Home / 2014 / giugno / 30

Archivi giornalieri: 30 giugno 2014 , 23:10

PAURA E DELIRIO ALL’HOTEL BABILONIA

DI PEPE ESCOBAR asiatimes.com Quindi ora una enorme fila di Sunniti Estremi si estende dai sobborghi di Aleppo a Tikrit e da Mosul al confine Iracheno-Giordano – lo stesso che è sparito nel 2003 quando la missione Shock and Awe è stata (non)compiuta. In una terrificante eco delle impronte delle armate di Cheney che risuonano sulle sabbie della provincia di Anbar, lo Stato Islamico di Iraq e Sham (ISIS) e la sua coalizione di intenti (jihadisti, islamisti, bahatisti e sceicchi …

Leggi tutto »

L'AUTOAFFONDAMENTO DEI GOVERNI EUROPEI IN SENO ALLA UE

DI THIERRY MEYSSAN voltairenet.org È un autentico autoaffondamento quello al quale i governi europei sembrano essersi voluti consegnare il 27 Giugno 2014: il Consiglio dei capi di Stato e di governo ha convalidato la nomina di Jean Claude Juncker quale presidente della Commissione Europea, in ragione del fatto che il suo partito (il partito Popolare Europeo) è arrivato primo in occasione delle elezioni del Parlamento Europeo. Di conseguenza, il prossimo presidente della Commissione sarà l’unica personalità eletta dall’insieme dei cittadini …

Leggi tutto »

NON CONFORMATEVI MA FATE VALERE LA DISSIDENZA E LO SPIRITO DI SCISSIONE !

DI DIEGO FUSARO lospiffero.com Desidero rivolgere un pensiero ai ragazzi italiani che stanno in questi giorni affrontando la maturità. Oltre alla tensione per la prova, vi è quella relativa all’indecisione circa il loro futuro, le scelte da prendere, la facoltà universitaria cui iscriversi. Mi permetto, allora, di impartire un consiglio non richiesto: cari maturandi, evitate le facoltà organiche al capitale, tipo ingegneria ed economia, ossia quelle che promuovono il “cretinismo economico” (Antonio Gramsci) e il “calcolo senza pensiero” (Martin Heidegger). …

Leggi tutto »

MA, COME MAI RENZI E' CASCATO ANTIPATICO A DE BENEDETTI C. ?

DI ALDO GIANNULI aldogiannuli.it Scalfari non è tipo che scriva a caso e, quando usa le parole, le sceglie una per una e le combina affilandole al meglio. Domenica, la sua abituale articolessa di un ettaro si intitolava: “Quanto è bravo il premier, ma chi ripara gli errori che sta facendo?”. Che è un bel “buongiorno!”. Il pezzo si apre con una interminabile disquisizione sulla modernità che parte da Montaigne ed arriva a Nietzsche, per poi planare su Walter Veltroni. …

Leggi tutto »