Home / Spazio utenti / TURCHIA: GOLPE ORGANIZZATO DAL GENERALE USA JOHN F. CAMPBELL?
16475-thumb.png

TURCHIA: GOLPE ORGANIZZATO DAL GENERALE USA JOHN F. CAMPBELL?

Il golpe è stato organizzato dal generale statunitense John F. Campbell?

DI STEFANO D’ANDREA

appelloalpopolo.it

La circostanza che, subito dopo il tentativo di golpe in Turchia, la stampa occidentale, anziché cercare di scoprire chi fossero i miserabili che avevano organizzato il golpe, avesse iniziato a scrivere un numero infinito di articoli contro la reazione di Erdogan, ignorando che tutti i partiti laici si erano immediatamente schierati contro i golpisti, scambiando provvedimenti amministrativi, giustificati, per il momento, dallo “Stato di emergenza” dichiarato ai sensi dell’art. 120 della Costituzione turca, e che saranno sottoposti al controllo dei tribunali civili, per provvedimenti definitivi, imputando ad Erdogan alcuni episodi violenti avvenuti nelle piazze la sera del fallito golpe, del tutto prevedibili in situazioni analoghe e dei quali Erdogan evidentemente non ha alcuna responsabilità, e accusando Erdogan di avere le liste di proscrizione già pronte (fino ad ipotizzare l’auto-golpe, tesi strampalata sostenuta quasi soltanto in Italia e dal probabile golpista Gulen), senza tener conto che Erdogan imputa la responsabilità politica del golpe ai “Gulenisti”, i quali gestiscono decine di Università e altre istituzioni private, e sono una setta o massoneria che esprime notoriamente giudici costituzionali e circa duemila alti magistrati, e quindi senza tener che i nomi dei gulenisti erano ovviamente già noti (sono stati sospesi tutti i docenti che insegnano nelle università guleniste, ecc. ecc.), mi aveva subito fatto ipotizzare che in qualche modo gli Stati Uniti, grazie al “dominio delle onde”, e per mezzo di centinaia e centinaia di giornalisti-spia da essi lautamente pagati, stessero tentando di destabilizzare la Turchia.

Invece, secondo “voci” relative ai primi risultati delle indagini sul golpe – voci riferite da un giornale particolarmente vicino ad Erdogan – sembra che il ruolo degli Stati Uniti sia stato molto maggiore e che a capo dei miserabili che hanno organizzato il golpe vi fosse un generale statunitense in pensione, John F. Campbell, ex comandante in capo delle forze ISAF in Afghanistan, il quale avrebbe agito in combutta con elementi della CIA: dalla Nigeria sarebbero stati tasferiti in Turchia ottanta milioni di dollari per convincere i militari golpisti, alcuni dei quali avrebbero confessato di aver chiesto a Gulen di appoggiare il golpe. Insomma, il golpe, stando a queste voci, sarebbe stato organizzato proprio dagli Stati Uniti.

Speriamo che in Italia ci sia almeno un giornalista serio che rinvii ad altra data il giudizio sulla reazione di Erdogan – attendendo di verificare se lo “stato di emergenza” dichiarato ai sensi dell’art. 120 della Costituzione Turca durerà il tempo costituzionalmente consentito e se i provvedimenti di sospensione, espulsione e arresto saranno sottoposti al vaglio della magistratura turca – e si dedichi ad indagare il fatto di colossale importanza, certamente un evento storico che potrebbe generare conseguenze geopolitiche fino a qualche giorno fa impensabili e che è costituito dal tentativo di golpe. E’ il tentativo di golpe il fatto da indagare, non la reazione del governo turco, che ha una importanza infinitamente inferiore e che, sotto il profilo della legalità, potrà essere valutata soltanto tra alcuni mesi.

La notizia relativa alla ipotizzata responsabilità del generale John F. Campbell si legge qua.

Intanto oggi in Turchia è scoppiato un sospetto e gigantesco incendio nei pressi di una base NATO. La notizia si legge e ascolta qua, dove si trovano anche foto e video.

Stefano D’Andrea

Fonte: www.appelloalpopolo.it

Link: http://www.appelloalpopolo.it/?p=16245

25.07.2016

Articolo ripreso dai forum, dove è già presente con commenti.

Pubblicato da Truman

  • stefanodandrea

    Aggiungo anche qua l’aggiornamento, ricordando che a diffondere queste notizie è un giornale molto vicino ad Erdogan.

    “(ANSAmed) – ISTANBUL, 26 LUG – In cambio del loro presunto appoggio al tentativo di golpe in Turchia, gli Stati Uniti avrebbero ottenuto una nuova base militare al confine con la Siria: a lanciare l’accusa è ancora il quotidiano Yeni Safak, vicino al presidente Recep Tayyip Erdogan, che ieri aveva denunciato un supposto coinvolgimento della Cia, definendo gli Stati Uniti come “gli architetti” del putsch insieme a Fethullah Gulen. Dopo le accuse al generale Usa in pensione John Campbell, che le ha respinte definendole “assolutamente ridicole”, nel mirino è finito oggi Henri Barkey, ex ufficiale dell’agenzia di intelligence Usa e attuale direttore del programma per il Medio Oriente al Woodrow Wilson Center. Secondo il giornale, che cita fonti delle indagini, avrebbe trascorso la notte del golpe in un hotel delle isole dei Principi, al largo di Istanbul, organizzando un presunto “incontro clandestino” con altri esperti stranieri.

    Si tratta di attacchi pesantissimi, che rischiano di complicare ulteriormente i rapporti con Washington, mentre Ankara continua a chiedere con forza l’estradizione di Gulen.

    Oggi alle accuse ha peraltro fatto esplicito riferimento il leader del partito nazionalista Mhp, Devlet Bahceli. Se provate, ha detto, “significherebbe che gli Usa e i centri del potere globale vogliono trascinare la Turchia nella guerra civile”. Giovedì, il gruppo ultraconservatore Associazione della Gioventù Anatolica ha organizzato una manifestazione davanti alla base Nato di Incirlik, nel sud del Paese, per mandare “un messaggio agli Usa golpisti”. (ANSAmed).”