Home / 2007 / novembre

Archivi mensili: novembre 2007

DECRESCITA. MA NE SIAMO PROPRIO SICURI ?

DI GIANLUCA BIFOLCHI Achtung banditen Metterò da parte il mio sospetto che le simpatie crescenti che la cosiddetta decrescita sta incontrando siano in definitiva una moda che vada al di là dei meriti specifici di natura teorica di autori come Serge Latouche, e che trovi ampi varchi in una sinistra sedotta dall’impatto emotivo del nuovo concetto e dalla possibilità di sostituire la fatica dell’analisi dei problemi con comode formule preconfezionate. Esprimerò invece alcune gravi riserve a cui finora non ho …

Leggi tutto »

LO STATO D’ISRAELE PRESTO SCOMPARIRA’

DI MAURO MANNO Civum libertas Sono in troppi, di recente, a parlare della possibilità che lo stato di Israele scompaia nei prossimi anni. Il primo è stato Ahmadinejad, il presidente della Repubblica Islamica dell’Iran, il quale affermò un paio d’anni fa che Israele ‘scomparirà dalle pagine del tempo’ (e non come malignamente vanno dicendo i sionisti e i loro amici: ‘sarà cancellato dalla carta geografica’) La seconda versione della frase del presidente iraniano offre l’opportunità ai sionisti e loro scribi …

Leggi tutto »

L'ALFA DI GIORDANO E L'OMEGA DEL PRC

DI A.BERLENDIS Ripensare Marx Dal sito dell’ ‘Espresso’ veniamo a conoscenza di questo fatterello “In testa un’Alfa 159 nuova fiammante con poliziotti in borghese. Poi una Lancia Thesis con lampeggiante blu e paletta rossa “Servizio di Stato”. Infine un’altra Alfa 159 con poliziotti. Alle 18 e 40 di venerdì 7 settembre gli automobilisti nell’area di servizio Reggello sull’Autostrada del Sole si sono incuriositi pensando che fosse arrivato il presidente della Repubblica in cerca di un panino Camogli. Invece era solo …

Leggi tutto »

BHL E LA SINISTRA ZOMBIE

DI DIANA JOHNSTONE Reseau Voltaire L’ultimo libro di Bernard-Henry Lévy è il più diffuso dai mass media in questa riapertura della stagione letteraria. Diana Johnstone, che considera questo saggista come un propagandista incaricato di riciclare le banalità della guerra fredda, non se ne meraviglia in quest’ epoca di sarkozysmo. Preferisce dimostrare i meccanismi di questa retorica e sottolinearne il carattere magico e antipolitico. In definitiva, si diverte a constatare che l’egemonia di questo discorso non supplisce alla sua vacuità e …

Leggi tutto »

LA GEOPOLITICA DIETRO LA RIVOLUZIONE ZAFFERANO IN BIRMANIA

DI F.WILLIAM ENGDAHL Global Research Ci sono fatti e fatti. In primo luogo è un fatto, che pochi metteranno in dubbio, che la dittatura militare dell’ermetico generale Than Shwe occupa un posto di prim’ordine tra le tirannie del mondo. È anche un fatto che la Birmania ha uno degli standard di vita più bassi al mondo. Come risultato dell’assurdo aumento tra il 100% ed il 500% del prezzo della benzina e di altri combustibili decretato in agosto, il potere d’acquisto …

Leggi tutto »

IL CASO DI MARCO AHMETOVIC TESTIMONIAL. QUALCHE RIFLESSIONE

DI CARLO GAMBESCIA Non sappiamo se Marco Ahmetovic, che ubriaco alla guida di un’ automobile uccise quattro suoi coetanei, riuscirà a diventare testimonial pubblicitario di una linea di abbigliamento, ma il solo fatto che una società discuta della possibilità che possa o meno diventarlo, indica una regressione verso l’animalità. Sono parole dure, di cui dobbiamo dare conto ai lettori. Ma procediamo per gradi. In primo luogo, va spiegato, seppure molto rapidamente, come le società “funzionano” sotto il profilo dell’obbedienza alle …

Leggi tutto »

LA RISPOSTA DELLE CENTO PISTOLE

DI CARLO BERTANI Non è elegante citare sé stessi – tutti lo sanno – ma a volte è necessario farlo per riannodare i fili di un discorso lasciato in sospeso. Osservo la strabiliante rivoluzione copernicana (e Gattopardesca) degli ultimi giorni e mi chiedo: era tutto così inaspettato? Sono andato a rileggere un articolo che scrissi all’indomani delle ultime elezioni politiche – Aprile 2006 – dal titolo “La domanda delle cento pistole”, che potrete trovare facilmente sul Web. Sono circa 18 …

Leggi tutto »

LO TSUNAMI FINANZIARIO: IL DEBITO IPOTECARIO SUBPRIME

E’ SOLO LA PUNTA DELL’ICEBERG DI F.WILLIAM ENGDAHL Global Research Parte 1: la dolorosa lezione della Deutsche Bank Perfino i miei amici esperti banchieri mi assicurano che a parer loro il momento peggiore del cataclisma da cui sono state colpite le banche statunitensi è oramai superato, e che la situazione sta lentamente tornando alla normalità. Ma nel loro roseo ottimismo manca la percezione dell’ampiezza del deterioramento in atto sul mercato mondiale del credito, che ruota attorno al mercato americano dei …

Leggi tutto »

ANNAPOLIS VISTA DA GAZA

DI LAILA EL-HADDAD Comment is free/Guardian Anche nei momenti peggiori, c’è una cosa che non manca mai nel nostro travagliato angolo di mondo: un’altra conferenza, vertice, dichiarazione, summit, accordo. Qualcosa di risolutivo, in grado di “riportarci” su qualsiasi sentiero predeterminato al quale siamo o eravamo destinati. E di aiutarci a percorrerlo. Poco importano le eventuali imperfezioni di questo percorso, o lo scontento che possa aver generato, sapendo cosa accade alle persone che lo mettono in dubbio; la cosa importante è …

Leggi tutto »

RIFONDARE COSA ?

FONTE: PENSARE IN PROFONDO (BLOG) Rifondazione Comunista non ha da rifondare nulla. Il suo declino e la lenta morte sono testimoniate dal modo in cui una parte dei suoi dirigenti, e della corte di intellettuali che li segue, parlano a quella che dovrebbe essere la sua base di riferimento. Un linguaggio incomprensibile e che può andare bene in qualche salotto o tra poche e selezionate elite. Cosa volete che capisca uno quando sente Giordano dire “A Gennaio ci vuole una …

Leggi tutto »

GUERRA IN IRAQ: PIU’ DI 15000 LE VITTIME USA?

DI MIKE WHITNEYCounterpunch Il Pentagono ha nascosto il vero numero delle perdite americane nella guerra in Iraq. Il numero autentico supera le 15.000 unità e CBS News può provarlo. L’unità investigativa della CBS voleva fare un servizio sul numero dei soldati morti per suicidio e ha “sottomesso una richiesta al Dipartimento della difesa in base al Freedom of Information Act”. Dopo quattro mesi ricevettero un documento che mostrava che, tra il 1995 e il 2007, vi erano stati 2200 suicidi …

Leggi tutto »

MORTO E VISSUTO DI SHOCK: L'EPISODIO DEL TASER A VANCOUVER

DI NAOMI KLEIN Los Angeles Times La scorsa settimana è stato divulgato un video visto dal mondo intero, un video in cui lo scorso ottobre poliziotti della Royal Canadian Mounted Police usavano una pistola Taser* su di un cittadino polacco all’aeroporto internazionale di Vancouver. L’uomo, Robert Dziekanski, morì subito dopo. Nei giorni scorsi sono emersi alcuni retroscena a suo riguardo. Sembra che il 40enne polacco non morì soltanto dopo aver subito l’elettroshock, ma pare che la sua vita fosse costellata …

Leggi tutto »

MAGGIORITARIO IN CONTROTENDENZA STORICA, INTANTO IN ITALIA SI SONO PERSI 15 ANNI

DI MASSIMO FINI Il gazzettino Forse dovevo fare l’uomo politico. Quando fra la fine del 1992 e l’inizio del 1993 quasi tutti i leader politici e quasi tutti gli italiani smaniavano per il sistema elettorale maggioritario , che avrebbero votato di lì a poco a stragrande maggioranza, senza sapere bene cosa fosse, io sull’ ‘Indipendente’ mi battevo per il proporzionale alla tedesca con sbarramento al 5%, sostenendo che il maggioritario non solo era un passo troppo lungo per la nostra …

Leggi tutto »

IL VENERDI’ NERO DI BEIRUT

DI RANNIE AMIRI Counterpunch Quello che si è visto venerdì in Libano è stato teatro politico ai più alti livelli. Dopo essere rimasto in carica per nove anni, il presidente Emile Lahoud ha abbandonato il suo posto allo scoccare della mezzanotte senza che il Parlamento avesse nominato un successore. Di fatto il Parlamento non si è nemmeno mai riunito dal momento che i partiti dell’opposizione guidati da Hezbollah e dal Libero Movimento Patriottico di Michel Aoun hanno boicottato l’elezione, impedendo …

Leggi tutto »

CHI DICE CHE AFRICANI E HAITIANI HANNO FATTO VENIRE AL MONDO L'AIDS?

DI JAFRIKAYITIGlobal Research La storia risponde: Seguite l’indice dell’accusatore Il recente studio pubblicato da Michael Worobey et al., in cui si teorizza che l’AIDS abbia lasciato l’Africa in direzione di Haiti a metà degli anni ’60 per poi irrompere negli U.S.A., potrebbe rivelarsi un evento molto positivo sia per il progresso della scienza sia per svelare quanto siano pervasive le ideologie della supremazia bianca che ancora contaminano la moderna comunità scientifica. Questo studio ci costringe a sollevare diversi massi sotto …

Leggi tutto »

STATI UNITI: ARRIVA LA PSICOPOLIZIA

DI RALPH E. SHAFFER E R. WILLIAM ROBINSON Baltimore Sun Con schiacciante appoggio bipartisan è passata alla Camera lo scorso mese, ed è ora nelle mani del Comitato per la Sicurezza Nazionale del senatore Joe Lieberman, la legge numero 404-6 proposta dall’onorevole Jane Harman e denominata “Legge per la prevenzione della radicalizzazione violenta e del terrorismo interno” [“Violent Radicalization and Homegrown Terrorism Prevention Act”]. Appare certo un rapido passaggio al Senato. Nessuna legge ha minacciato in un modo simile i …

Leggi tutto »

DENTRO LA GUERRA SEGRETA DELLA FRANCIA

DI JOHANN HARI The Indipendent Da 40 anni il governo francese sta combattendo una guerra segreta in Africa, ignota non solo al suo popolo ma a tutto il mondo. Ha portato la Francia a massacrare democratici, installare dittatori su dittatori – e a fondare e alimentare il più bestiale genocidio dai tempi dei nazisti. Oggi, questa guerra è così violenta da costringere migliaia di persone a varcare il confine dalla Repubblica Centrale Africana verso il Darfur – cercando rifugio nei …

Leggi tutto »

UN SISTEMA FINANZIARIO SOTTO ASSEDIO

DEL PROF. RODRIGUE TREMBLAY Global Reseearch “Se si includono questi argomenti [i benefici promessi nella Previdenza Sociale, Assistenza Sanitaria Nazionale, nella Gestione dei Veterani ed in altri programmi di assistenza], si stima l’onere totale [del debito] al valore attuale del dollaro sia di circa 53 trilioni di dollari. Messa diversamente, l’onere totale corrente stimato è di quasi 175.000 dollari per ogni americano; ed ogni giorno quell’onere diventa più grande.“ David Walker, Revisore Generale dei Conti degli Stati Uniti “Le forze …

Leggi tutto »

COME MUORE UN ITALIANO

DI GIANLUCA FREDA Blogghete! L’Italia è quel felice paese nel quale se il dito indica la luna, solo lo stolto guarda la luna. L’uomo saggio tiene gli occhi ben puntati sul dito, per scongiurare il rischio di trovarselo infilato dove non desidera mentre è intento a contemplare il firmamento. Così, di fronte alla notizia dell’attesa rivolta dei giornalisti RAI, infuriati per l’imprevedibile rivelazione che la loro azienda non fa né servizio pubblico né informazione, ma solo vassallaggio ai ceti politici …

Leggi tutto »

IL TESTIMONE E’ SERVITO

DI SOLANGE MANFREDI paolofranceschetti.blogspot In tutti gli scandali, stragi ed omicidi eccellenti della storia d’Italia cui sono stati coinvolti – in vario modo – i servizi segreti, non si è mai giunti ad individuare il responsabile ma in compenso vi sono una serie di costanti. Una di queste è la morte dei testimoni. E’ stato così per lo scandalo Sifar (Servizio Informazioni Forze Armate) che, nel 1964, aveva predisposto un piano per attuare un vero e proprio colpo di Stato …

Leggi tutto »

LA RISCOSSA DEL CAVALIERE : L’ULTIMO ATTO E’ IL PRIMO ?

DI H.S. comedonchisciotte.org – http://cloroalclero.blogspot.com/ E’ piuttosto chiaro : su questo autunno stanno soffiando i venti di una battaglia elettorale virtuale , essendo orami chiaro che l’odierno esecutivo non potrà reggere per l’intera legislatura. Così abbiamo assistito al succedersi di iniziative più o meno volte a conquistare consensi : dal Vaffa Day di grillini e affini alle primarie del Partito Democratico ; dalla manifestazione per l’abbassamento delle tasse e la sicurezza promossa da AN a quella del precariato con la …

Leggi tutto »

BESTIE

DI LINNIO ACCORONI Nazione indiana Una città come questa non è per viverci, in fondo: piuttosto si cammina vicino a certi muri, si passa in certi vicoli (non lontani dal luogo del supplizio) e parlando con la voce nel naso avidi, frettolosi si domanda: non è qui che buttavano i loro cartocci gli untori? G. Raboni Siamo più o meno una quindicina. Colti, benestanti, tolleranti e democratici, ben vestiti e profumati: uomini e donne, tra i diciotto e i cinquanta. …

Leggi tutto »

L'ALTRO DIBATTITO DI POLITICA MILITARE, QUELLO SULL'IRAN

FONTE: ARABLINKS BLOGSPOT ” C’è un’altro dibattito sulle politiche militari in Iraq, e non riguarda il ritiro delle forze convenzionali ma l’installazione di forze non-convenzionali per affrontare l’Iran: un dibattito nel quale è molto importante il fattore tempo, visto che non c’è niente di meglio, per portare avanti questo tipo di preparazione, delle “distrazioni” e della copertura fornita dalle forze convenzionali, e di conseguenza l’idea è che questo piano sia a buon punto quando le truppe se ne andranno. David …

Leggi tutto »

PRESENTATA LA MOZIONE DI IMPEACHMENT CONTRO CHENEY, NONOSTANTE IL NEW YORK TIMES

DI DAVE LINDORFF Conterpunch Il New York Times, che afferma di tracciare una chiara divisione tra i suoi articoli di informazione e i suoi editoriali ha abbandonato qualunque falsa apparenza di un una tale distinzione nella sua “copertura” minimalista del drammatico sforzo di ieri da parte del membro del Congresso Dennis Kucinich di costringere la camera a prendere in considerazione l’impeachment del vice presidente Dick Cheney. In un breve articolo di 230 parole sulla mozione esecutiva di Kucinich, e sul …

Leggi tutto »

IL NOSTRO UOMO A ISLAMABAD

DI STEPHEN LENDMAN Global Research L’Ambasciata USA ha dato il semaforo verde per il colpo di stato La Repubblica Islamica del Pakistan fu fondata nell’agosto del 1947 quando la sua popolazione a maggioranza musulmana si separò dall’India, controllata dall’Inghilterra, per dare vita a uno stato sovrano. Da allora il paese è stato lacerato da guerre, instabilità politica e da una serie di colpi di stato militari, continuando così a incespicare senza successo verso la democrazia. Nominalmente il Pakistan è una …

Leggi tutto »

VACCINAZIONI FORZATE IN UN TRIBUNALE DEL MARYLAND

DI MIKE ADAMS newstarget Facendo seguito alle minacce rivolte dallo Stato del Maryland contro i genitori che rifiutano di fare vaccinare i propri figli, diversi bambini sono stati radunati in un tribunale di Prince George, sorvegliati da personale armato e provvisto di cani da attacco. All’interno, i bambini sono stati vaccinati con la forza, molti contro la loro volontà, per ordine del procuratore generale dello Stato del Maryland, di diversi giudici del luogo e del locale Direttore dell’Istituzione Scolastica; tutti …

Leggi tutto »

SOLIDARIETA' E UGUAGLIANZA, QUALCOSA IN CUI CREDERE

DI GAITHER STEWART Online Journal “Quando è autentico, il credere è incerto come l’esistenza” —Nicola Chiaromonte, Credere e Non Credere La solidarietà è, tra i progressisti, una parola fondamentale che li differenzia dalla destra. La solidarietà è anche il legame fondamentale che unisce gli esseri umani in ogni tempo e in ogni luogo. Uno tsunami colpisce l’Asia e altri esseri umani si organizzano per correre in aiuto. Un uragano colpisce i popoli del Golfo e altre nazioni, solidali, corrono in …

Leggi tutto »

SPREMERE I SAVOIA

FONTE: CLORO AL CLERO (BLOG) Quando ancora bazzicavo Indymedia, scrissi un post dove ripercorrevo le tappe storiche di questa “illustre” famiglia che abbiamo avuto la fortuna di avere come “sovrani” in Italia per circa 80 anni. Ipotizzavo che l’Italia potesse chiedere i danni morali a sta famiglia, le cui decisioni politiche, che mantenevano con la costituzione albertina un peso rilevante, alla faccia della monarchia costituzionale, sono costate all’Italia 650000 morti per la prima guerra mondiale e 450000 per la seconda. …

Leggi tutto »

A CHE PUNTO SIAMO NELLA LOTTA CONTRO LA VIVISEZIONE ?

DI MARCO MAMONE CAPRIA Questo intervento è dedicato alla problematica che ha occupato l’ultimo terzo della vita di Hans Ruesch: la lotta contro la vivisezione. Naturalmente non intendo fare un riassunto di Imperatrice nuda, il gran libro che ha fatto risorgere in tutto il mondo un movimento che sonnecchiava o dormiva. Vorrei invece concentrarmi sulla questione politica che era sempre al centro delle preoccupazioni di Ruesch, e che rendeva la sua conversazione al riguardo così antipatica a chi si aspettava …

Leggi tutto »

IN UNA SOCIETA' DEL SOUND-BITE, LA REALTA' NON CONTA PIU'

DI WILLIAM BLUM Killing hope Il mese scorso, il ministro degli esteri israeliano Tzipi Livni ha detto ai leader mondiali riuniti alle Nazioni Unite che era venuto il momento di agire contro l’Iran. “Nessuno discute”, ha detto, “che l’Iran nega l’Olocausto e parla apertamente del suo desiderio di cancellare dalla carta geografica uno stato membro – il mio. E nessuno discute che, in violazione di risoluzioni del Consiglio di Sicurezza, sta attivamente perseguendo i mezzi per raggiungere questo scopo. Troppi …

Leggi tutto »