Home / 2007 / marzo (pagina 3)

Archivi mensili: marzo 2007

NESSUNO SFUGGE ALLA BIOMETRIA

DI RAUL GRANADOS Centro de Colaboraciones Solidarias La carta d’identità, il passaporto, le carte di credito non sono più considerati metodi avanzati per riconoscere una persona. Con la comparsa della biometria gesti quotidiani quali pagare al supermercato, prenotare una stanza in un hotel o prelevare denaro da un bancomat, potranno essere realizzati usando il palmo della mano. La tecnologia biometrica, le impronte digitali, l’iride o la geometria della mano sono i nuovi passaporto. La biometria è lo studio di metodi …

Leggi tutto »

AGLI OCCHI DEL MONDO, GLI STATI UNITI SONO DIVENTATI L'AMERIKA

DI PAUL CRAIG ROBERTS Information Clearing House I morti e i feriti statunitensi nel corso di una guerra che si riteneva con assoluta certezza si sarebbe conclusa nel giro di poche settimane adesso sono diventati 27.000. Se risponde al vero quello che il Generale a quattro stelle Wesley Clark, ex comandante supremo della NATO, ha detto ad Amy Goodman [conduttrice di Democracy Now!, the war & peace report – N.d.T.] durante una intervista dello scorso 2 marzo, le perdite Usa …

Leggi tutto »

SULL'ESSERE SOGGETTI AD UN'ECONOMIA MILITARE

DI MATT TAIBBI Rolling Stone – The Low Post: Too Much Blood “I ragazzi della 121 hanno iniziato a farsi vivi l’altro giorno. Sto cominciando a rendermene conto… Dovrò tornare a casa, l’opportunità di uccidere questi cazzoni sta rapidamente sfumando, come un hobby che non avrò più la possibilità di praticare. Non è una grande guerra, ma è l’unica che abbiamo. Dio, come mi piace uccidere questi bastardi!… Siamo su di giri, i Marine sentono l’odore di casa, è difficile …

Leggi tutto »

GIGAWATT E MODELLI

DI CARLO BERTANI Oggi è uno dei primi giorni di marzo e leggo sul davanzale la temperatura esterna: 19 gradi all’ombra, a mezzogiorno, nel profondo e continentale Piemonte. Il cielo è azzurro ed il sole brucia: se si rimane fermi in auto viene quasi la voglia d’accendere il climatizzatore. Il tarassaco – l’insalata “dei prati” – non ha cessato di crescere e fiorire per tutto l’inverno, per la gioia di chi ama i gusti selvatici. Non sfugge però, all’occhio attento, …

Leggi tutto »

LE ARMI CHIMICHE E BIOLOGICHE: LA POPOLAZIONE TERRA E' IL BERSAGLIO

DI BOJS Zret (Blog) Oggi va di moda e si fa un molto parlare di complotti e di cospirazioni, ma, fino a cinque anni fa, quasi nessuno si chiedeva o si preoccupava di che cosa succedeva dietro le quinte degli attentati, delle stragi e degli orrori perpetrati in occasioni di guerre e rivolte. Nessuno si chiede perché esista in tutte, dico “TUTTE”, le nazioni della terra una “forza” politico-militare sopranazionale superpotente e incontrollabile? Le S.S., i cosiddetti Servizi Segreti di …

Leggi tutto »

COSA SAPEVA ISRAELE DEI PIANI PER L' 11 SETTEMBRE?

DI CHRISTOPHER KETCHAM Counterpunch Nonostante abbia recentemente attaccato il 9-11 truth movement e i cosiddetti ‘cospirazionisti’, finalmente anche la celebre newsletter Counterpunch si decide a pubblicare un pezzo di indagine indipendente sull’ 11 Settembre. Christopher Ketcham, entrando personalmente in contatto con fonti giornalistiche, dell’ FBI e della CIA, ripercorre la storia dei cittadini israeliani arrestati come sospetti per gli attentati e la vicenda della rete di spionaggio israeliana che seguiva da vicino i presunti dirottatori. Sebbene lo scenario rimanga confuso …

Leggi tutto »

LA GUERRA ECONOMICA DELL’AMMINISTRAZIONE BUSH CONTRO L’IRAN

DI PETER SYMONDS World Socialist Web Mentre gli Stati Uniti continuano a rinforzare la loro flotta nel golfo Persico, l’amministrazione Bush ha già intrapreso la guerra economica contro l’Iran, allo scopo di mettere in ginocchio il paese. L’aspetto più noto di questa campagna è il tentativo da parte del Dipartimento del Tesoro americano e di altri enti governativi statunitensi di forzare i governi, le principali banche, le imprese petrolifere e altri settori economici in Europa ed Asia a mettere fine …

Leggi tutto »

AFRICA: LE PROSSIME GUERRE DEGLI USA PER IL PETROLIO

DI BRUCE DIXON Black Agenda Report Il 7 febbraio, George Bush ha annunciato la costituzione di AFRICOM, un nuovo comando del Pentagono che, con il pretesto della cosiddetta “Guerra globale al terrore”, progetterà e realizzerà le sue guerre per il petrolio e le risorse sul continente africano. Cosa significa questo per gli afro-americani? E per gli africani? Il Pentagono non ammette che per tutta l’Africa è funzionante o è in costruzione un anello di basi militari permanenti USA. Ma nessuno …

Leggi tutto »

PER UN’ALTRA POLITICA

DI MARINO BADIALE e MASSIMO BONTEMPELLI Arianna Editrice Dobbiamo dire basta alla politica come viene fatta in Italia: autoreferenziale, del tutto incapace di arrestare il degrado del nostro paese, incentrata su conflitti per il potere fine a se stesso. Dobbiamo far nascere la pretesa intransigente di una politica che contribuisca a migliorare il paese, a ricostruirne la civiltà, e non a lasciarlo marcire specchiandosi in se stessa. Non stiamo parlando di chissà quali rivoluzioni. Stiamo parlando di provvedimenti di razionale …

Leggi tutto »

GATTO VOLPE CORPORATION NEEDS YOU

DI PIERLUIGI PAOLETTI CentroFondi.it Nel ricco e opulento mondo occidentale fino al 2000, quando la bolla speculativa sui titoli tecnologici era al suo massimo splendore, crescita economica e benessere andavano a braccetto. Erano gli anni in cui la gente riusciva ancora a risparmiare e l’interesse dell’industria finanziaria era trovare favole sempre nuove da raccontare al parco buoi per poterlo derubare con destrezza dei propri averi, in pratica la Gatto&Volpe corporation che riusciva sempre a fare fesso il povero Pinocchio con …

Leggi tutto »

LA LOBBY ISRAELIANA E LA POLITICA ESTERA DEGLI STATI UNITI

DI JOHN MEARSHEIMER E STEPHEN WALT Nei decenni scorsi, soprattutto dopo la fine della Guerra dei Sei Giorni del 1967, le relazioni fra Stati Uniti e Israele hanno costituito il cardine della politica mediorientale statunitense. L’incondizionato supporto ad Israele e i tentativi di “esportare la democrazia” in tutta la regione hanno gettato benzina sul fuoco della contestazione araba e islamica, e messo a repentaglio la sicurezza non solo degli Stati Uniti, ma anche di gran parte del resto del mondo. …

Leggi tutto »

LA LEZIONE FINLANDESE

DI GIUSEPPE MANEGGIO Stonedact E’ possibile far parte del grande gioco economico della globalizzazione senza perdere caratteristiche culturali e soprattutto quel ricco tessuto di politiche e normative sociali che per decenni hanno costituito uno degli elementi distintivi dell’Europa? Osservando la Finlandia sembrerebbe proprio che sia possibile. Il paese baltico, che occupa una superficie territoriale tre volte più grande dell’Italia, con una popolazione di poco superiore ai cinque milioni, è assurto negli ultimi anni tra i leader mondiali in competitività economica. …

Leggi tutto »

L' AMICO AMERICANO CHE I GIAPPONESI DETESTANO

DI MASSIMO FINI Il Gazzettino Un film giapponese , «Vado a morire per te», scritto e prodotto dal governatore di Tokyo Shintaro Ishihara rivaluta come eroi, per la prima volta dalla fine della guerra mondiale, i kamikaze mentre l’aviazione americana viene presentata solo nelle vesti di massacratrice di civili innocenti: Il premier Abe ha dato uno schiaffo al Congresso americano che pretendeva che il Giappone porgesse scuse ufficiali ai Paesi vicini per le «schiave del sesso» usate dai militari nipponici …

Leggi tutto »

LA CONDIZIONE DEL DOLLARO

DI LINDSEY WILLIAMS Global Research C’è così tanta carne al fuoco circa il dollaro questo mese, che non so da dove cominciare. E dovunque inizi, le notizie non sono buone e ci riguardano tutti. La prima della lista è la Cina. I Cinesi hanno annunciato di recente che, diversamente dal passato, non accetteranno che le corporation americane acquistino entro il loro mercato azionario. La Cina ha anche dichiarato che non continueranno a comprare i nostri titoli, come ai bei tempi, …

Leggi tutto »

IL CROLLO DELLA BORSA DI MARTEDI'…

… LA “MANO INVISIBILE” DI GREENSPAN DI MIKE WHITNEY Information Clearing House La caduta della borsa di martedi scorso ha le impronte insanguinate di Greenspan dappertutto. E, no, non sto parlando delle predizioni dalla sfera di cristallo di Sir Alan sulla recessione incombente; quelle sono solamente altre delle sue contorte ciance. Il vero problema sono le suicide politiche della Federal Riserve: i bassi tassi di interesse e la deregulation della valuta, che hanno spianato la strada per l’Armageddon economico. Che …

Leggi tutto »

UNA SITUAZIONE DIFFICILE IN IRAN

DI PEPE ESCOBAR Asia Times Mentre i mastini della guerra circondano minacciosi il golfo Persico, un cambio di regime in Iran potrebbe diventare una distinta possibilità – ma non esattamente secondo i desideri del Vice Presidente USA Dick “tutte le opzioni sono sul tavolo” Cheney, le cui supreme ossessioni sono il petrolio, la guerra e le loro reciproche intersezioni. Un influente consulente energetico occidentale, che preferisce rimanere anonimo, si è recato a Teheran all’inizio di Febbraio ed ha incontrato personalmente …

Leggi tutto »

VI RACCONTO L’IMPERO DELLA COCAINA

DI ROBERTO SAVIANO L’Espresso È il petrolio bianco il vero miracolo del capitalismo moderno. Una ragnatela mondiale che ha nella camorra il suo terminale. E che dà ai clan un fatturato 60 volte superiore a quello della Fiat Non esiste nulla al mondo che possa competervi. Niente in grado di raggiungere la stessa velocità di profitto. Nulla che possa garantire la stessa distribuzione immediata, lo stesso approvvigionamento continuo. Nessun prodotto, nessuna idea, nessuna merce che possa avere un mercato in …

Leggi tutto »

I NUOVI AMICI DELLA TERRA?

DI GEORGE MONBIOT The Guardian I grandi magazzini improvvisamente si lanciano in una competizione ecologista. Ci possiamo fidare? Sbatti la testa contro una porta, finché non inizi a chiederti se è effettivamente una porta e se mai si aprirà. Improvvisamente si apre, e ti ritrovi a volare nello spazio infinito. La conversione ecologista dei grandi magazzini è stupefacente, meravigliosa, disorientante. Se Tesco e Walmart sono diventati amici della Terra, allora di nemici ce ne sono ancora? Questi erano i colossi …

Leggi tutto »

UN AMORE PROIBITO

DI LAYLA ANWAR An An Arab Woman Blues – Reflections in a sealed bottle… Siete mai stati innamorati? Ricordate quei momenti quando avreste attraversato gli oceani per incontrare il vostro amore? O quando guidavate miglia solo per vederla? O gli istanti prima dell’incontro, che vi facevano martellare il cuore, come se volasse via dal vostro petto, vi si offuscava la mente e non riuscivate ad aspettare per poterla stringere ancora fra le vostre braccia? Ricordate i vostri intensi desideri? Ricordate …

Leggi tutto »

LA TAV E GLI SCHELETRI NELL’ARMADIO DI PRODI (CENSURATI DALLA STAMPA)

DI MARCO VERUGGIO Resistenze (Blog) Uno dei luoghi comuni su cui poggia il sostegno – pur non entusiasta – all’attuale governo è che un eventuale ritorno di Berlusconi getterebbe il paese nella catastrofe. E questa convinzione si basa a sua volta sulla contrapposizione tra un Prodi, democristiano moderato, ma “presentabile” e in qualche modo sensibile alla difesa degli interessi collettivi e un Berlusconi impresentabile in quanto portatore di interessi in proprio e disposto a perseguirli anche a costo di violare …

Leggi tutto »

BEIRUT, BAGHDAD, GAZA: TERRORISMI SINERGICI

Una guerra per nasconderne altre – Il capitolo iracheno del Nuovo Medio Oriente di Bush DI FULVIO GRIMALDI Mondocane Fuorilinea Un Iraq per la ruota della morte dell’Occidente Difficile per me scacciare l’Iraq e il suo popolo dalla linea del fronte dei pensieri e sentimenti. C’ero arrivato nel 1977, tempi del vino e delle rose, e avevo seguito quelle genti attraverso tre guerre, tre devastazioni, tre rinascite, fino all’esecuzione sommaria da parte del boia a stelle e striscie, con la …

Leggi tutto »

IL PRINCIPE HARRY NELLA TERRA DELLE GAFFES

Terzo nella linea al trono, spedito in Iraq DI FELICITY ARBUTHNOT Global Research Surreale. Il Principe Harry, il 22enne nipote della Regina, il figlio più giovane dell’ultima principessa Diana e terzo nella linea al trono, è stato spedito in Iraq, con il suo reggimento, i Blues and Royals. All’idea d’essere schierato a Bassora, il principe amante dei parties, come viene riferito, ‘non sta più nella pelle’ ed è ‘eccitatissimo’. Sembra abbia seguito un corso di consapevolezza culturale e costumi locali …

Leggi tutto »

PUTIN E LA GEOPOLITICA DELLA NUOVA GUERRA FREDDA

… O, COSA SUCCEDE QUANDO I COWBOYS INIZIANO A SBAGLIARE MIRA DI F. WILLIAM ENGDAHL Global Research Le sincere parole del presidente russo Vladimir Putin ai partecipanti riuniti dell’annuale conferenza sulla sicurezza ‘Wehrkunde’ di Monaco hanno dato inizio ad una tempesta di indignate proteste da parte dei media occidentali e dei politici. Un visitatore proveniente da un altro pianeta potrebbe aver avuto l’impressione che il presidente russo abbia improvvisamente deciso di lanciare un provocatorio confronto politico con l’Occidente simile alla …

Leggi tutto »

CONTRO LA SCUOLA

Come l’istruzione pubblica mutila i nostri ragazzi, e perché DI JOHN TAYLOR GATTO Harper’s Magazine Ho insegnato per trent’anni in alcune delle peggiori scuole a Manhattan, e in alcune delle migliori, e durante questo periodo sono diventato un esperto in noia. La noia era ovunque nel mio mondo, e se chiedevi ai ragazzi, come facevo spesso, perché si sentissero così annoiati, davano sempre le stesse risposte: dicevano che il lavoro era stupido, che non aveva senso, che lo sapevano già. …

Leggi tutto »

TEATRO IRAN A BREVE TERMINE (TIRANNT)

DI MICHEL CHOSSUDOVSKY Global Research DUBAI, UEA 21 febbraio 2007. Il nome in codice datogli dai pianificatori militari è TIRANNT “Theater Iran Near Term” (Teatro Iran a Breve Termine), ed ha identificato diverse migliaia di obiettivi in Iran, parte di una Blitzkrieg [guerra lampo n.d.r.] “Shock and Awe” che ora ha raggiunto la fase finale di pianificazione. Stando al kuwaitiano Arab Times un attacco all’Iran secondo il piano TIRANNT potrebbe accadere in qualunque momento tra fine febbraio e la fine …

Leggi tutto »

IMPEGNO? NO, SONO SOLO CANZONETTE

DI MASSIMO FINI Il Gazzettino E così il Festival ha scoperto l’impegno, come gli intellettuali «engageè» anni ’50, i Sartre, i Camus, i Pasolini. Amore non fa più rima con fiore. Vi si canta la disoccupazione, la malattia mentale, la lotta alla mafia. Il Manifesto e quella vecchia lenza di Sandro Curzi, un dì stalinista della più bell’acqua vanno in brodo di giuggiole, vedono in Baudo il leader di una sorta di «sinistra vocale». E l’ex Pippo nazionalpopolare, che si …

Leggi tutto »

LA LOGICA SIONISTA

DI MALCOLM X Tratto da “The Egyptian Gazette” del 17 Settembre 1964 L’esercito sionista che occupa la Palestina afferma che i loro antichi profeti giudei predissero che negli “ultimi giorni di questo mondo” il loro Dio avrebbe fatto sorgere fra loro un messia che li avrebbe condotti alla loro terra promessa, e che essi avrebbero costituito la loro autorità “divina” in questa nuova terra, questa autorità “divina” avrebbe consentito loro di “governare tutte le nazioni con una verga di ferro”. …

Leggi tutto »

IL GENOCIDIO DELLE DONNE E DEI BAMBINI AFGHANI

DI GIDEON POLYA MWC News Network Il Diritto Internazionale esiste per proteggere il benessere, la sicurezza e la vita di ogni essere umano del pianeta. Quelli che agiscono al di fuori della legge sono dei criminali. Coloro che agiscono al di fuori del Diritto Internazionale, e così facendo uccidono un grande numero di persone innocenti, senza dubbio devono essere definiti stragisti e gli Americani che agiscono in tal modo sono soggetti alla pena di morte secondo le Leggi Federali degli …

Leggi tutto »

QUASI 800 CONTRACTOR UCCISI IN IRAQ

DI MICHELLE ROBERTS Associated Press Un costo della guerra in Iraq in larga misura invisibile, quello delineato dalle cifre raccolte dall’Associated Press: quasi 800 civili, operanti a contratto per il Pentagono, sono stati uccisi e più di 3.300 sono stati feriti nell’esecuzione di compiti di cui solitamente si occupano i militari USA. Quanto di questo personale impiegato a svolgere attività per conto del Pentagono sia americano, di preciso non si sa. Ma le cifre relative a queste perdite mettono in …

Leggi tutto »

VOLTA LA CARTA

DI CARLO BERTANI E al Dio degli inglesi, non credere mai… Fabrizio De André – Coda di lupo Fabrizio de André mi scuserà se ho preso a prestito titolo ed incipit, ma è la concomitanza del Festival di Sanremo che scatena reazioni incontrollate fra antichi e recenti neuroni, minuscoli recettori d’informazioni apparentemente dimenticate e che affiorano appena, come foglie di loto sull’acqua. Verrebbe da dire che esiste ed è esistita un’Italia dimenticata, mai vissuta: probabilmente, i futuri storici faranno fatica …

Leggi tutto »