Notifiche
Cancella tutti

Putin verso la vittoria nel voto di riforma che potrebbe mantenerlo al potere fino al 2036 (Putin headed for victory in reform vote that could keep him in power until 2036)  

   RSS

1

https://www.nbcnews.com/news/world/vladimir-putin-headed-victory-reform-vote-could-keep-him-power-n1232688

Autore: Matthew Bodner

(Posso tradurre)

Traduzione automatica:

MOSCA - Il presidente russo Vladimir Putin sembra aver assicurato il suo futuro politico mercoledì, con il 78 per cento dei voti contati a sostegno di un controverso referendum nazionale che potrebbe vedere l'ex agente del KGB rimanere al potere fino al 2036.

Il referendum ha proposto più di 200 emendamenti costituzionali, uno dei quali prevede l'azzeramento dei limiti del mandato presidenziale, consentendo a Putin di candidarsi nuovamente nel 2024 e nel 2030, se lo vorrà.

I risultati ufficiali, dopo che il 98% delle schede era stato contato, hanno mostrato che l'ex ufficiale del KGB che ha governato la Russia per più di due decenni come presidente o primo ministro aveva facilmente conquistato il diritto di candidarsi per altri due mandati di sei anni, ha riferito Reuters.

La Commissione elettorale centrale ha dichiarato che il 78% dei voti contati nel più grande paese del mondo ha sostenuto il cambiamento della costituzione. Poco più del 21% ha votato contro, ha detto.

Il leader russo, che è stato presidente per 20 anni, ha chiesto revisioni costituzionali invocando il patriottismo e facendo una vaga promessa di assicurare il futuro della Russia.

Il Cremlino ha voluto minimizzare la ridefinizione della durata del mandato di Putin e così, nei sondaggi, sono state presentate al pubblico più di 200 altre questioni. Ma le schede elettorali erano poco più che scritte in piccolo.

Molto del voto è stato irregolare per un'elezione russa, a partire dal voto online e un'opportunità quasi settimanale per i cittadini di fermarsi ai seggi elettorali in mezzo alla pandemia del coronavirus.

Ma a parte lo scaglionamento delle votazioni, l'aspetto più innovativo delle elezioni di mercoledì è stato che i primi risultati sono stati annunciati dalla Commissione elettorale centrale ben prima della chiusura dei seggi in molte parti del Paese.

Verso mezzogiorno a Mosca sono stati annunciati i risultati dei sondaggi in Estremo Oriente (sette ore prima della capitale russa) con appena l'1 per cento circa delle urne contate.

Più tardi nel pomeriggio, con ancora quasi quattro ore di tempo a disposizione degli elettori a Mosca per votare, i funzionari elettorali hanno annunciato che il 73 per cento degli elettori ha appoggiato le modifiche proposte.

La Commissione elettorale centrale russa ha poi spiegato questi risultati "in tempo reale" come mezzo per aggiungere trasparenza al processo elettorale.

Putin ha proposto per la prima volta uno scossone costituzionale a gennaio e il voto era originariamente previsto per il 23 aprile. Ma l'epidemia di COVID-19 ha costretto il Cremlino a modificare i suoi piani politici per l'anno - ritardando il referendum, dato che l'epidemia della Russia è diventata la seconda più grande del mondo a maggio.

Alla fine di maggio, il Cremlino ha deciso di aver aspettato abbastanza a lungo e ha iniziato a fare pressione sui leader locali per revocare le misure di blocco della COVID-19 e preparare la strada per un referendum nazionale del 1° luglio.

Il coronavirus ha comunque continuato a incombere sulla campagna per il cambiamento costituzionale.

Nei seggi elettorali di Mosca, mercoledì, gli elettori hanno ricevuto maschere e guanti all'ingresso. Tuttavia, Putin non è stato visto indossare nessuno dei due, poiché ha votato all'Accademia delle Scienze russa.

Pochi dubitano che gli emendamenti passeranno, ma nelle elezioni russe una statistica più eloquente è l'affluenza alle urne, che il Cremlino vede come un sostegno alle affermazioni secondo cui i risultati delle votazioni sono una legittima espressione della volontà popolare.

Di conseguenza, quest'anno sono stati fatti molti sforzi per far uscire i russi dalle loro case - dove sono ancora ammoniti da alcune autorità per ripararsi da COVID-19 - e votare gli emendamenti proposti.

Il governo ha offerto premi alla lotteria che vanno dagli asciugacapelli ai nuovi appartamenti per chi si reca alle urne e a Mosca il governo della città ha anche indetto un concorso chiamato "Million Prizes" che prometteva di regalare quasi 145 milioni di dollari in buoni sconto scambiabili con una varietà di beni.

Sia a Mosca che nella città di Nizhny Novgorod, le autorità hanno anche sperimentato il voto online. Secondo la Commissione elettorale centrale, il 93 per cento del milione di cittadini che si sono registrati per il voto online ha votato le proprie schede.

Gli oppositori politici di Putin sono stati rapidi nel documentare le irregolarità.

Il leader dell'opposizione Alexei Navalny's movement Anti-Corruption Foundation ha pubblicato un video che mostra un seggio elettorale che si è assunto l'onere di presentare le schede per conto di una famiglia che non aveva mai votato prima.

C'è stata anche una piccola protesta a Mosca mercoledì sera.

Il risultato non mette in pietra il futuro di Putin. Gli apre la strada a un possibile mantenimento del potere fino al 2036, dandogli l'opportunità di essere il sovrano russo che ha servito più a lungo la Russia dai tempi di Pietro il Grande.

Ma dovrà condurre altre due campagne presidenziali e se sceglierà di farlo, la domanda sarà quante persone andranno a votare.

Matthew Bodner è un produttore e reporter di NBC News con sede a Mosca.

 

Articolo originale:

Putin headed for victory in reform vote that could keep him in power until 2036

MOSCOW — Russian President Vladimir Putin appeared to have secured his political future on Wednesday with 78 percent of votes counted supporting a controversial national referendum that could see the former KGB agent stay in power until 2036.

The referendum proposed more than 200 constitutional amendments, one of which will see presidential term limits reset, allowing Putin to run for the job again in 2024 and in 2030 if he chooses.

Official results, after 98% of ballots had been counted, showed that the former KGB officer who has ruled Russia for more than two decades as president or prime minister had easily won the right to run for two more six-year terms, Reuters reported.

The Central Election Commission said 78% of votes counted across the world's largest country had supported changing the constitution. Just over 21% had voted against, it said.

The Russian leader, who has been president for 20 years, made the case for constitutional revisions invoking patriotism and making a vague promise of securing Russia’s future.

The Kremlin had been keen to downplay the resetting of Putin’s length of office and so, more than 200 other issues were put to the public in the polls. But they amounted to little more than fine print on the ballot papers.

Much about the vote was irregular for a Russian election, beginning with online voting and a nearly weeklong opportunity for citizens to stop by polling stations amid the coronavirus pandemic.

But apart from the staggered voting, the most novel aspect of Wednesday’s election was that early results were announced by the Central Election Commission well before polls had closed in many parts of the country.

Around midday in Moscow, results from the polls in Russia’s Far East (seven hours ahead of the Russian capital) were announced with just around 1 percent of the ballots counted.

Later in the afternoon, with still almost four hours left for voters in Moscow to cast their ballots, election officials announced that 73 percent of the voters supported the proposed amendments.

Russia’s Central Election Commission later explained these “real time” results as a means of adding transparency to the election process.

Putin first proposed a constitutional shake-up in January and the vote was originally scheduled for April 23. But the COVID-19 outbreak forced the Kremlin to alter its political plans for the year — delaying the referendum as Russia’s outbreak became the world’s second largest in May.

In late May, the Kremlin decided it had waited long enough and began to pressure local leaders to lift COVID-19 lockdowns and pave the way for a nationwide referendum July 1.

The coronavirus has nonetheless continued to loom over the campaign for constitutional change.

At polling stations in Moscow on Wednesday, voters were issued masks and gloves upon entry. However, Putin was not seen wearing either as he voted at the Russian Academy of Sciences.

Few doubted the amendments will pass, but in Russian elections a more telling statistic is the voter turnout, which the Kremlin sees as backing up claims that voting outcomes are a legitimate expression of popular will.

As a result, much effort was expended this year to get Russians out of their houses — where they’re still being cautioned by some authorities to shelter from COVID-19 — and vote for the proposed amendments.

The government has offered raffle prizes ranging from hair dryers to new apartments for those who make their way to the polls and in Moscow the city's government also ran a contest called “Million Prizes” that promised to give away almost $145 million in vouchers exchangeable for a variety of goods.

In both Moscow and the city of Nizhny Novgorod, the authorities also experimented with online voting. According to the Central Election Commission, 93 percent of the 1 million citizens who registered for online voting cast their ballots.

Putin's political opponents were quick to document irregularities.

The opposition leader Alexei Navalny's movement Anti-Corruption Foundation published a video showing one polling station had taken it upon itself to submit ballots on behalf of a family that had never voted before.

There was also a small protest in Moscow on Wednesday night.

The result does not set Putin’s future in stone. It does pave the way for him to possibly hold on to power until 2036 — giving him the opportunity to be Russia’s longest-serving ruler since Peter the Great.

But he will have to run two more presidential campaigns and if he chooses to do so, the question then will be how many people turn out to vote.

Matthew Bodner is a Moscow-based producer and reporter for NBC News.

 

2 Risposte
0

Questo voto segue una decisione analoga del politburo Cinese, e sono entrambe conseguenze della politica estera USA, in definitiva, merita l'attenzione di CDC.

@cataldo
Grazie per l'adesione.

Oggi ho letto un articolo su Le Monde relativo alla crescente tensione tra Francia e Turchia per la Libia che richiederebbe un tuo commento:

https://www.lemonde.fr/international/article/2020/07/01/l-escalade-se-poursuit-entre-paris-et-ankara_6044870_3210.html

0

A pelle dico .... Una grave escalation ...  , le navi francesi sono state illuminate dal radar e sono tornate a casuccia, un gravissimo atto di aggressione, a sto punto è meglio non mandare quasi niente come sta facendo il nostro governo, si risparma la figura di palta del Macron; il punto è che l'embargo è inesistente sul piano politico, non certo su quello militare, Macron si ritira da una missione che in realtà non esiste.
Una posizione degna dell'ectoplasma politico che rappresenta assieme al resto d'Europa.
Questo però prendilo con le pinze che sono diverse settimane oberato dal lavoro e controllo solo le fonti minimali, di certo Haftar ha avuto problemi da quando i turchi hanno buttato nel calderone decine di droni e armamenti pesanti.

Condividi: