Home / 2013 / agosto / 31

Archivi giornalieri: 31 Agosto 2013 , 16:20

AL FESTIVAL DELLA MENTE LA PSEUDOSCIENZA CHE MENTE

DI ALESSANDRA COLLA alessandracolla.net Il 1° settembre 2013, a Sarzana (Sala Canale Lunense, h. 10:30), nell’ambito del Festival della Mente, il prof. Silvio Garattini terrà una conferenza. E allora? Allora, da questa manciata di parole possiamo tirar fuori alcune informazioni piuttosto significative — soprattutto perché difficilmente le potrete leggere o sentire. Mettetevi comodi, ché cominciamo.

Leggi tutto »

QUATTRO SENATORI DEL COLLE PER INCASTRARE BERLUSCONI

DI FUNNYKING rischiocalcolato.it Napolitano “Spende” 48.000€ al Mese per Salvare il Governo e Evitare Eelezioni (mica sono i suoi, neh!) Facciamo un pochino di matematica: Per avere una maggioranza al Senato fino a ieri ci volevano 158 voti. Pd+SVP+SEL ne hanno 123 Scelta Civica ne ha 20 Fanno 143 ne mancano 15. Con i nuovi 4 senatori a vita il quorum si alza a 160, ma se per pura ipotesi (potete ridere), tutti e quattro i senatori, dopo attenta riflessione, …

Leggi tutto »

IL BOMBARDAMENTO DI DAMASCO HA GIA’ FATTO UNA VITTIMA ILLUSTRE: BARAK OBAMA

DI ANTONIO DE MARTINI corrieredellacollera.com Se pensate di aver assistito a un film di Frank Capra in cui c’è il lieto fine, disilludetevi. La perdita dell’appoggio inglese ai bellicosi progetti siriani dell’amministrazione Obama suona come una campana a morto per la credibilità politica del presidente all’interno e all’estero e costringe i militari a rivedere tutti i piani di attacco a causa della cessata disponibilità della base di attacco di Akrotiri a Cipro, ma è solo una complicazione. Ban Ki moon …

Leggi tutto »

IL DEBITO PUBBLICO ? BASTA SEPPELLIRLO…

DI MARCELLO FOA blog.ilgiornale.it Perché non proclamiamo un Giubileo del debito? Sì, proprio come accadeva nell’Antichità, quando molti Sovrani ogni cinquant’anni proclamavano l’annullamento dei debiti. E rimettevano a zero le lancette dell’economia, basandosi sul buon senso. Il creditore in 50 anni non solo era rientrato dall’investimento ma aveva incassato ampi rendimenti; il debitore, invece, e dopo 50 anni non aveva cancellato il proprio pegno, aveva bisogno di nuovo ossigeno per andare avanti. Perché oggi l’Unione europea non fa altrettanto?

Leggi tutto »