Home / 2011 / maggio

Archivi mensili: maggio 2011

L'EUROZONA SI SGRETOLA?

DI MICHAEL HUDSON Counterpunch.org Il rifiuto dell’Islanda di essere vessata finanziariamente è un modello per Grecia e Irlanda? Lo scorso mese l’Islanda ha votato contro l’accettazione delle richieste britanniche e olandesi che avrebbero rimborsato le agenzie di assicurazione bancarie nazionali per aver “salvato” i propri correntisti di Icesave. È stata la seconda votazione contro quest’accordo (con un coefficiente di 3 a 2) e la convinzione degli islandesi di rimanere membri dell’eurozona è scesa al 30 per cento. Il comune sentire …

Leggi tutto »

IMPERIALISMO: BANCHIERI, GUERRA E GENOCIDIO

DI JAMES PETRAS Truth Seeker Nel maggio del 2011 la polizia messicana ha scoperto un’altra fossa comune clandestina con decine di corpi mutilati, portando così il numero delle vittime dal 2006 a 40 mila da quando il regime di Calderon dichiarò la sua “guerra contro i trafficanti di droga”. Sostenuta dai consiglieri, dagli agenti e dagli eserciti, la Casa Bianca è stata la principale promotrice di una guerra che ha decimato la società e l’economia del Messico. Se Washington è …

Leggi tutto »

SE LA RIVOLUZIONE LA FA GRILLO

FONTE: PENSARE IN PROFONDO (BLOG) Beppe Grillo, sul suo blog, ha rilasciato una serie di dichiarazioni sulla vittoria di Pisapia a Milano a cui il giornale di De Benedetti (la Repubblica) ha dedicato un articolo. Quello che il “nostro” dice lo possiamo riassumere per punti nel seguente modo: 1. Questo è un sistema in cui si vince sulla base del “tifo”, perdendo di vista quella che è la sostanza delle “politiche”. 2. In questo sistema convivono, senza grossi traumi, gente …

Leggi tutto »

ALLA FACCIA TUA!

DI WILLIAM BOWLES Strategic Culture Facebook trasforma quello che sei, quello che ti piace, quello che non ti piace, il tuo credo e le tue fantasie, tutto questo in un bene economico che ha accesso a 600 milioni di profili personali di gente come me e te… Molte lune fa, quando il Web era ancora in fasce, scrissi che il modo in cui la rete si stava evolvendo avrebbe necessariamente portato alla formazione di monopoli del contenuto o dell’accesso all’informazione. …

Leggi tutto »

LA CIA IPOTIZZA UN COLPO DI STATO IN GRECIA

SE LE PROTESTE E L’AUSTERITY CONTINUERANNO AD AUMENTARE DI TYLER DURDEN Zero Hedge Il quotidiano turco Hurriyet, che cita il tedesco Bild, che a sua volta si riferisce a un report della CIA, avverte che la Grecia potrebbe dover affrontare un colpo di stato militare se le “severe misure di austerità e la disperazione” dovessero ancora aumentare. Si può comunque evitare questa catena ipertestuale troppo elaborata e guardare semplicemente a quello che succede tutti i giorni in piazza Syntagma dove …

Leggi tutto »

PERCHE’ I FORCAIOLI DI MLADIC SBAGLIANO SU TUTTA LA LINEA

DI GABRIELE ADINOLFI noreporter.org Il generale Mladic – dicono in molti – non avrà ucciso a Srebrenica tutte le persone di cui lo hanno accusato, le prove del massacro saranno pure una messa in scena del team Clinton, come è ormai palese, ma egli non è uno stinco di santo e di sicuro qualcuno avrà ammazzato. Quindi, dicono gli stessi, poco male se viene sequestrato, estradato e sicuramente condannato da una corte internazionale. In fin dei conti se lo merita. …

Leggi tutto »

E ORA I REFERENDUM PER UNA FASE NUOVA

DI PINO CABRAS megachip.info La Seconda Repubblica finisce da dove era cominciata: nei Comuni, con un sommovimento di quelli che annunciano la disfatta di un sistema di potere e si aprono a tante soluzioni possibili. La straordinaria diversificazione politica e umana dei sindaci che hanno trionfato in queste elezioni rivela le molte direzioni da cui il sistema berlusconiano può ormai essere eroso: sia da un centrosinistra alla Fassino, perfettamente incastonato in un blocco di potere, sia da una spinta inattesa …

Leggi tutto »

SENZA PANICO, DALLE BANCHE GRECHE SONO STATI PRELEVATI 1,5 MILIARDI DI EURO

TRA GIOVEDÌ E VENERDÌ Protothema.gr Solo per poco è stato evitato questo venerdì un panico di massa! Dalla mattina presto c’è stata una forte richiesta di prelievi dai depositi, specialmente di piccole somme. La pressione sulle banche è iniziata lo scorso mercoledì, culminando proprio nel venerdì. La quota prelevata, secondo le fonti delle stesse banche, si aggira su 1,5 miliardi di euro. Sempre secondo la stessa fonte, il totale delle uscite nel corso del mese è pari a 4 milioni …

Leggi tutto »

IL BOMBARDAMENTO DI MISURATA CON LE BOMBE CLUSTER

È STATO COMPIUTO DALLE FORZE ARMATE USA E NON DA GHEDDAFI DI HUMAN RIGHT INVESTIGATIONS Global Research L’indagine in corso dall’HRI sui bombardamenti dell’11 aprile su Misurata con le bombe a grappolo ha trovato prove convincenti del fatto che il bombardamento è stato compiuto dalle forze navali USA. Il bombardamento di Misurata Il 15 aprile del 2011, durante il giorno, a Misurata sono state mostrate agli uomini di Human Rights Watch (HRW) e a C.J. Chivers, un giornalista del New …

Leggi tutto »

L'ESPANSIONE MILITARE AMERICANA FINANZIATA DALLE BANCHE CENTRALI STRANIERE

DI MICHAEL HUDSON Global Research Una grande quantità di surplus di dollari si sta riversando nel resto del mondo. Le banche centrali hanno riciclato questo afflusso di dollari per l’acquisto di titoli del Tesoro americano, che servono a finanziare il deficit di bilancio federale degli Stati Uniti. Alla base di questo processo è il carattere militare del deficit dei pagamenti Usa e il disavanzo del bilancio federale nazionale. Per quanto strano possa sembrare e irrazionale, come lo sarebbe in un …

Leggi tutto »

NIENTE NUCLEARE, NIENTE PROBLEMI

LA GERMANIA DIMOSTRA CHE UN RAPIDO PASSAGGIO ALLE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE È POSSIBILE di Wilson Rickerson e Arne Jungjohann Entro quarant’anni, una delle maggiori economie mondiali sarà alimentata quasi interamente da energia eolica, solare, idroelettrica, geotermica e biomasse. Stephen Lacey: Come dimostra la Germania, è assolutamente possibile avviare un’ampia penetrazione di energie rinnovabili eliminando gradualmente il nucleare. Con un deciso sostegno politico e sociale, un solido piano di incentivi per gli investimenti nelle energie pulite e un po’ di …

Leggi tutto »

UNA NUOVA BRETTON WOODS PER UNA MONETA BASATA SUI DTS?

DI PASCAL ROUSSEL Mondialisation.ca Il signor Soros, celebre miliardario, ha dichiarato il 10 aprile 2011 nel corso di una conferenza a Bretton Woods, organizzata dall’“Institute for New Economic Thinking”: “E’ evidente che la priorità delle autorità è quella di prevenire il cedimento del mercato e che ogni altra cosa deve venire in secondo luogo” (1). Quindi il mercato rischia di crollare? In un articolo pubblicato sul Japan Time nel novembre 2009 lo stesso Soros ha esposto la sua visione di …

Leggi tutto »

LE GUERRE SEGRETE DELL’ALLEANZA SAUDI-ISRAELIANA

DI MAHDI DARIUS NAZEMROAYA Global Research Come dice un vecchio proverbio cinese, le crisi possono essere delle opportunità. Tel Aviv, Washington e la NATO si stanno avvantaggiando delle sollevazioni nel mondo arabo. Non solo stanno combattendo le legittime aspirazioni dei popoli, ma stanno manipolando il panorama geopolitico della zona come parte della loro strategia per il controllo dell’Eurasia.

Leggi tutto »

SE L'AFRICA HA IL MAL D'EUROPA

DI MASSIMO FINI ilfattoquotidiano.it/ Siamo continuamente sollecitati a versare, anche via sms, un obolo per l’Africa nera, soprattutto per i bambini che non hanno scuole, che non possono usufruire di un’educazione come si deve, che muoiono di malattie da noi curabilissime, come il tifo, o scomparse da tempo come la malaria. Alcune aziende, per accattivarsi i possibili clienti, dichiarano che uno o due euro saranno destinati ad aiutare l’Africa. Quando questi soldi arrivano a destinazione, se vi arrivano, sono maneggiati …

Leggi tutto »

ADESSO CAMERON E SARKOZY PREPARANO LO SBARCO IN LIBIA

DI MANLIO DINUCCI ilmanifesto.it Al termine del G8, il presidente francese Sarkozy ha annunciato che si recherà a Bengasi insieme al premier britannico Cameron, dato che «abbiamo le stesse idee». Essenzialmente una: «Mediare con Gheddafi non è possibile». La stessa idea l’ha espressa il presidente Obama: «Non allenteremo finché il popolo libico non sia protetto e l’ombra della tirannia scomparsa». In parole povere, si stanno preparando a occupare la Libia. E mentre il G8 chiede a Tripoli «l’immediata cessazione dell’uso …

Leggi tutto »

Il CIRCOLO DEI CONTRORIVOLUZIONARI

DI PEPE ESCOBAR Asia Times Esistono una sfilza, come fossero un kebab, di monarchie ereditarie, emirati e teocrazie assolute. La maggior parte di queste è seduta su un oceano di petrolio (il 45% delle riserve mondiali). Sono viziati dal glamour e dallo splendore dell’Occidente, da Londra a da Montecarlo, dalla raffinatezza di Parigi e dalla delicatezza della NATO. Aborriscono la democrazia tanto quanto la povertà. Alcuni sarebbero contenti di veder arrancare le proprie popolazioni, come in effetti accade. E considerano …

Leggi tutto »

BILL CLINTON CHIEDE UN “MINISTERO DELLA VERIT” PER INTERNET

DI PAUL JOSEPH WATSON Prison Planet.com Nonostante abbia espresso la sua idea con una retorica spiritosa, amichevole e democratica, Clinton sta sostenendo la creazione di un circuito mediatico guidato in stile cino-comunista. Mr. Bill ‘non ho avuto rapporti sessuali con quella donna’ Clinton, l’uomo che consciamente ha mentito alla nazione in diretta televisiva dall’alto dello scandalo Monica Lewinsky, ha chiesto la creazione di un’organizzazione stile ‘Ministero della verità’ per Internet, che sarebbe gestita dal governo federale o dall’ONU per rispondere …

Leggi tutto »

DALLA LIBIA CON AMOREFURORE

DI FULVIO GRIMALDI fulviogrimaldi.blogspot.com Tra Gheddafi e Mladic, l’onore di Tripoli, il disonore del “manifesto” Torno da Tripoli, Libia, con nelle orecchie ancora lo schianto delle bombe che hanno incenerito, secondo la Nato, “otto navi da guerra di Gheddafi che sparavano sui civili di Misurata” che poi, quanto a quelle che ho visto esplodere e incenerirsi nel porto commerciale di Tripoli, erano due motoscafi della Guardia Costiera, fermi lì causa blocco navale Nato fin da quando li vedevo dal vicino …

Leggi tutto »

BENVENUTI NEL MONDO VIOLENTO DEL SIGNOR BELLE SPERANZE

DI JOHN PILGER johnpilger.com Quando la Gran Bretagna perse il controllo dell’Egitto nel 1956, il primo ministro Anthony Eden disse che voleva il presidente nazionalista Gamal Abdel Nasser “distrutto […] ammazzato […] non m’importa niente se c’è anarchia e caos in Egitto”. Quegli arabi insolenti dovevano essere ricacciati “nei bassifondi da cui non sarebbero mai dovuti uscire”, aveva invece già sostenuto Winston Churchill nel 1951. Il linguaggio del colonialismo avrà subito modifiche, ma lo spirito e l’ipocrisia sono identici. Come …

Leggi tutto »

LA SOSTITUZIONE DI STRAUSS-KAHN

CHRISTINE LAGARDE, TANTO A FAVORE DEI BAILOUT, È UN CAVALLO VINCENTE DI MIKE WHITNEY Information Clearing House Il Ministro francese delle Finanze, Christine Lagarde, ha assunto un ruolo di primo piano nella corsa per la sostituzione dell’ex direttore del FMI, Dominique Strauss-Kahn. È una campionessa di nuoto, un avvocato stimato e una burocrate competente. È anche amica di Wall Street, da sempre accanita sostenitrice degli interessi del grande capitale. L’assistente alla ricerca del destrorso American Enterprise Institute Jurgen Reinhoudt ha …

Leggi tutto »

UN GENOCIDIO SOCIALE

DI CESARE ALLARA campoantimperialista.it Sul Corriere della Sera di lunedì 23 sono apparse due severe requisitorie contro l’operato del centrodestra italiano e contro Berlusconi. I due fondi, complementari fra loro, di Ernesto Galli della Loggia e di Pierluigi Battista, sono un processo alle cose fatte e soprattutto a quelle non fatte dal regime berlusconiano dal 1994 ad oggi. I contenuti e i toni dei due articoli tolgono ogni residuo dubbio sulla volontà del grande padronato italiano di disfarsi al più …

Leggi tutto »

IL CANCRO ORA LA PRINCIPALE CAUSA DI MORTE IN CINA

DI JANET LARSEN Earth-policy.org Il cancro è ora la principale causa di morte in Cina. I dati del Ministero della Salute cinese riporta che le morti per tumori sono quasi un quarto del totale dei decessi in tutto il paese. Mentre nei paesi in via di industrializzazione sono comuni le piaghe della povertà – malattie infettive e alta mortalità infantile – in questo caso siamo di fronte a patologie associate ai paesi più ricchi, come le malattie del cuore, gli …

Leggi tutto »

I QUATTRO CAVALIERI DELLE BANCHE GLOBALI – LA STORIA DELL’IMPERO BANCARIO DELLE OTTO FAMIGLIE

IL CONSOLIDAMENTO DEL POTERE MONETARIO DEGLI STATI UNITI DI DEAN HENDERSON Global Research Se vuoi sapere dov’è il vero centro del potere mondiale, segui i quattrini e dove vanno a finire. Secondo la rivista Global Finance, nel 2010 le cinque più grandi banche del pianeta sono tutte nei feudi dei Rothschild, in Regno Unito e in Francia. Sono la francese BNP (3 trilioni di asset), Royal Bank of Scotland (2,7 trilioni), la britannica HSBC Holdings (2,4 trilioni), la francese Credit …

Leggi tutto »

E SE… SMETTESSIMO DI USARE I SOLDI?

DI KEITH FARNISH Energy Bulletin Da parecchio tempo non mi sforzavo fino a sentirmi male: il respiro affannoso, accompagnato dal riflesso del vomito mentre ogni boccata meno profonda di aria ossigena il sangue ogni volta un po’ meno – a metà strada verso la cresta della collina mentre affronto un feroce vento contrario; ma c’è una piccola storia da raccontare prima di raggiungere la cima di quella collina… Gary ed io avevamo parlato di alveari. Il suo ginocchio limitato bidimensionalmente …

Leggi tutto »

OBAMA, LA GUERRA FINANZIARIA E L’ELIMINAZIONE DI DSK

DI THIERRY MEYSSAN voltairenet.org Non si può capire la caduta di Dominique Strauss-Kahn senza inserirla nel contesto del progetto che incarnava la creazione di una nuova valuta di riserva internazionale, in programma per oggi 26 maggio 2011. Paradossalmente, un progetto atteso dagli stati emergenti, come pure dalla finanza apolide, ma rifiutato dal complesso militar-industriale israelo-statunitense. Thierry Meyssan alza il velo sul colpo di mano di Obama, per non dovere mantenere gli impegni assunti. I francesi hanno assistito con stupore all’arresto …

Leggi tutto »

VENDESI GRECIA

FONTE: COMEDONCHISCIOTTE.ORG Qualche breve aggiornamento sulla Grecia. Secondo il premio Nobel per l’economia Paul Krugman esiste un 50% di probabilità che la Grecia debba abbandonare l’euro. Lo ha dichiarato oggi ad una conferenza a Copenhagen ripresa dall’agenzia Bloomberg (Ansa). In un articolo invece di un paio di giorni fa il giornalista del sussidiario.it, Mauro Bottarelli, ha scritto che i nuovi interventi decisi su pressione di esperti dell’Unione Europea, Fondo Monetario Internazionale e Banca Centrale Europea per cercare di ridurre il …

Leggi tutto »

GAZA ASSEDIATA: LA TESTIMONIANZA DI UN CHIRURGO

DI SILVIA CATTORI E CHRISTOPHE OBERLIN silviacattori.net Intervista con il professor Christophe Oberlin “Cronache di Gaza 2001-2011” è uno di quei libri scioccanti che non lasciano indifferenti. In un susseguirsi di capitoli molto brevi, l’autore, il chirurgo francese Christophe Oberlin, rivela a poco a poco, con un linguaggio semplice e sobrio, la commovente umanità di un popolo e il coraggio con cui affronta l’assedio imposto dall’occupazione coloniale di Israele con la vile complicità della comunità internazionale e dei nostri principali …

Leggi tutto »

LA CRISI GRECA OBBLIGA MIGLIAIA DI ATENIESI ALLA MIGRAZIONE NELLE CAMPAGNE

IL DEBITO, LA DISOCCUPAZIONE E LA POVERTÀ STANNO PROVOCANDO UNA RIVOLTA SENZA FINE E LA FUGA DI MIGLIAIA DI PERSONE IN CERCA DI UNO STILE DI VITA PIÙ SOSTENIBILE FUORI DALLA CAPITALE DI HELENA SMITH Guardian.co.uk Nelle colline dell’Arcadia, in una casa di pietra in cima a questo villaggio che sorveglia i pascoli verdi e la valle al di sotto, un gruppo di giovani ateniesi si sta impegnando nel ricostruirsi una vita. Fino a poco tempo fa Andritsaina non era …

Leggi tutto »

CHI HA L'ORO E PERCH

DI MEDO petrolitico.blogspot.com Se il petrolio è l’oro nero, venendo a mancare il petrolio, si tornerà bene all’oro? Spiegarlo al signore a sinistra, che clandestinamente distrugge foreste e savane in Mozambico vessato dal capetto locale e dall’importatore occidentale “per bene”, potrebbe dargli un motivo in più per alzarsi e ficcarsi nel fango… L’unico guaio è che con l’oro non ci si fanno carburanti e che nemmeno si potrà mangiare. E piantandolo in terra non cresce niente. Anzi: estraendolo si inquina …

Leggi tutto »

NUCLEARE E ACQUA, IN MANO A UNA SOLA PERSONA

DI DEBORA BILLI lfattoquotidiano.it Si fa il decreto Omnibus ed è a rischio il referendum sul nucleare. Allarme! Sanno di perdere, e vogliono sfilarci il diritto di votare per poter costruire le centrali con comodo, passato l’effetto Fukushima! Mica sono tanto sicura, che sia davvero così. Ho un altro genere di sospetto. In realtà, credo che ormai sia assodata la consapevolezza che le centrali nucleari non si faranno mai: costano troppo, sono pericolose, non le vuole nessuno e i cittadini …

Leggi tutto »