Home / ComeDonChisciotte / USA: LA BOMBA AD OROLOGERIA DEI BUONI ALIMENTARI
11268-thumb.jpg

USA: LA BOMBA AD OROLOGERIA DEI BUONI ALIMENTARI

DI SEAN KERRIGAN

activistpost.com

Discutere la dipendenza della nazione dai buoni alimentari è probabile che faccia mettere le persone sulla difensiva. Alcuni si sentono offesi da coloro che accettano il sussidio dal governo per il cibo. Le persone che utilizzano i buoni alimentari sono sensibili alla critica dei media perché spesso giunge l’implicazione che sono pigri o che stanno sfruttando il sistema. Certamente la frode è di interesse, ma nonostante il racconto nazionale, noi vorremmo dimostrare che queste persone sono il più delle volte vittime.

Come i lettori di questo blog sanno, noi sentiamo che l’economia della nazione è a serio rischio. Spesso vengono alla mente parole come “scioglimento” e “collasso”. Nel caso di una crisi finanziaria, i beneficiari di buoni alimentari di tutto il Paese potrebbero essere in pericolo. A meno che il governo non risponda rapidamente, la violenza potrebbe esplodere facilmente, dal momento che le persone cercano cibo sicuro.

Mostriamo come ci si deve muovere, ma prima dobbiamo spiegare quanto è diventato grave il problema.

UTILIZZO DEI BUONI ALIMENTARI

Negli ultimi cinque anni, l’utilizzo del Supplemental Nutrition Assistance Program (SNAP)* comunemente chiamati buoni alimentari, è esploso, quasi raddoppiando da 26 milioni nel 2007 a 47.7 milioni oggi. Una media di 1 ogni 6.5 americani è ora dipendente dal governo per l’assistenza alimentare, una statistica assolutamente sbalorditiva.
Nel 1971, il 5% della popolazione o all’incirca uno su venti utilizzava il programma. Dal 2007 è cresciuto di quasi quanto tutti gli anni messi insieme. E la situazione sta peggiorando. Recenti rapporti del governo hanno confermato che c’è stato grosso modo un milione di nuovi iscritti negli ultimi due mesi! Pensateci. Un milione di persone. Ciò non include possibili aumenti dovuti all’Uragano Sandy, che non saranno rilasciati fino a più tardi in questo mese.

Esaminate questa tabella fornita per gentile concessione del blog finanziario Zero Hedge. Come potete vedere, l’utilizzo dei buoni alimentari è stato relativamente stabile per gran parte del 2012, ma è cresciuto di colpo a Settembre e Ottobre di quest’anno. Ciò non può essere giustificato con gli inusuali disordini stagionali, che noi sospettiamo sia il perché non è stato menzionato da nessun organo di stampa convenzionale in televisione o cartaceo.

Ironicamente, in molti stati, il programma di buoni alimentari è condotto dalla JP Morgan, un’impresa che ricorderete è parzialmente responsabile per il collasso dei salari reali, dell’alta disoccupazione e di certo delle bolle di mercato.

Mentre il programma è utile a coloro che ne hanno bisogno, non si può avere un numero di iscritti che si avvicina ai cinquanta milioni e sostenere ancora che questo è un semplice programma di assistenza sociale. È evoluto ben oltre ciò adesso. Quindi che obiettivo hanno veramente i buoni alimentari? La risposta, come al solito, è denaro e potere, ma non per i beneficiari del programma.

1) I buoni alimentari forniscono un sussidio all’America corporativa

Nel caso dei buoni alimentari, il governo fornisce un reddito di sussidio ai più poveri della nazione e ai lavoratori più sfruttati. La Walmart, il più grande datore di lavoro della nazione, paga i suoi lavoratori una media di 8.5$ all’ora, appena al di sopra del salario minimo federale. Questo si traduce in circa 17.680$ all’anno. I critici hanno accusato la compagnia di incoraggiare gli impiegati a usare i servizi di assistenza sociale affinché i suoi impiegati non chiedano un salario sufficiente per vivere.

2) I buoni alimentari reprimono il contraccolpo della società

Oltre ad alleviare le corporazioni dallo stress di dover rispondere alla povertà diffusa, liberano anche il governo dal dover rispondere agli osservatori sia dalle comunità povere sia dalla rigorosa classe media. Nonostante il collasso della società in corso, l’economia sembra rimanere funzionante per molte persone.

Le code per il cibo sono state sostituite dalle discrete carte Electronic Benefit Transfer (EBT**), che funzionano in modo simile a una carta di debito. Con i buoni alimentari, anche senza un lavoro, molti beneficiari sono in grado di evitare la fame. Gli effetti più seri e visibili della nostra economia devastata sono nascosti alla vista della classe media. Coloro che si fidano del sistema sono sufficientemente contenti di evitare le proteste in strada in massa.

3) Infine, i buoni alimentari rendono le persone schiave del governo

Quando le persone sono dipendenti dai buoni alimentari o qualunque altro servizio del governo, ciò dà potere al governo. Finora, il governo usa il suo potere in gran parte per prevenire la frode, ma non è difficile immaginare il governo che usa le riserve alimentari per controllare le persone in altri modi. Può sembrare cospiratorio, ma il governo potrebbe un giorno esigere gli impianti RFID*** per tutti i riceventi di buoni alimentari o altri beneficiari di assistenza sociale. Metodi di identificazione biometrici sono già opzionali in diversi stati, e un rapporto del USDA rende chiaro che il governo vuole espandere il programma per eliminare la frode.

Questo, in congiunzione con altre barriere legali, può trattenere persone dal basso reddito a uno standard più alto di identificazione. Se una persona è sorpresa a commettere una frode all’ assistenza sociale, non riceverà mai più aiuto dal governo; comparate ciò all’amnistia in corso verso le banche criminali se volete avere un senso delle priorità del governo.

Le soluzioni a questi problemi richiederebbero cambiamenti di tutta l’economia, incluso smantellare la struttura di potere corrente. Ciò è ovviamente inaccettabile per l’élite al potere e così la frode continuerà finché non potrà più; finché la pressione diventerà così forte che esploderà, causando ben più distruzione di quella che sarebbe avvenuta se ci fossimo dedicati ai nostri problemi prima.

COSA AVVERREBBE NEL CASO DI UN COLLASSO FINANZIARIO?

Quando si hanno 47.7 milioni di persone che si affidano ai buoni alimentari nell’economia più vasta e più importante del mondo -più o meno il 15 per cento della sua popolazione- si ha un serio problema, eppure i nostri leader politici non hanno proposto nessuna soluzione se non aspettare e sperare che l’economia si riprenda. Nel frattempo, il debito sta diventando maggiore, l’instabilità globale si sta alzando, come la probabilità di un disastro finanziario.

Considerate cosa accadrebbe in caso di una crisi finanziaria improvvisa. Un giorno festivo**** sarebbe quasi certo. Le carte di credito e debito sarebbero inutili. L’EBT, di nuovo diretto da JP Morgan, smetterebbe di funzionare. Lasciati con i pochi contanti che gli americani avevano in mano, alcuni sarebbero in grado di tirare avanti per un po’. Tuttavia, i più vulnerabili dell’America, coloro che dipendono dall’assistenza del governo, si troverebbero incapaci di permettersi il cibo. In un periodo di tempo molto breve, esploderebbero disordini per il cibo nel Paese. Se la crisi si inasprisse, il livello di violenza potrebbe essere maggiore di ciò che una persona in vita abbia mai visto. In alcune aree, le leggi marziali non sarebbero solo giustificate, ma desiderabili.
Il nostro tentativo, che dura da anni, di insabbiare i nostri problemi, ha causato un’instabilità di massa. A meno che voi non crediate che le cose si mettano meglio di colpo (come potreste, dopo ciò che abbiamo visto?), è solo questione di tempo prima che questa situazione esploda.

La nostra società è diventata piuttosto brava ad evitare rischi. Noi insabbiamo i problemi sociali con una compensazione generale o ritardando qualunque cosa che assomigli a un tentativo di avere a che fare effettivamente con i nostri tanti problemi. Mentre tirarla per le lunghe ha i suoi vantaggi, ha un costo. Qualunque tentativo di stabilizzare il sistema al collasso ha un effetto pacificatorio a breve termine, ma alla fine, problemi che potevano essere stati piccoli, alla fine si accumulano, minacciando di causare una cascata.

L’utilizzo in aumento dei buoni alimentari, prescrizioni eccessive di prodotti farmaceutici, il tentativo di ristringere le armi e la stampa di denaro della Federal Reserve sono solo alcuni dei tentativi di arginare i sintomi della nostra malattia nazionale senza di fatto affrontare i problemi di salari bassi, decadenza sociale, rozzo consumismo e instabilità mentale diffusa.

Se il sostegno alla fornitura di buoni alimentari venisse di colpo rovesciato, il livello di disordine che creerebbe sarebbe sconvolgente – al di là di tutti gli altri effetti malati e crisi finanziarie che causerebbe. I cittadini sarebbero ben consigliati a considerare i loro dintorni andando nel nuovo anno. Quanto è vulnerabile al disordine la tua comunità? Ne parleremo ancora.

03.01.2013

Sean Kerrigan è giornalista freelance e blogger occasionale che si concentra sui nuovi media, finanza e politica. Ha scritto per diversi quotidiani e settimanali incluso il Buck County Courier Times. è anche autore di Corporatocrazia: un’ introduzione al nuovo governo americano

Fonte: www.activistpost.com

Link: http://www.activistpost.com/2013/01/the-dependence-on-food-stamps-is.html
9.01.2013

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di ILARIA GROPPI

Note:

*SNAP: programma del FNS (Food and Nutrition Service), responsabile dell’amministrazione dei programmi del Dipartimento di Agricoltura americano. Il FNS si impegna a creare maggiore accesso al cibo per le famiglie meno abbienti (fonte: www.fsn.usda.gov)

**EBT: sistema elettronico utilizzato negli Stati Uniti (e da altre parti) che permette ai dipartimenti di aiuti sociali di emettere denaro, accessibile con una carta di pagamento (fonte: Wikipedia)

***RFID: Radio-frequency identification (Identificazione ad alta frequenza) è una tecnologia per l’identificazione e/o memorizzazione dati automatica di oggetti, animali o persone (fonte: Wikipedia)

****Nel testo originale è presente “bank holiday”, credo che sia un gioco di parole dato l’argomento (“bank holiday” viene tradotto con “giorno festivo”, “festività nazionale”, ma letteralmente sarebbe “vacanze della banca”), difficile però da rendere in italiano.

Pubblicato da Truman

  • Ercole

    Che dire ,questa analisi non fa altro che confermare l’attualita del metodo di analisi marxista: IL FALLIMENTO DEL SISTEMA CAPITALISTA,se la prima potenza economica e militare del mondo e costretta a dare i buoni pasto a 50 milioni di persone, per farli sopravvivere testimonia il fatto inconfutabile della pauperizzazione generalizzata,e che mai il mondo e stato cosi tecnologicamente avanzato ,ma altrettanto, l’umanita non e mai stata cosi vicina alla fame a livello planetario,e il segno di un inesorabile declino economico e sociale di cui non se ne vede la fine , e ci sta portando nel baratro:dalla crisi non si esce !La risposta borghese :preparazione della guerra.La nostra risposta:prepararsi alla rivoluzione!!!!!

  • affossala

    mahhhh … solo il sistema capitalista è fallito ?
    sono parecchi sitemi che stanno fallendo perchè retti da un denominatore comune : la legge del più forte .

    C’ è solo un sistema che può salvare l’ umanità dal distatro e l’autodistruzione : un governo etico,un potere etico,affatto religioso, ma etico !!!! Un sistema trasversale !!! Lotta ai partiti politici e alla mafie che ostacolano la democrazia e tra questi partiti , eventualmente, va annoverata anche la mafia sindacale e i partiti del proletariato .
    Spazio alle categorie e corporazioni del lavoro senza tessera ,ma ogni associazione che non abbia una base etica , va eliminata .

  • Highlangher

    Ovvero come creare cinquanta milioni di schiavi che baciano la mano che li sfama. La stessa mano che guida una delle banche di rapina peggiori al mondo. Che guarda caso discende dai pirati inglesi del seicento. E che da quelle parti vuol farci tornare. Una nota per la traduttrice: bank holiday viene usato normalmente per indicare un giorno festivo, e fa capire come i paesi anglosassoni siano regolati dalle banche sotto tutti gli aspetti. Nessun gioco di parole, ma triste realtà. Grazie della traduzione, anyway.

  • Saysana

    Se non erro il Bank Holiday e’ un termine per indicare la chiusura temporanea dei servizi bancari iniziando, per l’appunto, durante un week end, infatti, scrive dopo l’autore, le carte di credito e debito non saranno piu’ utilizzabili in quel periodo.

  • Saysana

    Comunque la cosa non e’ cosi’ improbabile, se poi consideriamo il numero di armi che girano negli States c’e’ poco da stare tranquilli visto che, se vanno giu’ loro, non oso pensare alle conseguenze a livello globale.

  • rebel69

    È proprio il caso di dire 2 piccioni con una fava.Riduzione in schiavitù ed una sfoltita hai 300 milioni di americani.

  • Ercole

    1 )quando si va al supermercato vogliono i soldi ,non ti chiedono l’etica . 2)dal momento che il comunismo non e mai esistito ,questa e una prospettiva storica,e in tutti i paesi del mondo lo scambio avviene con la moneta, quindi e il capitalismo che per il momento la fa da padrone , ed e prossimo al fallimento, con tutte le sue contraddizioni!!!!!!!