Home / 2008 / febbraio

Archivi mensili: febbraio 2008

LA DEMOCRAZIA E' UNA BELLA COSA, MENO QUELLA PARTE DI LASCIAR VOTARE

DI WILLIAM BLUM Killing Hope La NATO è un trattato a rotelle – può essere spostato in ogni direzione per adattarsi alla politica del momento di Washington Per caso avete notato che la NATO, l’Organizzazione del Trattato Nord Atlantico, praticamente è diventata un paese? Con più diritti internazionali e potenza militare di quasi ogni altro paese al mondo? Sì, la stessa NATO che, ci era stato detto, venne creata nel 1949 per la difesa contro un attacco sovietico in Europa …

Leggi tutto »

SUI RIFIUTI E SULLA DECRESCITA

DI GIUSEPPE GIACCIO Diorama letterario 1. Rifiuti e criminalità La crisi dei rifiuti scoppiata a Napoli e in Campania – la regione ne produce annualmente 2.600.000 tonnellate, una piccola parte dei quali (una percentuale oscillante tra il 10-12%) segue la strada della raccolta differenziata, mentre il grosso è destinato a diventare CDR (combustibile derivato dai rifiuti) – è un classico esempio di come un problema in apparenza tecnico (cosa bisogna fare per smaltirli) sia in realtà solo l’epifenomeno di questioni …

Leggi tutto »

LETTERA AL MANIFESTO

DI NELLA GINATEMPO Rekombinant L’intervento di Franco Giordano (26 /2/08) mi sollecita a scrivere perché la rimozione della questione della GUERRA è sconcertante. Nel suo, come in altri interventi della sinistra arcobaleno -in questa baraonda mistificante che chiamano campagna elettorale- spariscono le responsabilità di chi al governo in questi due anni ha mandato i soldati italiani a uccidere e morire in tutti i teatri di guerra, a cominciare dall’Afghanistan. Per chi ha la memoria corta, vorrei ricordare che il movimento …

Leggi tutto »

I GLOBALISTI E RICCONI DI WALL STREET CHE MANOVRANO OBAMA

DI BRUCE MARSHALLRense.com Uno di questi “manovratori” è Zbigniew Brzezinksi, co-fondatore della Trilateral Commission, già Segretario di Stato sotto la presidenza di Jimmy Carter e autore di “The Grand Chessboard” [La grande scacchiera, ndt], un piano per la conquista mondiale ad opera degli Stati Uniti in cerca delle ultime gocce di petrolio rimaste sulla Terra. Non facciamoci ingannare! Il richiamo di Barak Obama alla National Infrastructure Reinvestment Bank (NIRB) non significa il ritorno del Partito Democratico ai valori di Franklin …

Leggi tutto »

CAPIRE LA MANIFESTAZIONE CONTRO IL SEQUESTRO IN COLOMBIA

DI SIMONE BRUNO América Latina en Movimiento Questo articolo analizza la portata della manifestazione contro il sequestro in Colombia che si è svolta in più di 130 città in tutto il mondo. La manifestazione si è risolta nella più grande manifestazione che si sia mai avuta in Colombia, con una partecipazione a livello planetario di diversi milioni di persone (c’è chi dice 3 milioni e c’è chi dice 10 milioni). Lo slogan principale è stato “No al sequestro! No al …

Leggi tutto »

LA FED NON PRATICA UNA POLITICA MONETARIA KEYNESIANA

DI LINO ROSSI La Voce Alzare il circolante e ridurre la moneta creditizia Perche’ ne’ FED ne’ BCE riusciranno a risolvere il drammatico problema finanziario che incombe La via percorsa dalla FED è in netta contrapposizione al dogma monetaristico adottato da decenni da tutte le banche centrali sotto la direzione della BRI di Basilea (una sorta di collettore per tutte le banche centrali). Anche la BCE non è in linea con quel dogma friedmaniano. Ricordo che negli anni ’70 l’Argentina …

Leggi tutto »

IL FATTORE K E LA RESISTIBILISSIMA ASCESA DI D'ALEMA

A CURA DI RIPENSARE MARX (BLOG) Forse a qualcuno saranno sfuggite le solite esternazioni di Cossiga apparse sul Corriere della Sera del 23 febbraio. Debordanti certamente, ma anche assolutamente veritiere. Massimo D’Alema giunse alla guida del secondo governo dell’era ulivista (dopo la spallata a Prodi da parte di Rifondazione) quasi con un compito preciso, scientemente sostenuto dai voti dell’UDR di Cossiga e con la preventiva approvazione degli alleati americani. Lo stesso Cossiga confessa di aver pensato subito al baffetto terribile …

Leggi tutto »

NUOVO IRAQ, LA RESA DEI CONTI

DI GABRIELE ZAMPARINI The Cat’s Blog La danza macabra di burattini, vampiri e zombi tra “riconciliazione” e spartizione Il presidente-fantoccio del Nuovo Iraq, Jalal Talabani, ed il Premio Nobel per la Pace Shimon Peres, presidente israeliano e criminale di guerra, hanno molte cose in comune. “Il modo migliore per risolvere i problemi interni dell’Iraq è ricorrere al federalismo. Perché questo avvenga, sarebbe meglio che l’Iraq fosse diviso in tre regioni federali indipendenti”, ha dichiarato Peres in un’intervista su CNN turca. …

Leggi tutto »

L'OLOCAUSTO NASCOSTO – LA NOSTRA CRISI DI CIVILITA' (PARTE I)

DI NAFEEZ MOSADDEQ AHMED Parte I – L’olocausto nella storia 1. “Olocausto nascosto” È risaputo come il termine “olocausto” sia tradizionalmente impiegato in riferimento alla “sistematica, burocratica, persecuzione e uccisione organizzata da uno stato di circa sei milioni di Ebrei, da parte del regime Nazista durante la Seconda Guerra Mondiale”. “Olocausto” è una parola greca che significa “sacrificio per mezzo del fuoco”. Esprime un evento la cui portata e il cui orrore hanno trasformato il corso della storia mondiale. È …

Leggi tutto »

APPELLO PER PAOLO BARNARD

DI ALEX ZANOTELLI Rimango esterrefatto per quanto è avvenuto al giornalista Paolo Barnard abbandonato a sé stesso dalla RAI e dalla stessa Milena Gabanelli, la conduttrice di Report. Ho sempre ammirato il lavoro giornalistico di Paolo Barnard. Penso che le sue puntate su Report siano le più belle del giornalismo italiano. Ora Paolo Barnard è stato portato in tribunale per la puntata ( “ Little Pharma & Big Pharma “) del 11/10/2001 e ripetuta, su richiesta del pubblico, il 15 …

Leggi tutto »

POLIZIESCHI (TRISTEMENTE) REALI

FONTE: CLORO AL CLERO (BLOG) Insomma: i fratellini di Gravina di Puglia sono caduti in un pozzo. A poca distanza da casa loro, in un luogo frequentato abitualmente dai bambini. Che giocano proprio appresso a questi pozzi. Il loro padre è al gabbio da un paio di mesi, come responsabile della sparizione, ma ora pare proprio che sia stato un madornale errore delle indagini, che non sono state animate dal buon senso di andare a vedere quel pozzo (dove ieri …

Leggi tutto »

LA FINZIONE POLITICA – Parte Prima – CONDIZIONARE LE EMOZIONI

DI ANTONELLA RANDAZZO In seguito alla caduta del governo Prodi, è stata aperta la campagna elettorale, a cui i telegiornali stanno dando molto spazio. Ogni giorno ci viene offerta un’ampia varietà del panorama elettorale: invettive, stoccate, secessioni, accuse, o l’alterco di turno. Molte persone credono che l’attuale sistema sia rappresentativo, nel senso che i cittadini, tramite il voto, eleggono alcuni delegati. In realtà ciò non avviene, poiché sono i Partiti a scegliere i candidati e la scelta elettorale avviene all’interno …

Leggi tutto »

BARACK OBAMA E’ IN PERICOLO DI VITA?

DI LARRY CHIN Online Journal Secondo il Dallas Star-Telegram, il Secret Service* ha dato ordine di fermare le perquisizioni per la ricerca di armi un’intera ora prima dell’incontro del 20 febbraio di Barack Obama a Dallas. I metal detector sono stati spenti e le borse non sono state controllate mentre centinaia di persone potevano riempire la Reunion Arena. Questa bizzarra attività “ordinata da ufficiali federali” è stata immediatamente riferita da un allarmato dipartimento di polizia di Dallas che sapeva trattarsi …

Leggi tutto »

LA “MADRE DI TUTTI I CROLLI” IN ONDA SUL FINANCIAL TIMES

DI FRANCESCO PICCIONI Il Manifesto Giù all’inferno in 12 tappe. L’implacabile analisi di Nouriel Roubini, illustrata da Martin Wolf Il pessimismo sul futuro dell’economia Usa ha raggiunto i piani alti dei media specializzati. Sul Financial Times di ieri Martin Wof – uno degli editorialisti di punta – sintetizzava l’analisi di Nouriel Roubini, economista tra i più ascoltati della nuova generazione. In sintesi, la strada verso «la madre di tutte le catastrofi» viene spiegata in dodici tappe. Una vera via crucis …

Leggi tutto »

COSCETTE E MEZZADRI

DI CARLO BERTANI Don’t let it bring you down: it’s only a castles burning… Non lasciarti buttare giù: sono solo castelli (di carte) che bruciano… Neil Young, Don’t let it bring you down, dall’album After the gold rush, 1970. Non varrebbe nemmeno la pena di perderci del tempo, però è utile farlo più per noi che scriviamo e leggiamo queste pagine che per loro, che ingombrano allegramente l’agorà televisiva sfornandoci una miriade di cazzate. So benissimo che lo fanno da …

Leggi tutto »

PERCHE’ BEPPE GRILLO CONTINUA A IGNORARE LE “COSTANTI” DEL POLITICO ?

DI CARLO GAMBESCIA Alcuni modesti consigli “tecnici”. Non richiesti ma gratuiti. E soprattutto in buona fede. Le “costanti” del politico. Il “Monnezza Day” di Napoli è stato un altro successo di “folla”. Ma i media italiani lo hanno snobbato o ridotto a serata comico-folkloristica, dandone notizia in poche righe o secondi. Perciò questa volta, a differenza del “Vaffa Day”, sembra si sia preferito “silenziare” l’evento. Il che è tanto preoccupante quanto la precedente sovraesposizione mediatica del settembre 2007. Gli estremi …

Leggi tutto »

SE PO' FFA

DI MIGUEL MARTINEZ Kelebek “Yes, we can!” è lo slogan dei democratici americani, e fa pensare a una schiera di venditori in giacca e cravatta sotto la frusta del loro animatore: “Can we increase sales by ten per cent this year?” “Yes we can!” “By twenty percent?” “Yes we can!” I copioni veltroniani hanno tradotto lo slogan. Che da noi suona “se po’ ffa’“, la frase cara a innumerevoli oscuri mediatori per conto di onorevoli e di cardinali. Le prossime …

Leggi tutto »

L'IMPATTO UMANO E AMBIENTALE DELLA RECESSIONE

DI EMILIY SPENCE Global Research Fin troppo spesso le notizie di cronaca si concentrano su episodi discreti di attualità a spese di un approccio più sintetico per gli avvenimenti notevoli. Se è importante che il pubblico venga a conoscenza dei principali eventi mentre essi succedono nel mondo, a volte questo può portare alcuni osservatori a “non vedere la foresta a causa degli alberi”. Per questo potrebbe essere facile non scorgere il nesso tra la recessione globale (e la possibile depressione …

Leggi tutto »

POTERE CONTEMPORANEO, SINISTRA E 11 SETTEMBRE: IL PORTO DELLE NEBBIE

DI FRANCO SOLDANIFaremondo Pubblichiamo in anteprima la Prefazione del nuovo libro di Franco Soldani “Il porto delle nebbie”, casa editrice Faremondo Edizioni. Questa casa editrice appena nata fa riferimento alla associazione culturale Faremondo, che da tempo si distingue, tra le altre cose, per le sue inziative in favore della diffusione della verità sull’11 Settembre La convinzione che il mondo sia profondamente cambiato dopo l’11 settembre 2001, è ormai “conventional wisdom”, come amano dire gli economisti, presso l’opinione pubblica internazionale e …

Leggi tutto »

FARSA TRISTE E INDEGNA

DI MAURIZIO BLONDET Effedieffe Non so se avete notato: non si riesce nemmeno più a indignarsi. De Mita che è stato al potere più di Fidel, e dopo 44 anni, a 83 d’età, offeso perché Weltroni non lo ricandida, va a ricreare la DC (n’ata vota…, dicono a Napoli) con le altre schegge, Tabacci Follini Casini e forse Mastella, tutti gli spezzoni della corruzione «bianca-meridionale» – basta ricordare che la maggior parte dei voti che Casini riceve vengono da Cuffaro. …

Leggi tutto »

DUBBI

DI RINALDO FRANCESCA Allora, vediamo se ho capito: il processo ai co-architetti dell’11 settembre è la “Norimberga della nostra generazione”; eccetto che, a dire la verità, le cose non stanno proprio così. Oppure: le confessioni fornite da questi criminali sono senz’ombra di dubbio assolutamente attendibili; senonché, neanche questo è proprio del tutto vero. È stata fatta giustizia; no, meglio andarci cauti anche su questo punto. Procediamo con ordine: “Il Pentagono ha annunciato ufficialmente l’incriminazione di sei presunti terroristi detenuti a …

Leggi tutto »

DOVE STIAMO SCAPPANDO?

DI LEONARDO BOFF Koinonia Una delle principali caratteristiche del giorno d’oggi è l’accelerazione del tempo. Lo spazio terrestre praticamente è stato già tutto conquistato, ma con il tempo continua ad esserci una grande incognita. Potremmo dominarlo? La sfida viene lanciata in tutti i settori, cominciando dallo sport. In ogni olimpiade si cercano di superare tutti i record precedenti, specialmente nei classici 100 metri. Le macchine devono essere ogni volta più rapide, gli aerei e le navi spaziali devono superare la …

Leggi tutto »

OLINDO E ROSA, PROTAGONISTI LORO MALGRADO

DI SERGIO MAURI Acthung Banditen Il mondo dei “mezzi di comunicazione di massa” è di certo inserito nella realtà sociale che lo ha originato ma, come tutti i figli diventati adulti, vive ormai una vita indipendente e separata da chi l’ha generato. Esso possiede simboli, stili, modelli suoi propri che, pur denotando le sue origini, rappresentano bene un mondo che altrimenti non si potrebbe rappresentare. Questo mondo necessita di continuo nutrimento, necessita di continue sollecitazioni, informazioni, notizie per poter sopravvivere …

Leggi tutto »

INGEGNERE PROGETTISTA DEL WTC NON CREDE ALLA VERSIONE UFFICIALE

A CURA DI 911BLOGGER Il principale ingegnere elettrotecnico del progetto dello World Trade Center: “Il carburante e gli aerei da soli NON possono avere buttato giu le torri” Richard F. Humenn, ingegnere professionista era Senior Project Design Engineer dei sistemi elettrici dell’intero World Trade Center, ed aveva 60 persone che lavoravano sotto di lui. In altre parole egli era la persona incaricata di tutti i sistemi elettrici del WTC. Ora è un ingegnere professionista in pensione, ottenne l’abilitazione professionale dagli …

Leggi tutto »

CARBURANTE UMANO

DI MIGUEL MARTINEZ Kelebek La Turchia è già in Europa. In Germania, vivono oltre 2,6 milioni di turchi. Sono il carburante umano che manda avanti la principale economia europea. Ma fino al 2000, la Germania non ha riconosciuto loro il diritto di chiedere la cittadinanza, anche se fossero nati in Germania. Avevamo segnalato come nove turchi fossero morti nel rogo di un caseggiato popolare a Ludwigshafen, in Germania A Ludwigshafen, una famiglia lancia dalla finestra della casa in fiamme una bambina, …

Leggi tutto »

CONFRONTO IN QUESTURA: IL GOVERNO RICONOSCE IL KOSOVO

DI ALESSANDRO ROBECCHI “E lui, non ho dubbi”. Il ministro degli esteri Massimo D’Alema non ha avuto la minima indecisione e durante un confronto all’americana presso la questura di Roma ha riconosciuto il Kosovo. “E’ il secondo, l’ho visto bene mentre rubava un pezzo di Serbia, lo riconoscerei tra mille”. Le manette sono così scattate ai polsi di di Gorni Kosovo, 23 anni, muratore.

Leggi tutto »

IL PROGRAMMA ITALIANO DEL FANTE DEL FUTURO: SOLDATO FUTURO

Il soldato europeo del futuro (*) A CURA DI RESEAU VOLTAIRE Mentre si sviluppa un dibattito all’interno della Nato sulla fanteria del futuro, pubblichiamo le schede tecniche dei progetti concorrenti stabiliti dalla Commissione tecnica dell’Assemblea dell’Unione dell’Europa Occidentale. Il programma italiano Soldato Futuro è cominciato alla fine del XXmo secolo. All’inizio, questo programma è stato pensato nel quadro di una cooperazione con la Germania, che non si è concretizzata per differenze concettuali e di calendario. Soldato Futuro è ora in …

Leggi tutto »

PROFITTI PETROLIFERI E GUERRA: SOLO UNA COINCIDENZA?

DI BABAK Trader’s Narrative Questo articolo è per tutti i fanatici dei grafici, specialmente per i teorici del complotto (ricordate, solo perché siete paranoici, non vuol dire che non siano per davvero già sulle vostre tracce ). Ogni volta che i profitti delle compagnie petrolifere calano, salta fuori al volo un qualche “conflitto energetico” per riportarli a livelli da capogiro: adoro vedere un simile grafico che paragona il profitto azionario relativo calcolato rispetto a un indice ampio come lo S&P …

Leggi tutto »

FUGA DA BANCATRAZ

DI EUGENIO BENETAZZO Recentemente è uscito l’ennesimo report di Assogestioni che dimostra come il sistema bancario sia profondamente in crisi. Sia chiaro che questa crisi nulla a che vedere con quella dei mutui e del settore immobiliare, in quanto grazie a vergognose operazioni di cartolarizzazione, le banche hanno trasferito il rischio che correvano con i mutui ballerini recentemente erogati dalle loro tasche a quelle dei piccoli risparmiatori attraverso la creazione di fondi immobiliari di investimento che hanno nella loro pancia …

Leggi tutto »

IL PIANO DEL PENTAGONO PER IL COMPLETO CONTROLLO DELL'INFORMAZIONE

DI BRENT JESSOP Knowledge Driven Revolution Parte I: La guerra dell’informazione Quando i militari statunitensi parlano di controllo completo, intendono veramente dire “controllo completo”. Le operazioni di disinformazione [Information operations, IO], o guerra dell’informazione, sono parte essenziale dell’attività militare. In seguito ad una richiesta del National Security Archive dell’università George Washington, giustificata dal Freedom of Information Act, il Pentagono ha dovuto recentemente declassificare il documento Information Operation Roadmap, descritto dal sito del Council on Foreign Relations in questi termini: “Documento …

Leggi tutto »