Home / ComeDonChisciotte / TITOLISTI CANNIBALI

TITOLISTI CANNIBALI

DI MIGUEL MARTINEZ

kelebeklerblog.com

Il vegano è un signore che non mangia prodotti animali.

Il titolista è un signore che campa mangiando altri esseri umani.

Piccolo esempio:

vegano

Il bambino aveva un difetto al cuore, che avrebbe avuto lo stesso anche se i genitori fossero stati insettivori.

Il bambino presumibilmente veniva ancora allattato dalla mamma.

E’ normale che si cominci lo svezzamento con pappe vegane fatte di passato di verdura e che la carne gli si dia dopo. Anche (spero) nelle famiglie dei titolisti onnivori.

La mamma, per fatti suoi, potrebbe pure essere vegana, ufologa o anche del PD.

Facciamo i titolisti anche noi:

“Bambino di famiglia cattolica salvato da tribunale: si era fatto male giocando a calcio”

Miguel Martinez

Fonte: http://kelebeklerblog.com

Link: http://kelebeklerblog.com/2016/07/08/titolisti-cannibali/

7.07.2016

Pubblicato da Davide

  • dar56

    Tutti questi attacchi (al veganesimo) reiterati, significa solo che loro (i non vegani) hanno paura, e che noi (vegani) stiamo aumentando, e quindi vincendo (l’ignoranza)!!

    Avanti così.
  • sotis

    Non ho capito nulla. Vuoi essere vegano è un tuo diritto   l’importante è che non ti creda superiore e sopratutto che qualcuno non dica che i carnivori hanno paura di chi è vegano. Personalmente , visto che dobbiamo tutti morire,  preferisco farlo mangiando carne, pesce formaggi uova…. anche verdure perchè no. Ma solo verdure "te le magni solo tu!"

     
  • Mattanza

    L’importante è non dire che i carnivori sono in conflitto etico inconscio (nevrosi) e si sentono male? Che hanno paura di prender in considerazione tale conflitto per eviitare di cercare una soluzione? Ma guarda te! Sicuramente chi si sente superiore per il sol fatto di esser vegano ha uuna visione unilaterale e riduttiva, ma d’altronde molti vegani sono dei fanatici è vero, cmnq si ha il diritto eccome di sostenere che il vaganesimo è una pratica virtuosa e "superiore" sotto molti punti di vista, non è una nnquestione di meriito sulle persone ma sulle pratiche/abitudini/atteggiamenti; sono schieratio in campop un "vecchio" e un "nuovo" modo di pensare/essere, ambo presentano estremismi unilaterali e fanatici, in mediium stat virtus.

  • gilberto6666
    • Da vegetaliano ho sempre avvertito l’esigenza di prendere le distanze dai "vegani"militanti. Specie quelli che credono di essere superiori ed avere da insegnare come vivere al mondo. Non sopporto l’ambiente suddetto. Anche perché spinge per reazione, a mangiare carne. I "veg" sono una iattura per la stessa causa che dicono di sostenere. Figuriamoci per gli altri.
  • blobbb

    già… peccato che il bambino oltre al problema al cuore, aveva anche gravi carenze di calcio,

    dovute ad una alimentazione sbagliata,
    i medici dopo un incontro "amichevole" con i genitori, per correggere  la carenza di calcio,
    visto il rifiuto di una dieta appropriata ,sono stati costretti a percorrere le vie legali, 
  • blobbb

    non capisco perchè dovrei aver paura dei vegani, a meno che nella vostra testa, non ci sia l’idea di proibire la carne a tutti….

  • dar56

    Forse mi sono espresso male, mi scuso. Non intendevo sostenere che il singolo individuo dovesse aver paura dei vegani, ma che la società del profitto ha paura della filosofia vegana, perché questo significa avere in futuro (un futuro sempre più vicino) un sistema basato su valori molto diversi da quelli attuali, e questo comporterà rinunciare a una montagna di profitti ai quali naturalmente non si vuole rinunciare. Ciao

  • Earth

    Ma come cazzo fa ad essere carente di calcio che e’ strapieno nell’ acqua che beviamo tutti i giorni? Ricordo che il calcio e’ il calcare.

  • dar56

    Non è una questione di sentirsi superiori o migliori. E’ un fatto però che i vegani (magari non tutti ma la maggior parte) hanno compreso, molto più dei "carnivori", che il consumo di carne, nuoce gravemente non solo alla propria salute e ad esseri viventi senzienti e coscienti, ma anche e soprattutto il pianeta (è un fatto questo provato e conclamato). Quindi, vuoi continuare a consumare prodotti animali? Bene, ma spero che tu non abbia figli perché il mondo che gli lascerai in eredità sarà sempre più devastato e invivibile, e questo solo per gola, ignoranza ed egoismo. Non sono meglio di te, semplicemente perché se ho cambiato io, lo può fare chiunque, si tratta di fare delle scelte. Ciao e auguri! =)

  • blobbb

    Il calcio è una componente nutrizionale presente sia negli  alimenti [www.my-personaltrainer.it] che nell’acqua, tuttavia, esistono non poche perplessità sulla reale biodisponibilità del sale minerale derivante da alcune fonti dietetiche.
    Gli alimenti che apportano la maggior parte del calcio dietetico sono quelli appartenenti al gruppo del  latte e derivati [www.my-personaltrainer.it] (65% del contenuto complessivo di una dieta "tipica"). Seguono gli  ortaggi [www.my-personaltrainer.it] e le  verdure [www.my-personaltrainer.it] (12%), i  cereali [www.my-personaltrainer.it] (8,5%) ed infine le  carni [www.my-personaltrainer.it] ed  il pesce [www.my-personaltrainer.it] (6,5%); le uova non contengono grosse quantità di calcio mentre i  legumi [www.my-personaltrainer.it], pur apportandone (in alcuni casi) livelli degni di nota, a causa dell’elevato contenuto in molecole antinutrizionali (vedi paragrafo precedente), potrebbero non costituirne una fonte significativa. E’ comunque doveroso specificare che nel caso dei legumi, ma anche dei cereali, degli ortaggi e della  frutta [www.my-personaltrainer.it] (secca e fresca), alcune molecole responsabili della riduzione della biodisponibilità possono essere moderate/inibite per: estrazione – diluizione (ammollo, ricambio e cottura in acqua), trattamenti fisicico – chimici, interazioni con altri fattori intrinseci od estrinseci degli alimenti e fermentazione della  flora batterica intestinale [www.my-personaltrainer.it]. In particolare, quest’ultima componente potrebbe incrementare sensibilmente l’assorbimento del calcio NON biodisponibile a livello dell’ intestino [www.my-personaltrainer.it]  colon [www.my-personaltrainer.it] – cieco.
    Le acque ricche di  sali minerali [www.my-personaltrainer.it], ovvero quelle con un residuo fisso molto elevato, si avvalgono di ottime concentrazioni di calcio (400mg/l) e di altri sali; d’altro canto alcune correnti di pensiero sostengono che il calcio contenuto nell’acqua NON sia realmente assorbibile e che quindi NON debba essere conteggiato nell’apporto dietetico complessivo del sale minerale in questione. A dir il vero, gli studi sperimentali hanno dato esiti contrastanti e, al fine di garantire i livelli di assunzione raccomandati, sarebbe auspicabile coprire il  fabbisogno [www.my-personaltrainer.it] di calcio dietetico esclusivamente per mezzo degli alimenti.
    Tratto da http://www.my-personaltrainer.it/alimentazione/calcio.html

  • Eshin

    Per chi crede che magnar carne sia una buona cosa, si guardi questo film

    MEAT THE TRUTH
  • blobbb

    l’uomo ha sempre mangiato carne …

    e non è che tutti i problemi del pianeta derivano dagli allevamenti….
  • Gibilee

    Ognuno si nutre come crede. 

    L’unica cosa che fa specie è quanto contribuiscano i gas di scarico bovini 
    nell’inquinamento atmosferico, ma che soprattutto non si possano imbottigliare.
  • busdriver

    ho sempre pensato che un certo giornalismo sono capaci a farlo tutti,condannare e mettere alla gogna qualcuno sui media è molto facile. Le montagne diventano assassine e non gli alpinisti pirla. Le moto che non stanno in piedi da sole (difatti c’è il cavalletto) diventano pure loro assassine. E mai come in questi periodi è necessario buttare benzina sul fuoco per mettere le persone contro alle persone.

    Per fare si che un altro motivo di odio per il vicino di casa oltre alla bandiera dello schifocalcio sul balcone sia la grigliata domenicale con gli amici.
    Io mangio carne per 6 mesi all’anno,e solo per evitare i bruciori al pipino sospendo d’inverno. E non me ne importa un fico secco se per mangiare la fettina si stermina un metro quadro di foresta amazzonica ma è un mio diritto pensarlo.
    Visto che non è vietato da nessuna legge.
    In teoria (ma proprio solo in teoria) si può fare a meno della carne integrando il giusto e nel momento giusto. Ma non è un problema mio pure quello. Ci sono fior di medici ben più informati,basta contattarli.
    E’ un problema mio invece non farmi fare il lavaggio del cervello da articolisti da strapazzo e giornalisti da assalto. Difatti dall’1 al 30 agosto e nelle vacanze di natale la mia tv è spenta e scollegata da corrente e antenna.
    Giusto per disintossicarsi….ogni tanto fa bene
  • consulfin

    mypersonaltrainer non è il sito di una rivista scientifica.

    Detto questo, giustamente dici che il latte, materno, ha il calcio che serve al bambino … e ad un anno, normalmente, il pargolo dovrebbe ancora allattare di conseguenza non dovrebbe essere carente di calcio, neanche in una famiglia vegana.
  • Mattanza

    Non ci sono dubbi, probabilmente i problemi dell’uomo derivano da un atteggiamento verso "l’altro da se" sbagliato, predatorio (che sia l’ambiente, gli altri aniimali, le altre persone…).

  • Mattanza

    Pefettamente daccordo con te.

  • Mattanza

    Ad un anno non dovrebbe allattare ancora, a 6 mesi si svezzano.

  • Frigo

    Martinez comprende di biologia quanto io di astronomia.
    Di cosa si nutre il cuore a livello cellullare? Di aminoacidi, acidi grassi, minerali, vitamine, come tutte le cellule dell’organismo. In un anno di malnutrizione è possibilissimo che il cuore del piccolo sia andato incontro a una malformazione a causa dell’insufficiente nutrizione cellullare.
    Mangiare vegano e vegetariano significa avere delle nozioni molto approfondite,cosa che non è da tutti. Quei genitori hanno cannato alla grande indipendentemente dal piano alimentare. Non ti riduci dopo un anno in ospedale perché temi che ti dicano qualcosa su quanto stai seguendo (e sicuramente in malomodo).

  • dar56

    "l’uomo ha sempre mangiato carne …"


    Opinabile.

    "…e non è che tutti i problemi del pianeta derivano dagli allevamenti…."

    E anche su questa ci sarebbe da discutere.

    Comunque, ognuno deve fare il proprio percorso. Auguri.

  • blobbb

    fa parte dell’ordine naturale della vita predare, non esiste nessun essere vivente che non preda, specialmente in fatto di nutrizione

  • dar56

    In realtà l’ordine naturale della vita e di tutte le forme di vita è "ottenere il massimo risultato col minor dispendio di energia". E in questo ci sono diversi gradi di evoluzione, anche animale. I carnivori sono in questo senso le forme di vita animale meno evolute perché sono condannati ad un notevole dispendio di energia per procurarsi il cibo. Mentre, dall’altra parte della scala, troviamo gli animali frugivori, allungano un amano verso il ramo e raccolgono il frutto, senza sforzo e senza fatica. Per conformazione fisica e per evoluzione, l’essere umano si pone in questa parte dell’evoluzione. Più tutta una serie di altri fattori che lo dimostrano. 

    E non ultimo, è ormai provato, fuori da qualsiasi dubbio, che una alimentazione carnivora, depreda e distrugge il pianeta. Ed è vostra/nostra responsabilità, decidere e capire che pianeta vogliamo lasciare ai nostri figli.
    E poi non ci trovo nulla di predatorio e naturale andare una volta alla settimana al supermercato a comprare il pezzo di cadavere macellato di nascosto da qualcun’altro in qualche mattatoio fuori città. Chi si sente carnivoro e predatore, dovrebbe avere la coerenza di andare a vivere nudo tra le foreste e cacciarsi gli animali da solo, con i suoi soli artigli e fauci!!
  • Cornelia

    Non è che abbiamo paura.

    E’ che vediamo cosa stanno facendo con la propaganda per farci digerire l’invasione africana e imporre l’omosessualità all’asilo, accusandoci di razzismo e omofobia se osiamo dissentire, e temiamo che finisca uguale col veganesimo.
    Vorrei evitare di essere COSTRETTA da un’opinione pubblica lobotomizzata a mangiare come decide qualcun altro.
  • shikandin

    http://www.salute.gov.it/portale/temi/p2_6.jsp?lingua=italiano&id=1928&area=saluteBambino&menu=alimentazione

    Cito dal link 
    " Se la madre lo desidera, l’allattamento al seno può quindi continuare dal secondo semestre di vita fino al secondo anno e anche oltre, come suggerito dall’Organizzazione Mondiale della Sanità."   righe 6-7
    "Oggi si ritiene che continuare ad allattare al seno il proprio bambino anche dopo che inizia a mangiare cibi solidi e semisolidi, rechi sicuri benefici"
    La fonte che ho riportato, per quanto favorevolissima al consumo di carne,  dice però:
    "Gli errori più comuni nella prima alimentazione sono dovuti infatti all’ eccesso di formaggio, formaggini e carne, che appesantiscono il metabolismo del bambino e possono anche orientare le sue preferenze future verso un’alimentazione meno sana, perché con troppe proteine e con troppo sale"
    Sono un fondamentale fonte di calcio agretti, le verdure a foglia verde, cicoria lattuga cime di rapa, broccoli, sedano, il finocchio, i cavoli, porri. troppe proteine non aiutano nell’assimilazione del calcio dai vegetali, quindi comportarsi di conseguenza, per esempio dando al bimbo la porziione di verdure giornaliera in più mini porzioni 
    eccesso di grassi e fosforo o polifosfati nei latticini sono antagonisti all’assimilazione del calcio
  • shikandin

    ovviamente parlo in generale, non in casi particolari come bimbi effetti da cardiopatie su cui non so nulla. 

    Riguardo ai lobotomizzati è più probabile che lo siano chi guarda la pubblicità televisiva martellante: difficile immaginare faccia diventare vegani, più verosimile che il lobotomizzato dalla tv faccia mangiare al pargolo (diciamo dai 6 anni in su) cose che sicuramente adora: hamburger, patatine fritte, ancora più gustose se cotte in grasso bovino di scarto fritto come avviene in note catene americane, coca cola,  merendine confezionate e nutella. Dopo un anno con questa dieta sprizzarà di salute o sarà obeso, al limite dell’ insufficienza renale e col fegato sano come quello di un’ oca prima di essere trasformato in foie gras e magari con una gotta incipiente?
  • gaia

    Con questa versione sono d’accordo.

  • gaia

    Sì. mi ritengo superiore, specialmente dei cri cri,  se ha qualcosa da ridere a disposizione.

    Tutti coloro che ammazzano animali li confinerei in una isola sperduta del Pacifico, perché il sangue chiama sangue come sostenuto da Pitagora. Se successivamente la storia fornirà altrettanto lustro a sotis come per il primo, sono pronta a cospargermi il capo di cenere.

  • gaia

    Non sofrendo d’ipocrisia o di falsa modestia. come vegana mi ritengo migliore di sotis, non a caso mi stanno sulle ovaie  i cri cri.

  • gaia

    Se ha fondamento quello che sostiene mi piacerebbe predare la sua vita.

  • gaia

    Lei deve essere sulla strada della santità dal momento che si sofferma a rispondere a simili individui.

  • gaia

    Con lei ho un conto aperto, mi ritengo superiore, ha qualcosa da ridire?

  • gaia

    Io no, come palesato in altro commento, il signore in questione non sa di cosa sta parlando.

  • gaia

    Come potrebbe vivere, al di là della carne, se non avesse la rete a disposizione?

  • gaia

    L’unica regola esistente in Terra è che non esistono regole, quindi se la madre produce latte fino all’età di 20 anni del figlio lo può allattare.

    Non voglio darmi arie, ma se si leggono i miei commenti presenti in CdC ho sempre dichiarato di essere dietista, lei che conoscenze custodisce in materia?

    Qui tutti parlano di tutto, come è già stato evidenziato.

  • gaia

    Le propongo una metafora: se siamo imbarcati tutti nella stessa scialuppa ed ognuno rema nella direzione che più le piace, per tenere valida la sua affermazione, in che direzione ci muoviamo?

  • gaia

    Sottoscrivo! Ogni tanto s’incontra qualcuna che ragiona in proprio e non per conto terzi.

  • gaia

    Forse non ha letto il commento più sotto postato dall’utente shikandin che porta in causa il sito governativo, dice le stesse cose che dico io, sarà un caso.

  • gaia

    La ringrazio del suo commento.

  • blobbb

    da un eccesso ad un altro o si è vegani o ci si riempe di cibo spazzatura..

    fortunatamente non è cosi la maggiorparte delle persone mangia in modo sano….
    poi se ogni tanto si sgarra non succede niente
  • blobbb

    quanti luoghi comuni prima di tutto anche quelli che te chiami frugivori (i primati)

    sono in realtà onnivori e mangiano anche carne 

    Lo scimpanzé è un onnivoro. Predilige la frutta al di sopra di altri alimenti, comunque sempre introdotti nella dieta; mangia anche foglie e gemme. Semi, fiori, steli, midollo (vegetale), corteccia e resina fanno il resto della dieta. Lo scimpanzé comune è per lo più vegetariano, ma mangia il miele, gli insetti, gli uccelli e le loro uova, e le piccole e medie taglie dei mammiferi, compresi i primati. Si stima che la carne consista nel 3% del totale della sua alimentazione ed il Colobo rosso è in cima alle sue preferenze tra le prede mammifere. Altre prede sono i cercopiteci nasobianco del Congo, i babbuini giallicefalofi azzurritragelafi striati e facoceriJane Goodall ha comunque documentato in molte occasioni nel Gombe Stream National Park di scimpanzé e colobi ignorantisi l’un l’altro pur se nelle immediate vicinanze.

    Comportamento nella caccia[modifica | modifica wikitesto]

    Quando preda scimmie di piccole dimensioni come il colobo rosso, lo scimpanzé caccia in zone cui la copertura forestale è interrotta o irregolare. Questo gli permette di monopolizzare facilmente le scimmie quando le insegue nella direzione appropriata.

    Gli scimpanzé possono anche cacciare come un team coordinato, in modo che possano accaparrarsi la preda anche in una copertura continua. Durante una caccia arborea ogni scimpanzé, nei gruppi di caccia, ha un ruolo specifico.
    "Drivers" servono a mantenere la preda in fuga in una certa direzione e seguirla senza tentare una cattura. I "Bloccanti" sono di stanza alla base degli alberi e salgono fino a bloccare la preda che ripartirà in una direzione diversa. I "Cacciatori" sanno muoversi rapidamente per tentare una cattura. Infine, gli "attaccanti" si nascondono e si posizionano in aree non ancora raggiunte dalla preda e scattano quando si avvicina la scimmia predata. Sia adulti che cuccioli sono predati; tuttavia i maschi adulti di colobo nero-bianco attaccheranno preventivamente gli scimpanzé in caccia. A Gombe, lo scimpanzé teme in genere i colobi adulti. Preferisce strappare cuccioli dal ventre della madre, senza danneggiare le madri[9]. Gli scimpanzé maschi cacciano più delle femmine. Quando hanno catturato e ucciso, il pasto è distribuito a tutti i membri del gruppo di caccia e agli altri astanti.

    per quanto riguarda l’inquinamento… ti informo che anche l’agricoltura inquina

    per quanto riguarda la coerenza anche lei allora dovrebbe andare a vivere nudo in mezzo alla foresta a racimolare frutti… ma evidentemente non lo fa è piu comodo comprare al supermercato, magari un mango che proviene dall altra parte dell’oceano, alla faccia dell’inquinamento…

  • blobbb

    cosa crede, che l’insata è felice di essere mangiata da lei??

    anche quello è un atto predatorio
    quando comincera a nutrirsi di minerali allora potra dire che non preda niente
  • gaia

    Se le sogna di notte queste risposte se sono indirizzate alla sottoscritta?

    Io mi nutro esclusivamente di prana.

  • blobbb

    nelle follie alimentari ci sono anche questi…

  • poisonedtooth

    Il clamore mediatico-propagandistico circa il tem alimentare sembrà toccare esclusivamente gli amati/odiati vegani, un termine ormai diventato di moda e che proprio per moda sta attirando schiere di modaioli convertitisi al veganesimo ma senza la minima idea di cosa sia una nutrizione corretta.
    Eh si, non basta evitare di mangiare i cibi più tossici che l’industria del cibo è riuscita a fornire al consumatore da supermercato (carne estrogenata, pesce al mercurio, latticini agli ormoni), ma bisogna sopratutto sapere di quale cibo cibarsi per evitare le malattie che più uccidono l’uomo moderno supermercatizzato, e dove procurarselo (di certo non al supermercato).
    Quindi è probabile che una dieta vegana possa diventare malsana quanto quella onnivora se fatta da chi lo fa per moda o per sole finalità etiche.

    Zero clamore mediatico e Zero dibattito pubblico invece per il preoccupante (questo si perchè investe una gran fetta di popolazione…onnivora) aumento dell’obesità.
    Fatevi un giro nei supermercati o nelle spiagge, basta un colpo d’occhio per constatare la gravità del problema. La maggior parte di coloro che si nutrono di prodotti da supermercato sono grassi o obesi con un parte di individui comunque sovrappeso. Guardate il loro carrello della spesa: 50/70% composto da prodotti di origine animale, quindi grasso a volontà per tutti, grandi e piccini (dai 5 in su), evvai con la dieta mediterranea, ma che di mediterraneo ha ben poco mentre quella nostrana attuale sembra più una dieta adatta a chi vive alle isole Svalbard.
    Chiaramente parliamo del popolo, poco incline alla lettura, al cambiamento e che evidentemente non ha molti altri piaceri da soddisfare oltre quello del palato.
    Le classi sociali "superiori" no, loro sono magri e si nutrono di alimenti più di qualità, rinunciano alla cena per andare a teatro.
    Il popolo italiano dei 4 salti in padella, si sta trasformando in popolo americano (il primo popolo obeso della storia umana), ma daltronde viviamo nel Paese del "basta che se magna", e del "quel che non ammazza ingrassa" (mentre è vero che quel ingrassa ammazza), dove i programmi di cucina ci insegnano a cucinare tutto con dentro gli animali (se no non sa di un cazzo), dove gli eroi moderni, dopo i calciatori, sono i cuochi internazionali che più grassi sono e più sembrano cuochi. E dire che viviamo In un Paese di ricchezza vegetale in termini di verdura coltivabile non paragonabile a nessun altro al mondo, ai tropici c’è la frutta in Italia c’è la verdura. Approfittiamone.

  • shikandin

    l’eccesso è quello di chi mangia 78 kg di carne/anno, o peggio 125 come fanno americani e australiani. col mio intervento volevo dire che sono sostanzialmente d’accordo con Martinez.

    nel periodo pasquale i mezzi di disinformazione hanno cominciato a lamentare una moderata diminuzione di carne tradizionalmente sbranata per la festività
  • gilberto6666

    Io invece non ritengo di avere conti in sospeso con nessuno, se non con me stesso. Uno sicuramente è quello di avere un complesso d’inferiorità rispetto al prossimo. Il non mangiare carne non mi pare una cosa speciale da strombazzare in giro, sono scelte personali poco interessanti. Non mangio carne e mi sento libero di non farne un partito di questa cosa.

  • dar56

    Tutti i primati, messi nella condizione di poter scegliere, scelgono SEMPRE la frutta. E’ stato provato fino alla nausea.

    Voler paragonare l’inquinamento dell’agricoltura a quello causato dalla zootecnia, denota o ignoranza (non conoscenza dell’argomento) o malafede….o entrambe le cose.
    Io la frutta e la verdura me la posso anche coltivare (non tutta perché non ho sufficiente terreno, macchinari e tempo….voglio vedere quando un "carnivoro" avrà la coerenza e/o il coraggio di allevarsi, uccidersi e macellarsi il proprio pezzo di cadavere quotidiano!
    Auguri
  • gaia

    Questo si dice parlar chiaro, complimenti!

  • gaia

    Non può rispondermi con gli stessi miei argomenti e poi sarebbe una follia alimentarsi di prana? Chi lo dichiara, lei?

  • gaia

    Dal momento che partecipa a questa comunità non si può chiamar fuori, per farlo dovrebbe vivere in un romito.

    La sua risposta non c’entra con l’articolo, perché un partito e conseguenti accuse l’hanno composto proprio coloro che si sporcano le mani di sangue.

  • gilberto6666

    Sono libero di partecipare secondo le mie modalità ed idee come tutti. Quindi, da vegetaliano, mi chiamo fuori dalle contrapposizioni "partitiche" di onnivori e vegani. Non mangiare carne è un fatto personale e normale. Non richiede attacchi e orpelli autoreferenziali. Non lo faccio da decenni, e questo non mi fa sentire un eroe.

  • dar56

    Molto simpatica l’espressione "cri cri"….e starebbe per….(?):……….. =)

    Ciao
  • gaia

    Per i componenti la galassia del M5*.

  • gaia

    Non ero a conoscenza dell’esistenza dei "partiti" onnivori e vegani.

  • gaia

    Condivido la sua riflessione con un’unica aggiunta: di cosa sarebbe preferibile mangiare ed il perché ne abbiamo scritto a iosa.

  • blobbb

    ma non diciamo bagianate, prima erano fruttariani, poi qunado si sbatte la verità in faccia preferiscono i frutti, cosa che non cambia minimamente la situazione….

    per quanto riguarda l’agricoltura..
    voi credete alle favolette informatevi un po….
  • dar56

    A parte il fatto che personalmente sarei per la permacultura in luogo dell’agricoltura classica, il confronto con i danni causati dalla zootecnia non regge  da nessun punto di vista. Prova a considerare tutto lo spettro del problema anziché prendere in considerazione solo la parte che ti serve per assopire la tua coscienza:

    Buona visione =)