Home / 2019 / Maggio

Archivi mensili: Maggio 2019

La punizione finale di Julian Assange ricorda ai giornalisti che il loro lavoro è scoprire quello che lo stato tiene nascosto

  ROBERT FISK independent.co.uk Se faremo il nostro lavoro, renderemo pubblica quella stessa, vile menzogna dei nostri governanti che ha causato questo rigurgito di odio verso Assange, Manning e Snowden. Comincio ad essere un po’ stanco dello US Spionage Act. Del resto, è  molto tempo che sono anche abbastanza stufo della saga di Julian Assange e di Chelsea Manning. Nessuno vuole parlare delle loro personalità perché sembra che a nessuno vadano molto a genio queste due persone, anche a chi …

Leggi tutto »

È tutta colpa sua

DI SAVINO BALZANO lintellettualedissidente.it Il risultato elettorale del Movimento 5 Stelle è disastroso: una Caporetto senza precedenti che permette ad un Salvini blindatissimo di prendere in mano le redini del governo. Chi sbaglia paga, quindi Di Maio deve lasciare subito il comando per permettere al Movimento di riassorbire la botta e continuare a crescere. La strada che si prospetta è una sola: scegliere un nuovo leader e diventare un grande partito populista di sinistra. Che poi, alla fine, comunque vadano …

Leggi tutto »

Il Naufragio dei Gilets Jaunes

DI MICHEL ONFRAY michelonfray.com Il vantaggio con BHL (Bernard Henry-Levy ) [1] è che si sbaglia continuamente e basta pensare il contrario di quello che lui scrive o dice, per essere sicuri e certi di stare nel vero. È una vera performance intellettuale, un destino unico nella stessa storia delle idee, il fatto di essere la bussola che indefettibilmente indica il Sud! Promuovendo se stesso e il suo One Man Show in tutte le capitali d’Europa dove le sale si riempiono …

Leggi tutto »

L’Italia manda in campo la sua “moneta parallela” e sfida l’ultimatum della UE

DI AMBROSE EVANS PRITCHARD telegraph.co.uk “Io non governo un paese in ginocchio”, ha detto Matteo Salvini dopo aver stravinto le elezioni europee in modo ancora più chiaro di quelli del partito della Brexit. Da notare bene l’uso di un “maestoso IO”: Salvini si sente già padrone di Roma. Le élite della zona euro cominciano a vedere in fondo al barile, una rivolta degli economisti italiani e una valuta parallela: I sovversivi “minibot” stanno per tornare in campo. Nessuno riesce più …

Leggi tutto »

Petty politics

DI TONGUESSY comedonchisciotte.org D’accordo: le pratiche democratiche, intese come politiche del conflitto fatte scorrere entro alvei più o meno determinati, sono ormai pezzi di modernariato legati a concetti quali le classi e le relative identità. Roba buona per i mercatini di Natale, o giù di lì. Gli eserciti di allora, addestrati attraverso una catena di comando ben organizzata, si affrontavano a viso aperto mostrando con orgoglio i propri vessilli frutto di anni di elaborazioni e strategie. Il neoliberismo dopo avere …

Leggi tutto »

Sì, il gruppo Bilderberg mi ha invitato alla sua riunione. Vi spiego perché mi interessa partecipare

DI STEFANO FELTRI ilfattoquotidiano.it Da qualche ora ricevo complimenti o richieste di chiarimento perché sono stato invitato alla annuale riunione del gruppo Bilderberg, in Svizzera, come hanno riportato alcuni siti. I complimenti mi sembrano eccessivi, ai chiarimenti rispondo in maniera sintetica e poi argomentata. Versione sintetica: faccio il giornalista, quindi sono curioso, mi interessa partecipare a un evento di cui tanto si discute e che riunisce personalità che qualunque giornalista vorrebbe avvicinare. Versione estesa dell’argomentazione. Qualche anno fa il sito …

Leggi tutto »

E’ la vittoria del variegato partito dei corrotti. (Un breve commento sulle elezioni europee)

DI MASSIMO FINI ilfattoquotidiano.it E’ la vittoria del variegato partito dei corrotti, cosa che non dovrebbe poi meravigliare più di tanto visto che in Italia sono la stragrande maggioranza. La parola “legalità” non ha diritto di cittadinanza nel nostro Paese. La sera di domenica nelle varie no-stop televisive i conduttori e soprattutto i commentatori non riuscivano a trattenere l’esultanza per il tonfo dei 5Stelle, mentre dalle finestre aperte delle ricche e borghesi case milanesi si udivano grida di trionfo, come …

Leggi tutto »

Polvere di stelle

DI ROSANNA SPADINI comedonchisciotte.org Dopo la solenne mazzolata alle europee, grida d’allarme e pianti isterici si sono levati sui social, per l’emorragia colossale di consensi fuoriuscita dal M5S, mentre opinionisti di ogni genere sono subito corsi ad analizzare motivi e cause di una tale clamorosa débacle. Probabilmente, dato lo scarso coinvolgimento suscitato in genere dalle elezioni europee, una parte dell’elettorato potrebbe tornare alle politiche, comunque la leadership pentastellata non si è certo distinta per coerenza e rispetto delle fantomatiche promesse …

Leggi tutto »

A grandi passi verso la Crisi

DI FEDERICO DEZZANI federicodezzani.altervista.org Si sono svolte le elezioni per il rinnovo del Parlamento europeo: i partiti “sovranisti” aumentano i seggi, ma restano ininfluenti nel nuovo emiciclo, dove la grande coalizione di popolari e socialisti si allargherà ai liberali. Regno Unito e Italia appaiono però sempre più distanti dal Continente: l’exploit del partito Brexit rafforza lo scenario di un’uscita inglese dall’Unione Europea senza accordo, mentre l’affermazione della Lega isola ulteriormente l’Italia, incamminata verso una silenziosa uscita dall’eurozona. Gli angloamericani lanceranno …

Leggi tutto »

Sui veri risultati italiani delle Europee 2019. Non facciamoci abbagliare da percentuali di percentuali

  FONTE: WUMINGFOUNDATION.COM [Stamane abbiamo pubblicato su Twitter una catena di tweet coi nostri primi spunti di riflessione sul risultato elettorale. Abbiamo deciso di pubblicarli anche qui, in forma di articolo, con alcune modifiche e integrazioni. Buona lettura. WM] Un solo esempio per far capire quanto l’astensione al 44% distorca la “fotografia” e renda i ragionamenti sulle percentuali dei votanti – anziché del corpo elettorale – del tutto sballati: alle politiche del 4 marzo 2018 il PD prese 6.161.896 voti. …

Leggi tutto »

Mettere il mondo al riparo dal caos scatenato dagli USA non è compito facile

  FEDERICO PIERACCINI strategic-culture.org La politica estera di Donald Trump dipende molto dallo sfruttamento degli strumenti tipici del potere imperiale: il terrorismo economico, le minacce di guerra, le pressioni diplomatiche, le guerre commerciali, ecc. Ma, con il ricorrere ad un vero e proprio imperialismo, [l’America] si sta isolando internazionalmente dagli alleati tradizionali e contribuisce all’aumento delle tensioni sullo scacchiere globale, portandole ad un livello mai visto. Minacce di guerra contro il Venezuela, la Corea del Nord, la Siria e l’Iran …

Leggi tutto »

Solo la ribellione eviterà un’apocalisse ecologica

DI GEORGE MONBIOT TheGuardian.com Non verrà nessuno a salvarci. Serve che una disobbedienza civile di massa spinga i politici a dare una risposta  “C’è gente che già vive la catastrofe della natura, ma a differenza di quelli che vivono nel mondo ricco, non può più permettersi di crogiolarsi nella disperazione ed è costretta a rispondere in modo pratico.” – Foto: Guillem Sartorio / AFP / Getty Images Se ci fossimo impegnati a prevenire la catastrofe ambientale, con gli stessi sforzi …

Leggi tutto »

Fuori e dentro l’Italia

DI CARLO BERTANI carlobertani.blogspot.com L’apparenza inganna: delle elezioni che hanno mostrato quanto il “monster” europeo sia più forte e ramificato di quanto immaginavamo – e che sono state una sconfitta per tutti coloro che guardano all’Europa come il fumo negli occhi – sembra che avranno soltanto effetti sulla politica italiana (della Francia ed altri Paesi, in questa, sede, non ci occuperemo), dove sono al governo due partiti euro-scettici. Ma quali effetti? Sono più interessanti del previsto. Partiamo dello sconfitto, che …

Leggi tutto »

A noi Orwell ci fa un baffo

DI ANDREA ZHOK facebook.com Dati alla mano, in UE si formerà un governo fotocopia del precedente, solo un po’ più magro e incattivito, un governo formato da PPE, PSE + i liberaldemocratici di ALDE. Sarà questa maggioranza che eleggerà il prossimo presidente della BCE, e visto lo scampato pericolo sarà finalmente uno deciso a mettere in riga i paesi che turbano il guidatore – cioè il governo della finanza. E, sappiatelo, ne ha tutti i mezzi, perché a quel signore …

Leggi tutto »

Non posso più essere giornalista. Motivi.

DI PAOLO BARNARD paolobarnard.info Io ero giornalista quando potevo fare quello che vedete in foto. Era un altro universo, secolo, epoca, oggi scomparsi per me. C’è un mio video che è circolato molto e in cui lascio una specie di “testamento“, indicato nel mio recente articolo sui metodi ‘fai-da-te’ di procurarsi eutanasia quando il morire ci riduce il fine-vita a un insulto alla dignità e ad un’agonia per nulla, mentre né medici né familiari sanno o possono aiutarci a spegnerci …

Leggi tutto »

L’incidente del Boeing 737 Max mette in luce un serio problema dei vecchi 737 NG

  MOON OF ALABAMA moonofalabama.org La flotta dei Boeing 737 MAX sarà costretta a rimanere a terra più a lungo del previsto. Boeing ha promesso un nuovo pacchetto software per correggere i gravi problemi a carico del Sistema di Aumento delle Caratteristiche di Manovra (MCAS). La nuova versione avrebbe dovuto essere pronta in aprile. Ad un mese di distanza, non è ancora pervenuta alla Federal Aviation Agency, a cui occorrerà almeno un mese per certificarla. La FAA non sarà l’unica …

Leggi tutto »

‘Scontro di civiltà’ o crisi di civiltà?

DI PEPE ESCOBAR informationclearinghouse.info Le prospettive degli attuali leader occidentali lasciano intendere che l’umanità farà fatica a superare il XXI secolo Altro che dimostrazione soft di potere: Pechino questa settimana ha ospitato la Conferenza sul Dialogo delle Civiltà Asiatiche. Organizzato sotto diretta supervisione di Xi Jinping, si è svolto in occasione di un “Carnevale della Cultura Asiatica”. Certo, il sottofondo era abbastanza kitsch, ma ciò che ha avuto veramente importanza sono state le parole rivolte da Xi a Cina ed …

Leggi tutto »

Il lato Greco delle Elezioni

DI PANAGIOTIS GRIGORIOU greekcrisis.fr Panagiotis Grigoriou descrive il desolato panorama elettorale greco, con elezioni a tutti i livelli ed oltre 70 mila (!) candidati e nessuno che faccia politica, perchè la politica è ormai vista come una delle poche (l’unica?) fonte di reddito sicuro e tutti ci provano, con l’aiuto viscido e interessato dei media. Per questo i greci più avveduti hanno spento da tempo radio e TV, come il loro grande avo, Yorgos Seferis, fece a suo tempo con …

Leggi tutto »

Julian Assange ha subìto gravi danni psicofisici nell’ambasciata ecuadoriana, dicono i dottori

DI JAMES RISEN informationclearinghouse.info Una dottoressa statunitense, che negli ultimi due anni ha condotto diverse valutazioni di carattere psicofisico su Assange nell’ambasciata ecuadoriana di Londra, dice di credere di esser stata spiata, e che la riservatezza della sua relazione medico-paziente sia stata violata. La dott.ssa Sondra Crosby, professoressa associata di Medicina e Sanità Pubblica presso l’Università di Boston, nonché esperta sulle conseguenze della tortura su corpo e psiche, nella propria carriera ha valutato parecchi detenuti delle carceri statunitensi, compresi coloro …

Leggi tutto »

Analnatrac… la magia che fa cadere le Stelle in Europa

DI ALESSANDRO GUARDAMAGNA comedonchisciotte.org Da quando è diventato forza di governo il MoVimento ha inevitabilmente dovuto accettare alcuni compromessi, come era prevedibile. Se vuoi avere un alleato, in politica come in guerra, che per Clausewitz era la naturale continuazione della prima, quello si sacrifica per te solo nella misura in cui tu ti sacrifichi per lui. E’ un gioco che entrambi devono rispettare, per cui niente da eccepire se Di Maio apparentemente incespica difendendo alcune posizioni scomode di Salvini. Negli ultimi …

Leggi tutto »

Un egemone sotto scacco

DMITRY ORLOV cluborlov.blogspot.com Secondo l’opinione di molti commentatori, in ogni caso intelligenti e ben informati, una guerra tra Stati Uniti e Iran potrebbe scoppiare in qualsiasi momento. Le loro prove a favore di questa teoria consistono in alcune portaerei americane che si suppone siano in rotta verso il Golfo Persico, zona di mare che l’Iran ha minacciato di bloccare in caso di attacco. Per arrivare ad un risultato del genere, l’Iran non dovrebbe comunque fare nessuna azione cinetica; sarebbe sufficiente …

Leggi tutto »

Non è abbastanza, ma la strada è quella giusta. (La ”ProteggiAnimali” Del M5S)

DI ANDREA SCANZI facebook.com Ho sempre detto che le tre figure governative che più hanno la mia stima – in mezzo a tanti altri che ne hanno poca o nulla, e in mezzo a un governo che alterna buone cose a sterco vero – sono Conte, Costa e Bonafede. Del secondo si parla poco, eppure Luca Mercalli – uno dei tanti “scomparsi” dalla Rai durante il democraticissimo Pd renziano – ha detto che Costa è il miglior ministro dell’ambiente che …

Leggi tutto »

Un grosso colpo per Huawei: anche le aziende straniere che producono tecnologia stanno valutando la sospensione della partnership commerciale

MARKO MARJANOVIC checkpointasia.net I fornitori di Huawei in Giappone, Corea del Sud, Taiwan (ROC) e Gran Bretagna stanno valutando la possibilità continuare a mantenere rapporti commerciali con Huawei, mentre alcuni hanno già dichiarato che sospenderanno la collaborazione commerciale. Il problema è che queste società non americane usano comunque componenti basati su tecnologie americane e, se continuassero i rapporti commerciali [con Huawei], verrebbero sanzionate dagli stessi Stati Uniti. È lo stesso motivo per cui l’azienda russa Sukhoi non ha venduto gli …

Leggi tutto »

I Gilet Gialli di Francia: sei mesi di lotta

DI RICHARD GREEMAN counterpunch.org Vi scrivo da Montpellier, in Francia, dove sono un osservatore-partecipante nel movimento dei Gilet Gialli, che dopo sei mesista ancora andando a gonfie vele, nonostante la mancanza di informazioni nei media internazionali. Ma perché dovreste prendervi il tempo per saperne di più sui Gilet Gialli? La risposta è che la Francia ha rappresentato per oltre due secoli il modello classico per l’innovazione sociale, e questo movimento sociale unico e originale ha un enorme significato internazionale. I Gilet …

Leggi tutto »

Michel Onfray: “La teoria di genere prepara il transumano, obiettivo finale del capitalismo”

DI SAMUEL PRUVOT E HUGUES LEFEBRE famillechretienne.fr Il saggista e filosofo Michel Onfray dà alle stampe un libro nel quale costruisce una teoria della dittatura appoggiandosi all’opera di George Orwell. In questo libro afferma che noi siamo entrati In un tipo di società totalitaria che distrugge la libertà, abolisce la verità e nega anche la natura. Lei non esagera sostenendo che la Francia del 2019 assomiglia alla società di “1984” di Orwell? Certamente no. E credo anche che il fatto …

Leggi tutto »

Dal Medio Oriente all’Irlanda del Nord, gli stati occidentali sono fin troppo felici di scampare alle accuse di crimini di guerra

  ROBERT FISK independent.co.uk Quand’è che un crimine di guerra non è un crimine di guerra? Quando è stato commesso da noi, ovviamente. Ma questo truismo sta assumendo oggi un significato nuovo e sinistro, e non solo perché Trump e i suoi scagnozzi potrebbero pianificare un’altra serie di atrocità in Medio Oriente. Perché ora si avverte un pericoloso slittamento, che rende gli stati occidentali più che mai pronti ad incoraggiare i crimini di guerra contro l’umanità, ad accettarli, approvarli e …

Leggi tutto »

Rand Corp: come abbattere la Russia

DI MANLIO DINUCCI ilmanifesto.it Il piano elaborato dal più influente think tank Usa- Costringere l’avversario a estendersi eccessivamente per sbilanciarlo e abbatterlo: non è una mossa di judo ma il piano contro la Russia elaborato dalla Rand Corporation, il più influente think tank Usa che, con uno staff di migliaia di esperti, si presenta come la più affidabile fonte mondiale di intelligence e analisi politica per i governanti degli Stati uniti e i loro alleati. La Rand Corp. si vanta …

Leggi tutto »

Mansueti, guerrieri o maneggioni?

DI CARLO BERTANI carlobertani.blogspot.com E ci guardano pure. Dai loro manifesti elettorali, ci scrutano, ci osservano: speranzosi, languidi, concilianti, battaglieri, consolatori, fidanti, consueti, suadenti e complici, integerrimi e scontrosi…ce n’è per tutte le razze e le solfe…hanno dedicato tempo e soldi per quelle immagini…no, così, un po’ più a destra…il ciuffo…la piega sulla giacca… E finiamo per crederci, che quelle immagini rappresentino il succo dell’ideologia, la sterzata fra il desueto, il coraggio fra la contiguità…e ci scanniamo pure. Poi, per …

Leggi tutto »

Dopo la martellata di Google una “paralizzata” Huawei accelera lo sviluppo di un proprio sistema operativo

  TYLER DURDEN zerohedge.com Lunedì, Pechino si è trovata di fronte ad una nuova, e molto più terribile, realtà nella guerra commerciale nei confronti della sua maggiore azienda di telecomunicazioni: Google, che nel 2005 aveva acquistato Android,  il software più popolare al mondo per la telefonia mobile, ha annunciato che avrebbe cessato di fornire a Huawei il sistema operativo Android, in rispetto ad un divieto proveniente del governo degli Stati Uniti. Parlando al Financial Times, Tim Watkins, capo di Huawei …

Leggi tutto »

La mia Africa è di popoli liberi

DI MASSIMO FINI ilfattoquotidiano.it Domenica ho partecipato a Erbusco (Brescia) a un convegno organizzato da una piccola associazione culturale, Sirio B, intitolato “Alle radici dell’ospitalità”, spalmato su quattro giornate. Il tema che mi era stato affidato riguardava l’identità, “il diritto dei popoli a filarsi da sé la propria storia” come io declino il principio all’autodeterminazione sancito a Helsinki nel 1975 da quasi tutti gli Stati del mondo e regolarmente violato negli ultimi decenni. Ho riassunto nel modo più sintetico possibile …

Leggi tutto »