Home / 2011 / agosto

Archivi mensili: agosto 2011

L’ELETTRICIT COME BASE UNIVERSALE PER UN NUOVO SISTEMA MONETARIO

DI ERIC BLAIR Activist Post Un paio di settimane fa è stata proposta silenziosamente una idea nuova per un nuovo sistema monetario che merita una certa considerazione. Infatti, è un’idea così profonda che potrebbe potenzialmente risolvere alcuni dei più gravi problemi che dovrà affrontare la civiltà umana. Le masse stanno diventando sempre più coscienti del fatto che l’odierno sistema monetario predatorio sia la più grande minaccia alla libertà dell’uomo, alla pace nel mondo e all’armonia ambientale, e che deve essere …

Leggi tutto »

ECO

DI GIANLUCA FREDA blogghete! “In cuor di donna quanto dura amore? – (Ore) Ed ella non mi amò quant’io l’amai? – (Mai) Or chi sei tu che sì ti lagni meco? – (Eco).” (Luigi Pirandello, Il fu Mattia Pascal) C’era una volta, in un tempo lontano lontano, una ninfa di nome Eco, che come tutte le donne non la piantava mai di ciarlare. Un giorno Giunone, furiosa per essere stata distratta dalle sue chiacchiere mentre suo marito, Giove, andava a …

Leggi tutto »

DEBITO PUBBLICO – LA GRANDE TRUFFA

DI GIULIETTO CHIESA lavocedellevoci.it Ma davvero dobbiamo tenerceli questi banchieri? A cosa servono le banche? Cos’e’ la finanza? Perche’ siamo tutti indebitati? Chi e’ responsabile di questo debito? E’ tutto normale in quello che sta accadendo, o c’e’ qualcosa che non quadra? Non si finirebbe piu’ di fare domande quando si assiste alla commedia quotidiana delle borse che crollano, dei politici che si danno la colpa l’un l’altro, dei fantomatici “speculatori” che non si sa chi siano, salvo che sono …

Leggi tutto »

LA MANOVRA CHE INSEGNA AD EMIGRARE

DI MARCO DELLA LUNA marcodellaluna.info Il rifacimento 30.08.11 della manovra-bis di risanamento dei conti pubblici conferma il mio già più volte enunciato teorema, secondo cui la classe politica italiana non può tagliare, nemmeno in situazioni di emergenza, nemmeno per rilanciare l’economia in recessione, la spesa improduttiva (inutile, parassitaria, clientelare), perché è quella da cui dipende per arricchirsi e ancor prima mantenere il potere, e ne dipende tanto più rigidamente, quanto peggio amministra – perché quanto peggio amministra, tanto meno riceve …

Leggi tutto »

IL MIO NOME BOND, EUROBOND

IN RISPOSTA A TREMONTI E AI VENDITORI DI FUMO DI DANIEL GROS* FONTE: Sollevazione Consigliamo ai lettori di leggere quest’articolo, senza farsi spaventare dai tecnicismi, inevitabili in questo genere di trattazioni. Gros non è certo un “anticapitalista”, anzi. Questa degli Eurobond, spacciati come ancora di salvezza dell’Unione e dell’euro, spiega Gros, è una leggenda, anzi, fumo negli occhi. Segnaliamo che tra i sostenitori di questa “panacea” non ci sono soltanto i vampiri della finanza speculativa (uno su tutti: Warren Buffet), …

Leggi tutto »

IL SECONDO AVVENTO DELLA CINA IN LIBIA

DI JIAN JUNBO Asia Times Con i ribelli libici che hanno preso Tripoli e il leader autoritario Muammar Gheddafi in fuga, la ribellione supportata dai raid di bombardamenti della North Atlantic Treaty Organization per rovesciare il regime di Gheddafi arriverà presto alla sua fine. Ora la ricostruzione è un aspetto urgente dell’agenda del popolo libico e della società internazionale. La Cina, un elemento molto attivo negli affari dell’economia libica, ha dovuto evacuare circa 35.000 cinesi – lavoratori, dirigenti, ingegneri, commercianti …

Leggi tutto »

LA NATO COMMETTE UN MASSACRO A SIRTE E RADE AL SUOLO LA CITT

FONTE: decapactu.com Per il terzo giorno consecutivo, gli aerei della NATO ha lanciato missili e ha bombardato pesantemente bombe Sirte, città natale di Gheddafi, non permettendo a nessuno di fuggire. Il perimetro della città è circondato da posti di blocco “ribelli”, dietro cui ci sono unità speciali delle forze dalla Gran Bretagna, Francia, Qatar e dagli Emirati Arabi Uniti. L’uscite dalla città sono completamente bloccate. Né le donne né i bambini sono autorizzati a passare. Gli uomini che cercano di …

Leggi tutto »

APPUNTI DA TRIPOLI

DI FRANKLIN LAMB Countercurrents.org Diario da Tripoli, in cui Franklin Lamb ha protetto un nigeriano dai razzisti ribelli e dai sogni delle signore ciadiane Tripoli: La scorsa notte il mio compagno di stanza ha lasciato il nostro albergo, e se tutto va bene anche la Libia, per il suo villaggio nei pressi di Arlit in Nigeria grazie all’aiuto di una delle chiese cristiane di Tripoli. Mi mancherà molto. A Tripoli è stato formato di recente un gruppo per i diritti …

Leggi tutto »

LA BATTAGLIA DEL VENEZUELA PER LA SOVRANIT ALIMENTARE

DI FEDERICO FUENTES Global Research Quando ho chiesto ad Alfredo, un produttore di latte e presidente della cooperativa di lavorazione del latte Prolesa nello stato di Tachira, cosa fosse la sovranità alimentare mi ha detto: “La sovranità alimentare non consiste solamente nella capacità di produrre abbastanza cibo per nutrirsi, ma anche capire dove si può esportare cibo all’estero. “C’è una crisi alimentare globale e ogni giorno che passa sempre più persone patiscono a fame. Come campesinos venezuelani, dobbiamo comprendere che …

Leggi tutto »

“LIBIA, IL SILENZIO DEI PACIFISTI HA UCCISO”

GUERRA, COSA SI SAREBBE DOVUTO FARE E NON SI E’ FATTO Riceviamo e volentieri pubblichiamo DI MARINELLA CORREGGIA Mentre gli alleati locali della Nato (i cosiddetti ribelli) qualificano di “atto di aggressione” l’accoglienza che l’Algeria avrebbe dato a moglie e alcuni figli e nipoti di Gheddafi, e mentre tutte le foto della famiglia sterminata dalla Nato in luglio a Sorman e diventata un simbolo dei crimini di guerra sono sparite dagli hotel e sono state sostituite dalla bandiera monarchica, e mentre a …

Leggi tutto »

AVEVAMO VISTO GIUSTO: VANNO ALL'ATTACCO DELL'ORO DELL'ITALIA

DI ATTILIO FOLLIERO attiliofolliero.wordpress.com Avevamo visto giusto, quando in un nostro precedente articolo avevamo parlato di “attacco all’oro dell’Italia”. Romano Prodi scrive al Sole24ore e propone come soluzione alla crisi gli EuroUnionBond (Eb)! Scrive testualmente il Romano Prodi: “Noi crediamo invece che gli Eb servano all’unità, alla stabilità e alla crescita dell’Unione economica e monetaria (Uem) e all’euro e quindi alla Ue. Bisogna però progettare bene gli Eb partendo da una impostazione economico-istituzionale che adotteremo nel seguito (senza rinvii ad …

Leggi tutto »

LA LEZIONE DI DUE GUERRE: PERDEREMO IN IRAQ E IN AFGHANISTAN

DI STEPHEN M. WALT Foreign Policy Uno dei modi più appropriati per realizzare una proficua politica militare nazionale è la riluttanza nel chiamare le cose col loro nome e di affermare semplicemente quello che sta davvero accadendo. Se state descrivendo una situazione difficile in un modo depistante o inaccurato, tantissime persone ricaveranno le conclusioni sbagliate e continueranno a sostenere politiche che non hanno granché senso. Due esempi che fanno al caso: le guerre in Afghanistan e in Iraq. Ci viene …

Leggi tutto »

14 TEORIE DELLA COSPIRAZIONE CHE I MEDIA ORA RICONOSCONO COME FATTI

End of the American Dream Quante volte avete sentito i principali media minimizzare alcuni punti di vista etichettandoli come “teorie del complotto”? Sembra che uno dei modi più semplici per sminuire qualcosa sia quello di etichettarlo come qualcosa cui solo “teorici della cospirazione” presterebbero attenzione. Beh, sai una cosa? Un bel po’ di quello che dicono i “teorici della cospirazione” è corretto, mentre quanto i principali media dicono che non risponde al vero. Abbiamo, infatti, un grande debito nei confronti …

Leggi tutto »

L’EURAFRICA DI SARKOZY: LA LIBIA COME UN CLUB MED

DI YOICHI SHIMATSU The 4th Media La lotta per i cuori e le menti in Libia è quella tra due visioni in competizione dell’era post-Iraq: l’appello neoconservatore di Nicolas Sarkozy per l’”Eurafrica” contro la visione di Muammar Gheddafi di un’”Africa agli Africani”. Guidata dal panafricanismo di Gheddafi, la Libia è il paese più forte che si staglia sul cammino del progetto di Sarkozy per subordinare e ricolonizzare il continente africano a beneficio delle potenze industriali europee. Il continente ricco di …

Leggi tutto »

USCIRE DALL’EURO – PIUTTOSTO CHE LASCIARSI PRIMA SVENARE E POI SVENDERE…

DI MARCO DELLA LUNA marcodellaluna.info I rimedi ai problemi finanziari proposti dalle parti sociali e dai partiti sono meri palliativi, inutili, perché servono solo a tirare avanti di qualche settimana. La manovra governativa, anche la seconda, è iniqua e recessiva, sbilanciata sul lato delle entrate, e ha mobilitato resistenze insuperabili nel paese. Ora il governo, dopo che l’UE l’ha approvata, se la rimangia e ne fa un’altra, non migliore, ma semplicemente congegnata in modo da evitare che si coalizzi un’efficace …

Leggi tutto »

LIBIA: NATO, UNO SMACCO CHE AUMENTA DOPO OGNI INCURSIONE

Le città ‘catturate’ non si bombardano DI TONY CARTALUCCI Land Destroyer Scelto e tradotto da asynge Ogni aereo da guerra della NATO che passa sopra le coste della Libia e che lancia ordigni sulla città di Tripoli è un richiamo evidente del fatto che non soltanto i ribelli sostenuti dalla NATO non sono riusciti a conquistare la città, ma anche che va oltre la capacità dei ribelli lottare senza un sostegno aereo costante. Mentre le bombe cadono sulle infrastrutture già …

Leggi tutto »

UNA PSICOLOGA DENUNCIA: GHEDDAFI E I FIGLI STUPRAVANO LE AMAZZONI

DI MARINELLA CORREGGIA Riceviamo e volentieri pubblichiamo L’inviato di Repubblica a Bengasi Pietro Dal Re (che mesi fa in un suo articolo ha attribuito alle parole del povero monsignor Martinelli un significato opposto a quello che avevano, un atto gravissimo anche se monsignore ha lasciato correre o forse non ne è venuto a conoscenza) adesso in questo articolo alla ricerca del sensazionalismo – ancora più immorale in un paese martoriato dalla guerra – o forse trascinato dal suo evidente amore …

Leggi tutto »

LA CACCIA A GHEDDAFI

DI FRANKLIN LAMB Counter Punch Voci e voci ripetute rimbalzano questa mattina come conchiglie che si separano dai muri di cemento e, a seconda di quello che ognuno è incline a credere, l’ex leader della Libia, il colonnello Gheddafi, è al sicuro in Algeria, nella sua città natale Sirte, nel vasto deserto meridionale libico, in uno dei tunnel labirintici nelle profondità di Bab-el-Azizia (la porta splendida) o in un appartamento nel sud di Tripoli con i figli. Al momento quelli …

Leggi tutto »

CARO AMICO…TI SCORTICO

DI CARLO MARX Ogni uomo s’ingegna di procurare all’altro uomo un nuovo bisogno, per costringerlo a un nuovo sacrificio, per ridurlo a una nuova dipendenza e spingerlo a un nuovo modo di godimento e quindi di rovina economica. Ognuno cerca di creare al di sopra dell’altro una forza essenziale estranea per trovarvi la soddisfazione del proprio bisogno egoistico. Con la massa degli oggetti cresce quindi la sfera degli esseri estranei, ai quali l’uomo è soggiogato e ogni nuovo prodotto è …

Leggi tutto »

UNDICI SETTEMBRE, UN DECENNIO DOPO: ABBIAMO IMPARATO QUALCOSA?

DI PAUL CRAIG ROBERTS Global Research Fra pochi giorni ricorrerà il decimo anniversario dell’11 settembre 2001. Ha resistito bene il racconto ufficiale del governo di quegli eventi dopo un decennio? Non molto bene. Il direttore, il vicedirettore e il primo consulente legale della Commissione sull’11 settembre hanno scritto testi in cui si dissociano parzialmente dal resoconto della commissione. Hanno riferito che l’amministrazione Bush ha posto ostacoli sul loro cammino, che le informazioni non erano condivise, che il Presidente Bush acconsentì …

Leggi tutto »

MATT DAMON FOR PRESIDENT ?

DI PAUL HARRIS guardian.co.uk Matt Damon alla Casa Bianca ? Nella politica Usa si sono viste follie anche peggiori. Solo una linea sottile divide la gloria hollywoodiana dal potere politico, perciò l’ipotesi che l’attore liberal Matt Damon possa candidarsi alla presidenza non va scartata. Eppure anche nel mondo sempre più folle della politica americana questa ipotesi era sembrata eccessiva: Matt Damon presidente ? In definitiva, questo ragazzo belloccio, che non dimostra i suoi 40 anni, è soprattutto noto per la …

Leggi tutto »

HA PRESENTE WEIMAR ?

DI MASSIMO FINI ilgazzettino.it Modello di sviluppo avviato verso l’apocalisse finanziaria Tutto sembra come al solito. Guardo dalla finestra le macchine che sfrecciano sul largo viale della Liberazione, poche perché fa un caldo becco e a Milano c’è rimasto solo chi non può fare altrimenti. In quest’atmosfera rovente gli operai, in slip, continuano a lavorare al grattacielo che si innalzerà per 35 piani davanti a casa mia. La Cgil ha proclamato uno sciopero. Nei rari bar aperti, la gente fa …

Leggi tutto »

PERCH I LIBICI AMANO IL COLONNELLO GHEDDAFI

DI MAURICE GENDRE Fonte: AgoraVox Postato e tradotto da cnj Molti osservatori in Occidente, completamente (auto)-avvelenati dalla propaganda anti-Gheddafi non riescono a capire come il leader libico conservi ancora il sostegno della popolazione, nonostante una campagna ingiusta di bombardamenti condotti dalla NATO dal marzo 2011 (1) In che modo i libici continueranno a sostenere i “coraggiosi” insorti del CNT? (2) Leggendo l’articolo “Alcune verità sulla Libia”, scritto da Helen Shelestiuk e pubblicato nel n. 165 di Maggio 2011 della rivista …

Leggi tutto »

LA SPEDIZIONE LIBICA DELLA NATO ENTRA IN UN LABIRINTO

DI FAROOQUE CHOWDHURY Countercurrents.org La nuova spedizione della NATO è finita. Verrà a “stabilizzarsi” un “nuovo ordine” quando questo paese ricco di petrolio sarà controllato da un nuovo regime che si muoverà sotto le ombre degli aerei da guerra nel corso di spedizione intercontinentale real-repubblicana sotto le insegne delle infrazioni e della competizione. Così, David Cameron ha reso i suoi omaggi alla “incredibile audacia, professionalità e dedizione” dei piloti della Royal Air Force nel teatro libico, che si sono seduti …

Leggi tutto »

STRAGE DI OSLO: CONFERMATE ESERCITAZIONI PRIMA DEGLI ATTENTATI

DI GIANLUCA FREDA blogghete.altervista.org Lo scorso 23 luglio, nell’articolo intitolato “Oslo: tutto quello che già sapete”, ipotizzavo che dietro alla strage di Utoya vi fosse la volontà dei servizi segreti americani ed israeliani di inviare un “avvertimento” al governo norvegese per l’atteggiamento di inottemperanza ai dettami statunitensi, manifestato in diverse occasioni, e per una sua certa avversione alla politica stragista portata avanti da Israele in Medio Oriente. Nell’articolo, tra le molte altre cose, scrivevo: Quali metodi hanno utilizzato i servizi …

Leggi tutto »

VERIT, PROPAGANDA E MANIPOLAZIONE DEI MEDIA

Global Research Traduzione di levred Non è mai stato così importante avere fonti e voci di informazione indipendenti e oneste. Siamo, come società, inondati e sopraffatti da una marea di informazioni e da una vasta gamma di fonti, ma queste fonti d’informazione, in generale, sono al servizio di interessi potenti e degli individui che li posseggono. Le principali fonti di informazione, sia per il consumo pubblico che ufficiale, sono i principali media, media alternativi, università e think tank. I media …

Leggi tutto »

IL GRANDE FURTO DEI SEMI

DI VANDANA SHIVA ZSpace Il seme, la fonte della vita, l’incarnazione della nostra diversità biologica e culturale, il collegamento tra il passato e il futuro dell’evoluzione, la proprietà comune del passato, delle generazioni passate, presenti e future delle comunità agricole che sono state le produttrici di semi, oggi è stata derubata ai contadini e ci viene rivenduta come semi “di proprietà” da multinazionali come Monsanto. Sotto la pressione dell’Ufficio del Primo Ministro (che a sua volta subisce le pressioni della …

Leggi tutto »

R2P ORA LA “RAGIONE PER PREDARE

DI PEPE ESCOBAR Asia Times L’onere di essere bianchi non consente di chiedere agli africani cosa pensino dell’odierno arrembaggio occidentale/monarchico arabo alle spiagge settentrionali del loro continente. Almeno alcuni non ci mettono troppo impegno. Più di duecento dirigenti africani e intellettuali hanno pubblicato una lettera a Johannesburg, in Sud Africa, evidenziando “l’utilizzo improprio del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite per muovere una diplomazia militarizzata con l’obbiettivo di cambio di regime in Libia”, oltre alla “marginalizzazione dell’Unione Africana”.

Leggi tutto »

LIBIA: RIPOSA IN PACE… ORA SEI IN MANO AI ROTHSCHILDS

DI DAVID ICKE davidicke.com Gheddafi era già stato demonizzato dalle amministrazioni di Reagan e di Bush padre (i Rothschild) negli anni ’80 quando la CIA e il Mossad guidarono una campagna per destabilizzare la Libia che rispecchia quello che è successo nel 2011. Newsweek riportò il 3 agosto del 1981: Il dettaglio del piano era vago, ma sembrava essere la classica campagna di destabilizzazione della CIA. Un elemento era dato da un programma di “disinformazione” designato per mettere in difficoltà …

Leggi tutto »