Home / ComeDonChisciotte / CREDENTI SOTTOPOSTI A TORTURA PER PROVARE CHE DIO ALLEVIA IL DOLORE

CREDENTI SOTTOPOSTI A TORTURA PER PROVARE CHE DIO ALLEVIA IL DOLORE

DI RUTH GLENHILL

Alcune persone verranno torturate nei laboratori dell’Universita’ di Oxford in un esperimento finanziato dagli Stati Uniti per determinare se credere in Dio aiuta ad alleviare il dolore.
Prestigiosi neurologi, farmacologisti, anatomisti, studiosi di etica e teologi esamineranno i fondamenti scientifici della credenza religiosa per valutare se e’ qualcosa di piu’ di un semplice effetto placebo.
Guidati dal barone Greenfield, il team di neurologi ed il nuovo Centro per la Scienza della Mente, useranno un sistema di immagini per scoprire in che modo la religione spirituale ed altri sistemi di credo, come la credenza illogica nell’ innata superiorita’ degli uomini, possa influenzare la coscienza.
L’ aspetto centrale dei due futuri anni di studi, finanziati con 2 milioni di dollari dalla fondazione John Templeton (US philanthropic body), coinvolgera’ dozzine di persone nel divenire soggetti per esperimenti del dolore in ambienti di laboratorio.
Durante tutto il tempo dell’agonia, ai soggetti saranno mostrati simboli religiosi come l’immagine della Vergine Maria od un crocefisso. La loro risposta neurologica sara’ misurata per determinare il valore della loro fede nell’ aiutarli a sopportare il dolore.
Lo scopo e’ sviluppare nuovi e pratici approcci “per promuovere lo stato di benessere e massimizzare le potenzialtà umane individuali”.
L’ esperimento del dolore sara’ condotto sotto la direzione di Toby Collins, per la sua esperienza nella biologia marina e sui sistemi nervosi degli invertrebati. Egli ha dichiarato che molte persone sotto l’effetto del dolore si affidano alla fede per alleviarne le pene. Alcuni hanno confidato nelle religioni o in secolari sistemi terapeutici.

Collins ha affermato che gli esperimenti includeranno simulazioni non-invasive di bruciature e saranno condotte in accordo a precise regole etiche. Il Dr Collins ha inoltre dichiarato:” Simuleremo una sensazione di bruciatura per vedere come le persone, attraverso la distrazione e usando diverse strategie, possono modulare e ridurre i livelli di dolore.”
John Stein, un neoroscienziato del dipartimento di psicologia di Oxford, ha dichiarato:” Il dolore è stato un punto centrale per molti problemi religiosi su cui altri pensatori si gia’ sono concentrati”.
Il professor Stein ha detto che la gente si differenzia molto secondo il grado con cui percepisce il dolore. “ Cio’ che vogliamo fare e’ correlare questo con le loro fondamentali credenze.”
Lo studio è considerato di vitale importanza alla luce dell’attuale situazione mondiale, considerato il ruolo delle religioni fondamentaliste nel terrorismo internazionale. Una migliore comprensione della psicologia della fede, le condizioni che portano alla sua cementificazione della mente e la sua utilita’ nella giustificazione del dolore potrebbero essere cruciali per contrastare il terrorismo nel futuro.
Gli scienziati sono rimasti per molto tempo perplessi riguardo la persistenza di queste credenze di apparente logica inconfutabile.

Il professor Lewis Wolpert, biologo, ha formulato congetture in passato sul fatto che il modo in cui il mondo e’ stato creato e cio’ che accade dopo la morte potrebbe aver conferito un vantaggio evolutivo.
Il nuovo centro indaghera’ come le persone formano il loro credo e come la mente lavora in relazione alla fede. Gli scienziati esamineranno che cosa spinge la gente a cambiare la propria credenza, e come questo condiziona la mente. Lady Greenfield, professore di Farmacologia Sinaptica ad Oxford e direttrice del Royal Institution britannico nel Mayfair, nel centro di Londra, ha dichiarato:” Secondo quanto mi e’ noto sapere, questo centro sara’ il primo del suo genere nel Regno Unito, se non in Europa. Raccoglie in se’ l’uguale numero di accademici dall’ umanistica alla scienza, impegnati sullo stesso problema.”

Ruth Gledhill ( Corrispondente per la Religione )
Fonte:www.timesonline.co.uk/article/0,,2-1436161,00.html
12.01.05

LA TORTURA NEL PASSATODuemila anni fa, la crocifissione era la pratica favorita per la tortura e l’ esecuzione. I Cristiani venivano anche cuciti alla pelle di feroci animali o di cani che poi venivano liberati contro di loro.

La tortura fu usata dall’ Inquisizione dall’ inizio del 1232 quando l’ impero di Federico II pubblico’ un editto contro gli eretici.
L’ Inquisizione spagnola del 15th secolo fu applicata inizialmente ai Marranos, ebrei battisti sospettati di essere ritornati alla loro vecchia fede.

Traduzione per Comedonchisciotte a cura di Manrico Toschi

Pubblicato da Davide