Home / 2015 / luglio

Archivi mensili: luglio 2015

QUESTA E' UNA RICETTA CHE PORTA ALLA GUERRA CIVILE, IN EUROPA

STA EMERGENDO UN’ALLEANZA FRA I “FRONTI DI LIBERAZIONE NAZIONALE” EUROPEI, PER VENDICARE LA SCONFITTA DELLA GRECIA DI AMBROSE EVANS PRITCHARD telegraph.co.uk Redazione: è difficile capire come possa avere un futuro un’Unione Monetaria tenuta insieme dal potere giudiziario, dalla coercizione e dalla paura. Ma non è la fine della storia. Per “Podemos”, la lezione un po’ leninista che si può trarre dalla Grecia, è che le forze rivoluzionarie devono mostrare il pugno di ferro, la Spagna non sarebbe trattata meglio della …

Leggi tutto »

UN INFANTE PALESTINESE BRUCIATO? BE’, E ALLORA?

DI PAOLO BARNARD paolobarnard.info Si sa, gli UNTERMENSCHEN (sub-umani) palestinesi che Moshe Dayan chiamò “cani” sono bruciati vivi a ogni età, in ogni epoca, da decenni, bambini, donne, uomini, per colpa tua. Compri qualsiasi cosa made in USA? Sì, un sacco di roba. E allora. La bomba al fosforo che ha ridotto così il bambino della foto qui sotto, è stata fatta in America, da CACI, da Hewlett-Packard, da Textron, da General Electric, da Raytheon, da Boeing, su cui voli …

Leggi tutto »

PER VAROUFAKIS

DI JACQUES SAPIR russeurope.hypotheses.org La minaccia d’accusa per alto tradimento che ora pesa ormai su Yanis Varoufakis ha qualcosa di assurdo, ma anche di terribilmente rivelatore. [1] Ha evidenziato in maniera cruda il fatto che la zona Euro è ormai diventata un mostro, o meglio un tiranno che è stato esentato da ogni regola.

Leggi tutto »

GLI ESPERTI DEL RISCHIO CHE AVEVANO PREVISTO IL CROLLO FINANZIARIO DEL 2008: GLI OGM SONO PIU’ RISCHIOSI “GLI ESPERIMENTI DEGLI OGM, PORTATI AVANTI IN TEMPO REALE E USANDO IL CIBO E I SISTEMI ECOLOGICI COME LABORATORIO PRIVATO, SONO PROBABILMENTE IL PIU’

FONTE: WASHINGTON BLOG L’analista del rischio Nicholas Taleb aveva previsto la crisi finanziaria del 2008, evidenziando che i modelli di rischio comunemente usati erano errati. Taleb – professore emerito di ingegneria del rischio all’Università di New York e autore dei bestseller The black swan (Il cigno nero) e Fooled by randomness (Giocati dal caso) – è diventato finanziariamente indipendente dopo la crisi del 1987 e ricco durante la crisi del 2008.

Leggi tutto »

SUD ITALIA, COME LA GRECIA. PEGGIO DELLA GRECIA

DI FUNNYKING rischiocalcolato.it Ci fu un tempo in cui, almeno nella propaganda, esisteva in Italia un Movimento Politico che aveva identificato con precisione l’origine del male italiano. In un certo senso la Lega Nord quella di Miglio affermava l’ovvio, ovvero che gli Italiani non esistono e l’Italia è solo una espressione geografica e che gli abitanti del nord di quella espressione geografica avrebbero fatto bene a ribellarsi e separarsi. Oggi non abbiamo neppure quello, si preferisce cercare il terribile nemico …

Leggi tutto »

LE VALUTE DEI PAESI EMERGENTI COLLASSANO PER TIMORE DELLA FED E DEL CROLLO DELL’ECONOMIA CINESE

DI AMBROSE EVANS PRITCHARD telegraph.co.uk Redazione: il Brasile dovrà affrontare una “tempesta perfetta”, insieme a molti altri paesi emergenti. Crisi economica, crisi politica, impossibilità di avviare politiche di stimolo. L’economia cinese è “dura fuori e morbida dentro”, salverà se stessa ma farà precipitare quella degli altri paesi. La Turchia potrebbe essere il primo paese sulla linea del fuoco. (Ndr) Mentre gli investitori fuggono dai mercati dei paesi emergenti e i prezzi delle materie prime si sbriciolano, le valute di Brasile, …

Leggi tutto »

IL LEONE CECIL IN ZIMBAWE E' STATO UCCISO DALL'ARROGANZA

DI ERMANNO GIUDICI ilpattotradito.it Il leone Cecil in Zimbabwe è stato fermato nella sua corsa da una freccia, scoccata da un ricco dentista americano che dichiara di praticare la “caccia etica” con l’arco e gira il mondo per abbattere animali e farne trofei. Cecil era un maschio adulto, un leone che rappresentava l’icona della fauna dello Zimbabwe, per il suo portamento fiero e la sua criniera scura che lo avevano reso famoso in tutto il mondo. Ma non è questo …

Leggi tutto »

ITALIAN SICKO. SANITA' PUBBLICA IL SENATO NE SANCISCE LA FINE

DI PAOLO BECCHI ilfattoquotidiano.it C’è un bel film di Michael Moore, “Sicko”, che racconta e descrive il viaggio nella sanità americana. Il sistema della sanità negli Usa è dominato dalle compagnie assicuratrici che sono le padrone della vita e della salute dei cittadini americani. Da quelle parti è il censo a fare la differenza tra la vita e la morte, a decidere in quale gradino della società si può sedere e a cosa si ha diritto in base al proprio …

Leggi tutto »

SPARARSI FINCHE' SI E' GIOVANI

DI TURI COMITO megachip.globalist.it Un tempo c’era chi si adoperava per un mondo migliore, non per ‘abituare la gente’ a uno peggiore. Poi venne il PD e il suo responsabile economico Taddei… Recentemente intervistato da l’Espresso il giovine Filippo Taddei – responsabile economico del piddì nonché professore alla prestigiosissima John Hopkins University – ha detto che gli italiani, specie i giovini come lui, debbono “cambiare mentalità” visto che il “mercato” del lavoro è cambiato radicalmente negli ultimi decenni. In particolare …

Leggi tutto »

MULLAH OMAR ? PER ME UN CHE GUEVARA ASIATICO

DI ADRIANO SCIANCA intelligonews.it Dei morti, si sa, si parla sempre bene. Massimo Fini, però, del mullah Omar parlava bene anche quando sembrava che fosse ancora vivo. Figurarsi se oggi, dopo la notizia della sua presunta morte, può aver cambiato idea: “Mi sembra una persona totalmente rispettabile, una sorta di Che Guevara asiatico”. E sul motivo della morte, lo scrittore rivela a IntelligoNews: “Per me è una pista interna ai talebani”. La prima domanda da porsi è questa: dobbiamo credere …

Leggi tutto »

IL CROLLO MANCATO: LA CINA IN RIPRESA SMENTISCE GLI ANALISTI OCCIDENTALI

DI CALEB MAUPIN rt.com Tutte quelle voci sui mezzi d’informazione Statunitensi che facevano previsioni allarmiste dopo la caduta del mercato azionario Cinese dei primi giorni di luglio, credo che oggi si stiano un po’ vergognando. Quello che è seguito al crollo ha dimostrato la grande resistenza dell’economia Cinese. Poiché il capitalismo in Cina è strettamente controllato e limitato, la popolazione è molto più al sicuro dagli effetti nocivi delle turbolenze di mercato.

Leggi tutto »

ECCO PERCH SULLA CRISI GRECA WOLFGANG SCHAUBLE HA RAGIONE E MARIO DRAGHI HA TORTO

di micheleimperio Lanotteonline.com Se in un punto del pianeta c’è un debito, ciò vuol dire che in un altro punto del pianeta c’è un credito e quindi c’è un punto del pianeta in cui qualcuno si sta impoverendo pagando interessi e un altro punto del pianeta in cui qualcuno si sta arricchendo incassando interessi. Questo è stato da sempre nella storia dell’uomo e finchè il debito mantiene un certo rapporto con il pil si versa ancora ina una situazione fisiologica. …

Leggi tutto »

IL CALIFFO ESPORTA JIHAD, ALTRO CHE BARCONI

DI MASSIMO FINI ilfattoquotidiano.it Corse-Matin, l’unico giornale pubblicato in Corsica, dove mi trovo in questo momento (fino a vent’anni fa era scritto in lingua locale, ora ha ceduto al francese) si occupa normalmente di abigeati, di furti di mucche, delle feste popolari che si tengono nei vari paesini e di quel che resta del movimento indipendentista che proprio in questi giorni ha deciso di smilitarizzarsi e di lasciare la macchia. Anche alla Francia, che qui gode di pochissime simpatie, soprattutto …

Leggi tutto »

THE NEW YORK TIMES: L’AFFLUSSO DI MIGRANTI IN ITALIA E’ DIVENTATO UN PROBLEMA ANCHE DOMESTICO

DI CELESTINE BOHLENJULY nytimes.com Redazione: Il caso dell’Isola d’Elba. I Sindaci non capiscono come possano prendersi cura della popolazione locale e allo stesso tempo contribuire a risolvere la crisi dei migranti in Europa. Le esperienze di alcune comunità italiane hanno lasciato l’amaro in bocca, con i migranti che si sono lamentati per le strutture e per i servizi, tra cui la mancanza di un accesso Wi-Fi. MARINA DI CAMPO, Italia – Le pressioni esercitate dal governo italiano sui suoi partners …

Leggi tutto »

LA TEORIA SECONDO CUI IL SISTEMA TEDESCO DEVE COMPRARSI LA MANIFATTURA ITALIANA PRIMA DEL CROLLO DELL’EURO COMINCIA AD AVVERARSI: ITALCEMENTI ACQUISTATA DA HEIDELBERG

DI FANTOMAS scenarieconomici.it La teoria comincia a confermare i peggiori presagi di alcuni “malpensanti”, ad esempio Mitt Dolcino che mi ospita su questo sito. Quello che è stato a più riprese previsto dall’autore sopra citato si può riassumere come segue: – la stagflazione in regime di cambi fissi è una moderna forma di neocolonialismo tedesco a danno dei supposti “partner” deboli dell’EU [concetto di cui abbiamo discusso molte volte ed è stato formalizzato dall’autore solo ieri];

Leggi tutto »

LA FINE DEL CAPITALISMO E’ INIZIATA

DI PAUL MASON theguardian.com Le bandiere rosse e gli inni di Syriza nelle manifestazioni durante la crisi greca, insieme alle aspettative di nazionalizzazione delle banche greche, hanno fatto brevemente rivivere un mito del 20° secolo: la distruzione forzata del mercato dall’alto. Per la gran parte del 20° secolo, fu così che la sinistra concepì la prima fase di un’ economia che andasse oltre il capitalismo. La classe operaia doveva agire con la forza sia nelle urne elettorali sia sulle barricate. …

Leggi tutto »

SYRIZA MESSO AL SERVIZIO DI TSAHAL

DI MAURIZIO BLONDET maurizioblondet.it Il governo Syriza, il 19 luglio, ha firmato un’alleanza con Israele. Un’alleanza militare, o meglio di sottomissione. La cosiddetta alleanza comprende infatti la clausola di cosiddetto “status of forces”, la quale “offre immunità legale ad entrambe le forze armate quando l’una si addestra nel paese dell’altra”. Un solo altro paese ha firmato con Israele un accordo identico: gli Stati Uniti d’America, l’Impero del Caos attualmente sotto il dominio della famiglia Kagan-Nuland (come ammette Zero Hedge) http://www.zerohedge.com/news/2015-07-26/meet-kagans-seeking-war-end-world …

Leggi tutto »

I DERIVATI NEL MONDO: UNA BOMBA AD OROLOGERIA DA 1.5 QUADRILIONI DI DOLLARI

DI STEPHEN LENDMAN globalresearch.ca Quando investire diventa gioco d’azzardo, c’è sempre una brutta fine. Il prossimo crollo del debito potrebbe far sembrare quello del 2008-2009 una bazzecola. I dati della Bank of International Settlements (BIS) mostrano 700 trilioni di dollari in derivati nel mondo. Insieme ai credit default swaps e altri strumenti esotici, il valore totale dei derivati è di circa 1.5 quadrilioni di dollari – circa il 20% in più che nel 2008, oltre ogni immaginazione, impossibile da controllare …

Leggi tutto »

VAROUFAKIS AVEVA CONCEPITO PER LA GRECIA UN ‘PIANO B’ DA ‘CAPPA E SPADA’. ORA ATTENDE L’ACCUSA DI TRADIMENTO

DI AMBROSE EVANS PRITCHARD telegraph.co.uk Una cellula segreta del Ministero delle Finanze greco era penetrata nel computer del Governo ed aveva elaborato dei piani per realizzare un sistema di pagamento parallelo in grado di passare dall’euro alla dracma premendo semplicemente un tasto. Le rivelazioni hanno provocato in Grecia una tempesta politica e hanno confermato quanto il paese sia stato vicino a decisioni molto drastiche, prima che il Premier Alexis Tsipras cedesse alle richieste dei creditori europei, riconoscendo che il suo …

Leggi tutto »

LA PERSIA SI AFFACCIA ALLA CORSA ALL’ORO

DI PEPE ESCOBAR rt.com Potreste aver sentito parlare dell’N-11. Sì, un altro intruglio di Goldman Sachs, per il beneficio di quegli eletti – gli “investitori globali”. Questi sono i prossimi BRICS, il nuovo potere emergente. L’N-11 è composto da: Bangladesh, Egitto, Indonesia, Iran, Corea del Sud, Messico, Nigeria, Pakistan, Filippine, Turchia e Vietnam. Alcune di esse potrebbero addirittura entrare a far parte del gruppo dei BRICS.

Leggi tutto »

LA FASI DELLA RESA: ENTRO 10 ANNI LA FINE DI OGNI SOVRANITA'. ECCO L'AGENDA

DI CLAUDIO MESSORA byoblu.com Jean-Claude Juncker, Donald Tusk, Jeroen Dijsselbloem, Mario Draghi e Martin Schulz. E’ “la banda dei Cinque che risolve ogni cosa“, come cantava Elisabetta Viviani. Jean-Claude fa il presidente della Commissione Europea, una setta tipo Scientology che se ci entri poi non ne esci più, perché è ir-re-ver-si-bi-le. Donald invece è a capo di un club esclusivo, paramassonico, che di tanto in tanto finge di riunirsi al Consiglio Europeo per depistare mamma e papà dalle vere riunioni, …

Leggi tutto »

NOTIZIE DI MACCHINAZIONI SEGRETE PER IL RIPRISTINO DELLA DRACMA METTONO NUOVAMENTE IN CRISI TSIPRAS

FONTE: ZEROHEDGE Lo scorso venerdi’ abbiamo diffuso la storia scioccante della rivolta sfiorata in Grecia. Secondo il Financial Times il ministro Greco dell’energia e dissidente tra i dissidenti Panayotis Lafazanis avrebbe convocato un incontro a porte chiuse il 14 Luglio presso l’Hotel Oscar di Atene durante il quale tentò di convincere coloro del partito fedeli alla linea dura (nel linguaggio del Financial Times: “dei sostenitori dell’ex Presidente Venezuelano Hugo Chavez e qualche comunista vecchio stampo”) a invadere la zecca di …

Leggi tutto »

DI LAVORO NON C'E' PIU' BISOGNO

DI FRANCO BERARDI BIFO sinistrainrete.info Alla fine degli anni ’70, dopo dieci anni di scioperi selvaggi, la direzione della FIAT convocò gli ingegneri perché introducessero modifiche tecniche utili a ridurre il lavoro necessario, e licenziare gli estremisti che avevano bloccato le catene di montaggio. Sarà per questo sarà per quello fatto sta che la produttività aumentò di cinque volte nel periodo che sta fra il 1970 e il 2000. Detto altrimenti, nel 2000 un operaio poteva produrre quel nel 1970 …

Leggi tutto »

DICI CHE NON VUOI UNA RIVOLUZIONE ?

DI DMITRY ORLOV cluborlov.blogspot.it Negli ultimi mesi siamo stati costretti a testimoniare una farsa umiliante in atto in Europa. La Grecia, che una prima volta fu accettata nell’Unione Monetaria Europea sotto false premesse, ma che fu poi gravata con livelli eccessivi di debito, quindi mutilata attraverso l’imposizione di austerità, finalmente ha fatto qualcosa: i Greci hanno eletto un governo che ha promesso di scuotere le cose. La piattaforma del partito Syriza ha avuto i seguenti assi nella manica, che erano …

Leggi tutto »

PERCHE' SUI BARCONI NON ARRIVANO QUESTI ?

DI MAURIZIO BLONDET maurizioblondet.it Caro Blondet, la foto che allego è di guerriglieri del Sud Sudan nella prima guerra di indipendenza. Individui in zona di guerra e di carestia hanno questo aspetto. Delle foto scattate questa è l’unica rimasta non cancellata dalle muffe tropicali. I guerriglieri mi avevano pregato di non pubblicarle per non fare vedere agli Arabi del Nord Sudan in che condizioni fossero. Infatti, ho fatto vedere solo foto di guerriglieri piuttosto in carne, almeno all’epoca degli scatti.

Leggi tutto »

ARIDAJE ! UN'ALTRA BOTTA BAD

FONTE: ROSSLAND (BLOG) Visto il successo della serie fotografica abbotabad con compound e morto che scompare in mare, ci riprovano con il sequel fotografico “Dove stavano tutti mentre cadevano le Torri?”. Nel “bunker” della Casa Bianca, ci dicono i quotidiani di oggi pubblicando ben 48 foto “inedite” che ci mostrano G.W. Bush insieme a Condoleeza Rice (Consigliere per la Sicurezza) e a Dick Cheney (Vicepresidente) più altri. Tutti con la faccia ohmiodiochespavento! a guardare alla Tv le Torri Gemelle mentre …

Leggi tutto »

PODEMOS, IL CAPITALISMO E LA FINE DEL MONDO

DI FABIO CIABATTI carmillaonline.com “Non capite che il problema siete voi? Che in politica non conta avere ragione, ma avere successo?” Questa frase non è stata pronunciata da Frank Underwood in una puntata della fortunata serie televisiva House of Cards, ma da Pablo Iglesias, leader di Podemos, la formazione politica spagnola erede del movimento degli Indignados. La citazione è presa da un discorso – pronunciato in un’assemblea a Valladolid (vedi qui la sintesi) – in cui si fa uno sconcertante …

Leggi tutto »

IL DRONE MANGIA COM ME: DIARIO DI UNA CITTA' SOTTO ASSEDIO

DI VACY VLAZNA countercurrents.org “Prepariamo il suhoor [il pasto consumato prima dell’alba durante il Ramadan]. Sediamo intorno a cinque piatti: formaggio bianco, hummus, marmellata d’arance, formaggio giallo e olive. Il buio mangia con noi. La paura e l’ansia mangiano con noi. L’incertezza mangia con noi. Gli F16 mangiano con noi. Il drone e il suo operatore da qualche parte in Israele mangiano con noi”.

Leggi tutto »

SE VOLETE CAPIRE BENE LA GRECIA…

DI JOSEPH HALEVI facebook.com Se volete capire bene la Grecia e perche’ e’ arrivata a questo punto cominciate da Augusto Graziani e dalla letteratura meridionalistica connessa al suo filone. Vi assicuro che e’ esaustivo solo in peggio riguardo la Grecia. Graziani individuo’ sul nascere la nuova fisionomia del meridione anni 60: un salto verso i consumi ed una base produttiva debole, pero’ tedesca/scandinavo/nipponica se paragonata alla Grecia.

Leggi tutto »

C’ERA UNA VOLTA KRUGMAN – LA FINLANDIA, LA SVEZIA, L'IRLANDA E LA GRECIA. TRE BREVI RIFLESSIONI TRATTE DAL SUO BLOG

Gli amici svedesi che condividevano le mie preoccupazioni sull’euro mi telefonarono nel mezzo della notte per festeggiare la vittoria del “no” al referendum. Sostenere che quello che conta è la politica e che le economie dell’Eurozona nel frattempo stanno crescendo è una sciocchezza. In risposta al dilagante politichese, un modello keynesiano spiega la situazione dell’Irlanda. Non importa quanto la Grecia sia disposta a soffrire, senza una forte riduzione del debito pubblico è destinata a fallire. (NdT) LA FASTIDIOSA APOLOGIA DELL’EURO …

Leggi tutto »