Home / 2018 / maggio / 22

Archivi giornalieri: 22 maggio 2018 , 19:20

Smettiamola di trattare le lavoratrici del sesso come se fossero delle bambine indifese

DI ELLA WHELAN spiked-online.com Le femministe che criminalizzano la prostituzione attaccano in realtà l’autonomia delle donne. I “servizi all’immigrazione” della Nuova Zelanda hanno inserito il lavoro sessuale fra le professioni qualificate. Questo significa che, tecnicamente, le “lavoratrici del sesso” potranno sottoporre una regolare richiesta di visto. “The New Zealand Association for Migration and Investment” ha dichiarato, però, che la faccenda non è così semplice come pur sembrerebbe a prima vista. Le “lavoratrici del sesso” avranno bisogno di un periodo di …

Leggi tutto »

Paolo Savona all’economia, Mattarella a casa

comedonchisciotte controinformazione alternativa Paolo Savona

DI PIEMME sollevazione.blogspot.it Siamo stati facili profeti. Scrivevo il 16 maggio: «La campagna di paura è solo l’antipasto. Il peggio deve ancora venire. Lorsignori, usando Mattarella, tenteranno di uccidere nella culla il tentativo di un governo dei “populisti antieuropei”. Nel caso non vi riuscissero, nei prossimi mesi, forse già nelle prossime settimane, scateneranno l’inferno. Il precedente del 2011 è noto. Noto è l’assedio a cui sottomisero la Grecia». Non è servito smussare il “contratto”. Non hanno giovato i ghirigori linguistici …

Leggi tutto »

CONTE PREMIER/ E’ l’uomo di Verdini (e della Boschi): Renzi al governo con M5s e Lega

  DI ANTONIO FANNA ilsussidiario.net In queste ore (ma in realtà è nell’ombra da una settimana) viene fatto il nome di Giuseppe Conte come possibile premier. Per Salvini e Di Maio un clamoroso autogol. Da molti giorni il tam tam dei giornali ironizza sulla designazione in salsa renziana di rito boschiano del più probabile tra i candidati di compromesso alla carica di presidente del Consiglio, il giurista Giuseppe Conte. Il professor Conte piace a Di Maio ma non piace a …

Leggi tutto »

Un ponte troppo lontano: il Washington Examiner chiede che l’infrastruttura russa venga bombardata

Di NEIL CLARK rt.com Immaginate soltanto se un quotidiano russo avesse chiesto all’aviazione canadese di bombardare il ponte di Brooklyn. Sarebbe scoppiato un putiferio, e giustamente. Ma dov’è la condanna dell’Occidente per l’articolo pubblicato dal Washington Examiner, in cui si auspica il bombardamento del nuovo ponte della Crimea inaugurato questa settimana? E’ stato definito una delle più grandi imprese dell’ingegneria moderna. Questo ponte a doppia sezione, che collega la Penisola di Taman, nella regione di Krasnodar Krai, con la Penisola …

Leggi tutto »