Archivi giornalieri: 8 Settembre 2013 , 21:03

NON TI HO MAI AMATO COSI’ TANTO: LA TORMENTATA LOVE STORY TRA OBAMA E I PROGRESSISTI EUROPEI

DI PAOLO MOSSETTI libernazione.it Il 4 Maggio 2009, qualche mese prima che Obama ricevesse il suo Nobel per la Pace, un bombardiere supersonico di tipo B-1 sganciò un missile sul piccolo villaggio contadino di Granai, nell’Afghanistan meridionale. Circa 140 persone, in maggioranza donne e bambini, furono ridotti in poltiglia e i loro brandelli sparsi in un raggio di centinaia di metri, insieme a ciò che rimaneva di un grande banchetto nuziale. Il Pentagono, ovviamente, tentò di nascondere ciò che era …

Leggi tutto »

LA CATASTROFE TACIUTA DELLA CINA: L’11,6% DELLA POPOLAZIONE, OVVERO 114 MILIONI DI PERSONE, HANNO IL DIABETE – PI CHE NEGLI USA

DI TYLER DURDEN ZeroHedge Mentre la Cina assorbiva tutto quanto di meglio “l’Occidente” poteva esportare negli ultimi 30 anni (carte di credito, MTV, inflazione, applicazioni, youtube), essa importava anche il peggio, come ad esempio uno stile di vista sedentario e pigro che, su larga scala, di solito ha una sola inevitabile conclusione: il diabete. Anche se il mondo è concentrato su tutte le altre crisi incombenti offerte dalla Cina, come quella delle abitazioni, quella del credito, quella demografica, esso ignora …

Leggi tutto »

BANCHE E GIOVANI AMERICANI CHE SPARANO URANIO

DI MARCO SABA facebook.com John Perkins è il primo pentito storico dell’economia della globalizzazione. Un don Masino Buscetta che conosce regole e meccanismi. Come ogni pentito, Perkins ha avuto un ruolo di primo piano nell’organizzazione, era quello che si dice un sicario dell’economia. Funziona così: lui come tanti altri lavorano per grosse compagnie (tipo Halliburton per intenderci); vengono mandati in un paese del terzo mondo per convincere il governante di turno a servirsi di prestiti e fondi di istituzioni come …

Leggi tutto »

COSA GOOGLE SA DI TE

DI TYLER DURDEN Information Clearing House In precedenza abbiamo riportato il racconto personale di Michele Catalano, la quale ha raccontato come un giorno si è trovata faccia a faccia con sei agenti della joint terrorism task force. Il motivo? “Il nostro googlare certe cose, apparentemente innocenti, ma la curiosità uccide il gatto, aveva creato una tempesta perfetta di profili terroristici. Perché da qualche parte là fuori, qualcuno la stava guardando. Qualcuno, il cui mestiere è ricollegare ciò che le persone …

Leggi tutto »