Home / 2012 / luglio

Archivi mensili: luglio 2012

MA L 'EURO E' DAVVERO FALLITO ?

DI SERGIO CESARATTO ilmanifesto.it I mercati si sono ieri ripresi e gli spread di nuovo calati sotto i 500 punti. Questo in seguito alle foto di Merkel e Hollande – che tanto ci ricordano Merkosy – che giuravano che l’euro sopravvivrà, e le coeve dichiarazioni di Draghi che la Bce farà di tutto per salvare la moneta unica. In costoro v’è da credere, così come non deve preoccupare l’opposizione della Bundesbank che super-MarioD, si dice, sta cercando di ammorbidire. Costoro …

Leggi tutto »

VACANZE AMERICANE: IN MEZZO AGLI AMISH

DI BARBARA NOE telegraph.co.uk Esplorare la Dutch Country della Pennsylvania è come fare un passo indietro nel tempo, ma la vita lenta e senza tecnologia dà le sue ricompense. Sono troppo attaccata al mio iPhone. Per ogni mia domanda, per quanto triviale, le indicazioni per un ristorante o un aggiornamento sulle notizie, mi ritrovo inconsciamente a rivolgermi a questo piccolo ed intelligente aggeggio, al punto da non essere sicura che il mio cervello funzioni ancora. Ho chiaramente un problema, quindi …

Leggi tutto »

A TARANTO VIA L'ILVA PER FAR LARGO ALLA NATO

FONTE: COMIDAD La Psychological War della NATO conosce i suoi polli, quindi era facilmente prevedibile che il lanciare l’esca di un dibattito infinito sull’alternativa tra salute e lavoro avrebbe stanato la legione dei filosofastri sempre in agguato. Nel “dibattito” ovviamente non si è mai mancato di avallare quell’ipocrisia ufficiale secondo la quale le industrie esisterebbero per dare posti di lavoro, perciò, in definitiva la colpa dell’inquinamento è degli operai.

Leggi tutto »

LA GENTE OGGI E' DIVENTATA INCAPACE DI RIVOLUZIONI ?

DI COSTANZO PREVE Italicum Tu ti poni una domanda inquietante: la gente oggi è diventata incapace di rivoluzioni? Fai anche l’ipotesi, da prendere certamente in considerazione, che questa radicale incapacità trasformatrice (non importa se riformista o rivoluzionaria) possa essere dovuta non certo ad una salarializzazione spinta della società, ma proprio al suo contrario, la generalizzazione di sussidi minimi di sopravvivenza per mantenere da un lato la pace sociale, dall’altro livelli sufficienti di consumo, sia pure parassitario.

Leggi tutto »

MARIO DRAGHI HA PROMESSO LA LUNA

DI AMBROSE EVANS-PRITCHARD telegraph.co.uk Solo Mario Draghi della BCE può evitare il disastro globale prima della fine dell’anno. Speriamo che, questa settimana, il Consiglio della Banca Centrale Europea riesca a mantenere le sue promesse. Altrimenti già a agosto, o subito dopo, la crisi sfuggirà di mano. Abbiamo superato il punto in cui il taglio di un quarto di punto del tasso di interessi non solo non riesce a ottenere niente ma non serve nemmeno un nuovo ciclo di acquisti di …

Leggi tutto »

SPIE DELL'ARMAGEDDON

COSI’ IL MOSSAD HA UCCISO GLI SCIENZIATI IRANIANI DI GIULIO MEOTTI ilfoglio.it “Per una missione così pericolosa, come un assassinio nella capitale iraniana, il Mossad non fa affidamento su mercenari”. La rivelazione, contenuta nel libro di Dan Raviv e Yossi Melman “Spies against Armageddon”, sta facendo il giro del mondo. Nel libro i due noti giornalisti investigativi israeliani raccontano in dettaglio come agenti israeliani abbiano eliminato almeno quattro scienziati iraniani impegnati nel progetto nucleare.

Leggi tutto »

DENVER: UN MASSACRO FUNZIONALE AL POTERE

DI ATILIO BORON rebelion.org La strage che ha avuto luogo in un cinema della periferia di Denver ha scatenato, così come è successo in altre occasioni a seguito di altre atrocità simili, un atteso coro di lamenti che si chiedeva perché periodicamente negli Stati Uniti appaiano dei mostri capaci di perpetrare crimini come quello del tetro emulo di Joker. In realtà un’analisi che lascia da parte la compiacenza abituale con le cose dell’impero non potrebbe non segnalare una causa di …

Leggi tutto »

SIRIA. L'INGANNO TELEMATICO RISCHIA DI ESSERE RIDIMENSIONATO DALLA PIATTA REALT

DI ANTONIO DE MARTINI corrieredellacollera.com L’arte militare recita- dai tempi del generale Douhet – che la vittoria arride a chi detiene la supremazia aerea. L’ esercito siriano sta vincendo la partita sul terreno grazie a una variante sul tema: ha usato gli elicotteri, senza però impiegare gli aerei da bombardamento e da attacco al suolo per non consentire agli USA l’arma della ingerenza umanitaria. Gli Stati Uniti hanno usato tutte le armi disponibili tranne la forza aerea, visto che non …

Leggi tutto »

IL MITO DELLA PROSPERIT IN TEMPO DI GUERRA

La Seconda Guerra Mondiale non ha migliorato lo standard di vita dell’americano medio. DI ROBERT P. MURPHY The american conservative Quando i keynesiani sono spinti a raccontare una “storia di successo” per le loro politiche, essi citano con orgoglio la Seconda Guerra Mondiale. Sostengono che si è trattato della dimostrazione perfetta di una grande capacità di spesa del governo per sollevare un’economia in depressione. Nel tentativo di combattere questo mito, Steve Horwitz e Michael J. McPhillips offrono un’interessante articolo dove …

Leggi tutto »

LEGGE ELETTORALE, UN PIANO CONTRO IL MOVIMENTO 5 STELLE ?

DI ENZO DI FRENNA ilfattoquotidiano.it La notizia merita di correre veloce nella Rete. Un tam tam assordante, che travalica i social network e arriva nelle case degli italiani, attraverso fotocopie, volantini, allegando come prova l’articolo di Italia Oggi – giornale nelle simpatie del Pdl – a firma di Cesare Maffi, un giornalista che sembra essere ben informato anche dei fatti che accadono nelle segrete stanze dell’Udc e della Lega. Senza pudore, con vergognosa sfacciataggine, la casta politica svela a un …

Leggi tutto »

CONSEGUENZE

DI PAOLO NORI paolonori.it Le conseguenze del collasso finanziario che sembra sia all’orizzonte, per come le capisco io, e probabilmente le capisco male, se dovessi riassumerle brevemente direi che potrebbero essere queste: diventeremo più poveri. E quando penso alla povertà, mi vien sempre in mente una cosa che mi sembra dicesse Stendhal, al quale, come si sa, l’Italia piaceva moltissimo, e diceva che quello che gli piaceva, dell’Italia, era che in Italia, gli italiani, non si vergognavano di essere poveri.

Leggi tutto »

IL MITO DELLE LISTE CIVICHE

DI ALESSIO MANNINO lavocedelribelle.com Qual è il nuovo nome dell’eterno trasformismo italiano? Civismo Sotto il manto delle liste civiche si riciclano gli spurghi della partitocrazia italiana, sempre immaginifica e prolifica. Liste civiche locali ce ne sono sempre state, e sono la norma nei Comuni sotto i 15 mila abitanti. Ma da un po’, fra gli addetti di marketing politico, si è fatta strada la pensata di travestire i partiti in quanto tali da “liste civiche nazionali”. Tira una pessima aria …

Leggi tutto »

USCIRE DALL'EUROPA SI PUO'! ECCO COME…

DI PAOLO BECCHI byoblu.com Uscire dall’Europa è impossibile? È forse uno “slogan falsità”, come cantava Lucio Battisti? Poiché, sul punto, vi è una certa confusione, forse è bene riassumere brevemente le procedure di “exit” definite dal Trattato di Lisbona. Il diritto di “recedere” dagli obblighi assunti nel corso del processo di integrazione europea è sempre stato considerato, almeno implicitamente, compatibile con la natura volontaria dell’adesione, da parte degli Stati membri, alla Comunità.

Leggi tutto »

IL PIANO DI OBAMA IN SEI PUNTI PER LA GUERRA GLOBALE

DI NICK TURSE asiatimes.com Sembra una scena da film di Hollywood. Nel buio pesto, uomini in tenuta da combattimento, dotati di armi automatiche e di occhiali per la visione notturna, afferravano un grosso cavo intrecciato che pendeva da un elicottero Chinook MH-47. Poi, in un lampo, ognuno di loro “velocemente-legato” si calava in una nave che era giù. Successivamente, “Mike”, un componente della Navy SEAL (flotta americana, ndt) che ha preferito non rivelare il suo cognome, si vantava con un …

Leggi tutto »

TARANTO RICORDERA' IL GIORNO DI SANT' ANNA DEL 2012

DI COSIMO ARGENTINA carmillaonline.com Con chi si sarebbe schierato Pier Paolo Pasolini nel giorno di Sant’Anna a Taranto? Con i giovani ambientalisti e con le nuove generazioni che si battono per una Taranto smarcata finalmente dai veleni o con i lavoratori dell’Ilva che lottano per il pane e il diritto alla fatica? Cosa avrebbe detto il friulano, l’ultimo intellettuale italiano, dei politici con la bava alla bocca incapaci di governare un giocattolo che gli è sfuggito di mano; degli imprenditori …

Leggi tutto »

SONO LE ARMI – MA TUTTI SAPPIAMO CHE NON SONO PROPRIO LE ARMI

DI MICHAEL MOOORE commondreams.org Fin da quando Caino perse la testa e colpì a morte Abele, ci sono sempre stati degli umani che, per un motivo o per l’altro, perdono il senno temporaneamente o stabilmente e commettono indicibili atti di violenza. L’Imperatore Romano Tiberio che nel primo secolo a.C. si divertiva a buttare le vittime giù dalle rocce dentro il mare dell’Isola di Capri. Gilles de Rais, un cavaliere medievale francese e alleato di Giovanna d’Arco, un giorno perse la …

Leggi tutto »

PANEM

DI TONGUESSY appello al popolo Da quando l’umanità ha accettato di vivere da agricoltore (con le divisioni sociali che questo comporta, così come sottolineato da J. Diamond nel suo splendido saggio “Il peggiore errore nella storia dell’umanità” [1] [2]) i cereali sono stati al centro dell’alimentazione. Siamo diventati mangiatori di granaglie, con del companatico (cum panem) a fare da contorno. La frase “guadagnarsi la pagnotta” stigmatizza la centralità del pane nella vita dei lavoratori. Non solo: Mario Rigoni Stern ci …

Leggi tutto »

UN GRUZZOLO DA 13-MILA-MILIARDI-DI-STERLINE NASCOSTE AL FISCO

DI HEATHER STEWART www.guardian.co.uk • Uno studio stima che le dimensioni dell’economia offshore siano sbalorditive • Le banche private aiutano i più ricchi a spostare il denaro nei paradisi fiscali Stando a una ricerca commissionata da Tax Justice Network (“Rete per la Giustizia Fiscale”- ndt), una élite globale super ricca, sfruttando tutti i buchi dei regolamenti sulle tasse trans-nazionali ha nascosto “offshore” ,13 mila miliardi di sterline (21 mila miliardi di dollari) di ricchezza tanto quanto i PIL di Stati …

Leggi tutto »

NON HANNO LIMITI. SARA' ANCHE PEGGIO DI COSI'

DI PAOLO BARNARD paolobarnard.info Emergono i dettagli, la penna Bic sta unendo i puntini sul foglio e sta emergendo la figura completa, se di completo esiste qualcosa nella perfidia dei tecnocrati europei, che sembra non avere fondo. Nei corridoi della UE sta trapelando la seconda parte del piano Draghi-Merkel di ieri. Vi pareva che si accontentassero di intrappolarci nell’Eurozona per altri 5 o 10 anni senza, fin da subito, spremere sangue concreto? Nella foto: il ministro delle Finanza tedesco Wolfgang …

Leggi tutto »

I GIOCHI (OLIMPICI) DELLA GENTE COMUNE

DI MICKEY Z countercurrents.org “Che c’è scritto sul tabellone?  Vieni a divertirti. Vieni a suonare. Non pensare a come ti muovi”. – Zack de la Rocha  La grande Macchina della Distrazione sta lanciando un’altra estate di giochi olimpici – in perfetta sincronia per offuscare la crescente ondata di rivolte che, in tutto il mondo, avvengono fuori dalla portata dei radar dei grandi media. Naturalmente, oltre a tutti i discorsi fuorvianti su come lo sport unisca e sulla vita di sacrifici …

Leggi tutto »

NON POSSO USARE ALTRE PAROLE, MI SI PERDONI: MA SIAMO NELLA MERDA DAVVERO.

DI PAOLO BARNARD paolobarnard.info Ieri sera prima di una conferenza in Sardegna un blogger m’intervista e mi chiede: “Facciamo default?”. Io: “Non credo, perché temo che Draghi aprirà all’ultimo i rubinetti della BCE, o daranno al MES una licenza bancaria”. (poi vi spiego) Stamattina l’amico Mauro Valentini di Misano mi manda un sms: “Si fa default?”, gli rispondo la stessa cosa (e tenete a mente il verbo “temo” che ho usato con entrambi).

Leggi tutto »

ITALIA: LA VIOLENZA CHE VIENE

DI NICOLA LAGIOIA minimaetmoralia.it L’anno che verrà L’anno che comincerà il prossimo autunno potrebbe essere tra i più violenti che l’Italia abbia sperimentato dopo la fine della seconda guerra mondiale. Lo sarà dal punto di vista della violenza fisica, e allora – ammesso di non ritrovarci troppo impegnati a sopravvivere nella guerra tra poveri di cui siamo la parte privilegiata, guerra che da condominiale si sarà fatta nel frattempo rionale, poi cittadina – noi miserabili di buona volontà, specie se …

Leggi tutto »

LA BCE DIFENDE L'EURO, LE BANCHE, MA NON GLI EUROPEI

DI MARCO DELLA LUNA marcodellaluna.info Paradossalmente, l’agonia dell’Euro, del debito pubblico, dello spread, con tutti i sacrifici, la recessione e le tasse che ad essa conseguono, è voluta e mantenuta dai poteri europei: infatti dipende dalla scelta di proibire alla BCE di comperare le emissioni di debito pubblico sul mercato primario, alle aste, cioè da fare da vera banca centrale di emissione, così da impedire alla radice la speculazione. I Brics, gli USA, il Giappone, hanno banche centrali che fanno …

Leggi tutto »

MONTI ALLA CORTE DI PUTIN, PUTIN ALLA CORTE DEL FMI

FONTE: COMIDAD (BLOG) Mentre allo spread ed alle borse succedeva di tutto, un Mario Monti sempre più patetico volava in Russia per svolgere il ruolo di procuratore d’affari per conto dell’ENI, come già i suoi due predecessori alla Presidenza del Consiglio. Ma si tratta ormai di affari parecchio ridimensionati, poiché si sta parlando di un ENI azzoppato dalla perdita della Libia, che ha comportato non solo la chiusura del principale rubinetto di petrolio, ma anche della cassaforte finanziaria di tutte …

Leggi tutto »

NESSUNO VUOLE VEDERE CHE LA SOLUZIONE ESISTE

DI GZ cobraf.com Mario Monti ora ogni due giorni ripete che se ne andrà nella primavera del 2013 per cui altri si stanno preparando, Berlusconi ovviamente, Grillo e il suo movimento, Oscar Giannino/Confindustria/Marcegaglia, la “sinistra” (quando troverà un attimo di tempo in mezzo alle discussioni su Rosy Bindi gay) …e ai margini Lega e Di Pietro… Finora nessuno da segno di capire il fatto fondamentale: c’è un eccesso di debito, creato dalle Banche per il debito dei privati e dall’accumularsi …

Leggi tutto »

E' DAVVERO ARRIVATA LA FINE DEL DOMINIO USA SU INTERNET ?

Le ricadute del virus informatico Flame sono un complotto cino-russo per controllare Internet? DI BOB SULLIVAN redtape.msnbc.msn.com Il governo statunitense è stato preso con le mani virtuali nel sacco globale? E potrebbe di conseguenza perdere il controllo di Internet? Se si è fra le forze che nel mondo che vorrebbero strappare il controllo della Rete alle agenzie – tutte vicine agli USA – che la gestiscono, questa è la storia che si vorrebbe sentire. Ma lo cose sono raramente come …

Leggi tutto »

TREDICESIMA ADDIO

FONTE: ILSIMPLICISSIMUS (BLOG) E’ successo in Grecia, poi in Portogallo, è appena successo in Spagna e non c’è dubbio che succederà in Italia. L’Europa ha di bello che è totalmente sfatta, ma prevedibile e tristemente tetragona nelle sue ricette: dovunque ha chiesto una diminuzione degli stipendi della pubblica amministrazione oltre che delle pensioni e dovunque sono state sacrificate le mensilità extra, il modo più semplice per tagliare i redditi con un colpo di machete. Ma anche il più ipocrita, perché, …

Leggi tutto »

CARO BEPPE, ORA FAI IL POLITICO

DI MASSIMO FINI ilfattoquotidiano.it Caro Beppe, mi permetto di scriverti questa ‘lettera aperta’ in ragione di una conoscenza che risale a metà degli anni Ottanta e che poi è venuta consolidandosi in un’amicizia, personale ma anche, sia pur parzialmente, politica. All’inizio della tua ‘lunga marcia’ di avvicinamento alla politica attiva, che dura ormai da più di un quarto di secolo, tu, che eri rimasto colpito e forse anche un poco influenzato dal mio libro La Ragione aveva Torto?, mi chiedesti …

Leggi tutto »

CALA LA FIDUCIA NEL PROGETTO €URO

DI AMBROSE EVANS-PRITCHARD blogs.telegraph.co.uk Il FMI è ora il leader de facto del movimento degli euroscettici. L’ultimo rapporto del FMI sulla zona euro è un documento stupefacente. Quando tutta la storia di questa vicenda sarà scritta, la “lettura dell’ Articolo IV” sarà menzionata come una anticipazione dei fatti. La crisi dell’area euro ha raggiunto una nuova fase critica. Nonostante azioni politiche di rilievo, i mercati finanziari in alcuni stati di Eurolandia restano sotto uno stress acuto e lasciano tutti i …

Leggi tutto »

BLAIR, OLIMPIADI E IL PROFILARSI DI UNA NUOVA GRAN BRETAGNA

DI JOHN PILGER johnpilger.com Questa è la storia di due lettere e di due Britannie. La prima lettera è stata scritta da Sebastian Coe, l’ex atleta che presiede il Comitato Organizzatore delle Olimpiadi di Londra. Adesso lo chiamano Lord Coe. Nel New Statesman del 21 giugno, riportai per Coe un appello urgente espresso dall’Unione delle Donne del Vietnam, in cui si chiedeva che lui e i suoi colleghi del CIO riconsiderassero la loro decisione di accettare la sponsorizzazione di Dow …

Leggi tutto »