Home / 2011 / luglio

Archivi mensili: luglio 2011

CINA, BRASILE E INDONESIA… IL CAPITALE UN AMANTE INFEDELE

DI WALDEN BELLO La Haine La docilità e il basso costo della manodopera cinese non dureranno ancora a lungo. E la cosa dà fastidio sia alle imprese straniere che alla nascente classe capitalista locale. Il filosofo sloveno Slavoj Zizek ha scritto recentemente che la “Cina è oggi lo stato ideale per il capitalismo: libertà per il capitale e uno Stato cha fa ‘lavoro sporco’ del controllo dei lavoratori. La Cina come potere emergente del secolo XXI […] sembra dar corpo …

Leggi tutto »

CRASH CLUB: COSA ACCADE QUANDO TRE CREPITANTI ECONOMIE SI SCONTRANO?

DI MIKE DAVIS Energy Bulletin Quando i miei amici ed io avevamo 14 o 15 anni, molti secoli fa, sognavamo l’immortalità nel fantastico rottame fiammante di una Ford ’40 o di una Chevy ’57. La nostra J.K. Rowling era Henry Felsen, l’ex ufficiale di marina che ha scritto i capolavori bestseller Hot Rod (1950), Street Rod (1953) e Crash Club (1958). Ufficialmente i suoi libri — altamente lodati dal National Safety Council — erano deterrenti, intesi a terrorizzare la mia …

Leggi tutto »

ENRICO BERLINGUER E LA QUESTIONE MORALE

a cura di ALESSANDRA COLLA alessandracolla.net Trent’anni dopo, l’intervista rilasciata da Berlinguer a Scalfari sulla delicatissima questione morale. Ho evidenziato (in rosso, ovviamente) qualche punto, che mi pare non soltanto saliente e degno di attenzione, bensì di desolante attualità. E se questo è “comunismo”, signore e signori, sono “comunista” anch’io. ∞ Intervista a Enrico Berlinguer di Eugenio Scalfari

Leggi tutto »

LA CRISI DEL TETTO DEL DEBITO: UNA SCIARADA BI-PARTISAN

L’ECONOMIA POLITICA DEL MILITARISMO USA DI ISMAEL HOSSEIN-ZADEH Global Research Alla luce del fatto che, nei negoziati sul bilancio in corso, il presidente Obama e i dirigenti repubblicani condividono l’obiettivo comune di tagliare drasticamente le spese sociali non militari, tutti questi battibecchi tra le due parti sorprendono assai e, visto che i tagli previsti alle spese sociali sono quasi identici, perché litigano tanto? Quando Democratici e Repubblicani avevano posizioni anche se di poco differenti sulle politiche fiscali, era facile capire …

Leggi tutto »

CASO NORVEGIA: LA DISINFORMAZIONE TRA DIFFUSIONE DI NOTIZIE FALSE

E OCCULTAMENTO DI NOTIZIE VERE DI CLAUDIO MOFFA moffa.it Nessun ottimismo è possibile, anzi: siamo comunque solo in rete e siamo pochi, sotto avvisaglie terroristiche che inducono spesso ciascuno a prendere le distanze dal “vicino di interpretazione”. E’ un fatto comunque che Moffa, Blondet, Atzmon, Megachip, Infopal e adesso anche Gabellini, hanno messo insieme i tasselli certi della strage di Oslo e hanno offerto ai rispettivi lettori l’interpretazione più plausibile per spiegare l’attentato del “folle solitario”: primo, comunque, Breivik è …

Leggi tutto »

IL QUARTO REICH TEDESCO HA CONQUISTATO L’EUROPA

FONTE: King World News Con i timori che aumentano nel mondo finanziario mentre la scadenza per il tetto del debito del Stati Uniti si sta avvicinando, oggi King World News ha intervistato Jim Rickards per darci la sua opinione sul punto in cui siamo. Una delle cose che KWN si è stupita di venire a conoscenza è che mentre tutti si sono concentrati sul problema del tetto del debito USA, i tedeschi con la cooperazione dei loro fanti politici e …

Leggi tutto »

IL GIOCO E’ DI IMPRESSIONANTE CHIAREZZA

DI GIANFRANCO LA GRASSA conflittiestrategie.it 1. Si tratta di un gioco anti-italiano, quindi infame e da traditori (tipo quelli dell’8 settembre) che prosegue da decenni e che ha il suo perno nella Confindustria (grande impresa privata decotta) e nei suoi sicari preferiti: i rinnegati del comunismo che, proprio in quanto rinnegati e traditori, sono sempre sotto ricatto e perciò servi perfetti e docili. Il tutto comincia con il cambio di segreteria piciista nel 1972, ma atti decisivi sono il patto …

Leggi tutto »

GUERRA IN LIBIA: LE DIVISIONI NEL CONSIGLIO DI TRANSIZIONE E NELLE FORZE RIBELLI

DI MICHEL CHOSSUDOVSKY E MAHDI DARIUS NAZEMROAYA Global Research La morte del generale Abdel Fattah Al-Younes, Comandante in Capo delle forze è sta annunciata il 28 luglio. Younes era l’ex ministro degli Interni del colonnello Gheddafi che è passato ai ribelli. Younes era anche uno dei leader del Consiglio di Transizione Nazionale a Benghazi. La sua morte ha creato un vuoto nella struttura di comando militare, che contribuirà inevitabilmente nel breve termine a indebolire la capacità militare dell’insurrezione. Avrà anche …

Leggi tutto »

LE FATICHE DI CIPRO, ISLANDA E GERMANIA PER I BAIL-OUT

DI AMBROSE EVANS-PRITCHARD Telegraph.co.uk I Credit Default Swaps (CDS) sul debito di Cipro sono saliti a 674 punti base, il livello che ha preceduto i salvataggi dell’UE per Grecia, Irlanda e Portogallo. I CDS erano scambiati sui 300 all’inizio di questo mese, secondo Markit. Il downgrade di ieri di due punti, fino a Baa1, da parte di Moody’s – per le “politiche recalcitranti” e l’esposizione con la Grecia – è giunto come una sorpresa spiacevole ai mercati e alle autorità …

Leggi tutto »

UN'ALTRA GATTA DA PELARE IN LIBIA

DI VICTOR KOTSEV Asia Times L’uccisione del comandante dei militari ribelli in Libia, il generale Abdel Fattah Younes, potrebbe portare a una violenta disputa nelle forze antigovernative e arriva mentre la forte offensiva dei ribelli non riesce a ottenere risultati significativi all’inizio del mese sacro del Ramadan, in agosto, quando il caldo estremo e il digiuno diurno renderanno gli scontri molto difficoltosi e rallentati.

Leggi tutto »

ENERGIA SU SCALA GALATTICA, PARTE 1

DI TOM MURPHY Do The Math The Oil Drum Dall’inizio della Rivoluzione Industriale, abbiamo assistito a un’impressionante crescita del consumo di energia da parte della civilizzazione umana. L’estrapolazione dei dati dall’Energy Information Agency sull’uso di energia negli Stati Uniti dal 1650 (1635-1945, 1949-2009, includendo legname, biomasse, combustibili fossili, idrocarburi, nucleare, ecc…) ci mostra una traiettoria in crescita stabile, caratterizzata da un tasso di crescita annuo del 2,9% (vedi grafico). È importante comprendere la futura traiettoria della crescita dell’energia perché ovunque …

Leggi tutto »

SOLO UN MEGA-ATTENTATO PUO’ SALVARE IL MARCHIO OBAMA

DI PAUL JOSEPH WATSON Prison Planet Megachip Nonostante fosse stato accolto come un Cristo salvatore quando fu eletto, un numero record di americani ha perso la fiducia in Barack Obama, con ormai appena il 17 per cento dell’idea che la sua amministrazione stia conducendo il paese nella giusta direzione, un dato che illustra come la gestione della crisi del debito da parte di Obama abbia praticamente assicurato la sua sconfitta elettorale nel 2012, a meno che il presidente non sfrutti …

Leggi tutto »

LA NORVEGIA HA AVUTO QUELLO CHE SI MERITA ?

IL DIBATTITO DEGLI ISRAELIANI SUL WEB DI J.J. GOLDBERG The Forward Information Clearing House Il massacro in Norvegia ha scatenato una sporca guerra di parole su Internet in Israele sul significato dell’evento e sulle implicazioni per Israele. E voglio dire veramente sporca: giudicando dalle sezioni dei commenti sui principali siti web ebraici, le questioni più dibattute era se i norvegesi si meritassero comprensione dagli israeliani per l’approccio a favore della Palestina di questa nazione, se il killer meritasse comprensione vista …

Leggi tutto »

I TAGLI ALLE TASSE DELLA CLASSE MEDIA E DEI POVERI STIMOLANO L’ECONOMIA

MENTRE I TAGLI A QUELLE DEI RICCHI LA PENALIZZANO FONTE: Washington’s Blog Premessa: questa è una discussione per abrogare tutte le tasse. Ho una forte vena libertaria e ci sono dibattiti sul governo che sta sprecando i nostri soldi nelle guerre imperiali che indeboliscono la sicurezza nazionale e con altri raggiri. Ci sono anche vari dibattiti che ritengono illegali le tasse sul reddito. Questo saggio si chiede solamente come le tasse – nel caso ci debbano essere – e visto …

Leggi tutto »

PERDERE IN LIBIA

DI CRAIG MURRAY Uruknet.info Gheddafi ora controlla il 20% del territorio in più di quanto facesse prima che fosse iniziata questa campagna odiosa di bombardamenti. È stato capace di fare manifestazioni più numerose e partecipate di genuini sostenitori negli ultimi giorni rispetto a quanto non avesse fatto prima dell’inizio dei bombardamenti. Proprio come avevo previsto, l’effetto di questa distruzione della NATO è stato quello di coalizzare un sostegno nazionalista intorno a Gheddafi, che abbiamo messo in una posizione ancora più …

Leggi tutto »

L’E-CAT PERDE VAPORE

DI UGO BARDI The Oil Drum L’”Energy Catalyser” (E-Cat) è un apparecchio che, secondo due scienziati italiani, sarebbe in grado di risolvere i problemi mondiali dell’energia attraverso una reazione di fusione nucleare. Sfortunatamente, ci sono seri dubbi su queste affermazioni.

Leggi tutto »

LE ANIME MORTE

FONTE: Cluborlov.com Di settimana in settimana diventa sempre più evidente a un numero sempre maggiore di persone che la crescita economica è finita. Lo sviluppo economico, basato sul vecchio modello, che il segretario dell’ONU Ban Ki-Moon ha recentemente definito come il “patto suicida globale”, è di fatto condizionato dai limiti delle risorse naturali del pianeta: energia, terra coltivabile ed acqua su tutte le altre, il tutto ulteriormente aggravato dai disastri meteorologici la cui frequenza aumenta a causa della rapida destabilizzazione …

Leggi tutto »

L’ENIGMATICO “TERRORISTA SOLITARIO” IN NORVEGIA

DI YURI GAVRILECHKO Strategic Culture Anders Breivik sembra proprio essere diventato uno dei terroristi più famosi del XX secolo. Giorno dopo giorno la sua popolarità è visibilmente cresciuta nei ranghi della destra radicale europea, ma anche tra gli europei che hanno altrimenti punti di vista moderati. Prendendo le prime pagine dei media, il dramma di Oslo e dell’isola di Utoya ha stabilmente messo in ombra i disagi finanziari della Grecia, il rischio di un default statunitense o i crimini della …

Leggi tutto »

NUOVI E VECCHI GIOCHI DI POTERE

Postato da GioCo Mi diletto a volte a vedere come la penserei nel sostuirmi al mio prossimo, per capire il suo punto di vista: un gioco interessante e istruttivo, soprattutto se si pratica nel tentativo di capire colui o coloro che almeno in via teorica osteggiamo. Spesso, se si è veramente onesti con sé stessi, si finisce con lo scoprire con sconcerto che le posizioni che ci parevano così opposte e distanti dalle nostre, non sono ne opposte ne distanti, …

Leggi tutto »

IL DENARO DEGLI STATI UNITI FINANZIA I TALEBANI

AFP Activist Post WASHINGTON (AFP) Il Washington Post in questi giorni ha riferito che Fondi governativi statunitensi destinati per promuovere le imprese in Afghanistan sono arrivati nelle tasche dei talebani attraverso finanziamenti a ditte di trasporto. L’importo stimato è di circa 2,16 miliardi dollari. Citando i risultati di un anno di indagini militari, dice il giornale, gli sforzi americani e afghani per affrontare il problema sono stati lenti, e tutte e otto le aziende di autotrasporto coinvolte rimangono tuttora sul …

Leggi tutto »

NEW WORLD ORDER: REALTA’ O FANTASIA ?

DI GIANLUCA FREDA blogghete.altervista.org Hello Mondart, Questo post vuole essere non una risposta, ma un’estensione della discussione, rispetto a questo interessante intervento da te postato nei commenti. Avrei voluto inserirlo negli stessi commenti, ma scrivi scrivi, mi è venuto fuori un mezzo papiro egiziano, perciò lo metto qui sulla home, così magari ci facciamo sopra un discorso a parte. Quello che dici merita riflessione, ma devo dire che vedo la situazione un po’ diversamente. Posso sbagliarmi, ovviamente, e sono pronto …

Leggi tutto »

PERCH SAREMO TUTTI PI POVERI

DI SPENGLER Asia Times Nessun uomo è un’isola, specialmente sui mercati. Il nostro paniere di consumo racchiude gli sforzi di centinaia di milioni di persone in tutto il mondo, e il nostro diritto di consumare dipende dalla nostra capacità di vendere a centinaia di milioni di persone in tutto il mondo. Nel corso del secolo attuale il numero degli adulti che abiteranno i paesi più ricchi e produttivi si ridurrà di un terzo. Tutti noi saremmo più poveri.

Leggi tutto »

MASSACRO IN NORVEGIA: LA CONNESSIONE CON LE DESTRE EBRAICHE

DI GILAD AZTMON www.gilad.co.uk Grazie allo stimato antisionista Jeff Blankfort (che mi ha fornito un link fondamentale) ho ora appreso che, solo un giorno prima del massacro di venerdì in Norvegia, l’ex trozkista ora neo-con David Horowitz ha pubblicato un articolo di Joseph Klein sulla sua rivista Front Page intitolato “I collaborazionisti in Norvegia”, che potrebbe aver fornito all’omicida seriale Anders Behring Breivik tutte le motivazioni per commettere il suo crimine. Vi consiglio di leggere l’intero articolo qui.

Leggi tutto »

PSICOSI DI MASSA NEGLI STATI UNITI

DI JAMES RIDGEWAY english.aljazeera.net L’America è diventata una nazione di psicotici? Si potrebbe sicuramente pensare così, visto il boom degli psicofarmaci. Nel 2008, con oltre 14 miliardi di dollari di fatturato, gli antipsicotici sono diventati il tipo di farmaco più prescritto negli Stati Uniti, avendo superato quelli usati per il trattamento del colesterolo alto e del reflusso acido. Una volta, gli antipsicotici erano riservati a un numero relativamente piccolo di pazienti con gravi diagnosi psichiatriche – in primo luogo la …

Leggi tutto »

IL MASSACRO IN NORVEGIA UNA REAZIONE PER IL BOICOTTAGGIO A ISRAELE?

DI GILAD ATZMON www.gilad.co.uk Ho appreso la scorsa notte da un quotidiano israeliano online, che due giorni prima del massacro dell’isola di Utoya, il leader dell’AUF (il movimento giovanile del Partito Laburista) Eskil Pedersen ha rilasciato un’intervista a Dagbladet, il secondo tabloid più diffuso in Norvegia, dove rivela quello che pensa di Israele. Nel corso dell’intervista, Pedersen ha affermato che “crede sia venuto il tempo per misure più drastiche contro Israele […] e vorrei che il Ministro degli Esteri imponesse …

Leggi tutto »

LO SPECCHIO CRISTIANO DI AL-QAEDA

DI PEPE ESCOBAR Asia Times Immaginatevi se Anders Behring Breivik, il trentaduenne norvegese al 100 per cento, pallido, biondo e con gli occhi azzurri, armato fondamentalista cristiano di ultra-estrema destra responsabile per l’attentato di Oslo e degli omicidi meticolosi e mirati all’isola di Utoya che ha ucciso 93 persone, fosse un immigrato musulmano. Non bisogna neanche immaginarselo, visto che i cerchi concentrici dell’industria occidentale hanno attribuito il massacro in Norvegia a “al-Qaeda“, sino a che i fatti hanno detto un’altra …

Leggi tutto »

STOP EXPORT. VERSO LA GUERRA DELLE RISORSE ?

DI GIULIETTO CHIESA megachip.info Piccolo ma significativo esempio di come le notizie importanti non vengono date o, quando vengono date, sono nascoste in modo che non si vedano. Per esempio non mi risulta che alcun giornale italiano, per non parlare dei telegiornali, abbia dato rilievo alle cose che seguono. Recentemente il WTO, l’Organizzazione Mondiale del Commercio – uno dei tre membri della sacra autorità del Consenso Washingtoniano, insieme al Fondo Monetario Internazionale e alla Banca Mondiale – ha pubblicato un …

Leggi tutto »

IL BENE NON TRIONFA E NON C’ GIUSTIZIA

DI RANDY SHIELDS Dissident Voice Il film “Blow Out” di Brian De Palma 30 anni dopo. Il 21 luglio scorso è ricorso il trentennale dell’uscita del thriller politico-cospirativo “Blow Out” diretto da Brian De Palma, che ha come protagonisti John Travolta, Nancy Allen e John Lithgow. La critica elogiò De Palma per l’abile intreccio di riferimenti ad altri registi, film ed eventi realmente accaduti, ma il pubblico si spense davanti al devastante e triste finale. Come profano del cinema, non …

Leggi tutto »

VINCITORI E PERDENTI NELLA FUTURA LOTTA GLOBALE PER L’ENERGIA

LA NUOVA GUERRA DEI TRENT’ANNI DI MICHAEL T. KLARE TomDispatch Ci sarà una guerra di trent’anni per il predominio energetico ? Una prospettiva devastante per il nostro pianeta, ma purtroppo sembra inevitabile. Fra il 1618 e il 1648, l’Europa fu dilaniata da una serie di violenti conflitti noti nel loro insieme come la Guerra dei Trent’Anni. Si trattò in gran parte del sanguinoso confronto fra un sistema imperialista e i nuovi stati-nazione che si andavano formando. Secondo gli storici, il …

Leggi tutto »