Home / ComeDonChisciotte / VIVE LA DIFFERENCE ! IL PRESIDENTE NAPOLITANO INDIGNATO PER KYENGE E CARFAGNA. NOI PER ….

VIVE LA DIFFERENCE ! IL PRESIDENTE NAPOLITANO INDIGNATO PER KYENGE E CARFAGNA. NOI PER ….

DI ANTONIO DE MARTINI
corrieredellacollera.com

“Mala gente quelli di Lero. tutti tranne Procle. E anche Procle è di Lero.”

Il Presidente della Repubblica ha usato la parola “imbarbarimento della vita civile” per qualificare i comportamenti di un paio di deputati che in cerca di notorietà hanno pensato a turno di “sfottere” la ormai taciturna ministra Cecile Kyenge e un anonimo cialtrone che ha minacciato, via web, la deputata Carfagna.
Segno evidente che anche i migliori appartenenti alla casta, finiscono per avere unicamente nella casta il loro orizzonte e limite.Anch’io ho usato, prima, la stessa parola imbarbarimento, ma non per definire gli stucchevoli tentativi di due deputati dalla incerta virilità e sense of humour di farsi notare a spese di una donna di colore.

L’ho usata – la parola imbarbarimento – per definire il comportamento di un gruppo omogeneo di funzionari del Ministero dell’interno, deputati a proteggere legge e ordine che si concertano per violare la pace domestica di due donne indifese e straniere ( Kyenge se ci sei batti un colpo) e fare strame dei diritti fondamentali di una donna e di una bambina. Hanno violato la legge persino facendo irruzione a mezzanotte. Hanno seminato insicurezza in milioni di case.

Di un gruppo omogeneo di funzionari del Ministero degli Esteri che interpellati, non riescono a pensare di fare una telefonata all’ambasciata della Repubblica centroafricana per sapere se avesse rilasciato un passaporto a una signora dai tratti asiatici. Per loro se hai un passaporto della Repubblica centroafricana, devi essere negra.

Di un gruppo omogeneo di giornalisti che riferiscono le notizie col contagocce e solo dopo che vengono diffuse dal web e di un direttore di giornale di proprietà di Berlusconi ( basta con la moina del fratello) che giustifica il sequestro di persona con la motivazione che il marito della donna era un ricercato.
Per il direttore del giornale, se tuo marito deve restituire dei soldi, è giusto sequestrargli la famiglia.
Deve essersi laureato in Calabria.

Di un gruppo omogeneo di ministri – premier, esteri, interno, integrazione – che rivendicano con fierezza il diritto a restare inchiodati alla poltrona pur essendosi dimostrata, come minimo, l’inadeguatezza e l’incapacità a farsi rispettare dalle persone che dovrebbero educare a servire i cittadini.

Per lei, signor presidente, che tutti ci rappresenta, se questi comportamenti impallidiscono di fronte a un apprezzamento pesante di un paio di fessacchiotti, l’imbarbarimento lo rappresenta lei, ma sembra non capirlo.
” Ah, intendo: il suo cervel, Dio lo riposi,
in tutt’altre faccende affaccendato,
a questa roba è morto e sotterrato.”

Antonio De Martini
Fonte: http://corrieredellacollera.com
Link: http://corrieredellacollera.com/2013/07/15/vive-la-difference-il-presidente-napolitano-e-indignato-per-kyenge-e-carfagna-noi-per/#more-19959
15.07.2013

Pubblicato da Davide