Home / ComeDonChisciotte / TERRORISMO IN CANADA: QUELLO CHE NON VI DICONO
13921-thumb.jpg

TERRORISMO IN CANADA: QUELLO CHE NON VI DICONO

FONTE: DIARIO DI UN VOLATILE ETNOLOGO (BLOG)

Caro Diario,
Ecco il rapporto fresco fresco dal Grande Bianco Nord in preda alle turbolenze terroristiche.
Dopo “l’attentato al Parlamento”, il Canada é su tutti i media.

Quelli Italiani, come al solito, si distinguono per l’approssimazione e gli errori plateali nel raccontare i fatti. Tuttavia ció che manca completamente é un’analisi delle motivazioni, delle conseguenze e degli attori coinvolti.
Vediamoli un poco.

COSA E’ SUCCESSO VERAMENTE

Criminalizzazione

Mentre l’isteria mediatica non ha memoria, gli alberi nascono sempre dai semi.
Per comprendere cose sta succedendo da queste parti dobbiamo fare un passo indietro. A Gennaio del 2014 con un colpo di penna 15.000 canadesi vengono trasformati in criminali pericolosi. Sono i possessori di un certo tipo di arma, perfettamente legale fino a quel punto. La polizia federale decide che é possibile trasformare il fucile CZ 858 in un arma automatica (cosa mai accaduta) e lo rende illegale. Pena minima per il suo possesso due anni di reclusione. Era solo l’inizio.

IL RAMBO CANADESE

Il 6 Giugno 2014, in New Brunswick, un ragazzo di 24 anni, complottista, survivalist e anti governo prende il fucile e fa secchi tre poliziotti della RCMP, ferendone altri due (vedi qui i dettagli). La cittá di Moncton viene messa sotto assedio da piú di 2000 poliziotti, in una replica dei fatti di Boston.

IL PIRATA DELLA STRADA DI ALLAH

A metá ottobre in Quebec, Martin Couture-Rouleau, un ragazzo di 25 anni, prende la macchina e travolge due soldati in divisa, ucidendone uno. Successivamente viene inseguito dalla polizia in una fuga rocambolesca che si conclude quando la macchina del presunto attentatore finisce in un fosso. Quando Martin viene fuori dalla macchina la polizia gli spara e lo uccide. L’uomo era disarmato a parte un minuscolo coltello. Couture-Rouleau era conosciuto alle autoritá, era stato detenuto per “sospetto di terrorismo” e il suo passaporto ritirato.

L’ORRENDO ATTACCO ALLA DEMOCRAZIA CANADESE

Veniamo alla notizia che ha fatto scalpore. Il 22 ottobre 2014, Michael Joseph a.k.a. Paul Zehaf Bibeau, 32 anni, arriva con la macchina vicino al monumento ai caduti di guerra nella Capitale Ottawa, la lascia in mezzo alla strada, prende la sua doppietta e spara al soldato di origine Italiana Nathan Cirillo. Dodicché si dirige verso l’edificio del parlamento sorvegliato da decine di poliziotti, membri del servizio segreto e cosí via.

Appena fa la sua apparizione nei corridoi del parlamento viene massacrato da decine di colpi di pistola semi automatica (vedi video sopra). l’Eroico Sergente Kevin Vickers prende il credito ufficiale per avere fatto giustizia sommaria: viene proclamato un eroe, addirittura ricevuto dal parlamento (video). Anche Zehaf Bibeau, come il precedente era su una lista speciale di persone sotto controllo della polizia federale.

GLI ATTORI E LE LORO MOTIVAZIONI…MANCANTI

I “profili criminali” che abbiamo a disposizione sono totalmente superficiali.
Il Rambo Canadese’ sarebbe uno scolarizzato in casa, un teorico della cospirazione, con un ‘odio profondo per i poliziotti’. Tanto basta. Il pirata della strada era un Canadese convertito all’Islam di recente cosí come l’attentatore di Ottawa. Di piú non ci serve. Dei tre, il “Rambo” Borque é l’unico ad essere sopravvissuto. Il che non era probabilmente nei piani. Al processo é apparso “totalmente privo di emozioni”, si é proclamato colpevole e si é beccato tre ergastoli consecutivi, una pratica che fino a qualche mese prima era giudicata illegale in Canada.
I presunti terroristi non hanno lasciato nessun tipo di spiegazione per i loro atti. Cosa strana, visto che per un terrorista di qualunque tipo, i suoi atti sono perfettamente logici e vengono spiegati in dettaglio. Si tratta dell’atto piú importante della loro vita, quasi sempre di quello finale. Per i media in piena isteria patriottica, non c’e’ alcun bisogno di capire: “loro” sono pazzi, terroristi e nemici dell’umanitá. Nessuno di loro ha connessioni chiare con qualunque gruppo o cellula terroristica. Ma ognuno di loro ha avuto contatti con le forze dell’ordine.
Coloro che usano il cervello, organo che ultimamente sembra divenuto simile all’appendice, si rendono conto che i tre hanno agito in preda a qualche “impulso”. Un impulso fortissimo a uccidere, incuranti delle conseguenze. In particolare i casi dei (presunti) terroristi mussulmani puzzano di bruciato lontano un miglio. Le loro azioni non appaiono particolarmente programmate, meno che mai brillantemente eseguite. Chi arriva a volere sacrificare la sua vita per uccidere puó usare mezzi piú pericolosi che una macchina o una doppietta. A meno che l’impulso non provenga da un segnale che riprogrammi l’intera struttura della personalitá:

Questo tipo di esperienza, include la suggestione post ipnotica e stimoli visivi in seguito ai quali la coscienza umana diviene passivamente ricettiva rispetto all’evento o all’entità. La chiamiamo ICE 1. Un evento capace di influenzare la coscienza modificandola in maniera temporanea o permanente.

Gli eventi ICE non riguardano solo i contatti con le EME. I governi si sono interessati da sempre all’opportunitá di avere lo schiavo perfetto. Metodologie per ottenere questi risultati sono stati sperimentate dal famigerato progetto Mk-ultra1 della CIA, volto alla programmazione degli esseri umani per creare killers pronti a uccidere a comando. Coloro che pensassero che progetti come Mk-ultra appartengano a alla logica della guerra fredda si sbagliano. Documenti nel dominio pubblico mostrano come il progetto fosse ancora attivo nel 2006.

1Vedi http://en.wikipedia.org/wiki/Project_MKULTRA

Un amico dell’attentatore di Ottawa ricorda che il soggetto si sentiva “perseguitato dal Diavolo”. Un tipico sintomo degli effetti di programmazione mentale.

CONSEGUENZE

Selection

reazioni del pubblico spaventato: combattere il terrorismo interno

Quali sono le conseguenze di questi tre casi?
A distanza di 13 anni, e nel giro di un paio di mesi la guerra al terrore é stata resuscitata. Il nuovo nemico ISIS ha colpito il Canada, il paese innocente.
Peggio.
Il nemico é formato da “Canadesi, gente che pensavamo non potesse far male a una mosca e invece… ” .Sembra la XIII parte di un film di Hollywood a cui hanno ristretto il budget. Eppure il pubblico continua a bersela. “Potrebbe essere chiunque, anche quel mio vicino strano” dice una casalinga sconvolta al Globe and Mail. Continui allarmi al terrorista vengono lanciati, persone arrestate al minimo sospetto. La processione delle facce sconvolte viene mostrata in TV in maniera ossessiva, le grida al Leviatano si levano alte : dateci piú protezione!
Cosí sia.
Chiunque si ponga interrogativi viene minacciato: siamo in guerra, dubitare significa collusione con il nemico.
Nell’ultimo anno é diventato comune vedere intere cittá Canadesi sotto assedio di forze dell’ordine parate come militari. Sembra un film? Consiglio di rivedere the Siege.
A parte le teorie cospirative ci si chiede se i mezzi proposti per la lotta al nemico siano necessari. No, se si esaminasse con razionalitá il “pericolo”.
L’Italia, negli anni 70, riuscí a sconfiggere le Brigate Rosse e altri gruppi terroristici con profonde radici sul territorio senza mai ricorrere a mezzi del genere.
Il quadro cambia nel contesto piú ampio di un imminente collasso sociale e della necessità delle autorità di stabilire un regime fascista per il controllo della popolazione.
Chi pensa che queste cose riguardino solo il Nord America avrá una sorpresa nel secondo tempo del film.
Prossima tappa: attacco dell’ISIS al Vaticano.
23.10.2014

Pubblicato da Davide

  • albsorio

    Chissà le la "riprogrammazione mentale" può essere applicata alla massa a attraverso messaggi subliminali veicolati attraverso la TV, si spiegherebbero molte cose…

  • makkia

    Film già visto, peraltro: dopo l’11 settembre. Madrid, Londra, qui le leggi "speciali" sugli internet point e la raccomandazione a non andare in metro o da McDonald, le occhiate impaurite ai musulmani in abiti tradizionali nei luoghi pubblici…

    Però esportare la follia nordamericana in Europa non è stato così semplice: alla guerra ci siamo andati malvolentieri e in ordine sparso, le leggi sulla sicurezza (quand’anche passano) fanno fatica a essere prese sul serio.

  • geopardy

    L’analisi di un evento può portare ad una valutazione differente da quella embedded.

    Un’analisi potrebbe essere approfondita in maniera tale che si potrebbe giungere ad analizzare più approfonditamente le responsabilità sistemiche, quindi, di conseguenza…
  • Cataldo

    Non c’è bisogno di andare adare a caccia  di cose "altre", la "riprogrammazione" è pervasiva di già, al crescere dei canali aumenta l’arma della saturazione, ad esempio, ma è uno tra i tanti possibili,  il sovraconsumo di cronaca nera tecniche che chiamo di "assorbimento".

  • GioCo

    Bel articolo ma come sempre mancate di troppe parti, non creo per volontà dell’articolista ma per un abitudine a ragionare in modo lineare.
    La prima mancanza riguarda "i nostri ragazzi". Paesi di matrice anglosassone sono tipicamente militarizzati ma con l’implicito consenso della popolazione. E’ un alchimia a cui vengono addomesticati gli autoctoni, tramite apposita disciplina dell’onore e del rispetto alternata a quella del pericolo esterno onnipresente, tipica delle popolazioni che nascono e rimangono avvolte attorno al totem della guerra e che non riescono a coltivare il sospetto. Come i pitti, giusti discendenti dei bretoni (celti) e da sempre opposti ai sassoni di ceppo germanico. Non che i sassoni fossero meno guerrafondai, ma per lo meno avevano avuto modo di assorbire un po’ meglio il concetto di "civitas" greco-romano e infatti erano meglio organizzati.
    Insomma, popoli che fondano le loro radici nella guerra settaria e nell’idea di guerra come lente unica per la gestione di tutto l’essere umano, dalla culla alla tomba.
    Questi popoli erano (non a caso) sprezzantemente bollati come "barbari" dai greci e poi dai romani che li vedevano come incapaci di vivere civilmente (cioè con un idea di guerra non essenziale per la vita, ma essenziale per salvaguardare il bello, il creativo, il giusto, dal pensiero barbaro). Idea da cui i Greci si erano appena tolti per un processo storico che li aveva favoriti e che avevano dimostrato senz’ombra di dubbio superare i barbari anche sul loro stesso terreno, quello militare.

    Oggi (non a caso) si eleva Sparta e non Atene come centro della cultura ellenica (con una manipolazione evidente) perchè ovviamente un bretone si identifica meglio in uno Spartano, dimenticando (tra l’altro) che il rapporto milizia Vs civili era quello di una repressione feroce e sanguinaria che condannò quel popolo (come tutti quelli repressi dalle dittature) a rimanere inchiodato dalla storia ad auto-elezione rituale sterile e priva di qualsiasi senso umano.

    Per fortuna i paesi latini da sempre invece coltivano la critica verso qualsiasi cosa, anche per puro svago (tipo la "critica al semaforo rosso"). In Italia abbiamo anche avuto il G8 e il fascismo, cioè un campanello che ci ha ricordato che la cenere di un certo estremismo era tutt’altro che fredda e un evento storico che ha concesso di sperimentare un modello di dittatura morbida che poi sarebbe stata base e fondamento per tutte le demonio-crazie occidentali successive.

    Quindi, per riassumere, il passato ci condiziona a non ricordare come i reparti militari moderni sono sempre e solo schierati contro i civili e di conseguenza (come per il golfo di tonkino) è necessario che i civili appaiano nemici. Ma tutti però, no uno. I civili pensano individualmente che "si possano distinguere civili buoni da quelli cattivi". Il che in via generale e con un giusto processo sarebbe forse auspicabile, ma in via sommaria e poliziesca è ovviamente impraticabile.
    Quindi TUTTI i cittadini sono terroristi dal momento che UN CITTADINO è preventivamente condannato tale. Quindi è lecito sbarazzarsi di dieci, cento, mille individui per effetto collaterale per centrarne uno che qualcuno PRESUME sia colpevole.
    Penso che Darwin avesse comunque ragione: se i macachi non ci arrivano a capire che stanno per essere sterminati dai Leoni, è giusto che siano sterminati dai Leoni.

  • Zret

    22

  • Zret

    Canditati manciuriani per un’opinione pubblica… candita. 

  • mago

    Sarebbe bello sapere che fine hanno fatto i Vz 58,tecnicamente tutte le armi sono modificabili in automatico e quelle di una certa data lo erano facilmente,di cui venne poi la relativa omologazione previa modifica per poi essere vendute sul mercato civile dato che sono nate tutte per uso militare.Resta il fatto che anche alcune  forze di polizia non usano le armi automatiche ma quelle semi in quanto si adattano meglio agli scenari di impiego urbano.