Home / ComeDonChisciotte / TRIVELLOPOLI: LES LIAISONS DANGEREUSES
16208-thumb.jpg

TRIVELLOPOLI: LES LIAISONS DANGEREUSES

DI ROSANNA SPADINI

comedonchisciotte.org

Nel regno di Trivellopoli accadono cose strane e ugualmente meravigliose, non mai accadute in altri regni limitrofi, perché l’amore vince sempre sull’interesse … il bene pubblico sul bene privato … la costituzione sul caos istituzionale. Tempa Rossa per esempio è un giacimento petrolifero situato nell’alta valle del Sauro, nel cuore della satrapia della Basilicata. Renzi il sovrano difende il provvedimento canaglia su cui è scivolata l’ex ministra Guidi e il progetto Tempa Rossa diventa «strategico per il Paese». «Vorrei chiarire, che l’indagine non riguarda il dovere di sbloccare le opere pubbliche: a noi i cittadini ci pagano per questo.» Ecco … poco importa se in questo caso l’opera era privata, l’interesse era privato, la compagnia era privata … invece la marchetta quella sì era pubblica.

Ma il sovrano difende anche il ministro #mariaele «che per il suo ruolo deve autorizzare gli emendamenti» e quindi anche quello sotto accusa … e alla fine difende soprattutto se stesso perché «con noi la Guidi si è dimessa ma la Cancellieri non lo fece». Nel frattempo i cavalieri erranti di opposizione, M5S e Lega, annunciano una mozione di sfiducia al Governo, quindi la battaglia tra il sovrano e le opposizioni si protrarrà nel grande palio di primavera, tra dati economici e urne aperte e con lo spettro di nuove inchieste che potrebbero rivelarsi ancora più minacciose.

Dapprima ghiaccio bollente su tutta la stampa … poi compare una misteriosa donzella “Maria Elena”, presente nell’intercettazione che ha seminato l’allarme in tutto il governo e provocato le dimissioni della ministra Guidi … infatti la norma per sbloccare Tempa Rossa prevede in particolare di «semplificare la realizzazione di opere strumentali alle infrastrutture energetiche strategiche» e a «promuovere i relativi investimenti e le connesse ricadute anche in termini occupazionali». Perché il governo va immediatamente in fibrillazione? C’è stata qualche tangente milionaria?

L’emendamento incandescente, salito alla ribalta della cronaca, non voleva quindi favorire tanto l’Italia, quanto solo le compagnie petrolifere Shell e Total, le quali miravano soprattutto ad esportare il petrolio lucano, e dunque per raggiungere il loro scopo, iniziarono a frequentare gli uffici di Palazzo Chigi. Aumentò a un certo punto in maniera esponenziale una corrispondenza web tra l’ufficio del Mise guidato dal ministro Guidi e lo staff allestito da Palazzo Chigi, tra gli esperti della Boschi e i rappresentanti delle compagnie petrolifere.

Quindi anche lo staff del ministro #mariaele partecipa alla stesura dell’emendamento che esautorerà le autonomie locali pugliesi e tarantine dalla questione esportazione, la stessa ministra infatti riceverà più volte nei suoi uffici i rappresentanti di Shell e Total. La realizzazione del progetto poi, che interessa alle compagnie straniere, in realtà non comporterà però alcun vantaggio per l’Italia, visto che non coinvolgerà lEni e non servirà al consumo interno di greggio, bensì soltanto all’esportazione.

Nel procedere della vicenda lobbistica, all’interno del Pd si era propagato un caos calmo, da un lato il governatore lucano Marcello Pittella, dall’altro Michele Emiliano (Puglia), infine la corazzata Renzi-Lotti-Boschi. Nell’agone politico Renzi doveva piegare i suoi satrapi Pittella e soprattutto Emiliano, che stavano protestando. Gli esperti della Boschi avevano preso in carico la questione, per inserire assolutamente l’emendamento nella Legge di Stabilità, dopo aver perso il treno dello Sblocca Italia. Infine per la gioia di Gianluca Gemelli, il fidanzato della Guidi che, sfruttando il nome della ministra, riesce ora a ingraziarsi la Total e a incassare un subappalto, nella Lucania della Tempa Rossa, da ben 2,5 milioni di euro.

Del resto le forti pressione della diplomazia internazionale avevano iniziato con email e telefonate, che cercavano di risolvere il problema dell’esportazione del petrolio lucano in maniera indolore. Lo schema sempre quello: prima si muove la diplomazia, poi i rappresentanti delle compagnie, per operare quella pressione lobbistica alla quale Renzi non voleva assolutamente sottrarsi.

Naturalmente il premier ha catturato due bei piccioncini con una fava: proteggere l’amata #mariaele, finita nella centrifuga delle intercettazioni e dell’inchiesta di Potenza, e salvare il salvabile di quello che rimane di un governo direttamente dipendente dalle lobby. Intanto la dama del premier scarica immediatamente la ministra Guidi: “Non sapevo che avesse un compagno (fidanzato prego), né che lui avesse interesse ad occuparsi del ministero di lei.” Poi subito dopo il premier aggiunge che l’emendamento “ad libitum privatum” era “un provvedimento giusto, sacrosanto, perché crea posti di lavoro”, dunque “è naturale che il ministro dei Rapporti con il Parlamento lo firmi: un atto dovuto”. In realtà, come emerge dalle carte, la marchetta per Total e Shell l’ha gestita direttamente il premier, usando la dolcissima #mariaele come scudo umano.

Però per il premier, esperto di talent-show, iniziano i dolori dopo le famigerate intercettazioni … cribbio !! … un vero e proprio abuso, particolarmente rischioso per la democrazia, ha detto il padre putativo del Nazareno … e poi questa figuraccia può dare una spinta vincente al tanto odiato Referendum sulle trivelle … A quel punto anche la tenera #mariaele si sente autorizzata a ripetere a pappagallo che “Tempa Rossa è strategico per il Paese e prevede molti occupati nel Sud: lo rifirmerei domattina”. Peccato che sia una bufala.

Bando alle ciance … l’affare Tempa Rossa non riguarda un’opera pubblica, ma privata, e ci guadagnano le compagnie petrolifere, con i soldi dello stato, è un piano strategico per estrarre petrolio in Basilicata, costruire un oleodotto per portarlo a Taranto, e là realizzare due grandi cisterne e una banchina per l’attracco delle petroliere Total (private), per il trasporto del petrolio (italico) in Turchia.

Per di più l’emendamento canaglia, non solo opera contro gli interessi dei cittadini, ma anche contro il benessere ambientale, dato che le emissioni inquinanti aumenteranno del 10%, e per di più impedisce ai governatori di Puglia e Basilicata di pretendere le royalties per caparra contro eventuali guasti e rischi ambientali … quindi il premier non ha sbloccato un’opera pubblica utile al territorio, al contrario ha bloccato l’obbligo per le compagnie private di pagare per eventuali rischi.

Non c’è nessuna opera pubblica, ci sono interessi privati … e la Guidi non si è dimessa perché ha fatto passare lo sconcio emendamento, ma perché si è fatta beccare in flagrante dalle intercettazioni … una legge dello stato italiano che favorisce un interesse privato e danneggia il benessere economico, sociale e ambientale pubblico. Infatti il petrolio italico che si estrae in Basilicata non resta agli italiani, e le multinazionali pagano le royalties a prezzi stracciati, o non le pagano addirittura. Ma soprattutto non va dimenticato il disastro ambientale provocato per cittadini, agricoltori e allevatori del territorio.

Oggi investendo 1 miliardo di euro in petrolio si producono circa mille posti di lavoro, lo stesso miliardo investito in energie rinnovabili produrrebbe 17 mila posti di lavoro, e senza rischi ambientali. Forse gli stessi investimenti potevano essere diretti alla produzione di energie rinnovabili? E la bolletta dei cittadini si sta alzando o abbassando?

Purtroppo però il caso Tempa Rossa è solo l’ultimo di tanti interventi che, anno dopo anno, in Leggi finanziarie o decreti d’urgenza, hanno permesso di costruire un sistema di regole a tutto vantaggio delle compagnie private che estraggono petrolio e gas in Italia. Dalle concessioni a vita per le piattaforme (e nessun controllo sullo smantellamento) introdotte nella legge di stabilità 2016, alle royalties irrisorie (e deducibili dalle tasse), dai costi minimi per le aree in concessione, ai milioni di euro (246) in investimenti e finanziamenti da enti pubblici.

“Nel 2016 i privilegi di cui godono i petrolieri risultano del tutto insopportabili per ragioni di giustizia e di difesa del pianeta dai cambiamenti climatici – dichiara il vice presidente di Legambiente Edoardo Zanchini – Tanto più che le fonti rinnovabili, efficaci e competitive da un punto di vista economico, vengono frenate da questi privilegi e da assurde nuove barriere che ne impediscono la diffusione, in un Paese che avrebbe tutto da guadagnare nel diventare sempre meno dipendente dalle fonti fossili e dalle importazioni. Insomma, la transazione verso l’energia pulita sarebbe il processo più logico e sensato se il nostro ministero dello Sviluppo economico non fosse in realtà un ministero del Petrolio anni ‘50 ”. (www.lastampa.it)

Nello specifico, rispetto alle concessioni, con l’ultima legge di stabilità 2016 il Governo, mentre vietava tutte le nuove attività entro le 12 miglia marine, stabiliva che tutti i titoli abilitativi già esistenti potessero andare avanti fino a vita utile del giacimento, ovvero a tempo illimitato. Le royalties in Italia sono pari solo al 10% per il gas e al 7% per il petrolio in mare. Sono inoltre esenti dal pagamento di aliquote allo Stato le prime 20 mila tonnellate di petrolio prodotte annualmente in terraferma, le prime 50 mila tonnellate di petrolio prodotte in mare, i primi 25 milioni di metri cubi standard di gas estratti in terra e i primi 80 milioni di metri cubi standard in mare: cioè, entro quei limiti è tutto gratis. Il risultato? Nel 2015 su un totale di 26 concessioni produttive solo 5 di quelle a gas e 4 a petrolio, hanno pagato le royalties. Tutte le altre hanno estratto quantitativi tali da rimanere sotto la franchigia e quindi non versare il pagamento a Stato, Regioni e Comuni.

Molto conveniente per le imprese straniere, che altrove trovano ben altre condizioni: in Danimarca dove non esistono più royalties ma si applica un prelievo fiscale per le attività di esplorazione e produzione, questo arriva fino al 77%. In Inghilterra può arrivare fino all’82% mentre in Norvegia è al 78% a cui però bisogna aggiungere dei canoni di concessione. «Se in Italia avessimo portato le royalties al 50%, (proposta avanzata da Legambiente), nel 2015 ci saremmo trovati invece che con un gettito di 352 milioni di euro con uno da 1.408 milioni». (www.lastampa.it)

Dunque nel regno di Trivellopoli accadono cose strane e ugualmente meravigliose … e mentre il premier Renzi e i suoi megafoni continuano a battere gli studi televisivi, diffondendo bufale seriali e messaggi distraenti, appare sempre più evidente la sbugiardata della beffa: il governo del regno ha firmato una legge per sbloccare concessioni petrolifere a vantaggio della multinazionale Total, la quale ha poi concesso appalti al fidanzato della ministra per lo sviluppo economico … suo naturalmente. Insomma la “sburocratizzazione” vale solo per i petrolieri, e il governo schiavo delle lobby petrolifere e delle multinazionali produce leggi soprattutto per banchieri e petrolieri … in una pratica di predazione nauseabonda e sistematica, di finanziamenti pubblici che alimentano legge dopo legge gli interessi privati.

Rosanna Spadini

Fonte: www.comedonchisciotte.org

5.04.2016

Riferimenti

http://www.lastampa.it/2016/04/04/scienza/ambiente/focus/concessioni-a-vita-royalties-modeste-sconti-fiscali-dossier-di-legambiente-sul-settore-del-petrolio-YB1HGNE9n06walozWIjviN/pagina.html

http://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/dimissioni-lampo-federica-guidi-renzi-ha-tentato-proteggere-121786.htm

http://www.ilfattoquotidiano.it/2016/04/03/petrolio-basilicata-lemendamento-sblocca-tempa-rossa-e-opera-di-renzi-per-fare-un-favore-total-e-shell/2604013/

http://www.ilfattoquotidiano.it/2016/04/03/inchiesta-petrolio-renzi-lemendamento-contestato-lho-voluto-io-e-lo-rivendico/2604241/

http://www.affaritaliani.it/cronache/guidi-arresto-gemelli-disastro.html

Pubblicato da Davide

  • annibale51
    Gossip!
  • pippospano

    Mi spiace per lei ma questi sono fatti.

  • bstrnt

    Prima di dire gossip, magari controllare … sull’articolo ci sono cifre che possono essere controllate, più voci si rincorrono sulle royalties petrolifere in Italia che sono risibili, da anni si va ripetendo che gli insediamenti petroliferi in Basilicata hanno provocato danni irreparabili all’ambiente e mi sembra che negli ultimi tempi vengano riesumate prove risalente almeno a un lustro fa e infine perché Tempa Rossa viene lasciata a Total istigatrice del viscido Sarkozy sulla distruzione della Libia, con evidenti danni all’industria estrattiva nazionale che deteneva concessioni in quei luoghi?

  • AlbertoConti

    "è un piano strategico per estrarre petrolio in Basilicata, costruire un
    oleodotto per portarlo a Taranto, e là realizzare due grandi cisterne e
    una banchina per l’attracco delle petroliere Total (private), per il
    trasporto del petrolio (italico) in Turchia."

    Se è vero basta e avanza per chiudere l’indecente partita "renzi".
    Del resto comprare petrolio dall’estero e rivendere il nostro all’estero fa parte dell’assurdo a cui siamo abituati. W la libera circolazione, di tutto tranne che dell’informazione corretta.

  • Rosanna

    Per quale motivo annibale51 definisci gossip l’articolo?
    Che cosa non ti torna?

  • annibale51
    La prima impressione che mi ha dato questo articolo è il solito attacco al governo. Son passati 2 anni, il governo Renzi per qualche motivo inizia a "puzzare" come Letta prima di lui, Monti, Berlusconi e altre decine nella storia di questo sfortunato paese… è la solita stampa;  giù con la denigrazione. Per questo m’ è venuto gossip. Poi non capisco la fonte, l’ intercettazione telefonica di una ministra al suo fidanzato!?  secondo me da escludere a priori: per rispetto verso la ministra e perché al fidanzato una dice ciò che vuole e mica sempre la verità. Da perseguire chi intercetta i ministri! Condivido la seconda parte del tuo articolo nel merito, se confermata, da processare per alto tradimento chi SVENDE il patrimonio pubblico a stranieri, applicando CODICE DI GUERRA, ma qui sono da processare tutti i politici degli ultimi 30 anni, e stare ben larghi,  mica solo Renzi e il suo governo! 
  • PietroGE

    D’accordo con quasi tutto l’articolo tranne la parte relativa alle rinnovabili. Questa purtroppo è una illusione piuttosto diffusa. L’Italia, come Paese industrializzato, ha bisogno di energia ad alta densità. Non può soddisfare i bisogni con l’eolico o il fotovoltaico. Noi non abbiamo a disposizione il deserto libico per costruire giganteschi impianti solari, siamo un Paese già sovrappopolato e fino a quando non sarà disponibile l’energia di fusione nucleare avremo sempre bisogno di energia fossile.

    L’esperienza tedesca insegna che l’eolico, ad esempio, comporta problemi di trasporto dell’energia elettrica che non erano evidenti all’inizio, fragilità e vita media delle pale e rumori fastidiosi. Il fotovoltaico dipende dalla insolazione e purtroppo il fabbisogno di energia è massimo quando c’è meno sole.

  • Rosanna

    Grazie per la risposta articolo51, su alcune cose che dici sono d’accordo, su altre no … per questi semplici e verificabili motivi:

    1) è vero che il governo Renzi inizia a "puzzare" come Letta prima di lui, Monti, Berlusconi… e i motivi potrebbero esere tanti … probabilmente perché non ha fatto bene i compiti soprattutto su due fronti … ha avuto l’ardire di "ribellarsi" ai diktat dell’Europa (ribellione più apparente che sostanziale), ma soprattutto sta frenando sulla guerra in Libia … e questo sgarbo al comparto  finanziario militare americano non glielo devi fare

    2) la ministra Guidi poi compare e ricompare nelle oltre 800 pagine dell’ordinanza di custodia cautelare che ha portato all’arresto di sei dipendenti del centro Eni di Viggiano (Potenza) per traffico e smaltimento di rifiuti [www.ilfattoquotidiano.it]. Il suo compagno Gianluca Gemelli,
    titolare della società I.T.S e della Ponterosso Engeneering, indagato
    nell’inchiesta, è il personaggio principale di una storia che racconta
    come la lobby del petrolio sia riuscita a ottenere un emendamento favorevole prima
    bocciato nello Sblocca Italia e poi resuscitato nella Legge di
    stabilità. L’indagine potentina ha due filoni; quello sul Centro Olio in
    Val d’Agri (dove è stata sospesa la produzione di petrolio) e l’altro
    sull’impianto estrattivo della Total a Tempa Rossa.
    Ed è per questa tranche d’inchiesta che Gemelli risponde per traffico
    di influenze ed è in alcune intercettazioni che viene citato il nome del
    ministro per le Riforme Maria Elena Boschi.

    3) se non ci fossero le intercettazioni i soliti noti, ovvero la casta corrotta e ladrona, potrebbero continuare a ripulirti il portafoglio impunemente … invece per fortuna le intercettazioni ogni tanto portano alla ribalta le fogne delle relazioni affaristiche della politica e qualche condanna ci scappa.

    4) sul fatto che la ministra racconti al suo fidanzato le amenità della vita ministeriale, non ci interessa un granché … però se la ministra, nella sua veste di ministra, opera per favorire con i soldi pubblici un affare privato che vale milioni di euro e per contribuire all’appalto di 2.5 milioni di euro per il fidanzato … questo permetti ci interessa molto …

    5) rispetto verso la ministra ? mi sembra che sia stata lei a mancare di rispetto agli italiani, che rappresenta, nel suo ruolo di esponente di un governo repubblicano e democratico … è lei che deve rispettarci e non dirottare soldi pubblici a favore dei privati .. o peggio a favore del suo fidanzato.

  • Rosanna

    PietroGE, sull’uso di energie rinnovabili ho letto altre fonti … per esempio se si adottasse fin da ora un piano 30ennale di produzione si potrebbero raggiungere ottimi risultati …

    L’Eurostat (il servizio statistico dell’UE) ha
    pubblicato il 10 marzo 2015 un Rapporto dal quale emerge che l’Italia è
    prossima al raggiungimento del proprio target: nel 2013 l’incidenza
    delle fonti rinnovabili sul consumo finale lordo di energia ha raggiunto
    in Italia il 16,7%, meno di mezzo punto al di sotto dell’obiettivo del
    17% previsto per il 2020 e sopra la media europea del 15%.

    Sono tre, invece, gli Stati Membri che hanno già raggiunto i loro obiettivi per il 2020 (Svezia, con il 52,1% nel 2013; Bulgaria ed Estonia, rispettivamente, al 19% e al 25,6 % nel 2013).

    Nel 2013, la quota di energia da fonti rinnovabili, infatti, nel consumo finale lordo di energia ha raggiunto il 15 % nell’Unione Europea rispetto all’8,3% nel 2004 (il primo anno per cui sono disponibili i dati).

    quindi stati come Svezia, Estonia, Bulgaria, non mi sembra che abbiano un deserto infuocato …

    Per quanto riguarda la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili, l’Eurostat ha rilevato che nel 2013, la produzione lorda di elettricità da fonti rinnovabili è aumentata dell’11% rispetto al 2012.
    Tuttavia, il quadro varia a seconda della fonte di energia: si va da un
    aumento dell’1% per la produzione di energia elettrica da fonti
    rinnovabili di rifiuti ad un aumento del 20% per l’energia solare. Tra
    il 1990 e il 2012, la produzione totale di energia elettrica da fonti
    rinnovabili è aumentata del 177%.

    Nel 2013, la produzione di elettricità da fonti rinnovabili ha rappresentato il 26% della produzione totale lorda di elettricità.

    http://anie.it/energie-rinnovabili-nella-ue-quota-15-nel-2013-italia-vicina-al-raggiungimento-del-target-2020/?contesto-articolo=/osservatorio-europa/notizie#.VwZGCH3LKzk [anie.it]

    L’Olanda poi sarà il primo Paese europeo a garantire la totale
    sostenibilità energetica del proprio sistema ferroviario grazie alle
    risorse green. Il merito è di una intesa sottoscritta poco fa da Eneco e
    Vivens, in seguito alla quale la Eneco fornirà al partner il
    quantitativo di energia elettrica dall’eolico utile per poter soddisfare
    il fabbisogno nazionale del trasporto passeggeri (circa 2,3 milioni di
    persone) e di quello merci.

    Gli obiettivi – ambiziosi – sembrano esser già stati prefissati:
    coprire il 50% del fabbisogno entro i prossimi 18 mesi, per salire poi
    al 70% entro il 2016 e al 100% entro il 2018. Gli impianti eolici già
    forniscono la metà dell’energia richiesta dalla rete ferroviaria
    elettrica che ogni giorno viene utilizzata da 1,2 milioni di passeggeri.

    http://www.improntaunika.it/2015/09/treni-ad-energia-rinnovabile-realta-in-olanda-entro-2018/ [www.improntaunika.it]

  • Rosanna

    Notizie interessanti dell’ultima ora:

    http://www.ilgiornale.it/news/politica/caso-guidi-spuntano-i-dossier-ho-foto-delrio-coi-mafiosi-1243293.html?mobile_detect=false [www.ilgiornale.it]

    Caso Guidi, spuntano i dossier: "Ho le foto di Delrio coi mafiosi"

    Le
    intercettazioni dell’inchiesta petrolio fanno mergere un "quartierino
    di furbetti" intorno al fidanzato dell’ex ministro Guidi. Che vantava di
    avere anche dossier pronti sul ministro delle Infrastrutture, Graziano
    Delrio

    L’inchiesta di Potenza sul "caso Total"
    non si ferma e ora i verbali delle intercettazioni fanno emergere
    alcuni particolari sul "quartierino di furbetti" (come l’ha chiamato la
    stessa Federica Guidi) che si era creato intorno al fidanzato del ministro, Gianluca Gemelli.

    Sempre a detta della Guidi, questo giro di potere avrebbe gestito in qualche modo il ministero dello Sviluppo Economico,
    pilotando addirittura le nomine ai vertici del Mef. Ma non solo. Nelle
    mani del "quartierino" ci sarebbero stati anche dei dossier capaci di
    "ricattare" persone influenti di Palazzo Chigi e dintorni. Nel gennaio
    scorso, infatti, Valter Pastena (che ancora deve ottenere la consulenza
    al Mise) chiama al telefono Gemelli per metterlo in contatto con
    Colicchi. L’idea, probabilmente mai stata messa in pratica, è quella di
    ricattare il ministro delle Infrastrutture, Graziano Delrio. Colpevole, secondo loro, di voler mettere da parte la Guidi. …

  • helios

    Va beh ritoccare la foto, ma scrivere sotto in francese maccheronico mi pare eccessivo.

    E poi  far divrntare francesi  dei toscano  ci vuole una fantasia…
  • helios

    Come da foto

  • Rosanna

    Carissimo helios … era un po’ che non ti facevi sentire con  le tue gufate …

    ma se vogliamo parlare di immagini strane, dovremmo parlare di satira politica, storicamente e culturalmente, che trae origine dalla rabbia del cittadino  truffato dal potere, quindi cerca diverse modalità espressive, allegorie grottesche, divertenti, ironiche, ripugnanti …

    non so se hai visto qualche film di Sorrentino, per esempio “Il Divo” …. dove Andreotti viene proposto in maniera grottesca e deformata … oppure metafore filosofiche, quando Hegel sostiene che la filosofia è simile alla "Nottola di Minerva" (civetta sacra alla dea della sapienza) che inizia il suo volo solo al crepuscolo …. Dove vuol dire che la filosofia sorge quando una civiltà ha ormai compiuto il suo processo di formazione e si avvia al suo declino …

    O quello che Tarantino rivela in “Pulp Fiction”,  epitome del dominio incontrastato stabilito dalle immagini nella realtà odierna … proprio le immagini lo ossessionano … quindi a tratti le scene diventano violente, insanguinate, paradossalmente assurde … la normalità dell’esistenza si trasforma in un’allucinazione prolungata … nell’allucinazione della normalità.
    Quindi la satira ha sempre denunciato le colpe del potere che violenta l’ordine sociale con la sua sfrenata ambizione, attraverso la fantasia, l’immaginazione, le immagini , i simulacri del reale …

    io  quella immagine di Renzi cicisbeo la trovo molto divertente …  il “cavalier servente” che accompagna le dame alle feste dell’alta nobiltà … ma che nel nostro caso “serve” il potere di turno facendo un grosso favore ad una multinazionale … e per di più con soldi pubblici … cioè nostri …

  • helios

    L avevo capito. Quello che non capisco e perche mai storpiare la lingua francese. Non mi pare una gufata.

  • Rosanna

    La storpiatura della lingua francese fa parte della satira espressionistica, che deforma la realtà (immagine) … e deforma la lingua (francese) …

    quante ne incontriamo oggi sul linguaggio dell’informazione e della pubblicità … è una tecnica molto usata, anche perché molto ironica e straniante …