Home / 2015 / luglio / 11

Archivi giornalieri: 11 Luglio 2015 , 23:10

DEBORDANTE EUROTISMO

DI PANAGIOTIS GRIGORIOU greekcrisis.fr A volte le coscienze anticipano gli eventi politici. Questa perlomeno è l’impressione, largamente condivisa da domenica sera, dei dirigenti di SYRIZA: “La gente è ormai chiaramente più avanti di noi quando pronostica la rottura. In un certo senso una vittoria meno schiacciante del No sarebbe stata più gestibile. Ora non è più possibile disilludere la gente…”. Passa un giorno e in Grecia è di nuovo l’ora degli ultimatum da Bruxelles e dalla Germania. Nazismo blu.

Leggi tutto »

PUTIN GUIDA LA RIVOLTA DEI BRICS

DI MIKE WHITNEY counterpunch.org C’è stato un black-out virtuale di notizie dal settimo vertice annuale dei BRICS quest’anno a Ufa, Russia. Nessuna delle organizzazioni dei media tradizionali sta coprendo le riunioni o fa qualsiasi tentativo di spiegare cosa stia succedendo. Di conseguenza, il popolo americano rimane in gran parte all’oscuro su cosa faccia una potente coalizione di nazioni che stanno mettendo in atto un sistema alternativo che ridurrà di molto l’influenza degli USA nel mondo e porrà fine all’attuale era …

Leggi tutto »

E' ARRIVATO IL CIGNO NERO. SOVRAPPESO

DI MAURIZIO BLONDET maurizioblondet.it Ha ancora una volta ragione Philippe Grasset, di Dedefensa: la mega-implosione della Borsa cinese, la crisi greca (d’Europa), le ore di oscuramento elettronico di Wall Street non sono eventi separati, sfortunate coincidenze. Sono manifestazioni del medesimo Grande Collasso del Sistema; quello iniziato nel 2007-2008, mai cessato da allora – e se c’è una novità, è la sua entrata in fase di accelerazione, per cui occorre una nuova espressione: “turbine di crisi” che tutto trascina con sé. …

Leggi tutto »

“NOI GRECI ABBIAMO VOTATO ‘NO’ ALLA SCHIAVITU’, MA ‘SI’ ALLE NOSTRE CATENE”

DI MICHAEL NEVRADIKIS E GREG PALAST OpEdNews.com Non è una sorpresa che quasi un Greco su due abbia respinto in modo categorico l’assurdo e crudele programma di ‘austerità’ economica richiesto dalla Banca Centrale Europea in cambio di un prestito per pagare i creditori della Grecia. In questo modo, il popolo Greco ha superato quella che è stata senza dubbio una campagna di ‘paura’ senza precedenti da parte dei media nazionali e internazionali, dell’U.E. e della maggior parte dei nostri partiti …

Leggi tutto »