Home / 2005 / Febbraio / 05

Archivi giornalieri: 5 Febbraio 2005 , 22:30

TERNI: QUANDO THYSSSEN ERA CAPACE DI RISOVERE I PROBLEMI

DI MARCO SABA E’ di questi giorni la notizia della crisi apparentemente irreversibile delle acciaierie di Terni della ThyssenKrupp: il piano illustrato dal presidente del Comitato Esecutivo dell’azienda, Michael Rademacher, prevede non solo la chiusura dello stabilimento del magnetico, coi suoi 350 posti di lavoro, ma anche l’uscita di 155 lavoratori, del magnetico e dell’inox, che andranno in pensione o in mobilita’, nonché il ricorso alla cassa integrazione. Il presidente Rademacher potrebbe disporre di un’alternativa interessante che è stata illustrata …

Leggi tutto »

I RELIGIOSI SHIITI PROCLAMANO VITTORIA

DI JUAN COLE Abdul Aziz al-Hakim ha proclamato la vittoria dell’ United Iraqi Alliance, composta dai partiti religiosi di cui è a capo. Ed ecco cosa pensano i vincitori, se sono loro i vincitori, a proposito degli USA: “Nessuno è contento che ci siano truppe straniere in Irak. Siamo convinti che gli iracheni sono capaci di risolvere i loro problemi, compreso quello della sicurezza. Naturalmente quest’ultimo problema dovrà essere affrontato dal nuovo governo.” L’idea che il partito Shiita al-Dawa, il …

Leggi tutto »

SOBRIETA': DALLO SPRECO DI POCHI AI DIRITTI PER TUTTI

Il mondo siede su due bombe: la crisi ambientale e quella sociale. Dalla protesta a tutto campo alla proposta di un nuovo stile di vita che ci induca a evitare i tanti sprechi che costellano la nostra quotidianità. Intervista a Francesco Gesualdi DI FRANCESCO GESUALDI Nel tuo libro proponi una scelta apparentemente semplice e comunque condivisibile, quella di uno stile di vita improntato alla sobrietà. Ci puoi spiegare in breve la tua proposta? La sobrietà è uno stile di vita, …

Leggi tutto »

IL DISPERATO STATO DELL'UNIONE

DI MIKE WHITNEY Non c’è nessun dubbio al riguardo, il discorso sullo Stato dell’Unione è stato fin qui la prestazione più debole da parte di Bush. Può aver tirato qualche affondo dalla predella come fosse un pugile, inzuppato della adulazione dei fedeli Repubblicani, ma quando è suonata la campanella ha lasciato andare alcuni suoni affannosi prima di tuffarsi in picchiata a vele spiegate. Pareva fuori dal gioco, non è vero? Il suo soliloquio è apparso sufficientemente famigliare: Bush che promette …

Leggi tutto »