Home / ComeDonChisciotte / WOOLWICH L’OMICIDIO DI LONDRA: TERRORISMO O “FALSE FLAG ?”

WOOLWICH L’OMICIDIO DI LONDRA: TERRORISMO O “FALSE FLAG ?”

Free Image Hosting at www.ImageShack.us

DI STEPHEN LENDMAN
Global Research

I rapporti ufficiali dicono che due uomini hanno assalito un soldato inglese uccidendolo. E’ stato identificato come Lee Rigby ed è stato ammazzato in pieno giorno a poche centinaia di metri dalla caserma di sud-est della Woolwich Royal Artillery di Londra.

Tra le armi probabilmente c’era un coltello tipo machete. I presunti assaltatori sono rimasti sul luogo fino a quando la polizia è arrivata 20 minuti dopo.

Il perché non è stato spiegato. Gli assassini in genere non aspettano che qualcuno venga a prenderli. Entrambi gli assalitori sono stati feriti e arrestati. Li hanno ricoverati in ospedale per il trattamento.

Uno avrebbe detto “dobbiamo combatterli come loro combattono con noi. Occhio per occhio, dente per dente”. La rete britannica ITV News ha mandato in onda lo spezzone di un videoclip.

Presumibilmente l’ha girato un passante.

Il video mostra un giovane uomo di colore con il sangue che gli cola dalle mani che dice “giuro per Allah l’Onnipotente e che non smetteremo mai di combattervi.”

“L’unica ragione per cui abbiamo fatto questo gesto è perché i musulmani muoiono ogni giorno.”

“Il soldato inglese ucciso è occhio per occhio, dente per dente”.

ITV News (1) ha rielaborato lo spezzone del videoclip. Nell’originale non c’era nessuna dichiarazione. L’audio originale non diceva niente su ” … facciamo questo perché i musulmani muoiono ogni giorno”. La registrazione inedita diceva:

“Ci sono molti, molti ayah (versetti religiosi) nel Corano che dicono che dobbiamo combattere come ci combattono, occhio per occhio, dente per dente”.

“Mi scuso con le donne che oggi hanno dovuto vedere queste cose, ma nella nostra terra le donne devono vedere le stesse cose.”

“Voi gente non sarete mai al sicuro. Abbattete il vostro governo. A loro non importa niente di voi. “

«Pensate che David Cameron si fermerà in strada, quando cominceremo ad usare le armi?”

“Pensate che saranno i vostri politici a morire? No, sarà la gente come voi e i vostri figli.”

“E allora cacciateli. Ditegli che devono ritirare le nostre truppe, così tutti potrete vivere in pace”

I reportage ricordano quello che successe con il primo attacco di Al Qaeda nella metropolitana il 7 luglio 2005 (il cosiddetto 7/7 bombings ). Fu una serie di attacchi mirati al sistema dei trasporti pubblici della città che avvennero durante l’ora di punta della mattina. E volevano creare il massimo della distruzione e delle vittime.

Esattamente nello stesso momento si stava tenendo una esercitazione anti-terrorismo che simulava degli attacchi reali. Non fu una coincidenza.

Il vero attacco è stato una “false flag” – un diversivo. E’ servito per far aumentare la paura (nella popolazione). Per alimentare un sentimento pubblico che doveva far restare la Gran Bretagna alleata delle guerre imperiali di Washington.

In quell’occasione, l’agenzia AP ha riferito che l’ambasciata di Israele a Londra aveva già informato Scotland Yard in anticipo. La Radio dell’esercito israeliano disse:

“Scotland Yard ha ricevuto informazioni dall’intelligence degli attacchi prima che si verificassero.”

Nessuno fece nulla. All’allora Ministro delle Finanze israeliano Netanyahu fu cancellata una conferenza economica a Londra dove doveva tenere un discorso.

Altri funzionari furono avvertiti ma non si pensò di informare il pubblico. Morirono cinquantadue persone e ci furono oltre 700 feriti.

Eventi di questo tipo fanno sorgere spontaneamente delle domande a cui si devono avere risposte prima di saltare alle conclusioni. Il “timing” dell’uccisione di mercoledì scorso è molto sospetto.

E’ avvenuto proprio quando Washington, l’altro alleato degli inglesi nella NATO e Israele avevano deciso di intraprendere una guerra su vasta scala contro la Siria. Mentre il Segretario di Stato John Kerry era in viaggio in Medio Oriente.

Si è programmata una cosiddetta conferenza di pace a giugno: un sotterfugio. Tutte le precedenti iniziative di pace sono fallite. Così sarà anche per questa. Quelli che vogliono che Assad se ne vada devono essere rassicurati. La Guerra per procura è stata lanciata da Washington proprio per questo motivo. Non dovranno esserci cambi di programma d’ora in poi.

Kerry si è incontrato con i ministri degli esteri dei cosiddetti 11 paesi Amici della Siria e con i rappresentanti dei gruppi di opposizione. Ha parlato di Siria con Netanyahu a Gerusalemme.

Molte azioni di provocazione israeliane hanno preceduto questa visita. Il 23 maggio, Haaretz ha detto su Israele “dobbiamo mantenere una intensa attività di intelligence in Siria e lavorare con gli abitanti dei villaggi.”

Il che significa che si sta creando una “forza segreta” che lavora per procura in Siria per proteggere la sicurezza di Israele. Ma le forze armate di Israele sono già molto abili a proteggersi da sole.

La cosiddetta “forza proxy”, se verrà istituita, è una chiara provocazione per orientare la gente verso un intervento su vasta scala. Washington e Israele, soci in tutte le guerre regionali, pianificano e accendono congiuntamente gli scontri.

Il viaggio di Kerry coincide con il piano di Washington per far decollare gli aiuti ai cosiddetti “ribelli”. Assad se ne deve andare e senza compromessi. Obama è d’accordo e quindi una guerra su vasta scala potrebbe scoppiare in qualsiasi momento.

Certi pretesti creati artigianalmente rendono le cose più facili, le “False flags” – i piani di diversione – sono tattiche conosciute da sempre e si usano prima di fare una guerra. Gli americani e gli israeliani sono gli esperti e gli inglesi sono i co-cospiratori attivi.

L’estremismo islamico è stato messo sotto accusa da Londra per l’uccisione di mercoledì. Ma tutto questo lo avevamo già visto prima. Ora dobbiamo aspettarci che aumenti l’islamofobia.

UK, USA, gli altri alleati chiave della NATO e Israele ci guadagneranno. Ne avranno tutti il massimo vantaggio.

Il Parlamentare britannico George Galloway ha detto “Questa rivoltante atrocità che vediamo a Londra è esattamente la stessa atrocità per cui noi stiamo pagando lo stesso tipo di persone per compiere le stesse atrocità in Siria.”

Abbastanza vero. Ha solo omesso di dire la cosa che sembra più importante.

Washington e i suoi alleati-complici hanno fabbricato le atrocità-pretesto. Lo hanno fatto per giustificare la guerra per procura contro la Siria. Questo è un piccolo passo per un intervento in piena regola.

L’ hanno già fatto prima. Hanno manipolato il sentimento pubblico. Hanno fabbricato motivi per attaccare l’Afghanistan, l’Iraq e la Libia. Stanno facendo la stessa cosa per attaccare anche l’Iran.

Vogliono l’appoggio della gente e lo cercano alimentando la rabbia e arruolando altri anti-musulmani.

Dopo il 9/11, la guerra in Afghanistan di Bush era popolare. Pochi sapevano quello che ora è più evidente. Pochi compresero l’agenda imperialistica di Washington.

Sono seguite molte altre guerre e altre sono in programma. L’intera regione e i paesi limitrofi possono essere coinvolti in altri conflitti. L’avanzata dell’ Imperium Americano è quello che conta di più. Il punto è creare i pretesti giusti per realizzarlo. Forse l’incidente di Londra è il pretesto più recente. Il tempo ci spiegherà qualcosa in più.

Il primo ministro David Cameron ha convocato una riunione di emergenza a cui hanno partecipato le elite dei consulenti e dei capi dell’intelligence.

Il Ministro degli Interni, Theresa May, ha convocato un Comitato di Emergenza Civile (COBRA), presieduto da Cameron e composto da ministri e alti funzionari della sicurezza di stato, per occuparsi di terrorismo e di altre grandi crisi.

Il COBRA riporta direttamente ai membri della commissione dell’Ufficio di Gabinetto, dove avvengono le riunioni ( Room A). E’ stato imposto un allarme terrorismo e sono state adottate maggiori misure di sicurezza.

Queste misure non si occupano mai di omicidi di strada, nemmeno se questi omicidi sono raccapriccianti. Della maggior parte di questi casi se ne parla poco e a volte passano inosservati.

Questo caso fa pensare a qualcosa di più grande che vuole essere usato come pretesto per realizzare un progetto più ampio. Proviamo a fare qualche osservazione.

Peter Eyre è un consulente per il Medio Oriente, analista geopolitico, giornalista investigativo, attivista contro la guerra, e stimato ospite di Progressive Radio News Hour.

Quando ha iniziato a valutare l’incidente di Woolrich, ha messo in luce dei validi motivi per dubitare sulla legittimità di rapporti ufficiali. Hanno un odore strano, non rispettano la verità e non dicono tutto.

Il 23 maggio, Eyre (2) ha cominciato con questo titolo “La decapitazione di Woolwich : Sicurezza rafforzata in tutte le caserme di Londra.” La sua analisi dettagliata include anche delle immagini.

“Una scena raccapricciante con un uomo decapitato senza polizia, senza paramedici su un palcoscenico senza sangue”.

“La polizia armata, in attesa nel retropalco spara ai colpevoli, ma la scena del delitto non era stata controllata!”

Molti si sono impressionati “per questo incredibile dramma shakespeariano che si è svolto a Woolwich, Londra, dove tutti gli attori erano tanto incapaci che non li avrebbero nemmeno chiamati a fare un provino da comparsa in un film di terz’ordine!!”

Eyre ha chiesto se la polizia non avesse già “pronto il corpo (della vittima) dietro l’angolo”

“La BBC ha detto che un uomo che indossava una T-Shirt con una scritta “Help the Hero” è stato investito da una macchina, poi aggredito e ucciso a colpi di machete o di spada dagli uomini che erano sulla macchina.”

Tutta questa violenza e, malgrado tutto, niente sangue sulla scena del delitto. Perché? “
– “Perché gli attori non hanno avuto tempo per spruzzare il sangue sulla scena prima di cominciare a filmarla.”

– “Il sangue comunque è stato aggiunto dopo, come mostra l’immagine (nel suo articolo) ! Ma il sangue è solo sul marciapiede e non sulla strada”

“Si è forse pensato di copiare l’attentato di Boston, ma non sono stati capaci di farlo bene?”
Eyre suppone che il sangue che si vede su un cartello sia stato “Ketchup di pomodoro!”

Si sta definendo questo incidente “terrorismo islamico”, così facendo i sospetti vengono spontanei e, come capita spesso, i capri espiatori saranno i soliti noti.

– Saranno le comparse di una scena pianificata e sponsorizzata con malizia dallo stato.

Aspettatevi che Inghilterra, USA, Israele e gli altri alleati imperiali ne tireranno fuori i loro vantaggi. La Polizia di Stato potrà essere più dura e la guerra, che era stata messa in discussione, contro l’Islam potrà continuare.

In questo modo una escalation contro la Siria appare probabile. Quello che è stato pianificato per tanto tempo, potrebbe scoppiare in qualsiasi momento.

Un commento finale

I media inglesi hanno identificato un presunto aggressore. Ventotto anni, Michael Abebolajo cresciuto a Romford. Proviene da una famiglia cristiana. Nel 2003 si è convertito all’Islam.

Un uomo che conosce la famiglia ha detto che era una famiglia di gente amichevole. Gli amici dicono che era una persona molto tranquilla e, a scuola, era un bravo ragazzo. Sono rimasti tutti scioccati nell’apprendere che un ex compagno di scuola è accusato di omicidio.

Stephen Lendman vive a Chicago. Può essere raggiunto a lendmanstephen@sbcglobal.net.

Fonte: http://www.globalresearch.ca

Link: http://www.globalresearch.ca/woolrich-london-killing-terrorism-or-false-flag/5336203

24.05.2013

Traduzione per www.ComeDonChisciotte.org a cura di BOSQUE PRIMARIO

NOTE

1) http://www.liveleak.com/view?i=64f_1369272177
2) http://eyreinternational.wordpress.com/2013/05/23/londons-false-flag-even-more-pathetic-than-the-boston-bombing/

Pubblicato da Bosque Primario