Home / ComeDonChisciotte / VE POSsino, OVVERO LE BANCHE E L'INTERPRETAZIONE DEI SOGNI
13457-thumb.jpg

VE POSsino, OVVERO LE BANCHE E L'INTERPRETAZIONE DEI SOGNI

DI BARBARA TAMPIERI

L’Orizzonte degli Eventi

Ho fatto un sogno strano che voglio raccontarvi. Ero in uno dei nostri bei centri storici, di fronte ad una di quelle banche dalle belle facciate curate e i muri antichi impregnati di storia. Varcandone la soglia mi sono ritrovata in un cortile interno, chiuso da alte inferriate che nemmeno ad Alcatraz buonanima.

Era come andare a visitare un parente al gabbio. Poi, oltrepassata la blindatura a protezione di soldi contanti che non esistono più e nemmeno rapinatori perché i ruoli ormai si sono invertiti, come i poli magnetici, mi sono accorta di respirare una strana atmosfera, leggermente carica di ozono, parecchio frizzante.

Mi viene incontro un funzionario che mi accoglie con un gran sorriso, accompagnandomi su per uno scalone in un ufficio odoroso di legno, cuoio e quadri a olio e dominato da un alto soffitto affrescato da una scena di arcadia con putti e mamme dei puttini

Prima che io possa parlare il funzionario mi anticipa: “So che è molto preoccupata ma sono qui per rassicurarla.”
In effetti fuori ho appena lasciato un paese in condizioni critiche dove, domenica scorsa, ci sono stati tre suicidi per disperazione nel giro di poche ore. Sono in ansia, certo, e dato che sono qui ne approfitto per chiedere cosa ci attende per il futuro, visto che nonostante la tendenza bifronte formichella genovese vs. cicala della serie i soldi vanno comunque spesi perché nel lungo periodo saremo tutti morti, sono previdente, penso alla mia vecchiaia senza figli e, cosa fondamentale, dei piddini non mi fido.
Mi accorgo di avere un fiume di domande pronto a tracimare, a cui il funzionario ben vestito risponde con calma ma fermamente e soprattutto senza dimostrare alcuna incertezza.

Prelievo forzoso? Assolutamente no, lo escludo nella maniera più assoluta! Si ma, scusi, e Cipro, dove l’hanno già fatto? Non siamo Cipro, noi-non-siamo-Cipro checciavevaimafiosirussitacciloro.
La tassazione al 26%? Ah si, ma i titoli di stato non verrebbero comunque toccati.
La patrimoniale, le tasse di successione al 40% che vogliono introdurre? No – con un sorriso ancor più ampio – non si preoccupi, il paese è in ottima forma, ispira fiducia ai mercati, guardi i benchmarks.
Lo so ma io non mi fido dei creditori – e alludo casualmente ai tedeschi, a quella voragine che inizia per Deutsche e finisce per Bank con quell’enorme Schwanstuck da 55.6 trilioni di euro di esposizione sui derivati (anzi, dicono che non è mica vero, che sono solo 991,6 milardi di €. Aaah beh, allora!)
Il funzionario è certo: i tedeschi dovranno cedere, alla fine.
E il pareggio di bilancio in costituzione??? Leggerissima incertezza, ma proprio un accenno, poi il funzionario cambia discorso: vede, l’introduzione del POS per i pagamenti oltre i € 30 è un grosso passo avanti.
Già, la castacriccacorruzione. Ma, mi scusi, noi italiani non abbiamo prosperato per decenni tra mafia, corruzione e politica malata? Come le dicevo, il POS obbligatorio combatte l’evasione fiscale.
Il Carpathia non risponde. Forse riesco a farlo vacillare sull’immobiliare. La crisi del mattone? Giusta, non bisogna investire in immobili. E’ giusto non concedere mutui perché non bisogna alimentare bolle e speculazioni. I soldi vanno investiti. Da noi.
Giusto non concedere mutui??? Ma che sta dicendo? Si, perché poi i soldi finiscono immobilizzati nelle case e non fanno girare l’economia. Li affidi a noi, gli eurini.

Ma egregio, l’economia non sta girando lo stesso, siamo in recessione, la disoccupazione, la morte economica. Si, però ci sono segni positivi.

Ecco, sui segni positivi ho pensato subito a Medjugorije e a quei lampi della madre de Dios nel cielo ma un attimo dopo mi sono accorta che la botta fenomenale che mi aveva svegliato era stato un fulmine vero che aveva appena schiantato due pioppi non lontano e che quello che suonava impazzito era un allarme.
Peccato, proprio sul più bello. Avrei avuto tante altre domande da porre al fantasmatico bancario. Sarà per un altro sogno.

P.S. Devo confessarvi una cosa. Non era un sogno. E’ tutto vero, compresa la botta dei pioppi schiantati.

Barbara Tampieri
4.07.2014

Pubblicato da Davide

  • Cataldo

    Ogni tanto mi chiedo, ma nessuno si è mai preso la briga di spiegare alla Gabbanelli e ad altri fintoni  "politically correct" come lei che i principali evasori fiscali sono le banche ????
    Non capisco perchè la tizia si batte per il denaro elettronico totale, quando è ovvio che si tratta solo di un escamotage per privarci degli ultimi scampoli di autonomia a favore dei grassatori bancari.