorno dopo in buone condizioni.
 
La FDA ha dichiarato sul suo sito Web di "ricevere più segnalazioni di pazienti che hanno richiesto supporto medico e sono stati ricoverati in ospedale dopo l'automedicazione con ivermectina".
 
La "FDA non ha approvato l'ivermectina per l'uso nel trattamento o nella prevenzione di COVID-19 negli esseri umani", ha affermato.“Le compresse di ivermectina sono approvate a dosi molto specifiche per alcuni vermi parassiti e ci sono formulazioni topiche (sulla pelle) per i pidocchi e condizioni della pelle come la rosacea.L'ivermectina non è un antivirale (un farmaco per il trattamento dei virus).L'assunzione di grandi dosi di questo farmaco è pericolosa e può causare gravi danni".
 
L'Organizzazione Mondiale della Sanità ha anche raccomandato di non utilizzare il farmaco tranne che negli studi clinici.
 
IN CONTRASTO, Schwartz si è detto molto deluso dal fatto che l'OMS non abbia sostenuto alcuna sperimentazione per determinare se il farmaco potesse essere praticabile.
 
Il mese scorso, l'Università di Oxford ha annunciato un ampio studio sull'efficacia dell'ivermectina.
 
Schwartz ha affermato di essersi interessato all'esplorazione dell'ivermectina circa un anno fa, "quando tutti stavano cercando un nuovo farmaco" per curare il COVID-19, e si stavano facendo molti sforzi per valutare l'idrossiclorochina, quindi ha deciso di unirsi allo sforzo.
 
"Dato che l'ivermectina era sul mio scaffale, dal momento che la stiamo usando per le malattie tropicali, e c'erano indizi che potesse funzionare, ho deciso di provarci", ha detto.
 
I ricercatori in altri luoghi del mondo hanno iniziato a esaminare il farmaco più o meno nello stesso periodo.Ma quando hanno iniziato a vedere risultati positivi, nessuno voleva pubblicarli, ha detto Schwartz.
 
"C'è molta opposizione", ha detto.“Abbiamo provato a pubblicarlo ed è stato cacciato via da tre riviste.Nessuno voleva nemmeno sentirne parlare.Devi chiederti come mai il mondo sta soffrendo".
 
"Questo farmaco non porterà grandi profitti economici", e quindi Big Pharma non vuole occuparsene, ha detto.
 
ALCUNE delle più forti opposizioni all'ivermectina sono arrivate dalla Merck Co., che ha prodotto il farmaco negli anni '80.In una dichiarazione pubblica sull'ivermectina sul suo sito Web a febbraio, ha affermato: "Gli scienziati delle aziende continuano a esaminare attentamente i risultati di tutti gli studi disponibili ed emergenti sull'ivermectina per il trattamento di COVID-19 per prove di efficacia e sicurezza.È importante notare che, ad oggi, la nostra analisi non ha identificato alcuna base scientifica per un potenziale effetto terapeutico contro il COVID-19 da studi preclinici;nessuna prova significativa per l'attività clinica o l'efficacia clinica nei pazienti con malattia COVID-19 e una preoccupante mancanza di dati sulla sicurezza nella maggior parte degli studi”.
 
Ma Merck non ha avviato alcuno studio proprio sull'ivermectina.
 
"Penseresti che Merck sarebbe felice di sapere che l'ivermectina potrebbe essere utile per i pazienti affetti da corona e provare a studiarlo, ma stanno dichiarando a gran voce che il farmaco non dovrebbe essere usato", ha detto Schwartz.“L'ha preso un miliardo di persone.Gliel'hanno dato.È un vero peccato».
 
E non andare avanti con l'ivermectina potrebbe potenzialmente prolungare il tempo necessario affinché il mondo sia in grado di vivere insieme al virus, ha affermato.
 
“Lo sviluppo di nuovi farmaci può richiedere anni;pertanto, identificare i farmaci esistenti che possono essere riutilizzati contro il COVID-19 [e] che hanno già un profilo di sicurezza consolidato in decenni di utilizzo potrebbe svolgere un ruolo fondamentale nel sopprimere o addirittura porre fine alla pandemia di SARS-CoV-2 ", ha scritto il ricercatori dell'American Journal of Therapeutics."L'utilizzo di farmaci riutilizzati può essere particolarmente importante perché potrebbero volerci mesi, forse anni, prima che gran parte della popolazione mondiale venga vaccinata, in particolare tra le popolazioni a reddito medio-basso".
 
 
Etichette discussione
1 Risposta
0

Schwartz dev'essere, oltre che vero scienziato, anche vero medico, ed è sulla linea di condotta di Raoult: prima di inventare nuovi farmaci per un virus che non è nuovo, proviamo se le molecole che abbiamo in uso possano funzionare, e pure lo staff di Marsiglia aveva presentato in una conferenza gli studi che erano stati fatti sull'ivermectina, e, al contrario di quanto affermato sopra, ne ha citato uno che l'ha trovata efficace anche nella fase di profilassi, oltre che nel diminuire la mortalità e la carica virale. Il link è in francese

Non mi stupisce invece che la Merck non voglia trarre benefici economici dall'ivermectina: forse non sanno in Israele che la Sanofi (che anche se ha perso il brevetto) si è comportata allo stesso modo nei confronti dell'idrossiclorochina, anzi, peggio, aveva indicato nel bugiardino del farmaco usato in Australia che non doveva essere prescritta nel caso di covid 19, da cui, in quel Paese, addirittura la multa ai medici che l'avessero consigliata ai loro pazienti? Credo che la risposta a simile follia si debba cercare nei laboratori di queste due case farmaceutiche: la Merck sta lavorando ad un suo monoclonale, la Sanofi al suo vaccino.

Come non mi meraviglia che vengano respinte pubblicazioni a favore dell'ivermectina e dell'idrossiclorochina, sia dei medici indiani, sia di virologi e microbiologi africani, anche di quelli, come il nigeriano Moussa Seydi, che sono ai vertici dell'indice di citazioni mondiali.

Questo post è stato modificato 2 mesi fa da emilyever
Condividi:

I commenti sono chiusi.