Home / ComeDonChisciotte / Welfare e immigrati: ecco cos’ha detto il ministro Giannini nell’intervista sparita dal web
16256-thumb.jpg

Welfare e immigrati: ecco cos’ha detto il ministro Giannini nell’intervista sparita dal web

DI MARCELLO FOA

Il Cuore del Mondo

Il mondo del web in Italia è in subbuglio per un’intervista rilasciata dal Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca Stefania Giannini al giornalista Luca Steinmann a Villa Vigoni il 4 maggio a margine dell’incontro con l’omologa tedesca Johanna Wanka e pubblicata sull’Huffington Post. Intervista che ha suscitato vivaci reazioni per alcune affermazioni del ministro sugli immigrati, sul precariato e sul futuro della famiglia. Alcuni siti hanno ripreso l’articolo, il ministero ha pubblicato un breve comunicato stampa di precisazione, smentendo alcune frasi, in gran parte riferite ad altri articoli apparsi sul web che avevano impropriamente citato l’articolo apparso sull’Huffington Post.

Alla fine lo stesso Huffington Post ha deciso di cancellare l’articolo; il che non ha avuto altro effetto che di ampliare ulteriormente il rumore mediatico sui social.

Luca Steinmann è un freelance svizzero, in contatto con il Corriere del Ticino, testata leader del gruppo editoriale che dirigo a Lugano. A questo punto gli abbiamo offerto la possibilità di chiarire una volta per tutte cosa gli abbia detto il ministro Giannini, che peraltro non ha smentito l’incontro. E dunque di riportare fedelmente gli appunti che l’autore ha trascritto durante il suo colloquio con il Ministro.

Trovate qui l’intervista.

Marcello Foa

Fonte: http://blog.ilgiornale.it

Link: http://blog.ilgiornale.it/foa/2016/05/10/welfare-e-immigrati-ecco-cosha-detto-il-ministro-giannini-nellintervista-sparita-dal-web/

10.05.2016

Pubblicato da Davide

  • AlbertoConti

    Questa è completamente scema, fa rimpiangere la Falcucci. I danni permanenti delle ministre renziane richiederanno decenni di ricostruzione morale e culturale per essere riparati, anche solo parzialmente. Una capra al ministero dell’istruzione può solo favorire la pastorizia sarda, altro che "flessibilità".

  • spadaccinonero

    in poche parole :

    noi (comuni mortali) saremo i prossimi a fare gli immigrati
  • PietroGE

    E certo! L’anno fatta sparire dal web perché darebbe ragione a coloro che accusano il governo e i poteri forti che lo sorreggono di rimpiazzare il popolo italiano con una babele di gente, facile da manovrare perché sempre divisa e senza identità. Poi si lamentano dei complottisti.

    Notare come, quando vengono fuori questi problemi di demografia MAI NESSUNO propone un programma di stimolo alla natalità.

  • Unaltrouniverso

    Criminali.

  • Albertof

    chi mai si sorprenderebbe leggendo di uno squalo che ha divorato un tonno …. uguale

  • permaflex

    Ecco recuperato dalla cache l’articolo originale

    http://webcache.googleusercontent.com/search?q=cache:ljObfdtg2FgJ:www.huffingtonpost.it/luca-steinmann/sulla-formazione-professionale-litalia-diventera-come-la-germania_b_9836010.html+&cd=1&hl=it&ct=clnk&gl=it

    ad una prima lettura direi che il motivo per cui è stato fatto togliere è che per quanto dica le stesse cose,non riesca nell’intento di collegare tre punti 1)una formazione scolastica meno teorica e più pratica 2) necessità di accettare il precariato 3)rinuncia alla formazione di una famiglia.

    Nel 96 ero in Germania,se un ragazzo a 15 anni voleva intraprendere un percorso professionale che gli insegnasse chessò,la costruzione dei tetti in legno lo poteva fare,incominciava a lavorare a 18 e poteva sposarsi ed avere figli con quella che era la sua ragazzina delle medie,cioè esattamente il contrario ipotizzato riguardo la formazione di una famiglia.

  • GioCo

    Accidenti a Luca Steinmann, occasione D’ORO per fare la domanda del secolo e denudare l’assurdità del ragionamento.

    Dice la ministra della sua privata istruzione (con pedigree ed esperienza demente inclusa): siccome siamo in una situazione di cambiamento sociologico che sta demolendo il concetto di famiglia tradizionale che per me ha funzionato ma chissenefrega (perché il cambiamento è da accettare passivamente o con la forza a prescindere da qualsiasi alternativa non sia quella imposta) e siccome tale cambiamento non ci porta da nessuna parte ed è il motivo del calo demografico che rende il paese incapace di affrontare qualsivoglia futuro, andiamo a prendere i figli di quelli che non hanno ancora aderito allo stesso "ordine sociale".

    Sono solo io che vedo l’incongruenza o proprio è solo perché dobbiamo accettare il ragionamento "ob torto collo" senza fiatare perché lo dice sta ministra dell’istruzione dei miei stivali?

  • yago

    Dimostrazione lampante della dicotomia tra politici e vita reale. Questo concetto di pianificazione sociale tesa ad una precarietà perpetua con conseguente schiavizzazione delle masse fa rivoltare nelle tombe i padri della sinistra e supera di gran lunga anche aspettative di una destra estrema. Vanno fermati, sono pericolosissimi.

  • natascia

    Basta dare dei soldi. Con i soldi  i nostri ministri fanno e dicono tutto.  

  • riefelis

    Quando una persona sciagurata occupa un posto di rilievo politico importante intavedo un qualcosa di criminale.

    A questa sciagurata piace creare generazioni di precari senza sicurezza e speranza e anche per questo che non si fanno figli.

    Pessima!

  • gilberto6666

    Ma questi sono i piani decennali che stanno portando avanti, l’elemento nuovo è che ora si permettono di ufficializzarlo.

  • sotis

    Tra l’altro è anche brutta.

  • geopardy

    Sinceramente, non è facile immaginare un mondo in cui un’immensa massa, che si vorrebbe senza radici e senza certezze, si debba muovere continuamente per sopravvivere.

  • mda1
  • mda1

    giusta osservazione.
    aggiungo che le persone brutte sono sovente cattive.
    e le persone cattive sono tutte pericolose.

  • whugo

    Il ministro ha esplicato in maniera ingenua quello che i più avvertiti hanno capito da molto tempo, ossia la parabola di degrado civile culturale sociale che è funzionale al liberalismo politico al liberismo economico ed al culturame globalista.

    Tutto quanto detto, dal punto di vista del grande capitale e della finanza mondialista non fa una grinza, l’intervista serve solo a ribadire lo stato di zerbinaggio di questo governo, per altro non dissimile dai precedenti.
  • gilberto6666

    Meglio non si può spiegare. Complimenti per l’ottima e lucida sintesi.

  • riefelis

    Che immensa stupidagine!
    A parte il fatto che la ministra, ormai cinquasettenne, non è brutta ma magari una persona "non bella" che è diverso. Vi ricordate la ministra cancellieri? Lei è una donna brutta.
    La bruttezza non ha comunque connessioni con la cattiveria.

  • Jor-el

    Ma credete davvero che ‘sta  sgallettata se le sia pensate con la sua testa queste minchiate? Sono il frutto di un paio di serate d’indottrinamento in sezione, quel che resta della vecchia ‘scuola quadri’ del PCI, bevute con entusiasmo ed espulse con vigore dal buco sbagliato a beneficio dei media. 

  • riefelis

    Ma che c’entra la Giannini con il circoli del PCI!
    Lei proviene dai montiani di Scalta Civica e solo successivamente confluita nel PD.
    Molti scrivono a vanvera senza cognizione di causa.

  • riefelis

    La dicotomia tra politici e vita reale è purtroppo una tragica realtà.
    Le elitè intellettuali, politiche ed economiche stanno in una altra dimensione.

  • maxvax

    Invece tu, con il tuo commento razzistello a dir poco, ti ritieni molto intelligente vero ?
    Se ti fossi fermato alla critica del contenuto dell’articolo sarebbe stato meglio e anche condivisibile.
    Invece di usare sillogismi degni della Boschi, e non certo di Aristotele, cammina basso e usa linguaggi meno offensivi.

    P.S. Sono sardo.

  • AlbertoConti

    razzistello? non vedo che c’azzecca questo tuo giudizio, anche tu dovresti spiegarti meglio.

    Ho scritto semplicemente le mie prime impressioni dopo aver letto per intero l’intervista (tramite il link presente nel post), talmente delirante che non meritava analisi dettagliate. Altri in seguito invece lo hanno fatto, e li ammiro per la loro pazienza. Leggi tutto e poi ne riparliamo, se ti va.

  • maxvax

    "Una capra al ministero dell’istruzione può solo favorire la pastorizia sarda, altro che "flessibilità"."

    Questa chiosa va a tuo sfavore. Semplicemente, potevi evitarla.

  • AlbertoConti

    Ho capito, avrei dovuto aggiungere "con tutto il massimo rispetto per la pastorizia sarda" – chiedo scusa.

    L’argomento principale però è molto serio, si tratta di un progetto di società alienante, giustificato da profondissima ignoranza dei fattori economici sottostanti, per non parlare di quelli culturali. Il ruolo istituzionale della proponente non ammette scusanti.

  • maxvax

    Va da se che se fosse stato usata come esempio quella abruzzese o toscana o quel che è, sarebbe stata comunque una chiosa offensiva. Secondo me.

    A volte la forma è anch’essa contenuto. Comunque, tutto ok.

    Per il contenuto dell’articolo, beh, che dire ?
    Riassumendo, perché un tale delirio è facilmente riassumibile, questi hanno solo uno scopo: il mercato, in tutte le sue sfumature.

    Da tempo penso che dovremo finirla di considerarli degli idioti.
    Questi sono molto intelligenti, invece. Per i loro scopi, evidentemente.
    E’ un progetto, quello che seguono, che viene da lontano. Da altre esperienze, da altri esperimenti, alcuni anche sanguinari. Lo sappiamo ma ogni volta ci sale il sangue agli occhi per la rabbia.
    Rodolfo Walsh, il giornalista ammazzato dalla junta argentina, lo diceva. Il (neo)liberismo si compie dopo 30, 35 anni. Poi crolla. Ma ricomincia.

    Hanno una sola cultura, sviluppata in anni di studio e professione (chi più chi meno). Quella della supremazia del più forte, il più debole va eliminato. Va avanti da decenni, e lo sappiamo.

    Se li si vuole combattere è necessaria sviluppare una forza costante e contraria.
    Su questo Paolo Barnard ha ragione da vendere.

    Se continuamo a pensare che questi sono degli imbecilli, sbagliamo tutto. E la paghiamo, come in effetti sta succedendo, malamente.

  • AlbertoConti

    L’espressione più chiara, purtroppo spesso abusata a semplice scopo denigratorio e perciò svilita, e "utile idiota", ovvero un intellettuale ottuso che però sostiene tesi chiaramente errate ma funzionali a giustificare un sistema vessatorio.
    Idiota perchè fallisce la missione che si è scelta, quella di chiarire un certo ambito di conoscenza, ma utile perchè rappresenta un bastione per dominare i fatti, giustificandoli e promuovendoli con fondazioni teoriche fasulle. Per l’economia un campione in tal senso è sicuramente Mario Monti, dietro il quale c’è tutto un mondo accademico considerato di primordine, come l’università bocconi di milano.

    Sono i sacerdoti del dio mercato, che però ha da essere "libero", mentre tutti sanno che libero non lo è e non lo sarà mai. Così il "mercato" diventa la nuova giungla dove, come giustamente osservi, è "naturale" che prevalga il più forte.

    Insomma, da cazzata nasce cazzata, fino ai paradossi di uno stato che dev’essere snello e alieno dal "turbare" il mercato, ma al tempo stesso garante dei fallimenti che il mercato produce. Così ne occupano le istituzioni con "intellettuali" del calibro di questi qui, per trasformarlo in sistema vessatorio e repressivo della popolazione, ma mi raccomando, in nome della "democrazia". Per questo occorre trasformare la scuola in un allevamento di capre, altrimenti se ragionano potrebbero andar fuori controllo.

    Una perla tra tante: una proposta di legiferazione del M5S alla commissione europea riguarda il commercio, e tra le tante cose propone di non riconoscere alla Cina lo status di "economia di mercato", così da mantenere dazi all’importazione. Perfetto, se non fosse che la motivazione è la non ottemperanza ai 5 requisiti tecnici per ottenere questo status. Il 5 di questi prevede che il tasso di cambio della moneta del Paese in questione non sia "controllato", ma fluttui "liberamente".  Ma che genialata! Ma allora il tasso di cambio tra euro tedesco ed euro italiano perchè non può "fluttuare liberamente", libero di uscire da una parità forzosa imposta d’autorità per sempre? Abbiamo scoperto che l’eurozona non è "un economia di mercato"!!!!

    Pardon, l’ho scoperto solo io e quelli che ancora sanno fare 2 + 2, ma siamo una minoranza in via d’estinzione.

    P.S. sono nonostante tutto ancora attivista del M5S

  • Quarantasette

    Cercansi giovani negroni immigrati, bei ragazzoni dotati di comprovata africana taglia negli attributi sessuali per spedizione punitiva nei confronti della suddetta ministra. Così da poterle pienamente mostrare il piacere insito nell’accoglienza. La sua famiglia può assistere e disgregarsi comodamente in seguito. 

  • ProjectCivilization

    la sovrapopolazione Italiana e’ un danno ancora maggiore della globalizazione…Pero’ , per non fare retorica , bisogna dire che Renzi ha dovuto mettere ministri legati alla follia globalizzatrice , perche’ e’ stato attaccato , prima ancora di cominciare , da qurlli che avrebbe dovuto aiutare . Cioe’ e’ un dramma per quelli come me , che hanno scelto la Democrazia …trovandosi abbandonati da tutti…ma questi massoni , calcolano correttamente la sottomissione popolare . L’incapacita’ della gente di passare dall’insulto alla Democrazia . Ne consegue che la colpa di questa evoluzione e’ del popolo passivo , non di chi ci lucra .

  • ProjectCivilization

    Invertiamo il punto di vista : c’e’ un sistema di logge , che si fa carico di dare una spina dorsale a miliardi di passivi che aspettano di essere messi a gregge . Si fanno i loro conti , cacciano il capo di governo , rimediano due schiappe del loro giro , che il popolo accetta…….appare all’orizzonte un fenomeno….la sinistra lo aggredisce prima che cominci….la gente pure…per cui sa di poter avere solo le logge come punto di riferimento . Fa 3 governi paralleli , quello esterno e’ fatto tutto di figuranti graditi alle massonerie…..che procedono ad eseguire il progetto globalizzatore . Il fenomeno e’ troppo intelligente per gradire questa porcheria…ma quando guarda dalla parte della manodopera monetarista….non trova esseri viventi . Alla fine , i massoni , sono i piu’ vivi , ed e’ normale che sia la loro , infima visione , a determinare i valori ed il futuro . Si puo’ fare dei meglio ? Solo in operazioni di nicchia , non in 6o milioni .