Home / 2015 / luglio (pagina 2)

Archivi mensili: luglio 2015

TRA PORNOGRAFIA E POTERE, L'IMPORTANTE E' GODERE ?

DI DIEGO FUSARO ilfattoquotidiano.it Vi fu un tempo in cui l’obiettivo dell’agire, sia individuale sia collettivo, era orientato al perseguimento di futuri migliori. È ciò che in fondo accomuna le esperienze filosofiche più tipiche della modernità, dall’illuminismo e al marxismo. Nell’odierno tempo della “fine delle grandi narrazioni” (Lyotard) successiva alla fine dell’utopia (Berlino, 1989), il perseguimento di ulteriorità nobilitanti pare aver ceduto il passo all’ideale dello scolpimento del proprio profilo individuale, all’ombra del potere e al riparo dalla suadente tentazione …

Leggi tutto »

MAIDAN 2.0 A KIEV ?

DI STEPHEN LENDMAN counterpunch.org Gli Ucraini hanno tutte le ragioni di opporsi ad un governo fascista molto peggiore di quello che hanno spodestato in precedenza – un mostro infestato da nazisti responsabile di disoccupazione di massa, povertà crescente, iperinflazione, ingiustizia sociale, terrificante miseria, repressione da Stato di polizia e della guerra infinita contro i suoi stessi cittadini del Donbass che vogliono diritti democratici fondamentali.

Leggi tutto »

IL CASO DEL GREXIT

DI PEPE ESCOBAR facebook.com Da una delle mie principali fonti nel mondo della finanza, la quale ha accesso diretto alla sfera dei Padroni dell’Universo: “La Grecia dovrebbe farsi da parte. È vero che il neodimissionario Ministro delle Finanze ha affermato che la situazione è insostenibile, e lo è, dato che avrebbero bisogno di una linea di credito per poter gestire la transizione. Devono mangiare e non possono vivere di olive. Ma l’UE non può controllare l’esodo dell’intera popolazione greca verso …

Leggi tutto »

WOLFGANG SCHUBLE, IL LUPO DELLA FORESTA NERA

DI ROSANNA SPADINI comedonchisciotte.org Chi è Wolfgang Schäuble, l’uomo che ha osato sfidare il sistema imperiale della Troika, consolidato da anni di sevizie sociali? L’uomo che ha in mente un piano strategico innominabile e spregiudicato? L’uomo che ha avuto l’ardire di opporsi ai diktat del Fmi sul debito greco? Nessuno sconto al debito, dice lui, nessun taglio di capelli primavera-estate (haircut), nessun hairstyle, né rasato, né spettinato, né selvaggio … Mentre il Fmi continua irremovibile dal 2010 a dire che …

Leggi tutto »

ORO E MATERIE PRIME: L’OPINIONE DI AMBROSE EVANS-PRITCHARD E L’IRONIA DI PAUL KRUGMAN

La notizia che le riserve auree cinesi siano di gran lunga inferiori a quanto si era ipotizzato ha scosso gli investitori … ma Pechino potrebbe non aver raccontato tutta la verità. L’inizio della fine per la “barbara reliquia”? Un attacco concertato per distruggere la fiducia nell’oro? Il suo reale valore di mercato è ora di 750 dollari l’oncia. Con il passare del tempo “oro” significa “ritorno al passato”. (Nota del Traduttore) LA SPECULAZIONE COLPISCE A MORTE IL MERCATO DELL’ORO DI …

Leggi tutto »

GUIDA PRATICA ALLA LEGGE BAVAGLIO: CIO' CHE NON SI PUO' FARE IN SPAGNA DAL 1 LUGLIO 2015

FONTE: RT.COM Dal tweettare su una protesta al fotografare un ufficiale di polizia, dalle concentrazioni davanti al parlamento o impedire uno sfratto. Questo è ciò che gli spagnoli non potranno più fare liberamente da mercoledì, giorno dell’entrata in vigore della controversa legge sulla sicurezza pubblica, soprannominata ‘legge bavaglio’.

Leggi tutto »

TSIPRAS AVREBBE CHIESTO ALLA RUSSIA 10 MILIARDI DI DOLLARI PER STAMPARE DRACME

Questo è PAZZESCO, se è vero. Solo Varoufakis ha la risposta e non sta parlando. SE è vero capisco perfettamente perchè Vlad l’ha fatto. Angie (la Merkel, ndr) deve essere rimasta senza parole. Adesso è debitrice dell’ “unità dell’Euro” – e di quella dell’UE, per quanto gliene importa – a Vlad. Scacco, amico. Pepe Escobar (*) Il primo ministro greco Alexis Tsipras avrebbe chiesto al presidente russo Vladimir Putin 10 miliardi di dollari per stampare dracme, secondo quanto riporta il …

Leggi tutto »

IL DEBITO CHE CRESCE

DI GIULIETTO CHIESA Come tutte le variabili esponenziali della crescita di un qualunque organismo, biologico o sociale, il debito nasconde un punto di discontinuità. Cioè si rompe Rispondo a Marco Ponzi su due questioni cruciali che mi ha posto nella lettera che segue: Gentile Dottor Chiesa, le propongo una riflessione sulla petizione per uscire dalla NATO. Penso che in generale le raccolte di firme siano sterili di per sé. L’uscita dalla NATO è un attacco troppo diretto a chi rappresenta …

Leggi tutto »

GREXIT PER INSURREZIONE ?

DI WOLFANG MUNCHAU ft.com Alexis Tsipras non avrebbe mai dovuto nominare Yanis Varoufakis ministro delle finanze. Oppure avrebbe dovuto ascoltarlo, e tenerselo. Invece il primo ministro Greco ha scelto l’opzione peggiore di tutte. Ha seguito il consiglio di Varoufakis di rifiutare l’offerta dei creditori – fino alla scorsa settimana. Ma dopo averlo fatto, il signor Tsipras ha commesso un grave errore nel rifiutare il piano B di Varoufakis (ammesso che il ministro avesse davvero pronto un piano B NdVdE) da …

Leggi tutto »

GRECIA, UNA LEZIONE PER LA RUSSIA

DI PAUL CRAIG ROBERTS counterpunch.org “Il debito della Grecia può essere reso sostenibile solo attraverso misure di riduzione del debito stesso, che vanno ben al di là di ciò che l’Europa è stata disposta a prendere in considerazione finora.” – Fondo Monetario Internazionale La lezione che si trae dai fatti della Grecia per la Russia, la Cina e l’Iran, è quella di evitare tutti i rapporti finanziari con l’Occidente perché dell’Occidente semplicemente non ci si può fidare. Washington si è …

Leggi tutto »

FACEBOOK E IL CONTROLLO DELLE MASSE: LA FABBRICA DEGLI ETAT D'ESPRIT E LA PROMOZIONE DELLA CRISTIANOFOBIA

DI ENZO PENNETTA enzopennetta.it In questi giorni l’attenzione di molti osservatori è stata rivolta verso il “fenomeno” Facebook, e quello che sta emergendo merita particolare attenzione. L’obiettivo di orientare le masse è compatibile con la democrazia ? L’attenzione su Facebook è stata richiamata dall’iniziativa dello scorso 26 giugno quando in occasione della sentenza della Corte Suprema degli USA sul riconoscimento dei matrimoni gay la società che fa capo a Mark Zuckerberg ha lanciato un’applicazione che consentiva di colorare la propria …

Leggi tutto »

ALTRO CHE GRECIA. L'ITALIA E' LA BOMBA INNESCATA SOTTO L'EURO

DI MAURIZIO BLONDET maurizioblondet.it ..Ed anche Renzi ha avuto il suo “Berlusconi’s Moment”: meno tasse per tutti! Via l’IMU prima casa! 45 miliardi che restano nella vostre tasche! Così, adesso, si vede benissimo perché ce l’hanno messo sopra, quegli stessi che ci avevano messo sul collo Mario Monti e il Letta GeyAr: per rimbambirci di annunci contrari alla realtà, farci sperare (sempre meno) in “riforme” che non hanno alcuna intenzione di fare – le vere riforme urgenti sarebbero l’abolizione delle …

Leggi tutto »

YANIS VAROUFAKIS, LA VERGOGNA, IL FALSARIO

DI PAOLO BARNARD paolobarnard.info E’ stato osceno per me assistere alla sceneggiata dell’ex ministro delle Finanze greco Yanis Varoufakis che di fronte ai media internazionali salta in sella alla sua moto e, da eroe spartano dissidente combattente del Popolo greco, lascia il suo governo in un tripudio di “eroe!”, “coraggioso!”, “grande vero politico!” da parte di tutta la stampa internazionale, bloggers e fessi assortiti, i quali tutto dicono e scrivono ma nulla sanno di cosa veramente successe. Yanis è un …

Leggi tutto »

IL SOGNO IMPOSSIBILE DELL’EUROPA

DI PAUL KRUGMAN nytimes.com Alle élites europee istituire una valuta unificata era sembrata una grande idea. Non vollero che degli economisti americani un po’ sfigati dicesse loro che la visione glamour di cui erano portatori fosse in realtà una cattiva idea. E così è arrivato l’euro. La situazione di crisi può durare a lungo e diventare la nuova normalità. L’euro si è trasformato in una specie di Roach Motel, una trappola da cui è difficile sfuggire. C’è un po’ di …

Leggi tutto »

“LE STRADE DI ATENE STRARIPERANNO DI CARRI ARMATI”: MATHIMERINI SVELA LO SCIOCCANTE “LIBRO NERO” DEL GREXIT

DI TYLER DURDEN zerohedge.com Nel corso di sei mesi di sofferenza, incontro dopo incontro per negoziazioni fraudolente tra la Grecia e i suoi creditori si sono venute a creare un’infinta sorta di speculazioni su come effettivamente si sarebbe svolto il Grexit. Senza precedenti a cui guardare come esempio, chiarire le implicazioni di un’uscita dalla valuta comune era (ed è tutt’ora) un compito virtualmente impossibile, ma lo sforzo congiunto dei venditori, dei media mainstream, degli analisti politici e degli economisti ha …

Leggi tutto »

LA CRISI. UN PIENO DI BENZINA A GAZA, PIANURA PADANA

DI MAURIZIO BLONDET maurizioblondet.it Cosa sono i volti della crisi? Sono quelle immagini di disperazione economica ed umanitaria che all’improvviso irrompono nella tua routine quotidiana casa-lavoro-casa, te le trovi davanti e non puoi fare niente per scacciarle dalla vista. La presa di coscienza arriva come una secchiata d’acqua gelata stile ice bucket challenge. I volti della crisi sono quelle cose che ti si piazzano davanti e ti annunciano all’istante l’arrivo del grande treno della Storia.

Leggi tutto »

COS’E’ CHE NON FUNZIONA NEL NOSTRO SISTEMA MONETARIO (E COME RIMEDIARE)

DI ADRIAN KUZMINSKI cluborlov.blogspot.com C’e’ qualcosa di profondamente sbagliato nel nostro sistema finanziario globale. Papa Francesco è solo l’ultimo di molti ad aver lanciato questo allarme: “Gli esseri umani e la natura non devono essere al servizio del denaro. Dobbiamo dire no a un’economia di esclusione e disuguaglianza, regolata non dallo spirito di servizio ma dal denaro. E’ un’economia che uccide. E’ un’economia che emargina. Quest’economia distruggerà la Madre Terra.”

Leggi tutto »

GERMANIA, ITALIA, GIAPPONE E LA CLAUSOLA DEGLI “STATI NEMICI” DELLO STATUTO DELLE NAZIONI UNITE. UN OSTACOLO ALLA PACE IN ASIA ED EUROPA

DI CRISTOF LEHMANN globalresearch.ca Lo Statuto delle Nazioni Unite designa ancora l’Italia, la Germania e il Giappone come stati nemici delle Nazioni Unite. In termini legali, ciò significa che qualsiasi Stato membro delle Nazioni Unite può lanciare un’offensiva militare “preventiva” contro queste nazioni, senza una dichiarazione di guerra. Raramente discusso, si può sostenere che questo status di “stato nemico” sia oggi uno dei maggiori ostacoli ad una pace duratura in Europa ed in Asia. Dalla fine della seconda Guerra Mondiale …

Leggi tutto »

LETTERA APERTA AGLI AMICI SONNAMBULI

DI MARINO BADIALE E FABRIZIO TRINGALI badiale-tringali.it È evidente a tutti che la fine drammatica dell’esperienza del governo Syriza è uno spartiacque. Essa infatti rappresenta la verifica concreta, l’experimentum crucis che decide se una strategia politica sia valida oppure no. Non è difficile, se si ha onestà intellettuale, trarne le necessarie conseguenze. Proviamo a farlo in questa lettera aperta. Gli “amici sonnambuli” ai quali è indirizzata sono le tante persone del mondo “antisistemico” che in questi anni hanno protestato contro …

Leggi tutto »

L’EURO E’ UN DISASTRO ANCHE PER I PAESI CHE HANNO FATTO LE COSE NEL MODO GIUSTO

DI MATT O’BRIEN washingtonpost.com Meglio fallire che far parte dell’eurozona. La camicia di forza dell’euro trasforma i problemi comuni in problemi straordinari, e i problemi straordinari in problemi storici. L’euro è un dio capriccioso, punisce sia i santi che i peccatori. Meglio fallire che far parte dell’Eurozona. E’ quanto meno il caso della Finlandia e dell’Olanda le quali, a partire dal 2007, sono cresciute meno dell’Islanda. Questo paese era fallito, nel 2008. E’ decisamente il caso di ricordarlo.

Leggi tutto »

L’ECONOMIA GRECA: UNA LEZIONE PER I REPUBBLICANI DEGLI STATI UNITI

DI PAUL KRUGMAN nytimes.com Per l’America la Grecia non è un problema economico, ma geopolitico. I liberisti hanno sbagliato tutte le loro previsioni economiche, ma si rifiutano d’imparare dai loro errori. La formula greca per il disastro è la combinazione tossica fra austerità e denaro “difficile”. I liberisti hanno nostalgia della loro gioventù, e vogliono un ritorno al “gold standard” per mettere gli americani in una camicia di forza, in pieno “stile euro”. La Grecia è un paese lontano, con …

Leggi tutto »

LE COLPE GRECHE E LA PERFIDIA DI SYRIZA

DI F. WILLIAM ENGDAHL journal-neo.org Giunti a questo punto triste e pericoloso degli avvenimenti che riguardano la Grecia e le schiaccianti richieste della Troika, diventa chiaro che tutto questo non sarebbe mai successo se il popolo Greco non si fosse sentito in colpa per la situazione del debito del suo paese. Come conseguenza di questo suo senso di colpa dall’inizio della crisi nel mese di ottobre 2009, la situazione si è trasformata rapidamente in una tragedia umana in cui un …

Leggi tutto »

BONO DEGLI U2 SUPPORTA LA MONSANTO PER INONDARE L'AGRICOLTURA AFRICANA DI OGM

DI JONATHAN BENSON naturalnews.com Mentre la sua carriera musicale continua la caduta libera nella totale irrilevanza, la pop star “Bono” degli U2 ha annunciato il suo appoggio a un programma sostenuto dagli Usa per saccheggiare l’Africa rubando le sue terre e i suoi sistemi agricoli per poi sostituirli con gli OGM (organismi geneticamente modificati) e con i pesticidi. Al recente vertice del G8 tenutosi a Camp David nel Maryland, il regime di Obama ha incontrato i leader del settore privato …

Leggi tutto »

LA BRUTALITA’ DELL’UNIONE MONETARIA HA DISTRUTTO LA FIDUCIA NELLA SINISTRA EUROPEA

DI AMBROSE EVANS PRITCHARD telegraph.co.uk La Grecia ha rotto l’incantesimo: la sinistra è diventata il gendarme delle politiche reazionarie e della disoccupazione di massa generate dall’euro. Un Partito Socialista dopo l’altro si è immolato sull’altare dell’Unione Monetaria per difendere un progetto che favorisce solo le élites economiche. E’ davvero di così cattivo gusto ricordare che le “Potenze Alleate” hanno spazzato via la metà delle passività esterne della Germania, nel 1953? Se l’Europa è nient’altro che la versione cattiva del FMI, …

Leggi tutto »

LA DEMOCRAZIA E' UNA FARSA – L'ESEMPIO GRECO IN CIFRE

DI THE SAKER thesaker.is Il 61.31 % del popolo greco ha respinto quasi lo stesso pacchetto di misure di austerità che poi Alexis Tsipras ha improvvisamente accettato. E ora la stragrande maggioranza dei parlamentari greci ha votato a favore del pacchetto di riforme, con 229 voti ‘SI’, 64 voto ‘NO’, e 6 astenuti. Dal momento che le 6 astensioni non rispettano la volontà del popolo, che chiaramente ha respinto queste misure, a mio avviso 235 parlamentari hanno votato ‘SI’ e …

Leggi tutto »

QUI' GIACE SYRIZIA

DI PANAGIOTIS GRIGORIOU greekcrisis.fr La spietatezza regna, l’amarezza è al colmo. Nulla sarà più come prima, salvo per la continuazione del genocidio economico. La nostra situazione è paragonabile alla terza battaglia di Ypres, di Montoire e di Vàrkiza… SYRIZA non è più come prima, oserei dire che in un certo senso SYRIZA non esiste proprio più. Si fa la storia in diretta, e a piena voce. Martedì 14 luglio, in serata, ho assistito come osservatore invitato alla riunione plenaria di …

Leggi tutto »

SPAGNA:IL PARTITO PODEMODS NEL MIRINO DEI SERVIZI SEGRETI

NIL NIKANDROV strategic-culture.org Su al 7 ° piano dell’ enorme edificio dell’ Ambasciata Americana a Madrid c’è l’ ufficio della CIA. Per più di mezzo secolo, l’ attivo lavoro di intelligence è stato condotto da questo sito, ma il suo obiettivo non è solo quello di raccogliere informazioni segrete sulle politiche interna ed estera della Spagna. Una vasta gamma di delicate questioni volte a garantire gli interessi strategici degli Stati Uniti nel paese sono tenuti sotto controllo quotidianamente. Così la …

Leggi tutto »