Home / 2011 / novembre

Archivi mensili: novembre 2011

L'ISLANDA, IL PRIMO PAESE OCCIDENTALE A RICONOSCERE LO STATO PALESTINESE

Haaretz.com Il parlamento islandese approva misure in solidarietà con il popolo palestinese nella Giornata delle Nazioni Unite; i palestinesi ripropongono la richiesta di adesione. da Reuters e Associated Press Martedì scorso il parlamento islandese ha votato a favore del riconoscimento dei Territori Palestinesi come stato indipendente, il primo paese dell’Europa occidentale a farlo, secondo il Ministro degli Esteri islandese. Simbolicamente, la misura è passata nella giornata annuale dell’ONU della solidarietà con il popolo palestinese.

Leggi tutto »

LE SANZIONI SOLO SOLO UNA PARTE DELL'ODIO DELL'IRAN PER IL REGNO UNITO

DI ROBERT FISK The Independent È ironico che gli iraniani conoscano la storia dei relazioni anglo-persiane meglio dei britannici. Quando l’appena insediato Ministro per la Consulta Islamica richiese a Harvey Morris – il corrispondente della Reuters nell’Iran post-rivoluzionario – una storia della sua agenzia di stampa, il giornalista sollecitò il suo ufficio di Londra perché gli inviasse una biografia del barone Paul von Reuter, e si sorprese nello scoprire che il fondatore della più grande agenzia di stampa al mondo …

Leggi tutto »

LA TURCHIA CONFUSA QUANTO LO SIAMO NOI PER LA SIRIA

DI ERIC MARGOLIS Lee Rockwell ISTANBUL – È una giornata cupa e uggiosa lungo le coste del Bosforo, il grande stretto che divide l’Europa dall’Asia. Torbido e pericoloso come la Siria, che a due passi da qui è sul punto di esplodere. La strategia turca del “non pestare i piedi” forgiata dal Ministro degli Esteri Ahmet Davatoglu ha funzionato benissimo in passato per seppellire ogni divergenza con Siria, Iran e Libano e aprire nuovi mercati miliardari agli esportatori turchi più …

Leggi tutto »

LA PROSSIMA GUERRA SI AVVICINA

DI ANDREA MENSA Riceviamo e volentieri pubblichiamo Una semplice analisi economica, porta a questa sconcertante conclusione. Difficile da credere ma più difficile immaginare altre soluzioni. Il tutto nasce dalla considerazione che gli stati occidentali, le cosidette “democrazie” abbiano negli anni accumulato debiti ingenti. Nelle “democrazie” le spese dello stato vengono decise dai governi eletti, ma anche le tasse per finanziarle. I governanti, soggetti a rielezione o bocciatura, hanno tutto interesse a distribuire molti benefici e chiedere pochi sacrifici, ricorrendo al …

Leggi tutto »

ALLA FINE L'ISLANDA HA VINTO

DI AMBROSE EVANS-PRITCHARD Telegraph.co.uk L’OCSE è davvero arrivato vicino a prevedere una recessione per l’Europa se i leader dell’UE non faranno apparire molto velocemente un prestatore di ultima istanza, e non riusciranno in qualche modo a far credere al mondo che il fondo di salvataggio EFSF esista davvero. Anche se il disastro venisse evitato, la previsione di crescita per l’eurozona è terribile. Italia, Portogallo, Grecia avranno tutte una contrazione nel 2012, mentre Spagna, Francia, Paesi Bassi e Germania rimarranno ferme.

Leggi tutto »

PRESTITO DEL FMI? PER L'ITALIA UN RIMEDIO PEGGIORE DEL MALE

DI GZ cobraf.com Leggere e mandare a memoria questa frase (“…Una volta accettata la linea di credito del Fmi per l’Italia si chiuderebbe la via di accesso al mercato, perché tutti, perché tutti i prestiti effettuati dal Fondo sono ‘senior’ cioè hanno il diritto ad essere pagati prima di ogni altra obbligazione dello Stato debitore. Con questa condizione chi comprerebbe più un Btp?) Verstehst Du ? Avez-vous compris ? Did you understand ? Capisc’ ? E poi leggere e meditare …

Leggi tutto »

L’EUROPA BLOCCATA DAI BANCHIERI: AL COMANDO GOLDMAN SACHS

DI PAUL CRAIG ROBERTS Global Research Il 25 novembre, due giorni dopo un’asta fallimentare asta dei titoli di stato emessi dal governo tedesco in cui la Germania non è riuscita a vendere il 35% dell’offerta di titoli decennali, il Ministro delle Finanze Wolfgang Schaeuble ha detto che la Germania potrebbe ritirare la richiesta avanzata alle banche private detentrici del debito sovrano di Grecia, Italia e Spagna di accettare parte del costo del piano di salvataggio con l’estinzione di parte del …

Leggi tutto »

PERCH LA CRESCITA ECONOMICA COS POPOLARE?

DI UGO BARDI Cassandra’s Legacy Negli ultimi anni il sistema finanziario ha inviato al mondo un segnale evidente quando tutti i prezzi delle materie prime sono schizzati a livelli mai visti prima. Se i prezzi sono alti, c’è un problema nelle forniture. Dato che la gran parte delle commodities che usiamo non sono rinnovabili – il greggio, ad esempio – è almeno ragionevole supporre che ci sia un problema di esaurimento. Invece, la reazioni dei lettori, dei decisori e degli …

Leggi tutto »

I PARADISI FISCALI: VISITA GUIDATA

DI THOMAS VENDRYES www.laviedesidees.fr Quali somme sono nascoste nei paradisi fiscali? Da chi? E come? Con l’aiuto di un metodo originale e di dati finora poco sfruttati, Gabriel Zucman fa piena luce su questi problemi, sperando che ciò possa aiutare a migliorare la lotta contro i paradisi fiscali. Avete svolto un importante lavoro su quello che lei chiama la “ricchezza mancante delle nazioni”, ossia il patrimonio delle famiglie che non appare nelle statistiche nazionali e mondiali, perché nascosto nei paradisi …

Leggi tutto »

NUTRIZIONE VEGAN E STUDI DI POPOLAZIONE

DI CARLO MARTINI Scritto per ComeDonChisciotte.org ed InformazioneAlimentare.it All’interno della ricerca bio-medica, una delle tipologie di indagine più rinomate è costituita dagli studi prospettici di coorte, ossia quelli che seguono per un certo periodo di tempo (idealmente alcuni decenni) determinati gruppi di popolazione che presentino caratteristiche omogenee ed un buono stato di salute all’inizio della ricerca, per poi correlarne specifiche abitudini di vita con il rischio (ossia l’incidenza effettiva o la mortalità) di svariate patologie attraverso l’analisi statistica dei dati. …

Leggi tutto »

FARANNO UN ALTRA LEHMAN IN ITALIA ?

DI GZ cobraf.com E’ ora in corso la discussione probabilmente più importante della nostra generazione. Per molti la risposta che daranno i governi nelle prossime settimane avrà conseguenze che si possono definire esistenziali. La domanda essenziale ora è, volendo sintetizzare: La BCE (Banca Centrale Europea) “staccherà degli assegni” per i governi dell’area dell’euro ? Se la BCE firmerà gli assegni i risultati economici e di mercato saranno completamente diversi rispetto al caso in cui non lo faccia. La propria prospettiva …

Leggi tutto »

2.6 MILIARDI AI POLLI

DI VALERIO LO MONACO ilribelle.com Successone del Btp day: le banche si sono liberate di un bel pò di titoli tossici Gli italiani ci sono cascati. Ma (forse) non è tutta colpa loro. Almeno non direttamente.  Ci sono giorni in cui anche solo semplicemente mettendo in ordine – o anche in ordine sparso – le cose che accadono, si ha l’impressione che veramente si stia vivendo in un incubo. Che non vi possa essere altro che ipnosi collettiva nell’incoscienza generale …

Leggi tutto »

IL PAZZOIDE DAVID ICKE INCASSA DAL TOUR MONDIALE E DAI SUCCESSI EDITORIALI

FONTE: Dailymail.co.uk Dichiara di essere il figlio di Dio e che il mondo è governato da alieni invisibili. Inoltre, sostiene che la Regina e la maggior parte dei leader mondiali sono il risultato dell’allevamento di umani con rettili che vivono all’interno della luna, che è in realtà un’astronave gigante. Ma quando si tratta di portare all’incasso le sue idee strampalate, David Icke – ex giornalista sportivo e ora tuttologo eccentrico – ha dimostrato di essere tutt’altro che pazzo. I suoi …

Leggi tutto »

SAREMO CAPACI DI ESSERE POVERI ?

DI ANDREA POMELLA ilfattoquotidiano.it Anni fa, quando lavoravo nella redazione di un giornale di annunci immobiliari, conobbi un uomo che all’apparenza conduceva una vita normale. Faceva il venditore di spazi pubblicitari, veniva ogni mattina in ufficio perfettamente rasato, con l’abito, la camicia e la cravatta, l’orologio da polso e la borsa di pelle piena di contratti in bianco. Faceva i suoi giri presso i clienti, rientrava in ufficio a pomeriggio inoltrato e si fermava fino a sera per lavorare al …

Leggi tutto »

GOLDFINGER SI MANGIA IL CONGO

DI GREG PALAST gregpalast.com Se Dio se ne strafotte dell’Avvoltoio, di cosa fa per vivere e cosa ha fatto in Africa, perché dovrei farlo io? Questo pensiero m’impressiona mentre me ne sto qui seduto, col caffè che diventa freddo nella mia vecchia Toyota, mentre provo a sembrare invisibile, impalato davanti al 300 di Dekalb Avenue. È appena passata l’alba qui a Brooklyn, e spero che Peter Grossman, una star di Wall Street, esca dalla sua casa signorile in arenaria per …

Leggi tutto »

LA FED DOVREBBE SALVARE L’EUROPA DAL DISASTRO?

DI AMBROSE EVANS-PRITCHARD Telegraph.co.uk La diga in Europa sta cedendo. Il prestito interbancario si è bloccato. Gran parte del sistema finanziario è paralizzato, provocando una stretta creditizia proprio mentre l’eurozona sta scivolando in recessione. Lo spread Euribor/OIS, “l’indicatore della paura”, sta inviando segnali di allarme. I costi del finanziamento in Europa hanno raggiunto i livelli della crisi Lehman, costringendo gli istituti di credito a una lotta isterica per reperire i due trilioni di fondi che mancano all’appello.

Leggi tutto »

LO SCOMODO CASO DI SAID GHEDDAFI

DI FRANKLIN LAMB Counter Currents Zintan, Libia. Nonostante le affermazioni del Consiglio Nazionale Transitorio (CNT) secondo cui Saif al Islam Gheddafi, arrestato e soggetto a un mandato di cattura della Corte Penale Penale Internazionale che ha ordinato il suo trasferimento all’Aja, si trovi in un luogo nascosto e sicuro vicino Zintan, Libia, città a circa 85 miglia a sud-ovest di Tripoli, le cose non stanno così.

Leggi tutto »

SCORREGGE DELLA STORIA SOTTO I TACCHI DEL VERO POTERE

DI PAOLO BARNARD paolobarnard.info Questa è l’autopsia dell’articolo di Giulietto Chiesa “Monti non è il meno peggio. E’ l’ultimo rantolo prima del ballo di San Vito” . Giulietto mi dispiace, non ce l’ho con te, ma è ora che ci diamo dei voti spietati, e per un solo motivo: se noi che ci poniamo come informatori del pubblico contro i mostri finanziari che ci divorano non siamo spietatamente ferrati, la spietatezza di quei mostri ci incenerirà. E chi ci rimette …

Leggi tutto »

TORNARE AL 1693

DI MARTIN HUTCHINSON Asia Times Online La crisi dell’eurozona, che poteva essere disinnescata consentendo alla Grecia di uscire dall’euro, ha preso una piega molto più seria. Se, come sembra plausibile, Italia, Spagna e persino la Francia hanno perso la fiducia dei mercati internazionali e sono costrette a contrarre più debito, allora il debito sovrano delle nazioni di prima fila non può più essere considerato privo di rischi.

Leggi tutto »

COS INIZIANO LE DITTATURE

DI CLAUDIO MESSORA byoblu.com Il 16 novembre Nigel Farage(*), in un discorso al Parlamento Europeo largamente ripreso e diffuso in Italia, ha accusato i burocrati europei di avere rimpiazzato il governo greco con un governo marionetta e di avere sostituito il governo Berlusconi con il governo Monti. Ha terminato il suo discorso chiedendo cosa, in nome di Dio, avesse dato loro il diritto di farlo. Questo blog aveva ripreso e tradotto il discorso di Farage. Per approfondire la questione, ho …

Leggi tutto »

LA TRACCIABILITA' DEL MORALISMO

DI MASSIMO FINI ilfattoquotidiano.it Fra le “impressionanti” misure che il governo dei banchieri si accinge a prendere viene ventilata quella di togliere di mezzo il biglietto da 500 euro o, il che fa lo stesso, di mettere una tassa, operata dalle banche per conto dello Stato, sul deposito o sul prelievo di monete di questo taglio. In un pacchetto di sigarette ci stanno 20 mila euro, in una ventiquattr’ore 6 milioni. Si vuole quindi far la lotta agli evasori, ai …

Leggi tutto »

NELLA CRISI ODIERNA DEL DEBITO, LA GERMANIA HA IL RUOLO DEGLI USA NEL 1931

DI FABIAN LINDNER Guardian.co.uk La storia tedesca ci mostra che dettare il declino economico ad altre nazioni porta solo guai nel futuro Una nazione ha davanti a sé un abisso economico e politico: il governo è sull’orlo della bancarotta e persegue feroci politiche di austerità; i dipendenti pubblici subiscono enormi tagli allo stipendi e le tasse stanno drasticamente aumentando; l’economia langue e i tassi di disoccupazione esplodono; la gente si combatte nelle strade mentre le banche collassano e i capitali …

Leggi tutto »

LA COPPA (NON) NOSTRA

DI FREI BETTO Correio da Cidadania Se un paese vuole funzionare, ha bisogno di regole. Se non ha leggi e chi le fa rispettare, cade nell’anarchia. Il Brasile ha più leggi che cittadini. Per principio, nessuna può contraddire la legge più alta, la Costituzione. Solo per principio. In pratica, e nel prossimo Campionato Mondiale di calcio, la storia è un’altra. Davanti al megaevento del pallone, tutto impazza. La legislazione corre il pericolo di venire ignorata e, se dovesse accadere, le …

Leggi tutto »

IL DESTINO CI CHIAMA

DI JAMES HOWARD KUNSTLER Clusterfuck Nation Tii politiscii unt ghli ekonomisti eurrhopei zhuonano tutthi come sziensziati paszi con tutto lorrho euro-kiakkhere affaschinandi. Ma tefono esserrhe pkhroprio schtupidi a machen zuch an unglaublich scheiße sturm del zishctema finanziarrhio. Che cazzo è? Sicuramente tutti i previsori avanzeranno le conclusioni più nefaste. Tutti sono falliti, tutti hanno i propri loro prefrontali ben occupati e tutti stanno roteando nel vortice del gran parco a tema continentale di città adorabili e di grandi mangiate. Mi …

Leggi tutto »

LE BANCHE SI PREPARANO ALL’EVENTUALIT DELLA FINE DELL'EURO

DI LIZ ALDERMAN New York Times Per il coro sempre più fitto degli osservatori timorosi di una prossima fine dell’eurozona, la Cancelliera Angela Merkel ha un duro rimprovero: “Non avverrà mai.” Ma alcune banche non ne sono così certe, specialmente quando la crisi del debito sovrano ha minacciato di ingabbiare anche la stessa Germania questa settimana, quando gli investitori hanno cominciato a interrogarsi sulla statura di questa nazione per ricoprire il ruolo di pilastro dell’Europa.

Leggi tutto »

I FONDI PENSIONE SI ACCAPARRANO LE TERRE AGRICOLE

FONTE: Servindi.org I fondi pensione si stanno accaparrando i terreni agricoli in tutto il mondo, impattando le comunità locali e promuovendo un’agricoltura controproducente per gli attuali problemi alimentari e ambientali. I fondi di investimento, specialmente i fondi pensione, si sentono attratti da questi investimenti per i loro benefici potenziali. Si stima che tra 5 e 15 miliardi di dollari nel settore delle commodities sia destinato all’acquisizione di terre coltivabili.

Leggi tutto »

IL TEMPO DELLA VASELINA

DI COSTANZO PREVE Fine della Seconda Repubblica? Certamente Inizio della Terza Repubblica? Forse 1. Scrivo queste brevi note il 17 novembre 2011 dopo aver seguito con attenzione le dichiarazioni programmatiche del nuovo governo Monti al Senato. Ho già messo in rete due pezzi recenti. Il primo, intitolato Berlusconeide, scritto per gli amici greci e francesi che mi onorano della loro stima, cerca di fare un bilancio antropologico-culturale di quella vera e propria oscenità storica che è stato l’antiberlusconismo, la cui …

Leggi tutto »

“E’ ATROCE DA GUARDARE”

DI PAOLO BARNARD paolobarnard.info Ci arriva un trader-squalo della City finanziaria di Londra, che sta a guardare il disfacimento della pubblica finanza dello Stato italiano con un gomito appoggiato su una scatola vuota di un Big Mac, il caffè nella tazza di porcellana nell’altra mano e gli occhi che poggiano inespressivi sullo schermo del pc. E dice: “Stiamo assistendo al collasso al rallentatore del terzo più grande mercato di titoli di Stato, quello italiano… è atroce da guardare”. E lui …

Leggi tutto »