Home / 2008 / agosto / 01

Archivi giornalieri: 1 Agosto 2008 , 19:00

STRANE ALLEANZE – PARTE PRIMA

DI H.S. Comedonchisciotte.org Nel corso della sua prigionia , dal carcere brigatista Moro , interrogato con ogni probabilità da soggetti che non erano i “normali” e conosciuti brigatisti e non erano a contatto diretto con l’”accusato” , scriveva pagine su pagine accennando anche a capitoli scottanti della nostra Repubblica come GLADIO , la cellula italiana di STAY BEHIND o alla “strategia della tensione”. Curiosamente , almeno nelle parti del memoriale rinvenuto , Moro si sofferma diverse volte sull’attentato alla Questura …

Leggi tutto »

2008: UN CAPPELLO PIENO DI CILIEGE

FONTE: IO NON STO CON ORIANA Il marketing ha le sue regole. Sperando di aver esaurito l’effetto delle proprie stesse operazioni commmerciali, la Rizzoli presenta a fine luglio 2008 un romanzo biografico familiare scritto dalla giornalista ex fiorentina, la cui lunghissima e puntigliosa redazione fu interrotta -dicono- perché rabbia & orgoglio (o paura & arroganza, secondo Franco Cardini) incombevano almeno quanto l’urgenza della vagonata di nefandezze politicanti in cerca di avalli autorevoli. Alessandro Cannavò, cui spetta il compito di cambiare …

Leggi tutto »

DECALOGO: I 10 COMANDAMENTI DELLA DECRESCITA

Eco-nomia = De-crescita Qualunque cosa facciano il Sistema, le grandi imprese, i media, gli Stati, le istituzioni internazionali, gli eserciti… noi possiamo rispondere con la democrazia diretta: forme di vita e di consumo libere da globalizzazione e sviluppo economico. 1. Alimentazione. Consumate tutti i prodotti selvatici che potete e raccoglieteli voi stessi con metodi conservativi. Consumate tutti gli alimenti autoprodotti che potete. Fate in modo che gli alimenti siano biologici, locali, artigianali… Se non avete l’orto né possibilità di averne …

Leggi tutto »

32 (WASTELAND)

DI DANILO ARONA Carmilla on line Vivo in campagna, bassa piemontese, da più di vent’anni. Scelta comoda, scomoda, egoista, da spernacchiare: se ne può dire quel che si vuole. Non è questo il punto. La realtà è che, davanti ai miei occhi e con una spinta accelerativa sempre più crescente negli ultimi tempi, il paesaggio è cambiato. In peggio, ovvio. Brutalizzazione, alberi abbattuti, annullamento del verde a favore del cemento. Tra un po’ vivrò in campagna circondato da un perfetto …

Leggi tutto »