Home / ComeDonChisciotte / THINK TANK LANCIA UN ALLARME SULLO SCONTRO TRA NATO E RUSSIA
15146-thumb.jpg

THINK TANK LANCIA UN ALLARME SULLO SCONTRO TRA NATO E RUSSIA

DI STEPHEN LENDMAN

lewrockwell.com

L’European Leadership Network ELN un Think Tank di Londra [gruppo di esperti impegnato nell’analisi e nella soluzione di problemi politici, economici e militari] rilascia il suo nuovo report intitolato: “Preparandosi al peggio: le esercitazioni militari della NATO e della Russia aumentano le probabilità di una guerra in Europa?”.

Avverte del pericolo delle esercitazioni di guerra che stanno portando ad uno scontro tra le potenze nucleari. “Ogni esercitazione viene vista dagli avversari come una provocazione che innesca una dinamica di sospetti e imprevedibilità” riferisce Ian Kearns dell’ELN.

“Ognuno si concentra sul valore deterrente delle grandi esercitazioni, ma c’è l’altro lato della medaglia che consiste nel fattore rischio. I politici devono mostrare maggior giudizio e moderazione quando è il momento di ridimensionare quella che potrebbe essere una spirale crescente di esercitazioni”.

Washington continua ad aumentare il rischio di un conflitto diretto. Le provocatorie esercitazioni militari vicino ai confini russi fanno rischiare l’impensabile. Così come l’impero di basi americane, in zone che non le appartengono, specialmente quelle che circondano Russia e Cina.

La NATO sottomessa agli USA minaccia la pace mondiale. I pazzi a Washington, determinati a un cambio di regime, aumentano il rischio di una possibile guerra nucleare.

Le affermazioni dell’Alleanza orwelliana, come quella qui sotto fatta il 12 agosto, nascondono quello che sta davvero succedendo:

“Le esercitazioni militari della NATO sono intese a migliorare la sicurezza e la stabilità dell’Europa. Tutte le sue attività sono proporzionate, difensive e pienamente in linea con i nostri impegni internazionali”.

Falso! Le esercitazioni della NATO vicino i confini russi sono provocative – in preparazione di un attacco. Mosca effettua le esercitazioni difensive nei propri territori – senza minacciare nessuno.

Afferma la NATO: l’Alleanza “è stata chiara sull’intenzione di non attaccare la Russia. Per oltre due decenni, abbiamo cercato di costruire una relazione di cooperazione. Ma la Russia ha modificato con la forza i suoi confini, continuando a supportare i separatisti in Ucraina e minacciando di posizionare missili nucleari vicino ai confini dell’Alleanza”.

Falso! Washington detta le politiche della NATO. Ha imposto una serie di sanzioni illegali alla Russia, costringendo le nazioni europee a fare altrettanto, danneggiando le loro economie.

Le azioni ostili degli ufficiali americani mostrano che l’America cerca un conflitto, non cooperazione. La Russia non ha cambiato i suoi confini con la forza. Ha agito per risolvere il conflitto in Ucraina, usando qualsiasi azione difensiva necessaria a contrapporsi all’aggressività americana.

La NATO ha mentito dicendo che “ha incrementato la sua presenza (nell’est Europa) per potenziare la difesa collettiva”. La NATO, sottomessa agli USA fin dall’inizio, è stata un’alleanza per attaccare, non per difendere.

La sua aggressività rappresenta la più grande minaccia alla pace mondiale. La Russia al contrario fa di tutto per preservarla. Mosca non minaccia né attacca altri paesi.

L’America dichiara infinite guerre a nemici inventati che non minacciano nessuno. Dà più importanza alla violenza e all’instabilità. Spende più di tutti gli altri paesi messi insieme per fare guerre e sostenere le politiche militari.

Il report dell’ELS, in modo assurdo, accusa la Russia di istigare pericolose politiche del rischio calcolato che sono risultate in seri incontri ravvicinati tra le sue forze e quelle della NATO … negli ultimi 15 mesi”.

Verità: Le esercitazioni provocatorie della Nato vicino ai confini russi aumentano le politiche del rischio calcolato a livelli pericolosamente alti. Washington ha la piena responsabilità di spingere verso un possibile conflitto. La Russia prepara, in modo responsabile, misure difensive da rendere effettive se necessario .

Da un lato, la sua massima priorità è mantenere la pace mondiale, evitando la guerra. Dall’altro lato, farà tutto il necessario per la difesa nazionale.

L’ELN ha ragione quando dice che “la NATO si sta preparando per un possibile conflitto”, ma ha torto quando insinua che sia Mosca a volerlo.

La Russia vuole la pace e la stabilità nel mondo, cooperazione fra tutti gli stati, e nessuno che interferisca negli affari interni degli altri – mentre la specialità degli USA è quella di violare senza ritegno leggi internazionali.

Le accuse alla Russia sono l’opposto della realtà. Le affermazioni riguardo la sua minaccia militare sono pura fantasia.

L’America, al contrario, è un aggressore mondiale, un prepotente di storiche proporzioni – sempre in guerra in multipli teatri per espandere il suo impero, rischiando una guerra mondiale e un possibile conflitto nucleare in grado di porre fine alla vita sulla terra.

Stephen Lendman

Fonte: www.lewrockwell.com

Link: https://www.lewrockwell.com/2015/08/stephen-lendman/is-nato-going-to-war-on-russia/

13.08.2015

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di KOKO

Pubblicato da Davide

  • GioCo

    Auttualmente le esercitazioni coprono uno schema d’azione funzionale a una geopolitica costruita sulle fondamenta di una specifica architettura economica e sociale: non è possibile toccare una, senza demolire l’altra. Questo non significa che l’opzione (put – scommessa) "guerra globale" sia riscattata, significa solo che è una scommessa, una carta posta sul tavolo da poker dei geoingegneri del dissenso e del caos che giocano armi in pugno sotto il tavolo. Come nel far west, ci sono giochi divertenti anche tra barbari, faccendieri senza scrupoli e criminali.
    E’ l’adrenalina, che pretende ad ogni giro di roulette russa l’aumento della overdose, finché le cervella di qualcuno non esplodono per aria, suicidate consapevolmente dalla speranza di salvare la pelle.
    La guerra è quindi l’ombra in grande, di ciò che abita nel piccolo tutti noi. Come ho già detto, controbattere tutto questo è banale. Per esempio basta una legge intelligente a un pensiero pubblico intellitente che criminalizzi la scomessa basata su quanto mette in pericolo l’ordine pubblico, con l’ergastolo e l’isolamento per detenzione di comportamento socialmente (auto-ed-etero)distruttivo. Piccolo problema, dovremmo mettere alla sbarra l’intero gota del pianeta attuale e non per quanto combinato in passato, ma per ciò che sta facendo adesso.
    Non penso che si possa pretenere per ciò collaborazione, nemmeno con il super-diluito sistema Madela che pure ci ha portato alla condanna (almeno formale) dell’apartheid. Ma nemmeno si può fare come Vinciguerra [www.archivioguerrapolitica.org], che lotta in perfetta solitudine e da una cella di isolamento. Ok, le sue idee non le condivido, ma non è questo il punto.
    Disintossicare il pianeta umano dalla sua frenesia idolatrice del piacere a tutti i costi è un grattacapo che potrebbe mettere in ginocchio un intero pantheon divino. Se non ricordo male Bacco era temuto e rispettato per questo nonostante non sia mai salito al trono olimpico, ne l’abbia preteso anche se ne aveva la possibilità. Sempre se non ricordo male è uno dei pochi dei che non entra mai in contrasto con la volontà degli altri divini. Anche questo dovrebbe farci riflettere, sulla smisurata impotenza della razionalità contro il piacere auto-coatto.
    Credo che se volessimo cristallizzare la nostra attualità nel mito, potremmo dire senza correre il rischio di smentirci che Bacco s’é preso la sua vendetta su Cristo e con gli interessi.
    Vince il primo 1000:1 e senza possibilità di ricorso in appello. Buon inferno a tutti.

  • ilsanto

    Se putacaso la NATO volesse spingere a più miti consigli che sò la Svezia perchè cerca di allargarsi in Norvegia ovvio che una dimostrazione di compattezza muscolare con grande dispiegamento di mezzi potrebbe evitare uno spargimento di sangue dato che la Svezia ha ben presente la disparità di forze in campo e non oserebbe mai sfidare la NATO.

    Ma se la dimostrazione è rivolta alla Russia ha lo stesso effetto ? Non credo proprio, la Russia è enorme ed un attacco tradizionale sarebbe impensabile, credo che la Corea, il Vietnam, l’Iraq dovrebbero bastare come esempi di errori del genere e gli attacchi alla Rusia di Napoleone ed Hitler credo si studino  anche negli USA.
    Per di più la Russia dispone di un congruo numero di testate nucleari per garantire ancora oggi la mutua distruzione assicurata.
    Non bastasse la Russia ha un’alleanza militare con la Cina (SCO) e quindi vorrebbe dire dichiarare guerra ad entrambe il che francamente sarebbe una follia. 
    Non parliamo poi di guerra batteriologica, virus mostruosi, gas nervini e vai a sapere quali altre porcherie. 
    Poi è vero che è passato un po di tempo ma dire che la Russia vuole espandersi fà un pò ridere dopo che ha volontariamente sciolto il COMECON, il PATTO DI VARSAVIA, l’URSS, dopo che ha permesso la riunificazione della Germania, concesso la libertà a Polonia, Estonia, Lettonia, Lituania, Cecoslovacchia, Ungheria, Romania, Albania, Bulgaria e aver lasciato distruggere dalla NATO la Jugoslavia.
    Quindi perchè lo fanno se sanno che non spaventano nessuno e dicono/fanno cavolate. Una ipotesi ragionevole potrebbe essere che non lo fanno per spaventare russi e cinesi ma per tenere insieme l’impero Americano. Se fossi un consulente di quei 200 master of universe finita la guerra fredda mi sarei posto il problema e avrei indubbiamente consigliato la globalizzazione per omologare il mondo intero al libero mercato, arricchire i miei datori di lavoro, schiantare la classe lavoratrice. Mi sarei anche posto il problema di non farli pensare troppo ed evitare che si coalizzassero, in fin dei conti va beh master of universe ma siamo ( mi faccio sempre coinvolgere) 200 e gli altri 7 miliardi, non è come dire e oramai stiamo parlando a laureati non è che il calcio funziona come con i buzzurri e poi sta menata di internet meglio creare una serie di falsi bersagli, meglio dividere, si dice segmentazione del mercato.
    Ma poi la globalizzazione funziona, i lavoratori sono in difficoltà, i sindacati ce li siamo comprati, i politici pure, la disoccupazione cresce e questi cominciano ad agitarsi, che fare ?
    Beh il solito vecchio sistema facciamo che ci bombardano i grattacieli, che stiano ammassando armi di distruzione di massa, che l’islam ci sgozzi i turisti, che stiano centrifugando uranio arricchito per farci una bomba atomica ( non è che bisogna per forza dire che Israele ne ha 400 ), che milioni di neri-islamici-ammazzacristiani-stupratori ci invadano con gommoni e pescherecci che non galleggiano ed infatti ci tocca andare a prenderli a casa se no manco ci arrivano, che la terribile Russia cerchi di farci la guerra nel Donbas russo che sarebbe come i missili a Cuba.
    Insomma la Cina ci sommerge di prodotti velenosi a basso costo e ci rovina, l’islam brucia le chiese e ammazza i cristiani, i neri ci stanno invadendo, la Russia invade il Donbas e allora meglio tenerci l’Euro anzi la NATO anzi facciamoci un TIIP.  
  • Gil_Grissom

    Tranquilli Putin e’ furbo e non si fara’ coinvolgere in un Olocausto nucleare: l’unico modo per scatenare questa guerra da parte dell’Occidente sarebbe un’aggressione diretta alla Russia, una sorta di Operazione Barbarossa del ventunesimo secolo, la qual cosa appare se non impossibile almeno improbabile.

  • giannis

    Bisogna vedere quanto sono folli gli americani

  • Gil_Grissom

    Non abbastanza da scatenare una guerra in cui sarebbero essi stessi distrutti.

  • natascia

    Di follia hanno dato ampia dimostrazione, di stupidità pure. Non serve neppure l’elenco.  Sempre andata fin troppo bene.