Home / ComeDonChisciotte / TUTTI A CASA. DEL RESTO PARLEREMO DOPO

TUTTI A CASA. DEL RESTO PARLEREMO DOPO

DI MASSIMO FINI
ilfattoquotidiano.it

L’Europa unita è nata male. Doveva essere prima politica e poi economica.
Questo la sapevano benissimo Adenauer, De Gasperi, Spaak che, nel dopoguerra,
ebbero quell’idea. Ma sapevano altrettanto bene che gli americani non glielo avrebbero permesso. Del resto Washington si è sempre messa di traverso a ogni tentativo, in qualunque forma
fosse espresso, di costituire un’unità europea.Quando a metà degli anni Ottanta Francia e Germania provarono a mettere in piedi un esercito franco-tedesco che doveva essere il primo nucleo di un esercito europeo, senza il quale non sarà mai possibile un’Europa veramente indipendente, gli americani si opposero e mandarono in fumo il progetto.

L’Europa quindi, attraverso lunghe e difficili tappe, si è formata come unione economica e, dal 2002, anche
monetaria. E l’unione monetaria, priva di un centro politico formalizzato e legittimato, ha provocato problemi seri in vari Paesi. Ma è grottesco il tentativo dei partiti di scaricare, chi in maggior misura, la cosiddetta destra, chi in minore, la cosiddetta sinistra, il montante disagio italiano sull’euro e sull’Europa.

I primi responsabili di quel disagio siamo noi e principalmente proprio quei partiti che oggi se ne lagnano o tentano di cavalcarlo. Deriva da trent ’anni di una politica dissennata e malavitosa della nostra classe dirigente. Dalle pensioni di vecchiaia fasulle, dalle pensioni di invalidità false, dalle pensioni baby, dalle pensioni d’oro elargite negli anni Ottanta per ragioni clientelari e di scambio di voti. Dal sistema mafioso delle tangenti che, secondo i calcoli prudenziali di Giuliano Cazzola, ci è costato 630 miliardi, un quarto di quel debito pubblico che oggi è la principale causa delle nostre difficoltà in Europa. Mani Pulite fu l’ultima
occasione. Il dernier appel.
Ma non fu ascoltato. Al contrario, i magistrati divennero i veri colpevoli e i ladri le vittime.
Così le ruberie pubbliche sono continuate nelle forme più vergognose e umilianti e
sono all’origine, come ha ammesso lo stesso Napolitano, di una protesta sempre
più dilagante (astensione, grillismo, forconi) Lunedi sera nel salotto di Porta a Porta c’erano Alemanno, Salvini, la Serrachiani oltre a Marcello Sorgi.
La solita compagmia di giro di politici e giornalisti complici.

Ma Vespa ha avuto l’imprudenza di sentire, sia pur in collegamento, il contadino Danilo Calvani il leader del “movimento 9 dicembre” il quale a ogni tentativo dell’insetto, come lo chiama Travaglio, di fare il pompiere (“Fate proposte concrete. Così non otterrete niente, nemmeno le dimissioni di un usciere”) rispondeva invariabilmente: “Tutti a casa.
Del resto parleremo dopo”).

Ho cambiato canale e ho sentito Nichi Vendola parlare di “un miliardario che sfrutta il disagio della povera gente”. Pensavo si riferisse a Berlusconi. Parlava invece di Grillo.

Il movimento di Grillo è nato prima della protesta popolare, l’ha semplicemente anticipata e non sfrutta
assolutamente nulla perché ne fa parte. Il “miliardario” Grillo ha una casa sulle colline di Genova e un’altra sotto Cecina nella parte meno prestigiosa del litorale toscano, belle case indubbiamente ma niente di sesquipedale e comunque frutto di decenni di un lavoro di successo, cosa che non si può dire di Vendola che è parlamentare dal 1992. Anche
Nichi Vendola è uno di quelli da rottamare. “Tutti a casa”.

Massimo Fini
Fonte: www.ilfattoquotidiano.it
21.12.2013

Titolo originale: L’europa è nata male e noi non stiamo bene

Pubblicato da Davide