Home / 2005 / marzo / 06

Archivi giornalieri: 6 marzo 2005 , 23:00

IL BICCHIERE IN FRANTUMI (…E IL LATTE VERSATO)

  E se la nostra vita fosse in pericolo a causa di ciò che crediamo sia sano? DI JOHN KAMINSKI Nell’oscurità l’unico suono percepibile era la voce di una donna al telefono intenta a delineare il suo programma atto a risvegliare una cittadinanza addormentata attraverso l’accurata versione video del crimine del secolo. Ma quando un uomo ascolta una donna, spesso finisce per non udire più le parole perchè perso tra le trame indefinite delle proprie memorie. Mi rivedo nella cucina …

Leggi tutto »

A PESCA NELLA RETE

La rivoluzione di internet è entusiasmante, ma non montiamoci la testa. Non sarà facile DI BEPPE GRILLO Pesce o pescatore? Davanti alle reti dell’informazione oggi puoi scegliere. O resti una delle sardine che si fanno pescare ogni giorno dalle reti industriali dei pescherecci-officina, oppure ti fai pescatore d’informazione: con la tua piroga ad alta tecnologia, vai a cercarti dentici e branzini nelle acque migliori. Oggi, se sei fortunato, appartieni al decimo dell’umanità che può scegliere. Puoi decidere di restare preda …

Leggi tutto »

Irak : ''GUERRE INFINIE et DOMMAGES COLLATERAUX''

(I) DE BABYLONE A “CAMP BABYLONE” de Joëlle PENOCHET « Les troupes américaines n’ont pas seulement négligé de protéger les sites historiques et les biens culturels, elles ont participé elles-mêmes à ces exactions. Elles ont bombardé l’université de Bagdad, qui date du XIIIe siècle, transformé le site d’Ur en base militaire, creusant même des tranchées dans le sol. Les chars américains roulent à travers les vieilles rues de Babylone, un acte symbolique de vainqueur. ». Zainab Bahrani, PR d’Histoire de …

Leggi tutto »

The Italian Job: High Noon in Baghdad

HUSH HUSH WHISPER WHO DARES, NEOCON KILLERS ARE SAYING THEIR PRAYERS The only thing unusual about the hail of bullets that struck the car of Italian journalist Giuliana Sgrena in Baghdad, was that this time the US said sorry. Since the start of the invasion, occupation forces have wiped out numerous carloads of Iraqis. This little girl was splashed with the blood of her parents as they were shot while driving home. Where is she now? Who knows? The killers …

Leggi tutto »

GIULIANA-FLORENCE, DUE LOGICHE

Sono pochi gli amici e gli intermediari che oggi la Francia annovera in Iraq tra le nuove autorità di Bagdad e le forze della colizione. PATRICK SABATIER La liberazione di Giuliana Sgrena dopo un mese di detenzione, mentre Florence e Hussein si apprestano a vivere il loro secondo mese di prigionia, sarà sicuramente considerata da alcuni una umiliazione per le autorità francesi. Tanto più che sembra di assistere ad una scena già vista. Mentre Christian Chesnot e Georges Malbrunot sono …

Leggi tutto »

UN PIENO DI RETORICA

DI MASSIMO FINI In Iraq sono più pericolosi i terroristi o gli americani? Ciò che è accaduto l’altro ieri in Iraq fotografa la reale situazione sul campo in quel Paese e anche, con i suoi rimbalzi in Italia, la nostra incapacità nazionale, fra retorica, sciacallaggio politico e Festival di Sanremo, a star dentro una vicenda tragica come la guerra, una guerra che le nostre autorità continuano a chiamare, contro ogni evidenza, “operazione di pace”. Racconterò questa giornata come l’ho vissuta …

Leggi tutto »