Archivi giornalieri: 16 Settembre 2013 , 18:11

LA LOBBY (BANCARIA) PERDE, IL MERCATO RINGRAZIA

DI MARCELLO FOA blog.ilgiornale.it/foa Qualcosa sta succedendo in America; qualcosa, stavolta, di positivo. La lobby che voleva la guerra in Siria è stata costretta a rinunciare all’attacco, per l’opposizione di Putin ma anche perché era politicamente imbarazzante, considerato che oltre il 65% degli americani era contrario. Ora uno degli uomini più potenti d’America, il rappresentante più obliquo della lobby finanziaria, Larry Summers (nella foto) è stato costretto a rinunciare alla nomina a governatore della Federal reserve, nomina che sembrava scontata.

Leggi tutto »

BARNARD; PERCHE' LA VERITA' NON AVRA' MAI SPAZIO IN TELEVISIONE

FONTE: LIBREIDEE.ORG «Voi vi siete accorti di aver un presidente del consiglio? Io no. Letta non è, è nulla, non so come dire: impalpabile, aria fritta, un ologramma pallido». Paolo Barnard guarda oltralpe: «I francesi si sono accorti che per fare pareggio di bilancio e per arrivare al 3% di deficit dovrebbero devastare tutta la loro piccola, media e grande industria nazionale, imponendole tasse impossibili». Così, il ministro francese delle finanze, Pierre Moscovici, ha avvertito Draghi, la Commissione Europea e …

Leggi tutto »

IL CAPITALISMO NON PUO' ESSERE RIFORMATO

DI MICKEY Z worldnewstrust.com “L’essenza del capitalismo è trasformare la natura in merci e le merci in capitali” – Michael Parenti Mentre chiunque con un minimo di attenzione sarebbe in grado di capire che la “separazione della Chiesa di Stato” è un’eccezione piuttosto che una regola qui nella Patria dei Coraggiosi, direi che i buoni vecchi Stati Uniti d’America sono una teocrazia genuina – col mito del capitalismo ben trincerato al trono. Persino la maggior parte degli attivisti si inginocchia, …

Leggi tutto »

LA SIRIA E IL PETROLIO

DI VALENTIN KATASONOV strategic.culture.org Si legge sempre più frequentemente sui mezzi stampa e d’informazione che la Russia avrà probabilmente da guadagnarci da un aumento dei prezzi del petrolio in conseguenza della guerra U.S.A. in Siria. Si dice che alla Russia convenga essere dalla parte degli occidentali, che si preparano ad un’operazione militare, invece che dalla parte del governo ufficiale di Bashar al-Asad. Lasciamo da parte, per ora, gli aspetti morali e politici di questa linea di pensiero alquanto sgradevole e …

Leggi tutto »