Home / 2012 / dicembre / 03

Archivi giornalieri: 3 dicembre 2012 , 21:42

VICENDE COME QUELLA DELL'ILVA ALIMENTANO UN SOSPETTO RADICALE

DI MICHELE SERRA repubblica.it Vicende come quella dell’Ilva alimentano un sospetto radicale. Che questa crisi non finirà mai: nel senso che questo sistema produttivo, questa organizzazione del lavoro, questi modelli di consumo hanno concluso la loro parabola ascendente, imboccando la china declinante. Se questo è vero – se, cioè, la crisi è davvero “strutturale” o “di sistema” come dicono in parecchi – chiunque annunci la fine della crisi mente; o si sbaglia; o si sente in dovere di dare conforto. …

Leggi tutto »

IL COLLASSO ECONOMICO E MONETARIO DEGLI USA

DI PAUL CRAIG ROBERTS dissidentvoice.org Il  fiscal cliff – la scogliera fiscale  è una cosa vera o un’altra bufala? La risposta è che il fiscal cliff è vero ma è una conseguenza, non una causa. La bufala è il modo in cui si vuole usare la scogliera fiscale. Il fiscal cliff è il risultato dell’incapacità di bloccare il deficit del bilancio federale, ma il deficit di bilancio non può essere bloccato, perché negli USA un gran numero di posti di …

Leggi tutto »

IL DOCUMENTARIO CHE DOVREBBE FAR VERGOGNARE OGNI ISRAELIANO CHE ABBIA UN MINIMO DI DIGNITA'

DI GIDEON LEVY haaretz.com Non c’è un attimo di tregua nel documentario probatorio di Emad Burnat e Guy Davidi, “5 telecamere distrutte”, che ripercorre lo scontro nel villaggio palestinese della Cisgiordania Bil’in. I soldati arrivano nel cuore della notte. Tirano calci, rompono, distruggono. Fanno irruzione in una casa svegliando bruscamente gli abitanti, inclusi bambini e neonati. Un ufficiale tira fuori un documento dettagliato e proclama: “Questa casa viene dichiarata ‘zona militare chiusa’”. Legge l’ordine – in ebraico e a voce …

Leggi tutto »

INCONTRI RAVVICINATI DI QUALCHE TIPO

DI GUSTAVO PIGA gustavopiga.it Ieri ero a Verona. La bellissima Verona. Ho assistito per la prima volta, in diretta ed in presenza, ad un discorso di Monti. L’occasione era ghiotta per ascoltare un collega che era diventato così importante per i destini contingenti e forse duraturi del mio Paese. E’ piaciuto molto alla platea, specie ai molti giovani presenti, un elemento che mi ha stimolato ed incuriosito ancora di più a cercare di comprendere.

Leggi tutto »