Home / ComeDonChisciotte / UN INTERVENTO IMMINENTE ? GRECIA, ITALIA E MALTA CHIUDONO LO SPAZIO AEREO AGLI AEREI LIBICI
16291-thumb.jpg

UN INTERVENTO IMMINENTE ? GRECIA, ITALIA E MALTA CHIUDONO LO SPAZIO AEREO AGLI AEREI LIBICI

FONTE: ZEROHEDGE.COM

Stanno succedendo strane cose nel mare Mediterraneo. Quasi simultaneamente 3 nazioni nel Mediterraneo hanno chiuso il loro spazio aereo agli aerei provenienti dalla Libia. Le eccezioni sono veramente poche e riguardano gli aerei che trasportano forze militari ed evacuati.

Contemporaneamente si sono tenute 3 esercitazioni militari della NATO ma non hanno niente a che fare con questo.

La prima nazione a chiudere lo spazio aereo è stata l`Italia, seguita da Malta e oggi (Mercoledì 26 maggio N.d.T.) e` stato il turno della Grecia. Tutte e tre le nazioni hanno diramato diversi NOTAM

(Il NOTAM e` un bollettino di allerta diramato dal` Ente dell`aviazione verso i piloti segnalando potenziali pericoli per la sicurezza nei cieli N.d.T.).

L`undici maggio l`Italia chiude il suo spazio aereo (dal 12 maggio 2016 sino all’ 8 settembre 2016) e conseguentemente nello stesso periodo Malta segue l`Italia con il seguente NOTAM diramato il dodici di Maggio

Il NOTAM della Grecia è stato diramato oggi (25 maggio 2016 N.d.T.) vietando l`ingresso nello spazio aereo greco agli aerei provenienti dalla Libia per un periodo di tempo dal venticinque di maggio all` otto settembre.

Si può quindi notare la sovrapposizione della chiusura dello spazio aereo nelle tre nazioni per un periodo che va da 25 maggio 2016 al 8 agosto 2016.

La cosa interessante che si può riscontrare nel NOTAM greco è che gli “aerei militari di altre nazioni, voli di stato o altri voli di rilevanza, aerei di soccorso medico” non ricadono nella categoria dei voli a cui è precluso il volo sullo spazio aereo della Grecia.

L`Italia riporta nel suo NOTAM alcune eccezioni, ma non per gli aerei di soccorso medico.

Perché quindi la Grecia, Italia e Malta hanno bisogno di chiudere il loro spazio aereo ai voli provenienti dalla Libia? Gli alleati della NATO hanno qualcosa in mente? Ci sarà un imminente intervento in Libia? Era l`inizio di aprile quando il presidente degli Stati Uniti d` America Barack Obama e il segretario generale Jens Stoltenberg hanno dichiarato che avrebbero potuto aiutare la Libia nella lotta allo Stato Islamico.

Il sito internet di notizie sulla difesa OnAlert.gr che ha portato a galla questa notizia esclusiva, evidenzia il fatto che già dal 17 Maggio 2016 è in corso una esercitazione NATO chiamata Phoenix Express 2016 al largo della costa dell’ isola di Creta.

Le forze che partecipano a questa esercitazione provengono da diverse nazioni: Algeria, Egitto, Grecia, Italia, Malta, Mauritania, Marocco, Spagna, Tunisia, Turchia e Stati Uniti d`America. L’ esercitazione si basa sul riprodurre uno scenario geografico del Nord Africa.

Una porzione dell` esercitazione verificherà le abilità delle forze Europee ed Americane nella repressione del traffico illegale di migranti, il traffico illecito ed il trasporto di armi di distruzione di massa. Le forze partecipanti si eserciteranno nella procedure di ricerca e recupero di navi in difficoltà. Il Centro per le Operazioni Maritme (MOCs Maritime Operation Centers) si eserciterà sullo scambio di informazioni.

L`esercitazione Phoenix Express è una delle 6 esercitazioni congiunte tra le forze Europee, Africane ed Americane (come annunciato dalla USA Navy).

L`esercitazione Phoenix Express si concluderà il 27 maggio 2016.

Secondo il NOTAM della Grecia, subito dopo questa esercitazione si terranno altre due esercitazioni NATO una nella parte sud-ovest dell`isola di Creta ( 30 Maggio- 21 Giugno) e un’ altra nella parte sud-ovest dell`isola di Karpathos (31 Maggio-1 Giugno).

Secondo il sito OnAlert.gr recentemente c`è stato un incremento delle esercitazioni Nato in questa zona. Pare dunque evidente che la Grecia avrà un ruolo significativo in un possibile intervento contro la Libia e sarà in grado di ricevere aerei provenienti dalla Libia che trasportano personaggi di rilievo, evacuati etc..

Nel caso in cui lo scenario descritto si realizzi questo accadrà nel corso di questa estate.

Non è chiaro se le nazioni confinanti con la Libia come l`Egitto, Algeria e Tunisia abbiano diramato a loro volta dei NOTAM simili a quelli diramati da Italia, Grecia e Malta.

Fonte: www.zerohedge.com

Link: http://www.zerohedge.com/news/2016-05-25/imminent-intervention-greece-italy-malta-close-airspace-aircraft-libya

26.05.2016

Via KeepTalkingGreece.com

Scelto e tradotto per www.comedonchisciotte.org da Hampsicora

Pubblicato da Davide

  • giannis

    La marina militare italiana va a prendere i migranti nei barconi nelle acque libiche e li porta in Italia….piano kalergi a tutta velocita’

  • mda1

    chiudono lo spazio aereo e poi vanno a prendere 3000 bocche da sfamare ogni giorno.
    this is repubblica delle banane.

  • lanzo

    Concordo con Giannis

    Perche’ i barconi non sbarcano sulle cose dei favolosi Emirati, quelli che regalano i rolex come fossero caramelle, che poi non si sa che fine abbiano fatto, eppure hanno gran soldi e grandi spazi…
  • lanzo

    Aggiungo. abbiamo visto di che pasta son fatti questi militari, l’ammiraglio che faceva party privati a spese nostre – il pesce puzza dalla testa – il salvataggio dei barconi e profughi e’ una questione di EMERGENZA, quindi nessun controllo sulle spese, la corte dei conti non ci puo mettere becco – ma le sapete ste’ cose ? il famoso cacciavite che il pentagono rendiconto’ a 200 dollari.

    Ormai siamo alla frutta.
  • venezia63jr

    E’ tradizione banchettare e divertirsi mentre il titanic affonda.