Home / 2010 / ottobre

Archivi mensili: ottobre 2010

TUTTI DEVONO SAPERE CHE FB E’ UNA TRAPPOLA

DI FRANCO BERARDI “BIFO” facebook.com “Tutti devono sapere” è il nome di una pagina Facebook che informa(va) sulle questioni della cosiddetta riforma Gelmini, l’attacco definitivo scatenato contro la scuola pubblica italiana, il tentativo – che purtroppo sta avanzando – di distruggere alla base ogni vita intelligente, ogni democrazia in questo paese. Diecimila persone erano collegate a questa pagina: insegnanti, genitori, studenti. Da un paio di giorni questa pagina è stata cancellata senza motivazioni senza spiegazioni. Per violazione di qualche norma …

Leggi tutto »

QUALE SOCIET SENZA CLASSI ?

IL DIVARIO RICCHI-POVERI IN AUMENTO NELL’AMERICA “SENZA CLASSI” DI JACK A. SMITHGlobal Research Il 10% della popolazione controlla il 96% della ricchezza Nell’America priva di classi, parlare del cosiddetto “gap” (dislivello, ndt) in crescita tra ricchi e poveri è un eufemismo, poiché esiste una lotta di classe accelerata contro i lavoratori americani e i poveri per mano di una minoranza che detiene o ha accesso a molto potere e ricchezza. Il “Census Bureau” (Ufficio dei Censimenti americano, ndt) ha riferito …

Leggi tutto »

QUOTE ROSA NELLE AZIENDE ? UN' OFFESA ALLE DONNE

DI MASSIMO FINI ilgazzettino.it E ci risiamo con le “quote rosa”. Non però, questa volta, per le candidate alle elezioni. È al varo un progetto bipartisan (nelle scemenze i nostri politici riescono sempre ad essere d’accordo) per cui le aziende quotate o partecipate dovrebbe avere nei loro Consigli di Amministrazione almeno il 30% di esponenti di quello che, in altre epoche, era chiamato “il gentil sesso” per legge. A me pare una cosa che non sta in piedi, da parecchi …

Leggi tutto »

BERLUSCONI: COMMISSARIATO DA TREMONTI, IN ATTESA DEGLI ALLIGATORI

DI ANDREA CARANCINI andreacarancini.blogspot.com Non mi stancherò di ripeterlo: la ribellione dei finiani contro Berlusconi nasce su indicazione di Washington e il motivo è costituito da “quel minimo di politica energetica autonoma” portata avanti dal premier italiano [1]. L’origine atlantica del contendere rimane tuttavia in sordina, rispetto ai quotidiani clamori sul presidente del Consiglio, ma è stata confermata più volte da fonti autorevoli, sia pure con sfumature diverse. Si sono espressi in tal senso, tra gli altri, Aldo Giannuli [2], …

Leggi tutto »

IL GOVERNO E LA CREAZIONE DI POSTI DI LAVORO

DI RON PAUL ronpaul.com Mentre l’attuale flessione economica non mostra alcun segnale di ripresa, si sente molta retorica provenire dagli attuali e dai futuri potenziali funzionari pubblici su quello che il governo può fare e farà per creare maggiori posti di lavoro. Questo è abbastanza sconcertante per coloro che credono che la cosa migliore che il governo possa fare per la creazione di nuovi posti di lavoro sia tenersene fuori. I posti di lavoro sono creati nella maniera giusta dalle …

Leggi tutto »

LA NECESSITA’ DI UNA PRATICA DI LIBERAZIONE STUDENTESCA

DI DENIS G. RANCOURT activistteacher.blogspot.com Nelle nostre società occidentali è in atto un assalto alla pubblica istruzione di ogni livello. E’ giusto lottare per mantenere adeguati finanziamenti pubblici a questo settore, ma sarebbe ancora più giusto interrogarsi sulla natura della pubblica istruzione, cosa che nessuno fa; e non solo non si fa questo: in Italia ci sono addirittura facoltà universitarie dove le lotte più “rivoluzionarie” non vanno oltre il chiedere un bidone per la raccolta differenziata nelle aule; una vera …

Leggi tutto »

L’IRAN CHE I MEDIA OCCIDENTALI NON VOGLIONO CHE TU VEDA

DI FLYNT LEVERETT E HILLARY MANN LEVERETTMR-zine Quando il Presidente Mahmoud Ahmadinejad si è recato in Libano la settimana scorsa, attirando una folla enorme e quella che sembra essere una risposta pubblica straordinariamente positiva, molti analisti occidentali hanno liquidato il viaggio come una sorta di stratagemma politico, volto a distrarre l’attenzione dalla reputazione presumibilmente impopolare di Ahmadinejad in patria. Ma dopo essere tornato dal Libano, Ahmadinejad si è recato ad Ardabil, una delle tre provincie di maggioranza Azera. Uno dei …

Leggi tutto »

IL CONFLITTO DELL'IGNORANZA – ISLAM DIROTTATO

DI LAYLA ANWARAn Arab Woman Blues Non esiste nessun conflitto sociale o culturale – esiste solo un conflitto di ignoranza. Siamo nell’Età dell’Ignoranza, siamo nella Jahiliya. Molti amano credere che la Jahiliya sia un periodo ormai passato. Non è così, la Jahiliya c’è sempre – è dappertutto. È presente in oriente e in occidente, così come gli idoli che la caratterizzano. Esiste l’Ideologia, che si eredita dalla famiglia, dall’ambiente, dalla scuola, dalla società, ed esiste la Fede. La Fede non …

Leggi tutto »

L’UTILIZZO POLITICO DEL TRAUMATISMO DELLE FAMIGLIE DELLE VITTIME DELL’ 11/9

DI PASCAL SACRE’ mondialisation.ca Catherine Ashton, alto rappresentante dell’ Unione Europea per gli Affari esteri, ha definito “scandalose e inaccettabili” le affermazioni del presidente iraniano al seggio dell’ ONU il 23 settembre 2010.[1] Gli Stati Uniti e il suo presidente Barak Obama hanno utilizzato il termine “detestabili”.[2] Secondo la maggioranza dei giornali occidentali Mahmoud Ahmadinejad ha evocato giovedì prima dell’ Assemblea generale dell’ ONU la partecipazione degli Stati Uniti agli attentati dell’ 11 Settembre 2001, provocando l’ abbandono immediato della …

Leggi tutto »

CINA: LA SUPERPOTENZA DELL’ENERGIA

DI MICHAEL T. KLARE atimes.com Se volete sapere da quale parte tira il vento globale (oppure da quale parte splende il sole, o brucia il carbone), guardate la Cina. Queste sono le notizie sul nostro futuro energetico e sulle politiche delle grandi potenze della Terra. Washington sta già guardando – con ansia. Poche volte è capitato che una semplice conferenza stampa abbia detto di più sui cambiamenti di potere su scala globale che si stanno verificando nel nostro pianeta. Il …

Leggi tutto »

LETTERA A SUA SANTITA' PAPA BENEDETTO XVI

“E’ STATO VERSATO COSI’ TANTO SANGUE IN IRAQ”. SALVATE LA VITA A TAREQ AZIZ DI FELICITY ARBUTHNOT E TONY BENN globalresearch.ca “…Saddam, Tariq, tutti loro avrebbero potuto darsi alla fuga, ce n’erano di paesi che li avrebbero accolti. Sono rimasti perchè era inimmaginabile per loro non stare dove stava la loro gente. E nemmeno avrebbero potuto immaginare che democratici liberatori di una superiore civiltà potessero a tal punto strafottersi del diritto, della giustizia, dell’umanità. Non c’è stato nessun Vittorio Emanuele. …

Leggi tutto »

LAVORO E QUALITA' DELLA VITA

DI VICENC NAVARRO Público Il parametro più importante per spiegare la qualità di vita della popolazione adulta è il lavoro. Gli studi scientifici dei centri ricerca sanitaria degli Stati Uniti (i conosciuti National Institutes of Health del Governo federale degli Stati Uniti) hanno dimostrato che la variabile più importante per spiegare la longevità (cioè, gli anni che vive una persona) dei cittadini statunitensi è il tipo di lavoro che fanno. Migliore è la qualità del lavoro (cioè, maggiore è la …

Leggi tutto »

LE PROVE SCIENTIFICO-LEGALI CHE SMENTISCONO LE INDAGINI UFFICIALI SULL’11/9

DI RICHARD GAGE E GREGG ROBERTSArchitects & Engineers for 9/11 Truth AE911Truth (gruppo “Architetti e Ingegneri per la Verità sull’11/9”) trasmette le prove ai media: Conferenza Stampa – National Press Club – Washington DC. Ed. – Di seguito la dichiarazione testuale della durata di 10 minuti letta da Richard Gage, AIA (American Institute of Architects), ai media durante la conferenza stampa dell’AE911Truth presso il National Press Club di Washington DC il 9 settembre 2010. Buon pomeriggio, mi chiamo Richard Gage, …

Leggi tutto »

L' ISLAM E GLI ANIMALI. MR. PACE E LO SCONTRO DI CIVILT

DI PAOLO RICCI luigiboschi.it A Londra vivevo a Wimbledon Park a un paio di chilometri dai famosi campi di tennis. Non lontano da dove era la mia casa, a Stroud Road, c’era il campo di calcio di Wellington Road. Prima delle partite mi allenavo con un portiere pakistano. Più tardi dalla moschea arrivavano dei bambini che giocavano a calcio con mio figlio. La zona era multiculturale. C’erano chiese cattoliche, anglicane, una moschea dipinta di bianco a Ryfold Rd (che sarà …

Leggi tutto »

AH, NATURALMENTE SIAMO SOLIDALI CON CAPEZZONE

DI GIANLUCA BIFOLCHI subecumene.wordpress.com Una decina di giorni fa ho letto un articolo di Luigi De Magistris che legava in un’unica strategia massonica le vicende che si sono abbattute sulle sue indagini e su quelle della procura di Salerno con gli agguati di Massimo Tartaglia a Berlusconi e l’”attentato” al direttore di Libero Maurizio Belpietro. Senza pronunciarmi sulla possibile regia piduista dietro la fine di indagini come “Why not”, rimasi assai freddo all’idea di una strategia di distrazione di massa …

Leggi tutto »

WIKILEAKS: UN ALTRO PO’ DI MANGIME PER POLLI

DI GORDON DUFF veteranstoday.com Secondo il nuovo scoop di Wikileaks, gli Stati Uniti avrebbero sottostimato di 15.000 unità il numero di civili uccisi in Iraq. Poiché le cifre fornite dai militari equivalgono al 10% o anche meno delle vittime effettive, far salire un po’ le stime è davvero uno scherzo. Ancora notizie di torture e omicidi, cioè gli irakeni che torturano e gli USA che “guardano dall’altra parte”? Ancora idiozie. Sapendo che gli Stati Uniti spediscono individui “sospetti” in tutto …

Leggi tutto »

LIBERTA’ DI PAROLA: QUO VADIS

DI NOAM CHOMSKY globalresearch.ca Questa mattina, in una breve riflessione d’ apertura, ho portato il fatto cruciale che i diritti non sono solitamente garantiti, ma piuttosto conquistati da una lotta popolare informata e dedicata. Questo comprende il principio base di libertà di parola. Credo che la consapevolezza di questo fatto dovrebbe essere presa come guida quando consideriamo come poter procedere su vari fronti: nel contrastare la corrente ondata di repressione in tutto il mondo, nel mantenere i guadagni ottenuti ed …

Leggi tutto »

I 60 MILIARDI DI DOLLARI DI ARMI CHE L’ARABIA SAUDITA ACQUISTERA’ DAGLI USA SERVIRANNO ALLA GUERRA CONTRO L’IRAN

DI DOV ZAKHEIM globalresearch.ca I preparativi per la guerra in Iran Sembra ormai certa la notizia che la colossale vendita di armi all’Arabia Saudita, da parte degli Stati Uniti, sarà destinata alla guerra contro l’Iran. E il bello è che Israele non ha fatto nessuna opposizione. Secondo le parole di un analista, riportate dall’agenzia stampa cinese Xinhua News Agency, proprio Gerusalemme sembra aver abbracciato l’antico principio: “Il nemico del mio nemico, è mio amico”. Molto probabilmente, l’accordo, riguardante la fornitura …

Leggi tutto »

ARMI FILM: LE CONSEGUENZE DELLA GLOBALIZZAZIONE

DI GONZALO LIRAgonzalolira.blogspot.com L’industria fondamentale d’America è a pezzi come un armadillo, spiaccicato sull’ autostrada, la sua carcassa sanguinolenta intrappolata nel battistrada di un camion a 18 ruote che trasporta posti di lavoro verso sud al Messico, Asia, e oltre. In effetti, in America, ci sono solo due industrie che ancora forniscono consistentemente il paese con un saldo commerciale positivo: armi e film. Tutti sanno che i film di Hollywood dominano il mercato globale, il che è davvero sorprendente: il …

Leggi tutto »

LA FINANZA RAPACE: LA NUOVA MODALITA’ DI GUERRA GLOBALE

DI MICHAEL HUDSON globalresearch.ca “Gli eventi che stanno per manifestarsi proiettano anticipatamente la loro ombra” – Goethe Cosa succederebbe se impedissimo alle banche americane e ai loro clienti di creare 1.000 miliardi, 10.000 miliardi o addirittura 50.000 miliardi di dollari sulla tastiere dei loro computer per comprare tutte le obbligazioni e le azioni del mondo, oltre a tutte le proprietà terriere e agli altri asset in vendita, nella speranza di realizzare guadagni in conto capitale e intascare gli spread sull’arbitraggio …

Leggi tutto »

LE PROBABILIT DI UNA GUERRA CON LA CINA STANNO AUMENTANDO

DI MIKE WHITNEY globalresearch.ca Gli Stati Uniti conducono la loro politica monetaria allo stesso modo in cui conducono la politica estera: in modo unilaterale. Quando la scorsa settimana il presidente della Fed, Ben Bernanke, ha annunciato di voler rilanciare il programma di acquisto di bond (quantitative easing), non si è consultato con gli alleati del FMI, col G-20 o col WTO. Ha semplicemente emesso il suo editto, e questo è quanto. Il fatto che la politica della Fed causi l’invasione …

Leggi tutto »

LA CRISI FARA’ ENTRARE LA RIVOLUZIONE ANCHE NELLE TESTE DI LEGNO

DI EUGENIO ORSO pauperclass.myblog.it/ Società e Movimento La nostra è già, irreversibilmente, una società di mercato prodotta dalle dinamiche neoliberiste e dai processi di globalizzazione, oppure la transizione dai vecchi assetti sociali ai nuovi è ancora in corso e il periodo che stiamo vivendo è un tormentato e in incerto interregno, in cui l’affermazione del nuovo ordine può ancora essere messa seriamente in discussione, attraverso la resistenza propositiva della classe povera del terzo millennio? Per quanto non sia facile rispondere …

Leggi tutto »

KRUGMAN FRUSTRATO

DI RICK WOLFFMR-Zine Povero Paul Krugman, intrappolato nella vecchia routine keynesiana in mezzo agli accecati. La recessione sarebbe finita, egli afferma, se solo il governo fosse ricorso all’aumento del deficit per fornire la necessaria spinta fiscale. Se solo Obama e la sua gente e quei pazzi Repubblicani fossero stati meno preoccupati da quest’audace manovra, meno confusi dall’ideologia e meno ignoranti in economia. Krugman continua ad avvertire che il 2010 sostituirà il 1937 e farà di nuovo crollare l’economia. Persino i …

Leggi tutto »

TIME MAGAZINE: LA PROSPETTIVA DI UNA GUERRA CIVILE NEGLI USA

“NON SEMBRA COSI’ INVEROSIMILE” DI PAUL JOSEPH WATSON prisonplanet.com Persino il portavoce dell’establishment considera la nozione dell’agitazione civile di massa come una conseguenza del crollo economico Mentre i manifestanti in Francia entrano nel settimo giorno di sciopero e di dimostrazioni contro le misure draconiane di austerity, molti osservatori politici negli USA si domandano quanto tempo passerà prima che simili scene si svolgano sulle strade d’America, e persino il Time Magazine ammette che adesso la prospettiva di una guerra civile negli …

Leggi tutto »

IL POTERE ASSOLUTO PROVIENE DAL CONTROLLO ASSOLUTO SUL CIBO

DI DEVINDER SHARMA devinder-sharma.blogspot.com Da bambino bevevo il latte comprato direttamente da una piccola latteria di quartiere. Anche quando mi sono trasferito a Nuova Delhi sono riuscito, per qualche tempo, a comprare il latte da un alimentari del quartiere. Ben presto, però, l’allevatore di bufale si dovette spostare sotto le pressioni dei costruttori. Questo succedeva quasi vent’anni fa e da allora non ho potuto far altro che comprare il latte trattato. Eppure ci sono milioni di persone in India, fortunate …

Leggi tutto »

LA VERIT SULL’11 SETTEMBRE ERA SOLO UN PESCE D’APRILE FUORI STAGIONE:

TAPPATA A TEMPO DI RECORD IN GERMANIA LA FALLA NEL MURO DELL’OMERTÀ MEDIATICA DI ROBERTO QUAGLIAwww.edicola.biz Era un pesce d’Aprile e ci siamo cascati, ingannati probabilmente dal fatto che adesso è ottobre, cronologicamente agli antipodi di Aprile. Avevamo riportato, pochi giorni fa, dell’incredibile fatto che la grande stampa si fosse finalmente occupata (in Germania) dei retroscena dell’11 settembre trattandoli per quelli che sono: una colossale truffa nei confronti del mondo intero! Si trattava di una piccola breccia nel muro dell’omertà …

Leggi tutto »

LAVORATORI SENZA STATUS IN FRANCIA EMERGONO COME FORZA SOCIALE

DI KAREN WIRSIG globalresearch.ca Verso il tardo pomeriggio del 27 maggio scorso, una manifestazione di massa ha marciato fino alla Piazza della Bastiglia a Parigi. La marcia di per sé ha rappresentato quello che ora può considerarsi il peggior momento delle mobilitazioni sindacali nazionali nella sfida al tentativo di indebolire il sistema previdenziale francese e ad altre risposte alla crisi economica mondiale di natura reazionaria da parte del governo di Nicholas Sarkozy. Ma nonostante la pioggia, nonostante i preoccupanti segni …

Leggi tutto »

BARATTI IRANIANI

DI MASSIMO FINI ilfattoquotidiano.it Per capire com’è conciata la Nato in Afghanistan bastano due episodi accaduti questa settimana. Lunedì c’è stato, a Roma, l’incontro dei rappresentanti dei 45 Stati che occupano quel Paese. Inaspettatamente era presente un iraniano di alto livello, Alì Oanezadeh, verso il quale gli americani si sono mostrati insolitamente cordiali. Alla fine Holbrooke ha detto: “Riconosciamo che l’Iran ha un ruolo da giocare per una soluzione”. Ma come? L’Iran non era uno dei tre Paesi dell’”asse del …

Leggi tutto »

…E PACE IN TERRA AGLI UOMINI E ALLE DONNE DI BUONA VOLONTA’

DI SANDRO MOISO carmillaonline.com “We’re Living in Violent Times” (The Barracudas) “Non sappiamo più riconoscere e descrivere la forza perché, nel più profondo di noi stessi, e senza volerlo riconoscere, siamo ormai in ginocchio davanti ad essa.” (Simone Weil) Fummo rivoluzionari, perché non avremmo potuto essere altro Fummo rivoluzionari, perché non avremmo potuto essere altro. Perché eravamo potenziali delinquenti e perché eravamo incoscienti ed innocenti. Fummo violenti, per necessità e per attitudine, per dolore e per rabbia, per crudeltà ed …

Leggi tutto »

RESISTENZA CULTURALE

DI GILAD ATZMON gilad.co.uk Dal fiume allo stagno La leggendaria icona della musica Inglese Robert Wyatt è un gran sostenitore della causa Palestinese. Qualche giorno fa è arrivato a Londra per promuovere For the Ghosts Within (Wyatt/ Stephen/Atzmon, Domino Records), il nuovo album che abbiamo prodotto assieme al violinista Ros Stephen. Abbiamo chiacchierato animatamente a proposito di Palestina, musica, resistenza culturale e a riguardo dell’importanza del prossimo venturo Jazza Festival. Per Robert Wyatt (nella foto), la musica è “dove le …

Leggi tutto »