Home / 2013 / agosto (pagina 2)

Archivi mensili: agosto 2013

QUELLI DELLA COSTITUZIONE

DI EUGENIO BENETAZZO eugeniobenetazzo.com Lo scorso weekend ascoltavo con grande interesse in un ristorante maltese il vociferare di un gruppo di italiani in vacanza che disquisivano sulle riforme necessarie della politica italiana e sui mali endogeni di casa nostra. Gran parte del conviviale era incentrato sul paradossale mantenimento delle provincie e sul senso di esistenza ed utilità del Senato. Inutile sottolineare le bestemmie e il turpiloquio dei nostri connazionali su questo o quel partito, su questo o quel leader: ognuno …

Leggi tutto »

L'EMARGINATO BRADLEY MANNING VS L'ECCEZIONALISMO AMERICANO

DI PEPE ESCOBAR informationclearinghouse.info La condanna a 35 anni appena appioppata a Bradley Manning potrebbe essere vista come una perversa espressione dell’eccezionalismo americano (1). Il messaggio trasmesso dal governo statunitense è chiaro: se uno qualsiasi di voi – per quanto libero e coraggioso – crede di essere abbastanza eccezionale da condividere informazioni confidenziali sulla sicurezza nazionale con i media, con gli americani e con l’opinione pubblica globale, verrete puniti senza pietà.

Leggi tutto »

LA FINE DI UN OMUNCOLO

DI GIANNI PETROSILLO conflittiestrategie.it Per tutto c’è un tempo ed un’occasione propizia. Con il treno passa anche la chance. Berlusconi ha perso troppe volte l’opportunità di dire agli italiani come stavano realmente le cose e di agire di conseguenza. Ha anteposto le sue paure alle angosce generali, la sua pelle al corpo collettivo, i suoi profitti alla ricchezza nazionale, l’amore per i figli a quello per il suo Paese. Aveva tutto il diritto di difendersi dalla persecuzione dei suoi aguzzini, …

Leggi tutto »

PRONTI PER LA FINE DEL PETRODOLLARO ?

DI BRANDON SMITH alt-market.com Anche dopo sette anni da quando mi occupo di analisi macroeconomiche dopo aver visto con i miei occhi i casi più sorprendenti di stupidità finanziaria e politica di tanti che si dicevano “scettici”, non cessa mai di stupirmi la fede cieca nella forza del dollaro che nutre ancora l’ americano medio. Si potrebbe parlare per ore sulla storia della moneta a corso forzoso (fiat), si potrebbe ricordare l’inevitabile distruzione che si provoca stampando moneta che crea …

Leggi tutto »

GAS-SHALE : BOLLA AMERICANA REALT EUROPEA

di IGOR ALEXEEV dissidentvoice.org Molte aziende americane che avevano fatto rullare i tamburi per raccontare della “rivoluzione-del gas-shale( – scisto)” adesso si preoccupano che petrolio e gas finiscano . A febbraio 2013, la US Energy Information Administration (EIA) ha lanciato un avvertimento sul “rendimento di scala decrescente e sull’esaurimento dei giacimenti ad alta produttività che farà rallentere il tasso di crescita dell’estrazione di petrolio grezzo”. La dichiarazione era cauta ma intrigante.

Leggi tutto »

GAS NERVINI IN SIRIA. LA SINISTRA EFFICACIA DI UN EVIDENTE FALSO

DI FRANCESCO SANTOIANNI francescosantoianni.it Potrebbe avere conseguenze ancora peggiori delle “solite” l’attuale, ancora virulenta, campagna condotta da numerosi media mainstream (in testa, ovviamente, le “anime belle” della “sinistra”) sull’uso di gas nervini da parte del governo Assad. Le solite stantie “notizie” sulle “Armi di distruzioni di massa” in mano al Saddam di turno per giustificare un ennesimo intervento dell’Occidente, una guerra? Forse, questa volta, non è così. Partiamo dalle considerazioni più ovvie.

Leggi tutto »

ULTIMA CONDANNA: PER L'ITALIA SARA' LA FINE, E LETTA OBBEDIRA'

FONTE: LIBREIDEE.ORG Siamo definitivamente spacciati, perché abbiamo accettato tutte le clausole-capestro dei trattati europei. Prima Maastricht, poi il Fiscal Compact, il Mes e l’Europact, cui ora si aggiungono le concessioni di spesa pubblica offerte il 3 luglio all’Italia dalla Commissione Europea e il futuro Rf, il trattato per la nascita del Redemption Fund per i debiti pubblici dell’Eurozona. Tutto questo, avverte Paolo Barnard, a patto che il paese aderente adotti “stringenti misure di aggiustamento della spesa pubblica”. E cioè: dovremo …

Leggi tutto »

I DIRITTI DI DAVID MIRANDA, COME L’EUROPA PUO’ IMPARARE DALL’INDIPENDENZA DELL’AMERICA LATINA

DI MARK WEISBROT theguardian.com L’azione del Brasile per la detenzione di compagno di Glenn Greenwald mostra che le nazioni sudamericane non sono più allineate con Washington Con poche eccezioni, la maggior parte d’Europa non ha avuto una politica estera indipendente negli ultimi 70 anni, e il Regno Unito si distingue come un chiaro esempio di ciò. Mi ricordo di aver discusso la politica estera britannica con un membro del Parlamento pochi anni fa, e lui mi ha confessato: “Vuoi sapere …

Leggi tutto »

UN ALTRO CROLLO ECONOMICO E' INEVITABILE

DI ADNAN AL-DAINI dissidentvoice.org Il crollo economico del 2008 ha lasciato, in tutto il mondo, milioni di persone disorientate e sconvolte dalla catastrofe e dalla devastazione inflitta alle loro vite: la disperazione dei giovani disoccupati di fronte a un futuro incerto e desolante, i pensionati che lottano per sopravvivere con pensioni che hanno perso il loro potere d’acquisto, il povero impiegato che accetta un taglio del suo orario e del suo salario per evitare di perdere il posto di lavoro, …

Leggi tutto »

SIAMO I MESSICANI D'EUROPA: QUESTA E' L'EREDITA' CHE CI HA REGALATO LA TRATTATIVA STATO-MAFIA

DI SERGIO DI CORI MODIGLIANI Libero pensiero Seconda puntata su geo-politica e la trattativa Stato-Mafia. L’Italia, come è noto, soffre di una anomalìa che la rende un paese difficile da gestire e per molti aspetti incomprensibile per gli osservatori esterni. Sembrano essere tutti d’accordo nel sostenere che, tale “anomalia”, sarebbe relativa all’esistenza politica di Silvio Berlusconi per un così lungo tempo. Non sono d’accordo. La sopravvivenza di Berlusconi non è un’anomalia, bensì la conseguenza di un’altra anomalia, quella vera, quella …

Leggi tutto »

LA NUOVA COSTITUZIONE UNGHERESE (CHE ALL'UE NON PIACE)

DI IDA MAGLI italianiliberi.com Questo è il Preambolo della nuova Costituzione ungherese, molto osteggiata, come è noto, dall’Unione europea. Non c’è da meravigliarsene: lo spirito che l’anima è del tutto contrario agli intenti dissacratori dell’Europa che tende, anche se ancora non c’è riuscita, a eliminare gli Stati nazionali, l’amore per la patria, per la lingua, per la religione, per la storia di ogni singolo popolo per giungere a omologare tutti gli abitanti del continente in una massa informe, priva di …

Leggi tutto »

IL BAZOOKA CHE DRAGHI NON VUOLE USARE

DI SERGIO CESARATTO ilmanifesto.it Un influente economista europeo, Charles Wyplosz, è coautore di una proposta di una semplicità cristallina per cominciare a sdrammatizzare la crisi in corso (voxeu.org). In breve Wyplosz propone che la Bce acquisti un quarto dei debiti pubblici dei paesi europei periferici (Francia inclusa) pari a 1.200 miliardi di euro, circa un quarto del loro Pil. In sostanza, man mano che titoli del debito di questi paesi vengono a scadenza, la restituzione viene finanziata dalla Bce che …

Leggi tutto »

I MERCATI PARLANO CHIARO: BERLUSCONI E’ STATO MANDATO IN PENSIONE. LUI, NON HA ANCORA CAPITO CHE COSA STA ACCADENDO

“L’Italia è l’unica nazione capitalista al mondo, in cui il comunismo non mai caduto”. Indro Montanelli. Ottobre 1999 Primo post di una serie di 2. Geopolitica e trattativa stato-mafia. Silvio Berlusconi è un leader politicamente finito. Lo sa lui, lo sanno i suoi, lo sanno tutti. Tutto sta a vedere –questa è l’unica risposta ancora da decifrare- se finirà nei guai anche economicamente, finendo sul lastrico, trascinandosi appresso tutte le sue aziende, ma proprio tutte, nessuna esclusa. Il che, non …

Leggi tutto »

GRECIA: DALL' AUSTERIT ALL' AGONIA IL PASSO BREVE

DI COSTAS PANAYOTAKIS indypendent.org Ops, l’abbiamo fatto un’altra volta ! Questo è in sostanza quello che ha scritto il Fondo Monetario Internazionale nel rapporto di giugno quando ha riconosciuto i gravi errori, commessi nel 2010 dalla Commissione Europea e dalla Banca Centrale Europea, quando hanno insistito nell’imporre un programma di austerità feroce come condizione essenziale per concedere quei prestiti che hanno permesso alla Grecia di continuare a pagare il suo debito con le banche europee.

Leggi tutto »

RIMINI: LA FAVO-LETTA CONQUISTA IL POPOLO DI CL (ANALISI CRITICA DELLE FALSE SPIEGAZIONI DI UN MERKELLIANO FEDELE)

DI MARCO DELLA LUNA marcodellaluna.info Come sempre fanno le istituzioni e quasi sempre la politica, nei loro discorsi a Rimini ieri (uno registrato, l’altro dal vivo), Napolitano e Letta, contro il loro stesso motto “parlate il linguaggio della verità”, hanno spiegato al popolo di CL la crisi e “come uscirne” in termini emotivi, soggettivi, infantili, fasulli. E il popolo di CL, impreparato e irrazionale, ha bevuto, ha applaudito, anzi è stato conquistato. Immaginate una città colpita da tassi elevatissimi di …

Leggi tutto »

SINISTRA ? NO, GRAZIE: HAI FALLITO, E NON VEDE LA CATASTROFE

DI GIULIETTO CHIESA libreidee.org La tradizione comunista e socialista, dopo la disfatta dell’esperimento sovietico, non è stata capace di produrre nulla di alternativo in grado di contrastare il pensiero unico, che infatti ha vinto. Gli epigoni di quell’esperienza sono ormai – come scriveva acutamente Alexadr Herzen, pur riferendosi alla generazione del 1848 – «stranieri del tempo loro» e non capiscono di essersi lasciati «sfuggire il presente e il futuro», mentre continuano a «lottare contro il loro stesso passato». Non è …

Leggi tutto »

L’INCUBO DI FUKUSHIMA PEGGIORA

DI HARVEY WASSERMAN counterpunch Proprio quando sembrava che le cose potessero essere sotto controllo a Fukushima, scopriamo che sono peggio che mai. Smisuratamente peggio. Adesso quantità massicce di liquidi radioattivi stanno scorrendo dall’area del reattore distrutto nell’Oceano Pacifico. E la loro composizione è di gran lunga più letale del ‘semplice’ trizio di cui abbiamo letto sui giornali finora.

Leggi tutto »

INTIMIDIRE I GIORNALISTI

DI MARCELLO FOA blog.ilgiornale.it Sono passate diverse settimane da quando l’ex informatico della Cia Edward Snowden ha rivelato il Datagate e considerato l’epilogo della sua vicenda oggi lo si possa considerare davvero un eroe della miglior America. Inizialmente il sospetto era che la sua improvvisa e clamorosa ribellione fosse strumentale e concordata con servizi segreti stranieri; insomma che fosse passato “al nemico” (si pensava ai cinesi) e che la mediatizzazione del suo caso potesse servire a rendere ancor più forti …

Leggi tutto »

CIAO, IO SONO IL NUOVO ASSE DEL MALE

DI PEPE ESCOBAR asiatimes.com 

Ho sostenuto che ciò che è appena accaduto in Egitto è un bagno di sangue che non è un bagno di sangue , condotta da una giunta militare responsabile di un colpo di stato che non è un colpo di stato, con il pretesto di una “guerra al terrore” egiziano. Eppure questo balletto politichese – che facilmente sarebbe potuto essere scritto dalla Casa Bianca – è solo una parte del quadro. In mezzo a una fitta …

Leggi tutto »

IL BREVE TRAGICO REGNO DEL CONSUMISMO – E LA NASCITA DI UNA FELICE ALTERNATIVA

DI RICHARD HEINBERG commondreams.org Tu e io consumiamo – siamo consumatori. L’economia globale è impostata in modo tale da permetterci di fare quello che ci piace fare – comprare, usare e comprare ancora. Se facciamo bene il nostro lavoro, l’economia prospera; se, per una qualche ragione, non adempiamo ai nostri compiti, l’economia vacilla. Il modello di esistenza economica appena descritto è sostenuto e alimentato dalle pagine economiche di tutti i quotidiani e da tutti i servizi di argomenti finanziario trasmessi …

Leggi tutto »

LOST IN TRANSLATION

DI LORENZO BORRE’ Riceviamo e volentieri pubblichiamo Le centinaia di egiziani massacrati dai militari golpisti erano sostenitori della “Teocrazia fascista” o del “Fascismo teocratico”?….. Non s’è capito ancora bene: sono infatti due le versioni della traduzione del passaggio cardine della dichiarazione di Mostafa Hagazi, portavoce del Presidente provvisorio egiziano Adii Mahumud Mansur, diramata il 17 agosto ai mass media, con cui si cerca di nobilitare la mattanza dei sostenitori di Mohamed Morsi. La prima versione l’ho sentita nella cronaca radiofonica …

Leggi tutto »

L’IMPERO ECONOMICO DEI MILITARI EGIZIANI

DI SHERINE TADROS aljazeera.com/ Un articolo del 15 Feb. 2012 che analizza uno dei motivi meno trattati dai tanti commenti sulla crisi sociale che sta vivendo oggi l’Egitto Appelli alla responsabilità e alla trasparenza stanno crescendo in un momento ( febbraio 2012) in cui i militari sono caduti in disgrazia presso il pubblico. Gli enormi interessi economici dei gruppi militari egiziani sono uno di quei segreti che conoscono tutti. I loro social club, i circoli privati, le residenze e tanti …

Leggi tutto »

UN BAGNO DI SANGUE CHE NON UN BAGNO DI SANGUE

DI PEPE ESCOBAR rt.com/ Il “bagno di sangue che non è un bagno di sangue” in Egitto ha dimostrato che le forze della repressione senza limiti e della corruzione regnano sovrane, mentre gli interessi stranieri – della Casa di Saud, di Israele e del Pentagono – sostengono questa spietata strategia dei militari. Basta guardare le foto. Si soffermano su decine di corpi allineati in obitori improvvisati. Come si può giustificare un bagno di sangue tanto spaventoso? O questo è un …

Leggi tutto »

GRILLO. CERCANDO UN ALTRO EGITTO

DI FRANCESCO SANTOIANNI francescosantoianni.it/ Avevo già scritto qualcosa sulla “indeterminatezza” della politica estera dei Parlamentari Cinque Stelle a proposito della Siria, del Libano e di Israele. Ora è Beppe Grillo in persona a pronunciarsi, in un suo post, sull’Egitto, denunciano un “colpo di stato dell’esercito”, che sarebbe avvenuto, con la defenestrazione del presidente Mohamed Morsi, nel silenzio dell’ONU (che dovrebbe, invece, “processare chi ha ordinato la strage, come è avvenuto per la Serbia”). Lasciamo perdere le illusioni di Grillo sul …

Leggi tutto »

IMMAGINO ORA VOGLIATE SAPERE COME ANDRA' A FINIRE IN EGITTO…

DI SHERIF EL SEBAJE /salamelik.blogspot.com …Immagino ora vogliate sapere come andra’ a finire in Egitto. E allora se non avete il cuore tenero, ve lo dico. Premetto che la soluzione che qui di seguito verra’ illustrata non e’ quella che mi piace o quella che suggerisco, ma che e’ quella che verra’ molto probabilmente adottata in base ai dati e ai segnali che percepisco. Ed e’ anche quella che ha storicamente funzionato con la fratellanza egiziana. Stiamo parlando della cura …

Leggi tutto »

METAMORFOSI DELLA MONDIALIZZAZIONE

DI GILLES BONAFI Global Research Nel seguito un estratto del mio intervento al Convegno su Maghreb e mondializzazione, tenuto il venerdì 21 giugno presso la sala conferenze dell’Assemblea Nazionale. Esso consentirà di comprendere meglio la resilienza (adattamento a un ambiente in cambiamento) delle grandi strutture regionali al fine di resistere all’impatto della crisi, una vera metamorfosi della mondializzazione. Per cominciare, si rileva indispensabile un’analisi sul punto in cui si trova l’economia nazionale. Permetterà infatti di comprendere meglio le difficoltà attuali …

Leggi tutto »

EGITTO

DI MIGUEL MARTINEZ kelebeklerblog.com Vorrei riuscire a seguire meglio la catastrofe egiziana, ma mi trovo bloccato da numerosi piccoli impegni. Segnalo comunque un’interessante riflessione di Tariq Ramadan (1) , che trovo molto lucida, e per nulla tenera nei confronti dei Fratelli Musulmani, che in pochi mesi di governo sono riusciti a sbagliare tutto. L’analisi di Ramadan mi piace soprattutto per la chiarezza con cui descrive i vari interessi in gioco, che non sono certamente “laici contro islamisti”, o “popolo contro …

Leggi tutto »

WALL STREET JOURNAL: L'EGITTO HA BISOGNO DI UN PINOCHET

FONTE: ONLINE.WSJ-COM “Gli egiziani sarebbero fortunati se i loro generali avessero la tempra del cileno Augusto Pinochet, che arrivò al potere in pieno caos ma seppe coinvolgere dei riformatori liberali e introdusse una transizione democratica. Se il generale egiziano Abdel Fattah al-Sissi cercherà di ripristinare il regime di Hosni Moubarak, gli toccherà lo stesso destino di Mohamed Morsi.” Editoriale, non firmato, sul Wall Street Journal di giovedì 4 luglio 2013

Leggi tutto »

L'ISLANDA DI NUOVO UNA BOMBA A OROLOGERIA PER L'EUROPA

DI CYRUS SANATI finance.fortune.cnn.com Dall’Islanda potrebbe arrivare un altro disastro per riaccendere la paura degli investitori e creare altro panico in tutto il continente. L’inevitabile smascheramento di una incerta ripresa economica islandese potrebbe avere gravi conseguenze per il resto dell’Europa. Dal 2008, la piccola isola ha potuto evitare un vero tracollo economico, grazie soprattutto al controllo dei capitali imposto dal governo che ha salvato la propria moneta dall’implosione. C’è qualcosa che presto potrebbe scoppiare in Islanda

Leggi tutto »

CARO PRESIDENTE

DI CARLO BERTANI carlobertani.blogspot.it Gentile Presidente della Repubblica, le scrivo con il cuore in mano, certo della sua comprensione: anch’io sono un pregiudicato, ebbene sì, lo confesso di fronte a lei ed al mondo, sperando – almeno – in un tardivo perdono. Ho attentato alla vita altrui: da lei, così giusto ed equanime – proprio lei che ha dato un buffetto a Sallusti al posto del carcere e s’appresta a studiare attentamente il caso Berlusconi – m’attendo una parola di …

Leggi tutto »