archivi mensili

Dicembre 2008

LA FEDERAL RESERVE PREPARA LA SCENA PER UN'IPERINFLAZIONE IN STILE WEIMAR

DI F. WILLIAM ENGDAHL Global research 15 dicembre, 2008 In merito ad una richiesta proveniente da un importante servizio americano di informazione finanziaria la Federal Reserve si è seccamente rifiutata di rivelare i destinatari degli oltre 2.000 miliardi di dollari dei contribuenti americani in prestiti di emergenza e di rivelare i beni che la banca centrale sta accettando come collaterale. I loro avvocati sono ricorsi alla scusa fantasiosa che tutto questo è stato fatto per…

LA PRIMAVERA SOCIALE DI TETTAMANZI E IL TERRORISMO DI RATZINGER

Riceviamo e volentieri pubblichiamo DI RITA PENNAROLA Dopo secoli di progressivo distacco dai bisogni primari del suo popolo, la sfera più altolocata della Chiesa comincia a scendere per davvero sulla terra, questo Natale, sembra accorgersi che esiste un grande vuoto, e da troppo tempo. Un vuoto nel quale lavorano in silenzio intere generazioni di preti coraggio, uomini e donne impegnati nel servizio agli altri, religiosi o laici, che incarnano il cristianesimo evangelico e con la…

GAZA: LA FAME PRIMA DELLA TEMPESTA

DI SAMEH A. HABEEBElectronic Intifada Gaza - I politici israeliani, in questo periodo che precede le elezioni, stanno promettendo, come vuole la politica israeliana, di sferrare un duro colpo contro Gaza. Eppure, ogni famiglia di Gaza è già sotto assedio. A Gaza si possono trovare soltanto visi frustrati, arrabbiati e pallidi. Se fate visita alla mia casa non troverete energia elettrica, mentre il mio vicino non ha più gas. Un altro vicino è in cerca di acqua potabile, dato che le…

LE PREMONIZIONI DELLA GRANDE CRISI

DI PINO CABRAS Megachip Si sprecano le parole di sorpresa per la Grande Crisi in corso. Se ne parla il più delle volte come di un evento improvviso e imprevedibile. In realtà c’era già chi riusciva a intravedere il tracollo, anche senza andare a spulciare le vecchie carte americane dei soliti ottimi Nouriel Roubini e Joseph Stiglitz. Prendiamo ad esempio il compianto Paolo Sylos Labini. In un appassionato intervento a un convegno della Cgil nell’ormai lontano 2002 il…

LA MIA ESPULSIONE DA ISRAELE

DI RICHARD FALK (Inviato Onu per i diritti umani) - The GuardianQuando sono arrivato in Israele come rappresentante delle Nazioni Unite sapevo che vi potevano essere dei problemi all’aeroporto. E c’erano. Il 14 Dicembre sono arrivato all’aeroporto Ben Gurion di Tel Aviv per svolgere il mio incarico di relatore speciale per le Nazioni Unite sui territori palestinesi. Stavo conducendo una missione che aveva lo scopo di visitare la Cisgiordania e Gaza per preparare un rapporto…

“QUELLA VOLTA LI’ CHE AVEVO 25 ANNI”

 DI GIORGIO GABER E SANDRO LUPORINI Ora basta con la finzione. Io ho 50 anni siamo in pieno 2000 e mi domando che eredità stiamo lasciando ai nostri figli ? Forse in alcuni casi un normale benessere ma non è questo il punto Voglio dire c’è un’ idea, un sentimento, una morale, una visione del mondo ? No, tutto questo non lo vedo. Allora ci saranno sicuramente delle colpe. Si, il coro della tragedia greca: “... I figli devono espiare le colpe dei padri”. Siamo forse noi…

INTERVISTA A DANIELE LUTTAZZI: VITA DURA PER I TROPPO LIBERI

Intervista raccolta da Federico Zamboni La Voce del Ribelle Fatto fuori dalla Rai, da Mediaset e da La7. Altri si atteggerebbero a martiri della satira: lui tira dritto come sempre. E riempie i teatri. Partiamo dalla stretta attualità: negli Usa hanno eletto Obama e i media magnificano l’evento, come se i guasti del passato fossero definitivamente alle spalle e ci attendesse una rinascita generale. Come minimo occidentale. Forse addirittura planetaria. Ti associ…

LA DISPUTA DI ALICE E BABBO NATALE

DI MIGUEL MARTINEZKelebekBabbo Natale, il golem buono e trasversale del consumo natalizio, è una figura demoniaca dei nostri tempi, che contribuisce alla deformazione e al pervertimento di solito irrimediabile delle più giovani generazioni. Se si osa dire questa banale verità, si viene accusati di voler privare tali giovani generazioni della magia dell'infanzia. Vorrei proprio sapere cosa avrebbe di magico questa sorta di facchino per conto della GD (Grande Distribuzione), la cui…

L’AFFARE MADOFF: UNA GUIDA PER L’ANTISEMITA PERPLESSO

DI ISRAEL SHAMIR L’antisemita riflessivo non riesce a capire come considerare l’affare Madoff. Si deve gioirne o rammaricarsene? A leggere i giornali ebraici, verrebbe da pensare che gli “antisemiti” – cioè la stragrande maggioranza del genere umano secondo alcune fonti ebraiche (“Grattate un goy e troverete un antisemita”) – stiano esplodendo dalla gioia. Bradley Burston si entusiasma su Haaretz: “Per il convinto antisemita, Natale è arrivato presto quest’anno. Il nuovo Babbo…

PRIMA VOTA. LE DOMANDE FALLE DOPO

DI WILLIAM BLUM Killing hope Prima vota. Le domande falle dopo Ok, togliamo di mezzo le ovvietà. È stata una cosa storica. Varie volte mi è venuto un nodo alla gola, mi venivano le lacrime agli occhi, anche se non ho votato per lui. Per la quarta volta di fila ho votato per Ralph Nader. Durante gli ultimi otto anni ogni giorno quando ascoltavo le notizie alla radio mi assicuravo di essere vicino all'apparecchio, così da poter cambiare canale rapidamente quando quell'uomo assurdo…

MADOFF COME METAFORA

DI LLEWELLYN H. ROCKWELL, JR Mises.org Il mistero di Bernard Madoff tra cento anni sarà leggenda. Come il più grande criminale finanziario della storia, ha preso un semplice imbroglio da dilettanti – lo schema di Ponzi – e lo ha trasformato in un impero globale da circa 50 miliardi di dollari. Un ingrediente base è stato l'intelligenza finanziaria. Madoff ne possedeva a secchi. All'inizio della sua carriera, era un genio, un vero innovatore. Ha unito questo con una…

NUOVE CONOSCENZE SUL SISTEMA IMMUNITARIO

DI LINO ROSSI ComeDonChisciotte Riporto alcuni stralci della conferenza che il Dr. Heinrich Kremer tenne il 18 febbraio 2001 a Povo di Trento e l’8 aprile dello stesso anno a Rimini (8). Da quella conferenza emersero questi fatti: il rapporto danni/vantaggi della vaccinazione pediatrica di massa è enorme perché i danni sono innumerevoli e pesantissimi, sia a breve che a lungo termine, ed i vantaggi sono pressoché nulli; la determinazione della causa dell’AIDS è…

CHI E’ SENZA DEBITI…SCAGLI IL PRIMO ASSEGNO (Parafrasando Bertolt Brecht)

DI NANDO DICE’ Mirorenzaglia.org Centrale rischi bancari. Per un errore, una manchevolezza, un attimo di cedimento - mio, di un mio amico o della mia famiglia, non importa - mi ritrovo iscritto alla Centrale rischi delle banche. Sono un cattivo pagatore, uno di cui non ci si può fidare. Non ti danno prestiti, non ti danno mutui, ti rifiutano anche il libretto degli assegni se vogliono. Altro che “scemo”, sei morto economicamente. Mentre pensavo a come uscirmene riflettevo: “ma…

I POLITICI NON HANNO CAPITO LA LEZIONE DI MANI PULITE

DI MASSIMO FINI Il Gazzettino Le inchieste giudiziarie a Pescara, in Abruzzo, in Basilicata, a Napoli, in Campania, dove sono coinvolti amministratori e politici prevalentemente, ma non esclusivamente di sinistra (così come ai tempi di Mani Pulite erano prevalentemente, ma non esclusivamente di centrodestra) spiegano bene perché la classe dirigente ha così fretta di varare una riforma della Giustizia. Non si vuole migliorare il servizio ai cittadini (tanto è vero che nei progetti…

NIMBY-PIMBY: IL FATTORE R TRA NOI

DI NICOLETTA FORCHERI ComeDonChisciotte Un premio Pimby agli enti locali per un inceneritore assegnato proprio da chi degli inceneritori fa il proprio ricco business. L’inceneritore di Poggibonsi, inaugurato il 25 settembre scorso, è valso alla provincia di Siena il premio Pimby, neo acronimo supplichevole per “Please in my Backyard!” che detto in italiano suona: “per favore favoriscano dietro a casa!”, in contrasto con l’inospitale, ma oh quanto più diffusa, sindrome Nimby: “non…

ARRIVA IL NATALE

DI MARCO CEDOLINIn questi giorni di metà dicembre, con i cieli plumbei solcati da nuvoloni neri che si fronteggiano con furia belluina, i corsi d'acqua in piena che borbottano minacciosi e le montagne infiocchettate di neve come mai prima d'ora in questo periodo, lo "spirito natalizio" sembra permeare ogni cosa, fino a penetrare nelle nostre anime aride d'inguaribili pessimisti.Il Presidente degli Stati Uniti G.W. Bush, recatosi in terra d'Iraq per un saluto di commiato da porgere alla…

LE RIVOLTE GRECHE SONO UN'ANTICIPAZIONE DI QUELLO CHE ACCADRA'?

DI PETER POPHAM The Independent Le rivolte greche sono un segno della situazione economica. Altri paesi dovrebbero preoccuparsi, afferma Peter Popham da Atene Dopo aver lanciato la scorsa settimana 4600 candelotti di gas lacrimogeni, la polizia greca ha quasi esaurito le proprie scorte. Mentre si cercano forniture d’emergenza in Israele e Germania, le bombe Molotov e le pietre dei manifestanti continuano a piovere, con scontri che si sono ripetuti ieri fuori dal Parlamento. Riunendo…

O LA BANCA O LA VITA DI MARCO SABA

DI GIANMARIO MONALDO Rinascita Dopo “Bankenstein. Tutto quello che non avreste mai voluto sapere sulle banche” Ed. Nexus, 2006, e a complemento dello stesso, Marco Saba, ci propone “O la Banca o la Vita”, ovvero un agevole e nel contempo approfondito e documentato percorso di lettura che raggiunge il dichiarato obiettivo di portare alla consapevolezza “della vera natura del sistema bancario e finanziario mondiale”, previa illustrazione di “cosa sono e come agiscono su scala globale i…

EX CAPO DELL'ISI: MUMBAI E 11/9 SONO ENTRAMBI CASI DI TERRORISMO DI STATO

DI PAUL JOSEPH WATSON Prison PlanetIl generale Hamid Gul, ex capo dei servizi pakistani ISI, ha riferito ieri alla CNN che sia gli attacchi di Mumbai sia l’undici settembre sono state entrambe operazioni pilotate all’interno del sistema ("inside jobs"), con grande dispiacere dell’ospite e luminare del CFR Fareed Zakaria, il quale ha detto agli spettatori che le opinioni di Gul sono «assolutamente errate e completamente screditate». «Quando si esamina l’intero spettro delle possibilità su…

IL PROGETTO EBRAICO

DI IDA MAGLI ItalianiLiberi Abbiamo aspettato inutilmente nei giorni scorsi che almeno qualcuno dei politici, in America, in Europa, in Italia, qualcuno dei Capi di Governo o dei Ministri dell’Economia denunciasse, facendone i nomi e destituendoli dalle cariche, gli operatori finanziari responsabili dell’immensa truffa messa in atto. Una truffa mai avvenuta in precedenza almeno in queste proporzioni e che ha provocato il crac delle più importanti Banche, il crollo delle Borse…