Home / ComeDonChisciotte (pagina 504)

ComeDonChisciotte

Categoria generica

SI FA PRESTO A PARLARE DI COSTITUZIONE EUROPEA

DI GIULIETTO CHIESA Sgombriamo il campo dall’ insopportabile retorica di questi giorni. Quello firmato a Roma è un Trattato («che istituisce una Costituzione Europea»), frutto di una conferenza intergovernativa. Un compromesso tra governi, che dovrà essere ratificato dai parlamenti nazionali (eventualmente con un passaggio referendario) e che non prevede una ratifica del parlamento europeo. È dunque un percorso che fino ad ora è avvenuto a un livello di seconda rappresentanza e che prevede di rimanervi. I popoli europei non vi …

Leggi tutto »

FALLUJAH: Mujahideen Reject Ceasefire, Wipe Out US Column

Nov 14, 2004 By Omar al-Faris, JUS In a report in early this morning, Fallujah Mujahideen have rejected the US request for cease fire and have wiped the besieged American column on Al-Hadhrah street. After the American occupation forces made several military attempts to break the siege around their battalion that had been encircled by Mujahideen on Al-Hadhrah street for several days, they were unable to dislodge it. When those military attempts failed, they resorted to peaceful solution by requesting …

Leggi tutto »

ARRIVISMO PADANO

Bossi, in Europa il fratello e il figlio del Senatur DI GIAN ANTONIO STELLA In attesa che Umberto Bossi sia pronto al gran rientro (auguri), la Lega Nord guarda al futuro. E ha mandato a prendere confidenza con Bruxelles e le istituzioni comunitarie, nel mentre crescono i giovani eredi Renzo, Roberto Libertà ed Eridanio, un altro paio di appartenenti alla Real Casa Senatùria: Franco Bossi (il fratello) e Riccardo Bossi (il figlio primogenito). Assunti presso il Parlamento europeo con la …

Leggi tutto »

ANCHE ISRAELE BOICOTTO' LA PACE

DI MASSIMO FINI Non mi è mai piaciuto Yasser Arafat e non ho mai avuto una particolare simpatia per la causa palestinese. Hanno sempre avuto, l’uno e l’altra, molti interessati difensori in Europa perché io sentissi il bisogno di aggiungervi la mia sia pur modesta voce. La mia simpatia va ai popoli che non hanno «santi in Paradiso», come i curdi che, per non essere né cristiani né ebrei né arabi, sono sempre stati massacrati da tutti, a cominciare da …

Leggi tutto »

UN VOTO DI RAZZA, UN VOTO DI CLASSE

DI ULISSE Il voto americano non e’ stato un voto per la conservazione di valori morali, ma per la conservazione della gerarchia socioeconomica. I cartogrammi della distribuzione del voto per contea nelle elezioni presidenziali americane del 2 novembre ( vedi http://www.rekombinant.org/article.php?sid=2462) mostrano una realta’ molto piu’ sfumata e complessa della rappresentazione offerta dai media: il paese non e’ diviso geograficamente in maniera netta tra stati ‘costieri’ (oceanici e lacustri, per cosi’ dire) democratici e stati interni e del sud repubblicani. …

Leggi tutto »

LOCALIZZARE ANZICHE' GLOBALIZZARE, LA META DI UN' ECONOMIA DIVERSA

DI MARIA MIES Il concetto “localizzare anziché globalizzare” non significa solamente un restringimento degli spazi economici. Implica un’ altra prospettiva, un altro modello di economia e società rispetto a quello capitalistico-patriarcale regnante. Io questo modello lo chiamo “economia dell’ iceberg”. Korten/Shiva e Perlas lo chiamano “economia del suicidio”. Questa nuova economia deve partire innanzitutto da una diversa definizione di “buona qualità della vita”. Alcune considerazioni in campo ecologico ci hanno dimostrato come il modello attuale di “buona qualità della vita”, …

Leggi tutto »

IL TG5 DIRETTO DA PHILIP DICK

DI MCSILVAN Per restare a galla, all’informazione non resta che la rappresentazione del lutto, l’esibizione del cadavere, il feticismo del luogo del delitto. Ieri sera ho consultato, a cavallo delle otto, il televideo e il telegiornale di canale 5. Prima la lettura delle pagine di mediavideo poi l’ascolto dei titoli di testa. Questi ultimi, tra funerali, cerimonie di commemorazione funebre e richiami giornalistici ai delitti davano l’idea che all’informazione mainstream, per restare a galla, non resti che la rappresentazione del …

Leggi tutto »

ARAFAT UNA MORTE 'POLITICAMENTE' OPPORTUNA

DI FRANCO CARDINI Va subito detto — e, badate, è un parere strettamente personale — che sono rimasto sorpreso e scandalizzato per la notizia, spero falsa, secondo la quale il governo israeliano non concederebbe ad Yasser Arafat il diritto di essere sepolto a Gerusalemme, come desiderava e come era suo diritto, e avrebbe addirittura confiscato quella porzione di terra che a tal fine il Raïs aveva da tempo acquistato. La cosa, se fosse vera, aprirebbe fra l’altro un capitolo almeno …

Leggi tutto »

IL CROLLO DELL'IMPERO E' IL DOMINIO DELL'IMPERO

DI GIUSEPPE GENNA La situazione olandese, visti gli ultimi sviluppi, sta diventando una sorta di vetrino da microscopio: riassume, nella sua totalità, il baratro europeo, l’abisso occidentale. Che è pura sofferenza. Non si sa se da doglia di parto o da entrata in coma irreversibile. Certo è che, nelle sue linee essenziali, la trasformazione dell’Olanda, che sta violentemente scuotendo un popolo e un modello di vita, serve a osservare da vicino a quali risposte dovremo dare domande sempre più appassionate …

Leggi tutto »

IL DIBATTITO TRUCCATO SUGLI OGM

Il professor Umberto Veronesi ha rilanciato la discussione attaccando la sinistra e gli intellettuali retrogradi che si schierano sempre su posizioni di principio. Come stanno davvero le cose? Le riviste scientifiche sono quasi sempre messe da parte, così i ragionamenti diventano aleatori. E’ il modo peggiore di affrontare la questione che si carica di luoghi comuni senza riscontro. Ecco qualche esempio DI FRANCO CARLINI Con aggressività davvero inusitata per un uomo solitamente riflessivo, il professor Umberto Veronesi, fondatore della Fondazione …

Leggi tutto »

IL PROBLEMA AMERICA

Intervento di Giulietto Chiesa sul tema “Bush raddoppia: la Sinistra Europea davanti alla sfida dei neocons Usa” Roma, 12 novembre 2004, sede dell’Autorità Garante per i dati personali, Piazza Montecitorio DI GIULIETTO CHIESA Concordo con Luciana Castellina quando afferma che il problema non è Bush ma l’America di oggi e ne prendo spunto per soffermare l’attenzione su un aspetto del problema finora ignorato nei commenti di stampa e nel dibattito italiano. Mi pare che sia più importante riflettere su quella …

Leggi tutto »

TEMPO SCADUTO

Da oggi Rossella è il direttore del TG5 al posto di Mentana. Proponiamo un suo articolo di febbraio 2003 che aiuta a capire il futuro dell’informazione in Italia. Tempo scaduto di Carlo Rossella Perché, dopo le prove raccolte dagli Usa, è arrivato il momento di passare all’azione contro l’Iraq. Anche prima dello stupefacente rapporto (Iraq failing to disarm) del segretario di stato Colin Powell al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite era chiaro che l’Iraq non avesse risposto alla risoluzione …

Leggi tutto »

LA MALATTIA DELL'AFRICA SIAMO NOI

Perché, a 50 anni dalla decolonizzazione, un intero continente è squassato da guerre, crisi sociali e malattie? E soprattutto, i bianchi se ne sono mai andati? DI SABINA MORANDI Perché, a quasi cinquant’anni dall’inizio della de-colonizzazione, l’intero continente è sconquassato da guerre, crisi sociali e malattie? Perché, una volta che i padroni bianchi hanno fatto le valige, non è emersa nessuna leadership decente in grado di traghettare il proprio paese al di fuori del sottosviluppo e della fame? Ci sono …

Leggi tutto »

PACE PER LORO SIGNIFICA GUERRA

DI ARUNDHATY ROY A volte nei vecchi cliché c’è un fondo di verità. Non può esserci una pace vera senza giustizia. E senza opposizione non ci sarà vera giustizia. Oggi, non è solo la giustizia in se stessa a essere sotto attacco, ma l’idea di giustizia. L’assalto alle sezioni vulnerabili e fragili della società è così totale, crudele e abile che la sua sottile audacia ha intaccato la nostra definizione di giustizia. Ci ha forzato a limitare le nostre vedute …

Leggi tutto »

L'ESERCITO USA E L'USO DI ARMI CHIMICHE A FALLUJA

FALLUJA, 10 novembre 2004 Viene riferito da più fonti che l’esercito USA stia usando armi chimiche e gas velenosi nella sua offensiva su larga scala contro Falluja, baluardo della resistenza irachena. Un triste ricordo delle gassazioni dei Curdi avvenute nel 1988, per mano, presumibilmente, di Saddam Hussein. “Le truppe di occupazione statunitensi stanno usando gas e armi chimiche bandite a livello internazionale sui combattenti della resistenza” hanno dichiarato alcune fonti della resistenza all’agenzia Al-Quds Press, mercoledì 10 novembre. “L’impiego di …

Leggi tutto »

Dal teorema Calogero al ''delitto di difesa''

Gran parte delle detenzioni di cui si è occupata Amnesty International [nel 1981] riguardano cittadini sospettati dei reati di associazione sovversiva (art. 270) e di partecipazione a banda armata (art. 306). Amnesty International si è occupata della vaghezza e debolezza delle prove impugnate per giustificare tali prolungate detenzioni. In molti casi le imputazioni originarie sono state lasciate cadere e immediatamente sostituite con nuove accuse. Questo ha permesso all’autorità giudiziaria di prolungare la carcerazione preventiva di molte persone, pur rimanendo nei …

Leggi tutto »

ULTIMO SALUTO

DI MARCO BAZZATO Yasser Arafat è morto, si è spento in un ospedale militare francese, il vecchio guerriero che per quarant’anni ha guidato il popolo palestinese e negli ultimi anni era costretto nel bunker a Ramallah, ha dato il suo addio in silenzio, distante dai riflettori e morendo nell’umana malattia. Il terrorista è divenuto statista ed ora il potere da lui detenuto in modo totalitario per anni, sarà diviso, e dovranno dar prova d’essere all’altezza “dell’Illustre predecessore” Non è il …

Leggi tutto »

USA:QUESTO PARTITO E' FINITO

DI JOHN CARUSO Sì, l’hanno veramente fatto esplodere in mille pezzi. Considerate solo per un istante la paralizzante verità della presente situazione: il Partito Democratico, sotto la guida del DLC – Democratic Leadership Council – è riuscito nell’impresa di perdere per ben due volte la Casa Bianca a favore di George Bush! No, davvero: George Bush! Sì, davvero: per ben due volte. Giuro che non mi sto inventando delle storie. Non soltanto quello, ma in qualche maniera nel 2004 sono …

Leggi tutto »

L'ASSALTO NEOCON ALL'EUROPA

DI GIUSEPPE GENNA Non esiste differenza tra il regime tecnocratico che ha deciso di creare un continente unico (quello che già esisteva, cioè il Vecchio) e il regime fondamentalista che ha deciso di distruggere un continente differenziato (cioè l’ultimo arrivato tra i continenti: il Nuovo, sezione nord). I grandi innovatori sono conservatori: neocon, appunto, i reazionari che propalano il nuovo che è vecchio. Neocon è, risaputamente, la maggioranza dell’Amministrazione Bush e, soprattutto, la quasi totalità dell’esercito ideologico che ne ha …

Leggi tutto »

UN IRAK SICURO E PACIFICO

DI SHERIF EL SEBAIE Più sicuro e pacifico di cosi si muore: ieri  tre membri della famiglia del “presidente” iracheno sono stati rapiti da alcuni uomini armati appartenenti ad un’organizzazione islamica che ora chiede la sospensione dell’attacco a Falluja e la liberazione di detenuti e detenute. Mi viene da pensare che Allawi non ci tenesse più di tanto a moglie e suocera: cosi ha pensato di sbarazzarsi di entrambe in un colpo solo, inscenando – o favorendo – un rapimento 🙂 oppure, …

Leggi tutto »

CASO FRANZONI:VA IN SCENA IL PROCESSO MEDIATICO

DI MASSIMO FINI Martedì sera ho assistito su Rai Uno, l’ammiraglia della Tv pubblica, al processo parallelo e mediatico che l’onorevole Bruno Vespa ha messo in piedi nel suo «Porta a porta» sulla vicenda di Cogne e l’assassinio del piccolo Samuele. Se i processi si fanno in Tribunale una qualche ragione c’è. Perché in Tribunale c’è un giudice a ciò adibito e preparato, una Pubblica accusa, la difesa e una serie di procedure per garantire la regolarità del processo. Nel …

Leggi tutto »

IL MISTERO DI MRS. PALESTINE

Suha Arafat fa la parte della cattiva. Ma lo scontro con la dirigenza palestinese va oltre i soldi DI PAOLA CARIDI Suha Arafat non è un personaggio popolare, per le strade palestinesi. Tanto più impopolare, ieri, dopo il ballon d’essai gettato dagli schermi – guarda caso – di Al Jazeera. Popolare nel mondo arabo, ma popolarissima tra i palestinesi che la considerano la tv che ha trasmesso al mondo le immagini della loro cronaca e storia recente, le immagini della …

Leggi tutto »

CHE DIO CONDANNI L'AMERICA

Briciole di saggezza dal Vecchio testamento DI ROBERT JENSEN Dopo aver sentito i discorsi di Kerry e Bush, di riconoscimento e di vittoria rispettivamente, terminare entrambi con l’immancabile “Dio benedica l’America”, ho deciso di chiudere tutti i miei discorsi politici futuri con l’invocazione “Dio condanni l’America”, citando la Bibbia a suo sostegno. Molti nel movimento contro la guerra e contro l’impero tendono al linguaggio pacifista del Vangelo quando invocano la religione, ma io ho preferito sempre i cosiddetti “profeti minori” …

Leggi tutto »

USA, LA WATERLOO DEI LIBERAL

Napoleone dovette perdere due volte prima di capire, dopo Waterloo, che la sua sconfitta annunciava un cambiamento storico; Bush ha dovuto vincere due volte perché i liberal percepissero che stiamo entrando in una nuova era. La posta in gioco non è l’Iraq ma un nuovo ordine mondiale e il ruolo degli Usa nel XXI secolo. Dobbiamo tuttavia rallegrarci per la vittoria di Bush: quella di Kerry avrebbe offuscato le linee di conflitto del futuro, che ora saranno chiarissime. Compito immediato, …

Leggi tutto »

GENTILE REDAZIONE GENERALE LIBRERIA FELTRINELLI

… laddove riscontrasse la mancanza di libri appartenenti alle nostre edizioni, siamo disponibili a considerarli copie omaggio [!] Gentile attenzione direzione generale Libreria Feltrinelli Largo Argentina, per conoscenza alla stampa Gentile Giuliana Dolci,

Leggi tutto »

THE ROVING EYE: The real fury of Fallujah

By Pepe Escobar “The Romans create a desolation and call it peace.” – Tacitus “The enemy has a face. It is Satan’s. He is in Fallujah, and we are going to destroy him.” – Colonel Gary Brandl, US Marines President George W Bush is “reaching out” to Fallujah – the first major foreign policy initiative of the second Bush administration. The name: Operation Phantom Fury. The strategy: precision-strike democracy. The message: kill them all, and let God sort them out.

Leggi tutto »

ZONA CREPUSCOLARE / SHALOM, HAVER

“Oggi ho saputo che i sondaggi indicano che il 60% degli israeliani spera che Arafat muoia. E’ una notizia che mi fa molto male e mi fa andare in collera. Quando l’unico partner che abbiamo avuto, Yitzhak Rabin, venne assassinato, so che molte furono le famiglie palestinesi che versarono lacrime per la sua morte. L’altro fronte può certamente piangere per chi ha la giustizia dalla sua parte e dalla parte della sua nazione. E’ quello che vorrei accadesse anche nella …

Leggi tutto »

La giustizia come mezzo di controllo e oppressione

di Carsten Heinrigs Tutti sappiamo quello che accadrà: lo spettacolo dei processi contro Saddam e altri membri del precedente governo iracheno. Gli occupanti e i loro rappresentanti iracheni hanno disperatamente bisogno di un colpo propagandistico per giustificare se stessi. Cosa c’è di meglio che costruire la demonizzazione di Saddam, miscelare qualche informazione, molte mezze-verità e bugie e riempire libri di storia per indottrinare sia il popolo del paese aggressore (in preparazione di una sempre prossima guerra) sia il popolo iracheno …

Leggi tutto »

LA MONTAGNA NON PUO' ESSERE SCOSSA DAL VENTO

La vita senza Arafat DI RAMZY BAROUD Se la malattia del leader Palestinese Yasser Arafat e l’inattesa partenza per la Francia rappresentano la conclusione di un’era, come hanno notato alcuni in maniera avventata, questo è perché l’assenza di Arafat, anche come un simbolo vivente, è un questione portatrice di grandi conseguenze. Ma detto questo, non dobbiamo indulgere nel travisare la lotta Palestinese riducendola alla legalità di un uomo. È ancora troppo presto per valutare il contributo di Arafat alla marcia …

Leggi tutto »

CHOMSKY A BARNARD SULLE ELEZIONI USA

Caro Chomsky, sono Paolo Barnard* della RAI di Roma, autore del servizio “L’altro terrorismo” che ha visto la sua inestimabile partecipazione. Mi posso immaginare come lei si senta in questo momento. Tuttavia non possiamo mancare di vedere i due punti che seguono. 1) Quattro anni di attivismo civile senza precedenti, di dimostrazioni di massa, di film, di libri, di soffiate e scandali, e altro.. in altre parole un fuoco di sbarramento continuo contro l’amministrazione Bush hanno prodotto questo! (la vittoria …

Leggi tutto »