Home / 2005 / luglio

Archivi mensili: luglio 2005

I COSTI DELLE GUERRE DI STATI UNITI E ISRAELE

DI GIDEON POLYA Nonostante l’attacco israeliano del 1967 alla nave della marina militare americana “Liberty” abbia causato un bilancio di 36 morti e 172 feriti, gli Stati Uniti, da allora, non hanno mai smesso di finanziare Israele e la sua illegittima occupazione dei territori arabi, un sostegno strettamente connesso all’ininterrotta guerra contro i Musulmani, dall’Africa fino all’Afghanistan. Quali sono stati i costi economici e umani delle guerre israelo-americane degli ultimi 50 anni? Per una stima dettagliata e ben documentata dell’impatto …

Leggi tutto »

LE STRANE COINCIDENZE TRA LONDRA E l ' 11 SETTEMBRE

DI JOHN J. ALBANESE, POAC Nel riportare questi fatti ci sono tre punti chiave dell’attacco di Londra che sembrano particolarmente simili ad altrettanti fatti dell’attacco dell’undici settembre. Strane coincidenze numero 1 come per l’11 settembre, le bombe di Londra del 7 luglio 2005 sono esplose nel luogo esatto dove erano previste le “prove di allerta in caso di esplosione di bombe” quella stessa mattina. 11 settembre: programmate “prove di allerta in caso di caduta di aereo”. Da “Associated press” del …

Leggi tutto »

FERMATE L’ ORRORE DELLA RAPPRESENTAZIONE DELLA FAME

Supportare il debito e’ una bella cosa, ma significa poco per un bambino che sta morendo di fame proprio adesso DI JAMES MORRIS Un orribile show si e’ perpetrato troppo al lungo sulla rappresentazione non-stop africana. Nelle passate 5 decadi ci sono state memorabili date in Nigeria, Etiopia, Somalia, Sudan ed attraverso l’ Africa meridionale. Oggi, la scena si svolge nel Niger. Le videocamere stanno roteando di nuovo ed i soliti protagonisti sono sotto i riflettori. I bambini da copertina …

Leggi tutto »

Londra: Probabilità di coincidenza tra attentati e esercitazioni anti-attentati

Commento: Lascia letteralmente di stucco. Le probabilità che questi due eventi accadono nello stesso tempo e nello stesso luogo sono astronomiche (i numeri sono così grandi che dobbiamo studiare il modo di pronunciarli). E queste sono le stime calcolate in un ristretto arco di tempo (5 anni). In altre parole, la maggior parte delle analisi statistiche che vogliono dare l’impressione di una tale incredibile improbabilità prendono di solito in considerazione un più ampio raggio di tempo: 50 anni da quando …

Leggi tutto »

E IO SCELGO LA DEMOCRAZIA DI CHAVEZ

DI GIANNI VATTIMO Rimbambimento senile ormai neanche tanto anticipato? Oppure desiderio di rimanere, pateticamente e a tutti i costi, «giovane con i giovani», come dice qualcuno degli amici che si impegnano a «salvarmi da me stesso»? Insomma, il fatto è che ho partecipato alla «Prima settimana internazionale di filosofia del Venezuela» svoltasi a Caracas sotto gli auspici del Ministero della Cultura venezuelano, ossia del governo Chavez. Non solo: ho partecipato a una trasmissione televisiva, Alò Presidente, nella quale Hugo Chávez, …

Leggi tutto »

LA LOTTA DEI MAPUCHE AL GIORNO D'OGGI

Vladimir Painemal Morales intervistato da Derrick O’Keefe DI DERRICK O’KEEFE Il popolo dei Mapuche ha una storia lunga ed orgogliosa per quanto riguarda la resistenza nei confronti del colonialismo Oggi, sia lo stato Cileno che le multinazionali continuano ad operare per rubare le risorse dei Mapuche e per sottometterli. Vladimir Painemal Morales, un giovane leader dei Mapuche, ha terminato da poco un tour in Canada, dove ha tenuto delle conferenze. Si è incontrato con i Seven Oaks per discutere dei …

Leggi tutto »

Non si simpatizza più per Londra

Essendo una persona molto vicina a Londra dopo gli attentati del 17 Luglio, devo confessare che quella compassione che provavo si sta rapidamente dissolvendo. Trovo totalmente disumano e disgustoso il fatto che dopo aver brutalmente sparato ad un uomo innocente sulla faccia a bruciapelo, la Polizia Metropolitana non consideri minimamente di cambiare la propria politica di “kill-on-suspicion” (uccidere soltanto sulle basi di un semplice sospetto). Il fatto che non ammetteranno mai di aver fatto qualcosa di male, è una sicurezza …

Leggi tutto »

La fabbrica di messaggi terroristici falsi

DI COBRA JIHAD Andate indietro con la memoria. Una notizia come tante altre che scorrono ormai come un fiume in piena. Era un anno fa. La stampa riporta alcuni comunicati di temibili gruppi terroristici islamici che affermavano che le “due Simone” erano state uccise. Su Repubblica.it si leggeva: “Il caso eclatante sarebbe quello del 22 settembre scorso, con l’annuncio della morte delle due volontarie di “Un ponte per”. La rivendicazione comparve sul sito Yaislh.org [il sito, scritto in maniera scorretta, …

Leggi tutto »

IL LEGAME PAKISTANO: GLI ATTENTATORI LONDINESI

E IL WEBMASTER DI AL QAEDA Dove sono le mappe della metropolitana di Londra? DI MICHEL CHOSSUDOVSKY Gli investigatori britannici hanno scoperto che i “bombaroli” londinesi erano in contatto con un misterioso ingegnere pakistano, Mohammed Naeem Noor Khan, altrimenti noto come Abu Talha, che presumibilmente era coinvolto nei progetti di attacco, risalenti allo scorso anno, contro Wall Street, la Banca Mondiale ed il Fondo Monetario Internazionale. Recenti resoconti giornalistici suggeriscono che gli attacchi alla metropolitana londinese erano parte di un …

Leggi tutto »

IRAQ, LA GUERRA INVINCIBILE

L’avventura di Bush e i consigli del duca di Wellington DI PATRICK COCKBURN Il duca di Wellington, temendo l’aggressiva politica della Gran Bretagna e contro l’avventato intervento militare all’estero, una volta disse: «le grandi nazioni non fanno piccole guerre». Intendeva dire che conflitti limitati possono infliggere terribili sconfitte anche agli Stati più potenti. Avendo visto cosa una piccola guerra in Spagna aveva fatto a Napoleone, sapeva bene di cosa stava parlando. La guerra in Iraq assomiglia alla guerra dei Boeri …

Leggi tutto »

CHARLES DE MENEZES: UN'ESECUZIONE PER INFONDERE PAURA ?

di KURT NIMMO Non accetto la scusa del governo britannico che l’uccisione di Charles de Menezes è stato un incidente. “La polizia ha detto che Menezes ha attirato l’attenzione della polizia perchè ha lasciato un edificio che era sotto sorveglianza dopo gli attacchi di giovedì,” reports News 24. “Hanno detto che poi è stato seguito fino alla stazione da agenti addetti alla sorveglianza, e che il suo abbigliamento e il suo comportamento alla stazione hanno contribuito ad aumentare i loro …

Leggi tutto »

CERVI ABBAGLIATI DAI FARI

La ricerca della verità fa male, fa paura ed è pericolosa – ma è l’unica strada che vale la pena di percorrere DI JOHN KAMINSKI Magari mi sono già rintanato a sufficienza; al sicuro nella mia roulotte che fa acqua; barricato contro gli attacchi che verranno; isolato da catastrofi pianificate sempre più devastanti; preparato allo sbarramento biologico che i nostri padroni ci hanno riservato al fine di radunare questo inetto gregge umano e rendere la sua sciagurata esistenza ancora più …

Leggi tutto »

THE ANTI-EMPIRE REPORT N° 23

Alcune cose da sapere prima che il mondo finisca DI WILLIAM BLUM Londra, un’altra vittima della guerra contro il terrore Nel periodo precedente l’invasione USA dell’Iraq, da molte parti è venuto l’avvertimento del grande caos e della grande violenza a cui ciò avrebbe portato in varie parti del mondo, i molti nuovi antiamericani – terroristi e non – che sarebbero stati prodotti. Ma adesso penso si possa dire che le conseguenze sono state ancora peggiori di quanto annunciato. In Indonesia, …

Leggi tutto »

DEVE TORNARE IL ''RIVOLUZIONARIO'' S.FRANCESCO

DI MASSIMO FINI Da quando in Cina è cominciato il ‘miracolo economico’ i suicidi sono diventati la prima causa di morte fra i giovani (250mila l’anno, 850 ogni giorno, più tre milioni di tentati suicidi) e la terza fra gli adulti. Per quanto tarate su una popolazione di più di un miliardo di persone sono cifre spaventose che dovrebbero farci riflettere e allarmarci molto di più del fatto che i cinesi, col loro espansionismo, minacciano i nostri mercati e il …

Leggi tutto »

A LONDRA E' INIZIATA LA GUERRA CONTRO L'IRAN

DI MICHEL COLLON Si chiamava Jack. O Robert. Oppure Hassan. Era contro la guerra e detestava Bush e Blair. Come molti dei Londinesi che, giovedì mattina, stavano andando al lavoro. Non sapeva che sarebbe stato il suo ultimo viaggio. La maggior parte dei londinesi è contraria all’occupazione in Iraq e aveva votato un sindaco, contrario anche lui. E molte altre vittime, influenzate dai media, semplicemente, non avevano capito la natura economica di questa guerra. Condannare l’atto barbarico commesso a Londra, …

Leggi tutto »

SI ESTREMIZZA IL CLIMA MONDIALE

DI MARIO CUELLAR Negli ultimi anni i fenomeni metereologici estremi hanno continuato ad aumentare. Il riscaldamento dell’atmosfera ed il conseguente cambio climatico ci portano sempre più verso un clima caratterizzato da questi fenomeni. Ecco alcuni esempi: Il maggior sbalzo climatico sulla Terra in un giorno Il maggior sbalzo climatico è stato registrato nel “polo freddo siberiano” ad est della Russia. La differenza di temperatura registrata a Verkhoyansk tra la minima e la massima è stata di 105° centigradi: da –68° …

Leggi tutto »

LONDRA: LA FOTO DEGLI ''ATTENTATORI'' E’ STATA MODIFICATA?

Almeno una persona è stata sovrapposta Originariamente apparsa sul sito Citizens for Legitimate Government (CLG), con il titolo “Was a “Bomber” Superimposed onto Metropolitan Police Surveillance Camera Photo?”, adesso abbiamo ulteriori prove che quella foto è stata falsificata. CLG riporta: ”All’inizio, (quasi) tutto sembra ok, ma se guardate più da vicino…. guardate il ragazzo con il cappello bianco… controllate il suo braccio sinistro (il SUO braccio sinistro )… La sbarra piu’ in basso della ringhiera è DI FRONTE al suo …

Leggi tutto »

LE BOMBE DI TONY BLAIR, PREMIER INADATTO

DI JOHN PILGER Gli ultimi attentati di Londra hanno evidenziato una verità fondamentale che lotta per emergere. Qui e là qualcuno ha rotto il silenzio, come un abitante dell’est londinese che è andato davanti a una troupe della Cnn mentre il corrispondente ripeteva le sue banalità. «L’Iraq!» ha detto. «Abbiamo invaso l’Iraq e cosa ci aspettavamo? Avanti, lo dica.» Il parlamentare scozzese Alex Salmond ha cercato di dirlo alla Bbc radio. Gli è stato risposto che le sue parole erano …

Leggi tutto »

PER GLI ATTENTATI DI LONDRA SIA IL MOSSAD CHE LA CIA

SONO CANDIDATI RAGIONEVOLI DI GILAD ATZMON Londra è di nuovo sotto attacco. Nonostante ad uno sguardo superficiale non sembri un evento catastrofico il messaggio è chiaro: siamo molto vulnerabili. Eppure sembra che siamo molto lenti ad imparare la lezione. Sebbene ci siano alcuni segni che la maggior parte del pubblico inglese stia seriamente associando la politica di Blair al deterioramento della situazione della sicurezza quotidiana, finora non è stato fatto nessun appello per mandare via Blair. Blair continua a governare …

Leggi tutto »

LA TEORIA DELLA ''BOMBA MAGICA''

DI MARK FAULK Questa è una storia di terroristi che scompaiono, borse che non esistono, indagini raffazzonate, ma soprattutto, questa è una storia di bombe magiche. E’ la puntata pilota di Crime Scene Investigation. E’ la legge di base della fisica. E’ così elementare, mio caro Watson, che anche un ballerino – sconvolto dallo shock di essersi seduto proprio davanti al sedile in cui una delle bombe fu piazzata due settimane fa, in un treno del Tube – potrebbe capirlo. …

Leggi tutto »

Los motivos de Washington para invadir Haití

El exilio forzado de Jean-Bertrand Aristide Los motivos de Washington para invadir Haití: “privatización, privatización, privatización” di Naomi Klein La Jornada La autora cuenta que hace unas semanas visitó a Jean-Bertrand Aristide, presidente de Haití, en exilio en Pretoria, Sudáfrica: “Le pregunté qué era lo que realmente estaba detrás de su dramático rompimiento con Washington. Ofreció una explicación que rara vez se escucha en las discusiones de la política haitiana ­de hecho, ofreció tres: ‘privatización, privatización, privatización'” Cuando las tropas …

Leggi tutto »

Chi ha dato l'allarme a Londra?

Nonostante le numerose discussioni sull’argomento sembra ora chiaro che la sede di Londra del Mossad abbia ricevuto l’allarme dalle autorità britanniche sei minuti prima delle esplosioni di Londra. Non è una sorpresa, dal momento che Netanyahu (nella foto) era in città e sarebbe stato difeso con estrema prudenza sia dai funzionari inglesi che da quelli israeliani. Bibi è uno degli obiettivi più a rischio di omicidio nel mondo, ed è un rompicoglioni da tenere d’occhio ovunque vada.

Leggi tutto »

SESSO E POLITICA

Di Gilad Atzmon Una conversazione da Bookmarks, libreria marxista di Londra, 17.6.05 Oggi mi accingo a parlare di un uomo che è stato rimosso dai nostri discorsi intellettuali. Considerando la sua immensa influenza nella prima metà del ventesimo secolo, la sua totale scomparsa suscita alcune domande. Wittengstein lo considerava di un’influenza rilevante, James Joyce attinse a lui nella stesura di Ulysses. Il signore in questione ispirò Robert Musil e Herman Broch. Riesco a rintracciare facilmente il suo pensiero nelle opere …

Leggi tutto »

The ''Magic Bomb'' Theory

by Mark Faulk This is a story about disappearing terrorists, nonexistent bags, and botched investigations, but most of all, this is a story about magic bombs. It’s Crime Scene Investigation 101. It’s the basic law of physics. It’s so elementary, my dear Watson, that even a dancer who was dazed from the shock of being seated directly over the spot where one of the bombs was planted in the London tube carriage two weeks ago could figure it out. In …

Leggi tutto »

Bush Creates National Security Service: The New SS

by CONSPIRACY PLANET Bush Creates National Security Service: The New SS So-called “domestic terrorism,” militias, and other anti-government groups will be the target of a new federal agency called the National Security Service, or The SS, writes political analyst Al Martin, author of “The Conspirators: Secrets of an Iran Contra Insider.” In his column called “Bush-Cheney Paranoia: ‘Domestic Terrorism’ & the National Security Service (The New SS),” Martin writes that the SS will be composed of FBI and CIA personnel …

Leggi tutto »

CUI PRODEST ?

DI MAURIZIO BLONDET Tenere la mente fredda fra stragi e bombe è difficile. E’ umano non sottrarsi all’allarme, al panico, alla sensazione che tutti e ciascuno di noi siamo bersaglio di un potere invisibile e irrazionale: i kamikaze, l’odio che esprimono verso tutti, provoca una sorta di cecità volontaria. Ogni tentativo di ragionare e distinguere, in questi momenti, viene sentito come un “rompere il fronte” dell’Occidente. Come un tradimento, un accordo col nemico. E così, è vietato formulare la domanda …

Leggi tutto »

Nella società dei quattro giganti

DI ALEX Ho visto il presente! Ho visto la realtà che mi circonda! Una società fondata su stereotipi, sull’elogio dell’ignoranza, in cui si basa la propria vita, la propria “morale”, su quel mostro di nuovi valori plasmato dai creatori degli uomini. No, non siamo nel mondo nuovo di Huxley, non viviamo nella società dell’assenza di libertà del Grande Fratello di Orwell. Siamo in una società democratica in cui è garantita la libertà di opinione ed è protetta con le forze …

Leggi tutto »

I BATTAGLIONI FANTASMA DELL'IRAQ

DI PATRICK COCKBURN Una marea di corruzione potrebbe far sì che l’esercito e la polizia Irachene finiranno per essere troppo poche e armate troppo poveramente per poter essere in grado di sostituire le forze Americane e quelle Britanniche che combattono gli insorgenti anti-governativi. Questo potrebbe frustrare i piani di Washington e Londra riguardanti la riduzione delle proprie forze armate in Iraq. Le forze armate Irachene sono piene di “battaglioni fantasma” nei quali gli ufficiali intascano la paga di soldati che …

Leggi tutto »

L'AGONIA IRACHENA

AMY GOODMAN (DEMOCRACY NOW!) INTERVISTA DAHR JAMAIL Gi ospedali iracheni sotto l’occupazione, le compagnie che fanno profitti sulla guerra e la “fuga di cervelli” dall’Iraq Prefazione (Dagli ‘Iraq Dispatches’, la newsletter di Dahr Jamail) Appena tornato dalla sessione finale del Tribunale Mondiale sull’Iraq, ad Istanbul, dove ha testimoniato, Dahr Jamail ha condiviso con Amy Goodman le sue informazioni e le sue prospettive sull’occupazione statunitense dell’Iraq. In questa eccellente intervista di 20 minuti, Dahr ed Amy discutono della mancanza di informazione …

Leggi tutto »

''VOGLIONO DISTRUGGERE LA CIVILTA' OCCIDENTALE''

DI KELEBEK “Vogliono distruggere la civiltà occidentale” Fatelo dire anche a me una volta. E – credo – a ragione. La democrazia è il valore dichiarato su cui si fondano i paesi europei da alcuni secoli. In democrazia, si può votare a intervalli regolari. Siccome hanno fatto un sistema che ti permette di scegliere solo tra due partiti quasi identici, e io non faccio politica, calcio o cabaret a livello professionale, questo aspetto mi interessa relativamente poco. Ci sono però …

Leggi tutto »